skip to main | skip to sidebar
75 commenti

Flazioproject è uno spammer: come fargli capire che sbaglia

Gli spammer sono la forma di vita più misera del pianeta. Anche su Twitter


Se c'è una cosa che mi piace di Twitter è la sua concisione obbligatoria. È un ambiente pulito, spiccio, efficiente. Ma c'è sempre qualche anima patetica che pensa di poter sfruttare la Rete per i suoi comodi e viene a sporcare.

Stamattina ho visto questo nella mia coda di Twitter (uso Tweetie):


In realtà non c'è nulla da "segnalare": il link porta semplicemente al sito Flazio.com, che propone servizi informatici per la creazione di siti Web e altro. È spam, insomma.

Vado a vedere gli altri tweet dell'utente @flazioproject e trovo questo:


In pratica @flazioproject ha mandato tweet a persone che hanno un buon numero di follower nella speranza di farsi notare e promuovere il proprio sito Flazio.com per luce riflessa, per così dire. Classica tecnica di spamming.

Stando a Domaintools, Flazio.com è intestato a Flavio Fazio con questi dati pubblici (da verificare):

Registrant:
    Flavio Fazio
    Flavio Fazio        ()
    Via Lungomare 26, 26
    Sant Alessio Siculo
    Sant Alessio Siculo,98030
    IT
    Tel. +39.3335256506

È uno spammer italiano, insomma, non uno dei soliti che arriva da chissà dove. Sta in un paese nel quale c'è una legislazione antispam piuttosto precisa che punisce questi comportamenti. È uno che crede che sia lecito farsi pubblicità a scrocco attraverso lo spamming. È un furbo, nella più triste accezione del termine.

Se è pubblicità che vuole, l'avrà, anche se forse non sarà del genere che sperava. Io ho segnalato @flazioproject come spammer e l'ho bloccato su Twitter, invitando circa 50.000 miei follower a fare altrettanto (si va su https://twitter.com/#!/flazioproject, si clicca sull'icona dell'omino e si sceglie Segnala flazioproject per spam).

Poi ho creato questo articolo che spiega che @flazioproject ha fatto spamming a favore di Flazio.com e linka Flazio.com, in modo che chi cerca informazioni in Google su Flazio.com troverà questo articolo e capirà che tipo di ditta è Flazio.com. Se vi va di linkare questo mio articolo nei vostri siti, blog, twitter, toolbar di Netcraft, c'è una buona probabilità che Flazio.com abbia un ritorno molto educativo dalla propria campagna di spamming. E che magari altri che pensavano di fare la stessa furbata ci pensino due volte prima di abusare di Internet.

Spammer, non fate arrabbiare la Rete. La Rete sa tenersi pulita.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (75)
Bravo concordo, sono manovre che proprio detesto...

appena fatto!
Ok, fatto!
Il nome dell'intestatario è incredibilmente somigliante a quello di Fabio Fazio.
Che sia una forma di spam nello spam? :-)
Fatto! Vediamo cosa succede al co....ne !
Faccio un post sul mio blogghino che linka qui, apparirà domani.

Ma perché vità e non pianetà o formà, nel titolo?
O twittér, alla francese.
:P
Ma perché vità e non pianetà o formà, nel titolo?

Corto circuito neuronale: stavo già pensando all'accentata di "più". Affascinante. Chissà se questo genere di lapsus ha un nome tecnico.
il nome del lapsus lo ignoro, ma se ci fosse freud direbbe che inconsciamente vuoi sicuramente copulare con qualche stretto parente! XD
Chi promuove i suoi servizi in questo modo evidentemente non é in grado di far parlare da sola la sua professionalitá. Io non farei realizzare siti web da uno spammer.
Spammer, non fate arrabbiare la Rete. La Rete sa tenersi pulita.

