skip to main | skip to sidebar
50 commenti

Google Instant e Googlebombing a Sarkozy

Google Instant: davvero siamo al punto di voler risparmiare cinque secondi?


Google ha iniziato ad attivare progressivamente agli utenti il servizio Google Instant: non appena si comincia a digitare le prime lettere del termine che si sta cercando, Google tenta di completarlo e propone immediatamente i risultati corrispondenti. Il servizio funziona, per ora, solo se ci si registra come utenti di Google e soltanto andando alla pagina iniziale del motore di ricerca da un computer. I telefonini sono esclusi.

Questo, a quanto dice Google, consente agli utenti di risparmiare "da 2 a 5 secondi per ogni ricerca". Io uso Google per lavoro a ritmi ossessivi, ma anche così francamente l'idea di risparmiare ben cinque secondi non mi sembra granché rivoluzionaria. Siamo davvero messi così male che andiamo a caccia dei cinque secondi perduti? Oltretutto in alcuni casi Google Instant è più lento del Google standard: ho notato che quando si incolla nella casella di ricerca una parola piuttosto lunga (un nome di una sostanza chimica, per esempio), esita più di prima a dare la risposta.

L'altro limite di Google Instant è che il flusso di dati necessario è molto maggiore di quello di una ricerca tradizionale. Questo comporta che usarlo da una connessione lenta o nella quale si paga ogni bit trasmesso o ricevuto (come per esempio certe connessioni cellulari) non offre benefici di velocità e rischia di costare molto caro. È un peccato, perché il completamento automatico delle parole da cercare è una funzione particolarmente desiderabile su questi dispositivi dalla tastiera minuscola e scomoda. Il servizio è comunque disattivabile dalla pagina delle preferenze personali di Google e dalla pagina dei risultati di ricerca (l'opzione è a destra della casella di ricerca).

Google Instant è invece interessante da altri punti di vista. I suggerimenti di completamento attingono alle ricerche precedenti (di altri utenti oltre che dell'utente che effettua la ricerca) e quindi danno un'indicazione molto utile su come affinare la ricerca, oltre a offrire un'idea di quali sono le ricerche più gettonate relative a una persona o un oggetto.

Per esempio, se cerco informazioni sul presidente francese Nicolas Sarkozy mi basta digitare sark per trovare Sarkozy fra le proposte di Google Instant. Se completo il cognome scopro anche quali sono i temi più cercati in abbinamento a Sarkozy: height, scandal, roma, wife (roma non è riferito alla capitale d'Italia). I risultati sono personalizzati per lingua. Lo potete sperimentare digitando una sola lettera dell'alfabeto: otterrete un curioso abbecedario, come l'ha definito Stefano Petroni su Siamogeek.

A proposito di Sarkozy, il presidente francese è stato oggetto di un Googlebombing: cercando un termine scurrile francese di tre parole che comincia con trou (no, non ci provate: Google Instant non completa le parolacce) compariva come primo risultato la sua pagina su Facebook. Vale la pena di ricordare che non si tratta di un "hackeraggio" ai danni di Google, come hanno paventato in passato alcuni governanti quando la stessa cosa accadde nel 2006 a Silvio Berlusconi (associato a "miserabile fallimento") e ad altri personaggi principalmente della politica, come George W. Bush, Tony Blair, Lula Da Silva, Christoph Blocher e tanti altri.

Il Googlebombing non fa altro che sfruttare il normale funzionamento di Google. Se tante persone creano tanti link che associano una parola o una frase a una specifica pagina Web, quella pagina Web diventa il primo risultato proposto da Google quando chiunque digita in Google quella parola o frase. Tutto qui. Lo stesso gioco si può fare con altri motori di ricerca, per cui sarebbe più corretto parlare di linkbombing, ma ormai il termine Googlebombing è entrato nell'uso comune.

