skip to main | skip to sidebar
5 commenti

Le guide a Internet della Prevenzione Svizzera della Criminalità

L'articolo è stato aggiornato estesamente dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2015/10/06 11:30.

Molti internauti (giovani e meno giovani) si sentono disorientati e senza una guida nel mare dei servizi offerti da Internet. In realtà le guide ci sono: basta sapere dove trovarle.

Oggi segnalo quelle preparate dalla Prevenzione Svizzera della Criminalità: agili, snelle, disponibili naturalmente anche in italiano, adatte a tutte le età e confezionate in formati accattivanti per far arrivare a tutti i messaggi di base su sicurezza e prevenzione anche su Internet, senza obbligare gli utenti a diventare esperti informatici. Sono tante: qui ne cito giusto alcune.

C'è, per esempio, C’era una volta… Internet: cinque fiabe classiche reinterpretate in chiave digitale per spiegare altrettanti temi informatici molto importanti e pensate per i genitori di bambini sotto i 12 anni, che sono sempre più spesso lasciati a navigare in Rete da soli senza alcuna idea di quello che possono incontrare.

I diritti sulle immagini sono sempre un tema difficile, sul quale girano molti pregiudizi sbagliati: per chiarirli c'è la guida La propria immagine: tutto ciò che prevede la legge e c'è un'animazione, Diritto alla propria immagine.

Il bullismo digitale o cyberbullismo è affrontato in un video, mentre il bullismo su un altro livello, il cosiddetto cybermobbing, è trattato da Cybermobbing: tutto ciò che prevede la legge Cybermobbing: Molto imbarazzante, ma non per noi!

Per i social network ci sono le guide Sicurezza sui social networkCartolina PostaleCheck List e Safer Surfing.

Si parla anche di truffe, come quella classica dei finti dipendenti Microsoft, spiegata nel video La truffa del servizio assistenza Microsoft e in una miniguida. La Truffa della lotteria via SMS viene invece illustrata da un video e da un foglio informativo.

Va segnalata in particolare la versione aggiornata della guida Pornografia: tutto ciò che prevede la legge, che chiarisce la nuova tutela dei minori di età superiore ai 16 anni che fanno sexting (lo scambio di immagini intime). Il tema viene toccato anche da due altre guide, intitolate My Little Safebook, in versioni per adolescenti e per genitori, con molti consigli per divertirsi in Rete senza correre pericoli e per conoscere i luoghi e i modi in cui scattano le trappole terribili di cui spesso si sente parlare, come gli abusi sessuali (guida per adolescenti e per genitori).

Questo è solo un assaggio: il resto è sul sito della Prevenzione Svizzera della Criminalità. Buona lettura, insomma.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (5)
Grazie della segnalazione, tanto materiale interessante...e dire che sono in Svizzera da anni e non conoscevo il sito.
Grazie mille,
sono un nonno quindi e provvedo subito a inoltrare il link ai miei figli ( genitori dei nipotini !)
Pero' quanta gente, anche tra le nuove generazioni, CREDE di saper usare il computer ...
A me interesserebbe una guida per spiegare i pericoli delle truffe stile "Tubo di Tucker" per over 50-enni, chiaramente scritta con un linguaggio che anche un bambino 0-12 anni riesca a capire. Purtroppo non riesco a farlo capire ai diretti interessati e tante volte mi trovo tali arnesi in casa, talvolta anche molto costosi, a volte in comodato d'uso con vincolo di 1 o 2 anni.
E queste cose succedono quando non si vuole indagare o si vuole credere solo ad una fonte, soprattutto perché andando a leggere le testimonianze sul sito ufficiale del "truffatore", queste saranno sempre positive, per la serie "oste, com'è il vino?"
@Paolo
Purtroppo di alcuni file sono presenti solo le copertine: per il testo bisogna andare presso le stazioni di polizia
@Claudio Fe

Se vai nel primo link segnalato da Paolo (quelle preparate dalla Prevenzione Svizzera della Criminalità) li trovi tutti in versione completa.