Cos'è? Una battuta? No, che se parliamo di pulizia sulla rete e di network...
Lo stesso virus che ti ha colpito mentre scrivevi l'ultima frase prima della conclusione: "È che magari altri che pensavano"...
;)
fatto: http://andynaz.altervista.org/wordpress/?p=4751 ;-)
MOZ,

Lo stesso virus che ti ha colpito mentre scrivevi l'ultima frase prima della conclusione

AAAARGH. Vado a farmi un caffè, che è meglio.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ciao a tutti!
Certo che questo è veramente "trovare pane per i propri denti". Grande Paolo!

So che mi beccherò insulti a raffica: non uso Twitter... Ma diffonderò comunque la voce in altro modo! :-)
Prima considerazione:
Siamo sicuri che tutto questo non sia paragonabile ad un effetto Streisand? Cioè che anche questo post non sia una forma di pubblcità?

Seconda considerazione:
Personalmente credo che la cosa migliore sia il sacrosanto e giusto ban. Alla fine mettiamo anche il caso che Flazio non spammi piu', abbiamo risolto il problema dello spam? non credo. Altri spammer, si sentiranno minacciati? tanto meno...

Terza considerazione:
Disapprovo invece la gogna, con relativa pubblicazione dei dati personali (anche se pubblici). Mi sembra un po' una caduta di stile da parte di uno dei migliori blogger della rete, sicuramente dal mio preferito.


Con sincera stima.
Il paradosso è che citando così tante volte il dominio incriminato - pur non linkandolo - gli fai guadagnare autorevolezza lato SEO.
Paolo, ciao.
Grazie per la segnalazione. Solo per il fatto che l'hai chiesto tu (e quando tu lo chiedi, noi "poveri" lettori non possiamo fare altro che seguirti ciecamente), l'ho fatto anche io.

Grazie per il bellissimo lavoro di informazione che fai ogni giorno.

Io, nel mio piccolissimo, cerco di farlo nel mio blog che trae spunto anche dal tuo atteggiamento critico.

folies
http://folies.iobloggo.com


ROTFL!!!! Come inserire uno spammone in un articolo contro lo spam! :D
Gianmaria,

Disapprovo invece la gogna, con relativa pubblicazione dei dati personali (anche se pubblici)

Perché disapprovi? Cos'è questa ritrosia verso la denuncia di uno spammer con nome e cognome?
EPIC FAIL
Secondo solo al tentativo di social engineering telefonico tentato a Kevin Mitnick. :-D

Io ho provveduto linkare questo post, ma ho gli stessi dubbi già esposti qui sopra: i link al sito di flazio vanno messi o conviene solo inserire il nome senza link?
Aggiungo anche una considerazione: non andate a vedere il sito di flazio, ovviamente, o gli fareste ottenere lo scopo.
Saluti a tutti
postilla: nel mio primo intervento parlavo di "social network". Fra l'altro volevo correggere, ma una volta scelto di commentare come "account google", il messaggio va subito in moderazione.

Perché disapprovi? Cos'è questa ritrosia verso la denuncia di uno spammer con nome e cognome?
L'unica ritrosia che avrei, ma dovuta solo ad una non perfetta conoscenza dell'argomento, è sulla non certezza che detti dati siano reali.
Sulla 'gogna'
Il sciur Fazio l'ha fatta fuori dal vasetto.
Pubblicamente, senza nessuna attenuante.

A che pro tacere?

Facciamone un caso. Colpirne uno per educarne cento. O magari dieci, o due.

In termini generali, è forse il caso di cambiarla, questa mentalità dell'omertà diffusa.
Pubblicato su twitter, facebook e google+ !
"Perché disapprovi? Cos'è questa ritrosia verso la denuncia di uno spammer con nome e cognome?"

Nome e cognome vanno anche bene, pubblicare indirizzo, cellulare, ecc. benchè dati pubblici e rintracciabili da chiunque, mi sembrano comunque un colpo basso, vista la potenza comunicativa impari tra te e lui, tutto li.

Se l'obiettivo è combattere lo spam, lo trovo inutile, se l'obiettivo è una dolce vendetta, lo posso capire.