Una chicca di storia dell'informatica: il Googlebombing non è sempre stato a sfondo politico. Alla fine del 1999, cercare la frase "More evil than Satan himself" ("più malvagio di Satana stesso") in Google otteneva come primo risultato il sito di Microsoft. A ottobre 2000, un sito pornografico riuscì a farsi piazzare da Google in cima ai risultati di chiunque digitasse il nome di oltre 2000 celebrità seguito dalla parola inglese nude. La polemica scoppiò principalmente perché gli utenti cercavano immagini di Phoebe Cates e Liv Tyler. Dieci anni dopo, mi sa che molti staranno dicendo "Phoebe chi?". Altri staranno ricordando un celeberrimo bikini rosso.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (50)
Dieci anni dopo, mi sa che molti staranno dicendo "Phoebe chi?"

Io no di certo.

Qualcosa però non mi torna: questo fatto che Google cerca di completare quello che scrivo (che mi dà abbastanza fastidio) a me succede da qualche mese, ben prima dell'estate. O è un'altra cosa?
Dall'immagine a corredo dell'articolo sembra la stessa.
Appena letta la notizia oggi ho fatto una prova: per prima cosa ho pensato "Ma se un bambino comincia a cercare la parola 'fig-urine?'". Fortunatamente il fatto che Google non mostri risultati di parolacce sembra funzionare, anche un vecchietto che cercasse "Figaro" per cercare l'opera rischierebbe l'infarto altrimenti! ^__^
Vedremo col tempo se sarà uno strumento utile, io per ora trovo ancora più veloce eseguire le ricerche iniziali dalla casella incorporata nel browser.
Provate su google.ch in italiano a mettere la parola "perchè"... se i risultati sono in base a quello che cercano gli utenti inizierei a preoccuparmi :-D
Tra l'altro questa cosa mi sembra che esiste da un bel po' di mesi...
Martinobri,

è un'altra cosa. Nell'immagine ci sono appunto i suggerimenti di Google, attivi da tempo. Google Instant fornisce invece i risultati di ricerca MENTRE stai digitando le parole chiave, prima ancora di premere "invio". E' in sostanza una ricerca in tempo reale.

P.es. digitando "Roberto Baggio", arrivato a "Robert" mi compaiono risultati dedicati a Robert Pattinson (attore di Twilight) e quando arrivo a "Roberto" iniziano ad uscire risultati su Baggio.
Ancora meglio: provate a scrivere "alle donne" e poi mi dite...

Per le signore: Anche scrivendo "agli uomini" viene benino ;-)
ricerche simpatiche?
provate a digitare ll
La novita' non e' l'autocomposer, ma il fatto che il nuovo google instant dovrebbe fornire I RISULTATI DELLA RICERCA mentre ancora non si e' terminato di digitare. Se non vedete i risultati della ricerca cambiare mano a mano che aggiungete lettere, vuol dire che instant non e' abilitato.

Per le parolacce, si puo' disabilitare o abilitare nelle preference.
E' qui la setta di quelli che adorano Attivissimo e chi osa dirla fuori dal coro viene gentilmente pregato di allontanarsi?
Utilissima questa funzione: la ho provata stamattina e alla seconda ricerca la avevo già disattivata.
E' qui la setta di quelli che adorano Attivissimo e chi osa dirla fuori dal coro viene gentilmente pregato di allontanarsi?

Salve! Qui è il tuo Moderatore Compagnone. Il Sarcasmometro(R) ha rilevato un possibile tentativo di sarcasmo nel tuo commento. Complimenti! Ora che hai esibito tutto il tuo talento, puoi tornare da dove sei venuto! Grazie della visita!

Cordiali saluti dal tuo Moderatore Compagnone.
Anche a me usciva il completamento delle parole prima che premessi invio, da parecchio tempo...
Caro Paolo, hai ragione, anche io ho pensato al maggiore flusso di dati appena ho letto la notizia, il tutto per un paio di secondi più.
a volte a me non funziona questo servizio
E' qui la setta di quelli che adorano Attivissimo e chi osa dirla fuori dal coro viene gentilmente pregato di allontanarsi?

