Cerca nel blog

2015/09/03

Trovato un cucchiaio su Marte: stavolta non è un’illusione ottica

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di “newfil*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento). Ultimo aggiornamento: 2015/09/05 00:30.

Quella mostrata qui accanto è una foto reale, non ritoccata, proveniente da Marte, scattata dalla sonda Curiosity, e quello al centro è davvero un oggetto a forma di cucchiaio. Niente Photoshop, nessun inganno della prospettiva; l'ombra è vera e delinea le forme correttamente.

I fufologi si calmino, perché non c'entrano i marziani distratti: il cucchiaio è una struttura scolpita dal vento nella roccia marziana. Una spettacolare dimostrazione di quello che la natura sa fare quando ha tempo, ci si mette d'impegno e non ci sono pioggia, piante o animali a disturbare le sue fragili sculture (e la gravità è un quarto di quella terrestre).

L'immagine è un dettaglio di questa foto originale:

Image Credit: NASA/JPL-Caltech/MSSS

La foto è stata scattata il 30 agosto scorso. Il “cucchiaio” si trova nella zona in basso e al centro e misura una decina di centimetri, secondo questi calcoli di Emily Lakdawalla della Planetary Society.

Non è l'unica roccia scolpita in forme affusolate e lamellari dal sottile ma abrasivo vento di Marte nella zona esplorata dalla sonda, come si nota in queste foto. Naturalmente la nostra familiarità con la forma di un cucchiaio fa risaltare subito questa specifica formazione rocciosa, ma nella stessa area ce ne sono molte altre straordinariamente scolpite ed erose con forme meno familiari. Qualcuna è visibile in questa panoramica composita, soprattutto sulla destra:



Se siete capaci di vedere gli stereogrammi o avete un paio di occhialini 3D con i filtri rossi e blu potete anche vedere il “cucchiaio” in tre dimensioni grazie al lavoro di Atomoid su Unmanned Spaceflight, che ha combinato due immagini della stessa zona scattate da Curiosity, ottenendo risultati impressionanti: emerge perfettamente la complessità delle forme, che si perde completamente nella versione 2D, e si nota bene il fatto che il “cucchiaio” è attaccato alle rocce adiacenti nella parte iniziale del “manico”.



Se qualcuno ha tempo di preparare una wiggle GIF, la pubblico volentieri.


2015/09/03 11:15


Ecco la wiggle GIF preparata da Riccardo Rossi (RikyUnreal):


Ho scelto quella di RikyUnreal perché al mio occhio è quella che produce l'effetto più intenso, ma le altre che ho ricevuto sono qui: Ufoofinterest, Davide, Bettella87 e Maxspace.

Segnalo inoltre un bel documento PDF della NASA che mostra esempi di come il vento può lavorare la roccia anche sulla Terra in forme incredibili.

13 commenti:

Luigi Rosa ha detto...

ECCO DOV'E' FINITO!!! Stavo per comperarne un altro.

Grazie, vado a recuperarlo, scusate il disagio.

Anonimo ha detto...

Giusto per capire, quello che ho cerchiato qui http://i.imgur.com/RPm2DAc.jpg invece rientra negli effetti ottici spiegati in questo articolo? http://attivissimo.blogspot.it/2015/08/antibufala-su-marte-ce-un-oggetto-che.html

Paolo Attivissimo ha detto...

Remo,

non lo so per certo: bisognerebbe vedere se lo stesso oggetto c'è in altre foto, in modo da poterne avere una visione tridimensionale che chiarisca il dubbio.

Jotar ha detto...

Il cucchiaio su Marte è un valido indizio sull'esistenza del brodo primordiale?

Pier Giuseppe ha detto...

Scusate la mia ignoranza, ma come fa a stare su? Anche le rocce circostanti, sembra che levitino.

Giovanni Zinno ha detto...

Sono strutture rigide dovresti vedere strutture del genere in molte aree desertiche, mai visto qualche superquark? Strutture del genere crollano su se stesse a un certo punto, ma su Marte la gravità è molto minore quindi possono essere anchepiù spettacolari

fabiolains ha detto...

Ma è sospeso a mezz'aria?

GG ha detto...

Ci son solo quelle due foto? oppure ne esistono altre da altre prospettive?

martinobri ha detto...

Jotar, il tuo n. 4 vince il premio per il commento dell'anno!
:-)

andy ha detto...

Paolo, penso che l'immagine doppia (sbs) abbia i frame invertiti.

Non avendo un paio di occhialini rosso/blu ma solo verde/magenta ho aperto quell'immagine con Bino per poterla vedere, però funziona fantasticamente bene solo se imposto come input "right/left", viceversa non si capisce e viene solo un gran mal di occhi. (peccato che con l'anaglifo la resa dei colori è pessima, ma d'altronde sappiamo che l'hanno inventato per le fotografie in bianco e nero).

Comunque è vero che il cucchiaio sembra sospeso, però guardando bene in 3D si nota che attaccato a terra per l'estremità destra, per il manico, insomma.

Simona Righini ha detto...

Trovo veramente spettacolari queste strutture così sottili e apparentemente fragili, sostenute solo da un piccolo contatto con la roccia meno erosa. Che meraviglia. E che immane privilegio, vivere in un'epoca che ci consente di vedere tutto questo!

granmarfone ha detto...

Il fatto che la forma sembri sospesa, attaccata solo ad una estremità, mi pare più che altro una curiosità;
non la reputo una stranezza: nel testo è scritto Il “cucchiaio” misura una decina di centimetri, la ridotta dimensione unità alla bassa gravità dovrebbe permettere questo.
Durante alcune vacanze in Sardegna ho visto piccole formazioni simili su rocce "lamellari" (si dice così?), lavorate da vento, acqua, sabbia - erano sottili lamine sporgenti per diversi centimetri.

Unknown ha detto...

Scusate ma dopo tutto questo tempo dovreste sapere che.. il cucchiaio non esiste.