Alla fine credo che tutto cio' sia un ennesima forma di pubblicità che non escludo altri possano intraprendere sfruttando la tua notorietà.

Tutto qui.
Fatto. Se ti interessa leggere l'articolo sul mio blog è
qui

ok scusa me ne sono approfittato ;)
fatto capitano:
Tra l'altro sul blog i link non hanno l'attributo
NoFollow http://it.wikipedia.org/wiki/Nofollow

quindi tutti quelli che gli aggiungono un link sul sito gli incrementano la Link Popularity http://it.wikipedia.org/wiki/Link_popularity

Senza contare altri fenomeni che questa simpatica persona potrebbe sfruttare (script sul sito, ecc.)

Si sicuro con tutte questi link farà il botto di visite...
Gianmaria: oltretutto, quando fai la registrazione del dominio puoi chiedere al provider di "oscurare" tuoi dati dalla consultazione dei server WHOIS. Se non lo fai, sei cosciente del fatto che stai pubblicando dei dati.

Purtroppo ben pochi utenti sanno che i dati di registrazione dei domini sono rintracciabili pubblicamente..
Vorrei segnalare che il ns. eroe non propone in home page (come obbligatorio in Italia) il numero di Partita IVA, ne' altri dati identificativi di alcuna persona fisica o giuridica.

Inoltre, AFAIK i dati per la registrazione del dominio .COM non sono soggetti a verifica, che aggiunto ai fatti precedenti ne fa un perfetto sconosciuto.

Non credo ci sia altro da commentare...
Paolo,
se vuoi divertirti, manda una mail al furbo in questione segnalandogli questo articolo e i provvedimenti che hai preso.
Vedrai che se si sentirà punto nel vivo (come capita con questi individui) ti risponderà con messaggi degni di entrare a far parte della rubrica "Delirio"
Secondo me è solo un povero diavolo. Redarguire è un conto, punire con cattiveria un altro. D'altronde ha mandato 3 tweet, mica 3 mila.
creato un account apposta su twitter (che altrimenti non uso).
fatto.
Se non c'è il NOFOLLOW, c'è sempre la soluzione Anonymouse
è solo un povero diavolo.

Ma quanta compassione per uno spammer.


D'altronde ha mandato 3 tweet, mica 3 mila.

Certo, e quel ragazzino davanti a casa mia ha buttato per terra solo tre lattine, mica tremila. Lasciamolo fare.

Poi ci si lamenta che ci sono gli spammer.
"Se non c'è il NOFOLLOW, c'è sempre la soluzione Anonymouse"

Non sono sicuro che google non lo consideri...
Ho fatto una piccola ricerca ma non ho trovato quello che cercavo. Qualcuno ha qualche info in piu' a riguardo?
Grazie
Si potesse fare qualcosa del genere anche con chi non paga le tasse...

PS ne approfitto per segnalare che con Opera non si possono inviare commenti, infatti questo box ni viene affatto visualizzato.
Fatto!
ci dispiace la pubblicità negativa da lei fatta al nostro progetto.
Ci stupisce tuttavia che non abbia capito che siamo nuovi su twitter (
ieri stesso ), ed abbiamo segnalato il link soltanto a lei perchè ha
un blog di cui io stesso sono lettore, e a Grillo perchè sappiamo che
ha messo su una sorta di venture capital per i progetti che stanno
nascendo. Due tweet secondo lei sono spam?

Inoltre i nostri tweet appaiono solo sul nostro stream, quindi non
capiamo quale sia il danno fatto alla rete di cui lei parla.
Nel nostro stream sono presenti solo post riguardanti flazio.com,
pubblicati a pochi minuti l'uno dall'altro, perchè abbiamo attivato
l'account ieri stesso e quei post, altro non sono che tentativi di
capire il funzionamento di twitter.

