skip to main | skip to sidebar
4 commenti

@Astrosamantha, nuovo record italiano di permanenza spaziale

Chicca: da oggi Samantha Cristoforetti è l'astronauta italiano (uomo o donna) che ha trascorso più tempo complessivo nello spazio. Oggi è infatti il suo centosettantaseiesimo giorno in orbita a bordo della Stazione Spaziale Internazionale, per cui supera il tempo trascorso nello spazio da Paolo Nespoli, che aveva totalizzato 175 giorni in due missioni. Vai così, Sam!
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (4)
Quaggiu' noi ci preoccupiamo dell'ossigeno, del cibo, della perdita di quota della stazione.
Lassu', lei e' preoccupata perche' sta finendo la biancheria pulita! Quando si dice "the right stuff"...
Comunque, missione n°42, Progress ko, ripresa quota della Iss......NIENTE PANICO!
Hanno confermato il rientro per l'11 giugno per Samantha Cristoforetti, cosa che, come già è stato ricordato, farebbe battere alla nostra astronauta il record di permanenza consecutiva nello spazio per le donne.
Ottimo!
Però c'è un enorme gap tra il record maschile e quello femminile. Eppure immagino che sia molto importante studiare anche il comportamento del corpo femminile dopo una permanenza molto lunga nello spazio. Ciò in un prossimo futuro è già previsto? Oppure le differenze biologiche tra l'uomo e la donna non sono così sostanziali da rendere necessario un tale studio a breve? O ci sono altri motivi?
Jotar,

ne parlavo con gli addetti alla NASA pochi giorni fa: mi hanno detto che c'è già in programma una missione di un anno di una donna e che anzi due donne sono in competizione tra loro per aggiudicarsela (mi hanno chiesto di non specificare quali).