Beh dai, sempre meglio di lidi dove chi osa dirla fuori dal coro non viene pubblicato a prescindere :D

(ah per inciso, qui adoratori non ce ne sono. Ho visto diverse volte utenti dissentire da Paolo. Cosa che non ho mai visto da altre parti ;))
Anche a me usciva il completamento delle parole prima che premessi invio, da parecchio tempo...

Infatti è una funzione che esiste da un bel pezzo e si chiama Google Suggest. Una volta (nel 2006?) era nella sezione "Labs", ovvero progetti sperimentali, poi (non so quando) è stata inserita d'ufficio nel motore di ricerca. Anch'io quando la scoprii feci subito la prova dell'alfabeto!
Paolo: secondo me c'è un motivo che viene ancora prima di tutto il resto (suggerimenti strampalati, flusso di dati moltiplicato) per dire no a questa nuova feature di Google. Il motivo è legato all'usabilità. Nel momento in cui tu stai cercando un termine che conosci, se l'autocompletamento può avere un senso il fatto che sotto ti continui a cambiare la pagina è un elemento di distrazione e di confusione che va contro quelli che sono i basilari principi dell'usabilità (che si rifanno anche ai meccanismi più profondi del cervello, tra cui - quello che ci interessa in questo caso - la caratteristica dell'occhio, e quindi dell'attenzione, di essere attratto dal movimento). Non a caso penso che chi l'ha disabilitato l'ha fatto proprio perché era un elemento di disturbo piuttosto che di aiuto, senza magari formalizzare il motivo per cui arrecava fastidio.

Tra l'altro mi sembra molto semplice trovare il punto di equilibrio: i suggerimenti si possono lasciare anche abilitati; poi se premi invio hai i risultati subito senza dover ricaricare la pagina; in più il focus si mantiene sul campo della query di ricerca. Se vuoi vedere i risultati man mano semplicemente premi invio mentre stai digitando. Alla fine fai l'instant search solo quando serve, dichiarandolo esplicitamente con l'invio. Verosimilmente se cerchi "stella polare" potresti premere invio dopo aver digitato "stella" e se non ci sono i risultati sperati di nuovo dopo aver aggiunto "polare" (che tanto i risultati intermedi "s", "st", "ste", "stel", "stell" interessano a nessuno) - in verità la ricerca istantanea in questo caso e comunque in genere è superata dall'autocompletamento.

Altra alternativa ancora: la ricerca automatica parte dopo una pausa nel digitare di 0,5 secondi, se proprio vuoi ridurre il numero di tasti battuti per arrivare alla ricerca.

Insomma: di soluzioni non invasive ce ne sono. E non deve arrivare il sottoscritto a suggerirle a Google: le conoscerà già. L'instant search a mio avviso ha le caratteristiche della prova di forza più che della feature utile all'utente finale.
Oh mamma, quella di trou mi ha fatto venire in mente che la nostra prof di francese ci ha insegnato tanti termini utili solamente durante l'ultimo anno di liceo, e l'espressione suddetta era tra questi.

Phoebe Cates non fa più l'attrice da qualche anno, è felicemente sposata con Kevin Kline e mamma di tre bimbi.
Io la vedo diversa. Chiamatelo effetto novità oppure voglia di uscire fuori dal coro, di sicuro non uso Google a ritmi di lavoro ossessivi come Paolo ma ieri mi è capitato di effettuare un piccolo numero di ricerche - una trentina - su un argomento molto specifico e l'instant mi ha aiutato molto, perché mi consentva di fermarmi quando ottenevo pochissimi risultati (fuorvianti) o nessun risultato e mi aiutava nel completare la frase in modo da massimizzare l'efficacia delle mie ricerche.
Probabilmente è stato un caso oppure una coincidenza, ma io lo lascerò attivo. D'altronde, se una funzione può essere utile a qualcuno, perché non renderla disponibile per tutti? Chi ne è scocciato può disattivarla e pensare che sia inutile. Io spero di non ricredermi.
E comunque... anch'io opto per la prova di forza!
@MarcOrigin (FALSO INGEGNERE)
A quando i, calcoli sulla comprimibilità dei liquidi?
LO sai che OGNI mese la luna si vede anche di giorno?
Sei riuscito a bruciare la sabbia?
Vedi SOMARO, è meglio che tu non ti faccia vedere, fino a quando non avrai risposto a queste domande.
La tua figura di IGNORANTE l'hai fatta talmente tante volte che ormai fai solo pena
Io questa nuova funzionalità di Google l'ho trovata comodissima. Con una connessione veloce dà l'impressione di collaborare con te nella ricerca.