Non siamo degli spammer, siamo dei giovani sviluppatori che hanno
messo su questo progetto da soli (senza aiuti economici e in 4 anni di
lavoro non pagato) e che ora cercano di farlo conoscere al mondo.
Le segnalo il canale youtube, così che possa capire meglio cos è
flazio.com http://www.youtube.com/user/FlazioProject

Il problema di fondo a cui il nostro progetto risponde, è l’incapacità
di molti a sviluppare progetti web e gestire autonomamente la propria
presenza in rete.
Il progetto è disponibile anche in modalità gratuita per sempre, e
grazie allo sviluppo di componenti sociali e al rilascio gratuito,
l’utilizzo del progetto in larga scala, porterebbe allo sviluppo di un
open social network, non limitato all’interno dei confini di un unico
sito web, ma formato da più siti web interconnessi tra loro.

Non essendoci alcuna scadenza, ogni utente può scegliere di mantenere
comunque attiva la versione gratuita per tutto il tempo necessario. La
versione gratuita può dunque essere utilizzata da piccole attività,
progetti in fase di sviluppo, attività sociali e benefiche, ma
soprattutto singoli individui.

Grazie alla versione free, ogni singolo individuo potrà avere
gratuitamente il proprio Sito Web personale, che oltre alle comuni
funzioni presenti in un sito web, grazie ai componenti sociali,
svolgerà anche le funzioni di un social network, in cui inoltre è
possibile personalizzare anche la veste grafica del proprio spazio.

Ogni utente Flazio (anche free) può aggiungere con semplicità il
componente “pubblicità” e posizionarlo all’interno del proprio Sito
Web. Così facendo, predispone un area del proprio Sito Web, per la
visualizzazione di banner pubblicitari, e cominciare a generare
guadagni.
Ogni azienda anche esterna al sistema Flazio, può accedere ad un area
dedicata all’advertising, inserire i propri annunci e/o banner
pubblicitari, e versare un importo.

Ogni sviluppatore può contribuire alla crescita di flazio, sviluppando
componenti e condividendoli con gli altri.

E numerose altre funzioni verranno presto implementate.

Si tratta di una sorta di joomla, worpress, però più semplice e
intuitivo, che non va installato e inoltre ci permette di gestire la
grafica al 100% senza scrivere una riga di codice, dispone di funzioni
sociali, ed è dunque simile a un social network che però non è chiuso
all'interno di un unico dominio, ma ognuno è titolare e responsabile
del proprio, inoltre i guadagni provenienti da ciascun "profilo" vanno
al titolare del profilo stesso.

Ci spiace davvero non sia riuscito a cogliere la qualità del nostro progetto.
Ma il garante della privacy non aveva stabilito che i dati del Whois benche' consultabili NON sono pubblici?
Il nuovo Alessandro Saitta?
Gli utenti di IRC coglieranno...
@flaviofazio: il problema della rete non è collegare i social network, o la conoscenza tecnica dei codici, ma la mancanza di "contenuti" (di "contenitori" mezzi vuoti in giro ce ne sono a iosa). E poi, da una rapida lettura, progettate una sorta di open social network e siete novelli di Twitter (e anche di Blogger)? Mah, auguri...

@Ale152: ah, l'indimenticato spammer di Follonica; i ricordi dei bei flood di gioventù :))))
mah per esempio c'è un ISP che mi followa (e mi cancella presumibilmente) una volta a settimana. quello è follow spam, che mi comporta una mail con il profilo dell'ISP ogni volta. Ma questo ti ha twittato una volta sola! E io non vedo tutte le menzioni dei miei followati.
Te la sei presa troppo, e una marcia indietro non ti sminuirà anzi, sarà di esempio a complottisti vari....
Penso che sia giusto segnalare l'account Twitter, però potrebbe essere un concorrente di questo tizio, che spamma per mettere in cattiva luce il rivale. Insomma, è probabile che sia uno che promuove se stesso, ma non è certo che si effettivamente lui o qualcuno a cui sta sulle scatole.
Spam Rule #0: Spammers believe it's okay to steal a little bit from each person on the Internet at once. (cit. The Rules of Spam - http://bruce.pennypacker.org/2005/02/28/the-rules-of-spam/)

Lo spammer nostrano non tradisce le regole auree dello spam. La sciroppata di giustificazioni non fa altro che confermare quanto sia opportuno starsene bene alla larga. Un "ci scusi, ci siamo comportati stupidamente" sarebbe stato decisamente più consono e più apprezzato.

