skip to main | skip to sidebar
6 commenti

Cryptolocker, “hacker buoni” recuperano le chiavi per annullare l’estorsione

Ricordate CryptoLocker, il malware che infettava i computer, ne cifrava i dati con una password complicatissima e poi chiedeva alla vittima un riscatto in denaro (tipicamente 300 dollari) per avere la password e quindi sbloccare i dati? C'è una buona notizia: un gruppo di ricercatori è riuscito a recuperare le chiavi di cifratura usate dai criminali e a ricostruire il funzionamento del malware.

È stato creato pertanto un sito, Decryptcryptolocker.com, che permette alle vittime di recuperare la password che blocca i loro dati se non hanno pagato il riscatto e non hanno una copia di sicurezza dei dati stessi: basta mandare al sito uno dei file cifrati e un indirizzo di mail sul quale ricevere la password. Le aziende alle quali appartengono i ricercatori e il sito di recupero password sono serie, ma per prudenza è comunque meglio mandare loro soltanto documenti cifrati non riservati.

Si stima che l'attacco, che ha colpito nei mesi scorsi numerose aziende in tutto il mondo, abbia fruttato ai suoi creatori circa 3 milioni di dollari e che l'1,3% degli utenti ha scelto di pagare il riscatto.

Risolto il problema di Cryptolocker, però, i criminali si sono rimessi al lavoro e sono in circolazione nuove varianti di malware che usano la stessa tecnica di cifrare i dati della vittima e chiedere un riscatto, come segnalato in dettaglio dalla Centrale d'annuncio e d'analisi per la sicurezza dell'informazione MELANI della Confederazione: è già in giro, per esempio, SynoLocker, che però prende di mira soltanto i dispositivi NAS collegati a Internet della Synology, che sono molto diffusi e sono un bersaglio ghiotto perché normalmente custodiscono grandi quantità di dati che gli utenti considerano preziosi. Synology ha già predisposto un aggiornamento che riduce il danno e MELANI fornisce chiare istruzioni in italiano su come procedere e prevenire il problema.

Le regole di sicurezza sono comunque le solite: fate periodicamente una copia separata, scollegata da Internet, di tutti i dati che volete proteggere e fate attenzione a qualunque messaggio contenente allegati, anche se sembra provenire da mittenti apparentemente attendibili. Questi malware si diffondono infatti quasi sempre tramite allegati in formato Word o PDF il cui mittente è stato falsificato.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (6)
Lo stesso giorno in cui è stato annunciato decryptolocker un cliente ha beccato un Cryptolocker in un ufficio fuori dall'Europa. A titolo di test ho provato a sottoporre a Decryptolocker alcuni file crittati e per tutti il sito ha risposto che quello caricato non era un file cifrato da cryptolocker.
Questo significa che Decryptolocker sblocca solamente alcune variati/versioni di Cryptolocker.
Vero
Vero, nel mio caso il programma non ha criptato nessun file.
Ma se pago il riscatto ricevo il codice di decriptazione? Oppure esiste un decryptoLocker più aggiornato?
Per completezza vi giro anche questo link, che ho trovato per caso ma mi è sembrato interessante
http://www.famigliacristiana.it/articolo/inter_191011150826.aspx
io sn riuscito a risolvere recuperando tutti i file grazie al consiglio d un amico
Non ho parole.... solo parolacce!!