Quando vedo queste modifiche però mi vien da pensare agli utenti meno pratici che si trovano modifiche radicali agli strumenti che usavano sino a qualche giorno prima. (Ad esempio mia madre e mio padre chissà come affronteranno questa modifica? Se ne accorgeranno? la troveranno comoda?)
(A causa di queste piccole continue modifiche ad esempio non riescono ad usare gmail ed ho configurato loro Thunderbird :) )
Per chi ha una connessione lenta Google instant si disattiva da solo
Phoebe Cates è felicemente sposata con Kevin Kline

felicemente per lui
Paolo, 5 secondi sembrano pochi per una sola ricerca ma fai il calcolo globale.

Ci provo:
- Dato: 400*10^6 query/giorno (dati del 2006. wikipedia)
- Valore correttivo: una persona può trovare il risultato pertinente al suo obiettivo al primo tentativo, ma può metterci anche più ricerche. facciamo i cattivi: 100 query/obiettivo (un dato vero non lo trovo, neanche su google :P )
- Dato: 3.5 s/obiettivo risparmiati (media tra 2 e 5)

risparmio = -5 s/obiettivo * 4*10^8 query/giorno / (10^2 query/obiettivo) = -2*10^7 s/giorno

ovvero circa 231 giorni di ricerca risparmiati in un solo giorno, a livello mondiale. E sono pure andato cauto sui dati.
Della serie: "un piccolo passo per l'uomo, un grande passo per l'umanità"

Inoltre è possibile che tutto questo tempo risparmiato compensi l'impatto ambientale dovuto all'aumento del carico sui server (google aumenta il fabbisogno per ricerca, l'utente lo dovrebbe diminuire), ma questo non è così facile da valutare.
Io trovo questa funzionalità estremamente utile. Premesso che navigo esclusivamente su laptop e con connessioni veloci, non ho visto nessun notevole svantaggio. Se è sicuramente vero che le ricerche singole richiedono un infinitesimo in più di tempo, da come uso io google ne ho risparmiato tantissimo: facendo ricerche vaghe e a tentativi, ho potuto risparmiare a anche due o tre ricerche che mi sarebbero servite a portarmi a quello che stavo cercando. Segnalo anche che, anche se in forma embrionale, questo sistema cerca di correggere in itinere un eventuale errore di battitura.
Per i puristi scientifici: nel mio calcolo precedente c'è ovviamente un meno di troppo (oppure non dovevo chiamare il risultato "risparmio") :P
Chiariamo una cosa: il completamento automatico delle ricerche (abbecedario compreso) c'è già da parecchi mesi se non addirittura anni, tant'è che il 12 aprile di quest'anno ho definito l'ICG = Indice di Celebrità Googliana come il numero minimo di caratteri del cognome da digitare dopo il nome per apparire come primo suggerimento.

Per esempio Paolo Attivissimo ha ICG = 1 perché basta digitare "paolo a" (e scopro con orrore che colui che ha ICG = 0 è Paolo Fox).

La vera novità di Google Instant è che fa già la ricerca senza aspettare che l'utente prema Enter.
@Van Fanel:
Infatti è una funzione che esiste da un bel pezzo e si chiama Google Suggest. Una volta (nel 2006?) era nella sezione "Labs", ovvero progetti sperimentali, poi (non so quando) è stata inserita d'ufficio nel motore di ricerca. Anch'io quando la scoprii feci subito la prova dell'alfabeto!