E dopo questa uscita dello spammer ovviamente ho dedicato anch'io qualche minuto a pubblicizzare.
Ciao Paolo


avevamo notato anche noi...

le riflessioni sulla "gogna" e sulla indiretta pubblicità sono molto interessanti

ma capiamo perfettamente paolo
anche noi come lui da anni pubblichiamo ogni giorno
è un lungo lavoro... che porta a risultati
che si fa con passione e professionalità

vedere gente cosi fa saltare i nervi

un abbraccio dallo staff zg
@Paolo Attivissimo Il link del garante privacy riguardo il whois (è a fondo pagina) http://www.garanteprivacy.it/garante/doc.jsp?ID=190960

Comunque, "invio materiale informativo" non richiesto da uno sconosciuto.. sulla cassetta della posta è pubblicità, qui si chiama spam.
A me sembra eccessivo definire "spammer" questo signore. Ha mandato solo un paio di tweet per cercare di far conoscere il suo progetto (valido o no che sia) senza spendere un centesimo in pubblicità (che magari non può permettersi). Non ha mandato milioni di mail per vendere finto viagra o chiedere donazioni per bambini malati inesistenti (speculando sull'ignoranza della gente).
Lo spam, per essere definito tale, deve essere di massa ed indiscriminato.
Più che "attivissimo" sei "cattivissimo" :)
Guardando i tweet sembrano in buona fede. Cioè, non ho capito bene perchè abbiano segnalato qui e da grillo un servizio del genere, ma sembrava giusto una segnalazione.
Per quanto riguarda il loro servizio...fare siti flash only mi sembra abbastanza assurdo essendo una tecnologia morente.
Ma son ragazzi ('89) :)
Mah, l'ultima persona che mi ricordo aver postato solo sul blog di Grillo e sul Disinformatico era un certo Die... ehm, Morena Borromeo :-)
@Paolo Attivissimo:
Non ho capito perché hai linkato ben 3 volte Flazio.com con il link vero a Flazio.com.

Io avrei fatto più una cosa come Flazio.com o Flazio.com.
Disapprovo invece la gogna, con relativa pubblicazione dei dati personali (anche se pubblici).

Abbiamo uno spammer a cui va di lusso perché mò Paolo gli ospita pure un pippone pubblicitario tra i commenti, spammer era e spammer rimane perché se non sai come far pubblicità in maniera corretta allora è meglio che resti in pantofole per altri 4 anni, e adesso già che ci siamo potremmo togliere il nome di Valentin e fargli tante scuse per il disturbo?(*)


(*) Prima che muoia di freddo anche quest'anno.
Per Turz:
la prossima volta che posti un foto simile, per favore, avvisa! :-) (m'è preso un colpo!!)
@Turz
ROTFL ! Dopo il rickrolling, lo strakerrolling!
Paolo, ultimamente mi sembri un po' nervoso e impulsivo. Ti preferivo quando eri scettico allegro e rilassato.
Te la sei presa tanto per una persona che in buona fede, su twitter, ti ha menzionato in un suo tweet relativo ad un servizio che pensava potesse essere in sintonia con il tuo sito. Al primo tweet che ti ha mandato te la sei presa tanto e hai sollevato un polverone nel tuo blog... potevi semplicemente ignorarlo, capire che cosa voleva... non ti aveva ancora intasato nulla, era solo un messaggio non chiaro, data anche la concisione che twitter impone. Che compariva solo a lui e a te: nessuno dei tuoi follower lo vedeva.
Secondo me qui dovresti fare un passo indietro, e riconoscere di essere stato un po' impulsivo, e valutare se cancellare questo post che non ti fa tanto onore... ma su questo valuta tu.
Ti dico tutto questo con la massima stima nei tuoi confronti. Capita a tutti di sbagliare, a me più che a ogni altro. Poi è difficile ammetterlo, ma se lo si fa, si fa una gran cosa.
@Rodri:
come fai a mettere sullo stesso piano uno che ha mandato due tweet inopportuni, in buona fede (ma mettiamo anche che non lo fosse) ad uno che ha mandato migliaia di e-mail-truffa?
@John

Come faccio? Così... *snap*

Mi viene in mente un'altra volpe del web italiano che mandò in giro uno spam sui servizi della propria ditta, rifiutandosi di rispondere alle proteste dei destinatari e alla richiesta di spiegazioni di Paolo. Io gli inviai una sfracca di pesantissimi insulti, ed ecco che magicamente il tipo rispose. Affermò di non capire la veemenza provocata, in fondo stava soltanto tirando acqua al suo mulino.

Lo riscrivo, così forse è più chiaro: se non sai come far pubblicità in maniera corretta allora è meglio che resti in pantofole per altri 4 anni.

Le palle altrui non si devono rompere. È un principio facile da capire.
John,

Paolo, ultimamente mi sembri un po' nervoso e impulsivo. Ti preferivo quando eri scettico allegro e rilassato.

Ma io *sono* allegro e rilassato. Per questo quando arriva qualcuno che rompe l'anima prendo subito lo scacciamosche.


Te la sei presa tanto per una persona che in buona fede, su twitter, ti ha menzionato in un suo tweet relativo ad un servizio che pensava potesse essere in sintonia con il tuo sito

Buona fede? Da parte di gente che offre servizi informatici e non sa cosa significa fare spamming? Siamo seri. O questa gente è totalmente incompetente, o sta cercando di fare una furbata.

In entrambi i casi vanno raddrizzati prima che facciano altri danni.


E per quale strampalato motivo dovrei aver bisogno di un servizio di creazione siti come il loro? Pensi che io non sia capace di farmi un sito da solo?
Andiamo Paolo... con tutta l'amicizia che posso avere per te... ma questa persona ti aveva mandato uno ed un solo tweet, e in tutto il suo profilo ne aveva mandato due in tutto... parlare di "danno" e scagliarti contro di lui in questo modo è una reazione sproporzionata... ma se non la pensi così pazienza. Magari a distanza di tempo te ne renderai più conto.
Magari a distanza di tempo te ne renderai più conto.

Speriamo di no! :)
Magari a distanza di tempo te ne renderai più conto.

Sono convinto a distanza di tempo Paolo avrà cose più interessanti alle quali dedicarsi, dimenticandosi dell'esistenza dello spammer e di qualsiasi servizio egli offra.

Col tempo magari ti renderai conto anche tu che informare Paolo di un sito italiano che offre servizi di costruzione di siti web è... come dire... un tantino ridicolo ^_^

Se poi il magico creatore vuol sdoganare il tutto come un'idea fantastica e rivoluzionaria, ok, basta esserne convinti, ma prima s'impone una riflessione su chi può esserne interessato e chi manco minimamente.

Naturalmente ognuno è liberissimo di difendere lo spam e supportarlo. Farlo NO.
[quote-"Paolo Attivissimo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/12/flazioproject-e-uno-spammer-come-fargli.html#c1348140102217669843"]
Ma io *sono* allegro e rilassato. Per questo quando arriva qualcuno che rompe l'anima prendo subito lo scacciamosche.
[/quote]

Che questo sia uno spammer è fuor di dubbio, solo che tu hai preso il lanciafiamme non lo scacciamosche :)
Lo spiegone del presunto Flavio Fazio (#37) è il proseguio dello spam.
Non ho capito se ci fa o ci è!
Pure a me sembrava sproporzionata la reazione di Paolo, ma la risposta di flaviofazio mi ha convinto che era nel giusto.
Flaviofazio si fosse fermato ai primi due paragrafi OK: sono alle prime armi, non intendevano spammare, è stato un qui pro quo.
Ma a partire dalla frase "Non siamo degli spammer" quello che segue cos' è se non spam?
Questi sono spammer, e pure recidivi.