Scusa, non avevo visto il tuo commento.
Ora ricordo anch'io di averla usata quando era nella sezione "Labs". Siamo proprio dei geek irrecuperabili ;-)

@La Gekka:
ricerche simpatiche?
provate a digitare ll


Allora meglio taum :-P

@Niebla:
Quando vedo queste modifiche però mi vien da pensare agli utenti meno pratici che si trovano modifiche radicali agli strumenti che usavano sino a qualche giorno prima. (Ad esempio mia madre e mio padre chissà come affronteranno questa modifica? Se ne accorgeranno? la troveranno comoda?)

Inorridisco pensando la stessa cosa. Appena mi troverò nella stessa stanza con mio padre e il suo computer, mi chiederà: "Mi aggiusti Google che quando faccio una ricerca fa un macello..."
Io lo uso e sinceramente per ora non mi dispiace...Non ho problemi di connessione lenta o a consumo quindi non è che mi preoccupi molto, magari se fossi collegato con umts o roba del genere allora un pensierino a disabilitare il tutto lo farei.
Per quanto mi riguarda quando qualcosa di nuovo viene implementato da la possibilità di disabilitarlo in toto o in altri casi di fare un rollback...non mi crea noie :-)
Non so se mi piace la nuova funzione. Tra l'altro (almeno in IE 8) quando appaiono i primi risultati della ricerca il browser si "impunta" momentaneamente.

Peraltro non sono convinto del risparmio di tempo: personalmente se digito nel campo di ricerca guardo cosa sto scrivendo e non quello che c'è sotto. Oltretutto io uso soprattutto la Google Toolbar per le ricerche, quindi la funzione manco la vedo.
Wow citato nel blog di Paolo! Sono onoratissimo!

Io sinceramente sono anni che non uso l'home page di Google, utilizzando la Google Toolbar faccio le mie ricerche direttamente nella casellina della toolbar.

@Turz: l'Indice di Celebrità Googliana mi piace davvero, complimenti per la trovata. Io ho un ICG=5... m'accontento :-P
ah è marcorigin quello dei liquidi comprimibili, mi ero confuso con marco white.
Come va calcolato l'ICG (Ind.Cel.Goog.) quando non è neppure necessario finire il nome?

Io per esempio ho un nome assai poco diffuso (aldopaolo); di conseguenza, nella versione italiana sul mio computer, il mio ICG sembra essere di -2; in inglese ovviamente il valore è +infinito (non vengo trovato dall'autocompletamento)

Inoltre l'ICG andrebbe parametrizzato in base alla lingua in uso nella ricerca: ICG(it), ICG(en), ecc.
Non sono provocatorio o ironico: cosa intendi per telefonini?
Io ho uno smartphone e la funzione l'ho scoperta automaticamente proprio col telefono, mio malgrado, perché siccome non me lo ricordo mai che c'è, tutte le volte che faccio una ricerca ci mette tanto, fino a che poi non clicco ogni volta per disattivarla.
Uso creativo di Google Instant:
http://www.youtube.com/watch?v=YgFh6IAQoDA&feature=player_embedded

Ciao
VB
Uso creativo di Google Instant:
http://www.youtube.com/watch?v=YgFh6IAQoDA&feature=player_embedded


Grandioso! Bellissimo!

Con un erroruccio, però: ha scritto "americum" anzichè "americium"
Mmmm... quei 5 secondi che recuperano forse sono quelli persi aspettando che si visualizzino le altre opzioni (immagini, video, etc.) muovendo il mouse...
Ma... si può sapere perché Google continua ad introdurre delle features che NON sono richieste, e le ricerche stanno sempre più peggiorando...
Comunque, visto che l'autocompletamento mi dà abbastanza fastidio per il fatto che mi impedisce la ricerca tra le ricerche salvate nel browser, se volete disabilitarlo, usate questo link per le ricerche
http://www.google.it/webhp?complete=0
Per Mr Wolf

Ma... si può sapere perché Google continua ad introdurre delle features che NON sono richieste, e le ricerche stanno sempre più peggiorando...