Ciao

Carson
Geniale chi dice di non fare SPAM e viene a fare SPAM.
Sicuramente d'ora in poi nessuno spammer andrà a spammare sul profilo twitter di paolo.

(Ho la mascella cascante per questo flazio.com.
I video spiegano bene che tipo di delirio abbia in testa questa gente.
Perché in italia si manca così spesso di professionalità?)
fatto! :-)
Avanti cosi.
Dai commenti noto che molte persone non hanno capito che Paolo non ha avuto un'attacco di rabbia e si è voluto vendicare.

Paolo vuole dare una dimostrazione che lo spam è un atto vile e da disprezzare, anche in piccole quantità. Uno spammer neonato, se vede che la tecnica funziona, continua e aumenta il numero di spam.

Ben venga l'uso del lanciafiamme, allora, invece dello schiacciamosche. Perchè deve servire da esempio a tutti.

Vi chiederete perchè non prendersela con gli spammer grossi, allora? Perchè quelli sono esperti, non lasciano informazioni dietro, e sono inguaribili, mentre i potenziali spammer si possono raddrizzare.

La rete è già piena di spazzatura per conto suo. Non contribuiamo ad aumentarla.
Paolo, hai fatto benissimo, ho letto alcune pagine del sito "incriminato" e non so se ci sono più errori e castronerie nella versione italiana o in quella inglese. Il fatto che il tizio in questione abbia solo 22 anni di per sé non sarebbe un motivo per considerare il suo progetto una porcheria, ma trovare errori di battitura nella homepage e pagine interamente in inglese che sembrano uscite da Google translate (ubriaco) fanno capire quanta professionalità e dedizione ci possa essere dietro al progetto.
Nella mia ignoranza pensavo che un messaggio pubblicitario, per quanto indesiderato, si qualificasse come spam sono se inviato in quantità massiccia (unsolicited bulk email).
Tutto questo fervore religioso nei confronti di un ingenuo sviluppatore che pubblicizza il suo prodotto in un blog attinente l'argomento mi lascia perplesso: trovo che il comportamento di Flazio sia da considerare scorretto, forse anche un po' maleducato, ma veniale. La "forma di vita più misera del pianeta" per me potrebbe essere ad esempio rappresentata da quegli ominidi razzisti che hanno dato fuoco agli accampamenti ROM a Torino: credo che Flazio possa meritare una bonaria tiratina di orecchie, non certo parole così pesanti e offensive.
Se Flazio voleva convincerci a visitare il suo sito, beh, c'è riuscito.

"TYPE NAME", aahaahahaa, Beppe Severgnini salvaci tu! Meglio del mitico DO YOU WANT TO PUT?

E in italiano... Oh mamma... La v... la virg.... la virgola tra il s.... ARGHHHHHH!!!!! ACCADEMIA AIUTOOOOOOOO!!!!!

Valentin da fredda Russia molto scrivere meglio.

Un sito così merita di entrare nel Randello del Platino!

Meglio di quel programma di traduzione automatica che diceva che lo sportivo Ozzie Smith è soprannominato "la procedura guidata" ("The Wizard"!)
WHICH GOD TAXI DRIVER!
che Dio t'assista

ROTFLISSIMO!
Prozzio, vorrei far presente che i rom non c'entrano nulla, sul web ci sono regole che anche i più ignoranti devono seguire, e i servizi offerti dal sito non c'entrano sulla col blog di Paolo o il suo account Twitter.

Secondo me non è questione di fervore, è questione di saper stare al mondo.
Rodri, mai negato che sia stata violata una regola (non scritta) o che Flazio sappia "stare al mondo" nel senso stabilito dalla netiquette: ho definito il suo comportamento "scorretto, forse anche un po' maleducato".
Ho solamente:
1. espresso la mia perplessità sul fatto che questo tipo di pubblicità indesiderata sia qualificabile come "spam"
2. contestato che gli spammer siano "la forma di vita più misera del pianeta", fornendo un controesempio di forma di vita ancor più misera (parere personale, discutibile ma niente affatto fuori contesto).
Dai poverino, é pur sempre meglio che rubare o peggio... Ho controllato ora il suo sito, giusto per curiosità e devo ammettere che ha talento in programmazione e design...
Ho studiato un pò il caso Flazio e con tutto il rispetto mi sento di dire che avete creato un caso assurdo, in certi commenti questo flazio è quasi passato per un "furbetto del web"...... Dai su, ragazzi, questa volta avete cannato di brutto!!!

Un paio di tweet in manuale considerati spam? Poi magari ricevete 2000 mail al giorno generate in automatico dai BOT posizionati sui server e neanche approfondite o segnalate alle autorità, magari vi tempestano di telemarketing e directmarketing e neanche ci fate caso, poi un team di ragazzi ITALIANI vi tweetta per promuovere il proprio progetto e voi quasi lo volete bannare dal web perchè ha osato interagire con voi in maniera poco convenzionale?

Da quel che ho potuto vedere questo tizio non si nasconde per neinte, anzi con una minima ricerca vi accorgerete che è un ragazzo che è presente in quasi ogni video relativo al suo sito, presentazioni, workshop, eventi di settore... a sembra uno di quei nerd americani che vivie di informatica, ma mi ha fatto un'ottima impressione, un ragazzo come tanti... voi quasi lo state facendo passare per un pirata!!!!

Ma era troppo facile sparare a zero sul muro più basso... magari poi Blogger o altri colossi vendono i vostri dati ad agenzie commerciali esterne e neanche vi lamentate, il tizio o il suo SEO invece vi twetta IN MANUALE e giù il modno!?!??! E Anche se avesse pensato di farlo per farsi pubblicità... ma volete veramente condannarlo per un paio di tweet? O paragonarlo agli spam automatici dalle mille ed una mail???

Invece di esaltare il fatto che un team di ragazzi ITALIANI si è lanciato in un bel progetto informatico, contro colossi plurisponsorizzati voi gli avete sparato contro, degenerando ovviamente!!!

Consiglio a TUTTI di andare a provare FLAZIO, analizzatelo, googleatelo e apprezzerete tutti la bontà del progetto e la trasparenza di questi ragazzi in quello che stanno facendo.

Per quanto mi riguarda dico al signor Flavio che ha il mio sostegno, seppur minimo e solo morale, il tuo software e geniale e rivoluzionario, forse il fatto che sia in flash vi limita un pò? Che ne dici? Spostarsi su HTML5 ???? Ma tuttavia mi piace l'idea che a differenza delgi altri webcreator con voi l'utente è libero di DISEGNARSI il proprio sito.

Spero risucitae a svilupparlo ulteriormente, se è vero come sembra che vi autofinanziate, spero riusciate a trovare uno sponsor, perchè secondo me avete intrapreso una bell strada, vi siete messi su un mercato saturo con un prodotto innovativo...

Mi piacete e mi paicete ancora di più dopo aver letto tutti questi messaggi assurdi di gente che prima di scrivere dovrebbe avere il buon senso di informasi.

Un saluto cordiale a tutti

Roger
TU, postando i suoi dati personali, non sei migliore di lui. Sei denunciabile per violazione della privacy e divulgazione di dati sensibili.
@ Samael

I dati sono pubblici quindi io posso pubblicarli senza avere problemi di priavacy.
Quindi se questo Flavio ha messo questi su quel sito a debitamente letto e "firmato" la clausola liberatoria, questo implica il fatto che Paolo possa prenderli e usarli, in questo caso per mettere in guardia la gente sul fatto che è un spammer.
Vorrei aggiungere che rischia di essere vittima lui stesso dello spam, perchè un azienda di marketing può prendere quegli stessi dati e riempirlo di spam.
In pratica di chi spam ferisce di spam perisce