Conosci un'azienda che mantenga inalterato il proprio programma di punta, limitandosi a correzioni di errori di programmazione e miglioramenti alla grafica? Io ricordo ancora con nostalgia il Word di Microsoft per MS-DOS: confrontato con la versione Windows attuale, la 2010, aveva diecimila funzioni in meno: ma il suo lavoro lo faceva benone. Diecimila funzioni in più che nemmeno il più preparato programmatore Microsoft conosce per intero.
Son d'accordo che spesso "il meglio è nemico del bene", come dice il proverbio; il marketing ha leggi sue proprie, non necessariamente a vantaggio del consumatore.
Per quanto mi riguarda, non è un meglio: è un tentativo di imporre funzioni, caratteristiche, etc., invece di soddisfare quelle che sono le reali esigenze dell'utente
Google è nato come motore di ricerca, e adesso continua a sfornare nuovi prodotti più o meno utili, molti innovativi, altri abbastanza boh... forse "troppo" innovativi, vedi Google Wave...!
Però, appunto, il suo primo dovere lo sta svolgendo sempre peggio
Ah, se a qualcuno interessa, per eliminare il fastidiosissimo effetto a dissolvenza della home page di Google, si può usare questo script per Greasemonkey:
http://userscripts.org/scripts/show/63436
Però, appunto, il suo primo dovere lo sta svolgendo sempre peggio

Chi vive in Italia noterà qualche analogia con l'azienda che dovrebbe recapitare pacchi e lettere
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Per Domenico_T

Pasticcione! Ha sbagliato articolo.
Ha = Hai
Vero, me n'ero già accorto. Ho rimediato ;)
@martinobri
Qualcosa però non mi torna: questo fatto che Google cerca di completare quello che scrivo (che mi dà abbastanza fastidio) a me succede da qualche mese, ben prima dell'estate

Da almeno un annetto direi! Almeno dal 9 settembre. Ricordate il Thread Epico? Allora ricordatevi di una certa cosa che usa-free disse quando ci fu lo sgamo di Morena... (è il motivo per cui nella canzoncina chiamo l'Innominabile "marchese", come il marchese Donatien Alphonse François).

Chi vive in Italia noterà qualche analogia con l'azienda che dovrebbe recapitare pacchi e lettere

Già, dovrebbe!
Per So' L'enigmista

Allora ricordatevi di una certa cosa che usa-free disse quando ci fu lo sgamo di Morena... (è il motivo per cui nella canzoncina chiamo l'Innominabile "marchese", come il marchese Donatien Alphonse François).

De Sade in realtà era conte.
Richard Gage non è vero che ha progettato al massimo una palestra.

Riporto dal sito AE911Truth

He has been a practicing architect for over 20 years and has worked on most types of building construction, including numerous fire-proofed steel-framed buildings. Most recently he worked on the construction documents for a $400M mixed-use urban project with 1.2 million square feet of retail, parking structure, and 320,000 square feet of mid-rise office space—altogether with about 1,200 tons of steel framing.
Noncicredo,

hai postato nell'articolo sbagliato.
Turz:
Ora ricordo anch'io di averla usata quando era nella sezione "Labs". Siamo proprio dei geek irrecuperabili ;-)

Sui geek irrecuperabili non posso che concordare. Ma se devo essere sincero, in realtà non la usai quando era nella sezione "Labs". So che era nella sezione "Labs" perché l'ho letto recentemente in un libro su AJAX, scritto quando la funzione era nella sezione "Labs". (Ma il Sanremese del Terrazzino direbbe che è un complotto e che la schermata riportata nel libro era ritoccata)
parlando di Google Suggest (NON Google Instant) il mio ICG(it) è ben 9, sembrerebbe poco, ma ho un nome comunissimo ed è un ottimo risultato: in pratica devo scrivere tutto il nome e la prima lettera del cognome

il mio ICG(en) è ben 13! devo quasi scrivere tutto...

i miei ICG(it) e ICG(en) col nickname danno il risultato di più infinito

:-)