skip to main | skip to sidebar
22 commenti

Vado a incontrare Jim Lovell, astronauta lunare

L’articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2015/11/02 01:00.

Jim Lovell ha volato nello spazio quattro volte: due con le capsule Gemini 7 e 12 e due con le capsule Apollo 8 e 13. Ha partecipato ad alcune delle tappe più significative e pericolose dell’esplorazione spaziale: il primo vero rendez-vous fra due veicoli con equipaggio (Gemini 7), il primo volo umano intorno alla Luna (Apollo 8) e lo sfortunato viaggio verso la Luna di Apollo 13, che fu funestato da uno scoppio che rese necessario un delicatissimo rientro d’emergenza, così ben celebrato dal film Apollo 13 di Ron Howard. Tuttora detiene, insieme a Fred Haise e Jack Swigert, il record di massima distanza dalla Terra di un essere umano: 400.171 km, durante la missione Apollo 13.

Haise, Swigert e Lovell all’epoca.
Jim Lovell sarà in Inghilterra venerdì, sabato e domenica, ospite di Space Lectures, per una cena di gala e due conferenze, e io sarò lì a incontrarlo insieme agli amici appassionati di spazio.

Cercherò il più possibile di fare livetweet di questi tre giorni davvero spaziali e di portarvi un po’ di foto e video. Nei prossimi giorni, inevitabilmente, sarò collegato a Internet un po’ saltuariamente, per cui perdonatemi se non sarò costantemente presente nei commenti.

Chicca personale: proprio in queste ore un lunacomplottista m'ha scritto baldanzoso annunciandomi il nuovo, imminente videodelirio di uno dei soliti diversamente furbi che ancora non ha capito che dopo quarantacinque anni, se ci fosse qualche finzione nelle foto o nelle missioni Apollo gli esperti l’avrebbero trovata e denunciata. Gli ho risposto dicendogli, fra l'altro, che stavo partendo per andare a incontrare Lovell e che avremmo brindato anche alla salute dei lunacomplottisti e lui ha fatto pubblicamente l’incredulo: “Piu' o meno come quando uno non ti telefona da anni e nel momento che gli telefoni tu ti risponde: "ti stavo per telefonare”. Be’, invece è proprio così: il lunacomplottista non poteva avere un tempismo peggiore (per lui). Sarebbe divertente vedere la sua faccia quando vedrà le foto dell’incontro pubblicate qui.


2015/10/30


Lovell oggi a Pontefract.

Jim Lovell arriva al Wentbridge House Hotel a Pontefract, Inghilterra, nel tardo pomeriggio e fa foto con tutti, compreso il sottoscritto ed Elena, mia moglie, come vedete qui sotto. Io ho in mano un esemplare originale del catalogo NASA delle foto scattate durante la missione Apollo 13, già firmatomi da Fred Haise. Il tweet qui sotto mostra una foto della foto stampata: l’originale è di qualità molto migliore.

Finita la sessione di foto, Luigi Pizzimenti (che conoscete da Ti porto la Luna e per il libro Progetto Apollo – Il sogno più grande dell’uomo; è a destra nella foto qui sotto, e parla dell’incontro con Lovell qui) fa uno scherzo notevole a Lovell: telefona a Fred Haise, compagno di viaggio di Lovell nella missione Apollo 13, e poi passa il telefonino a Lovell dicendo “È per te, c’è uno che ti cerca”. Jim è contentissimo della sorpresa.

Facciamo due chiacchiere in privato, ed è surreale sentire un’icona dell’astronautica che, fra le altre cose, mi raccomanda di usare Viber per risparmiare sulle telefonate e mi fa una dettagliata recensione dell’app.

C’è una grande sala piena di appassionati ed esperti del settore aerospaziale ad accogliere Lovell e la moglie Marilyn:

Fra loro c’è anche Brian Cox, popolarissimo conduttore scientifico televisivo britannico (una sorta di Alberto Angela locale), che domani condurrà l’intervento pubblico di Lovell. Gli ho dato una copia in inglese del mio libro sui complotti lunari e l’ho ringraziato per il suo bellissimo programma The Science of Doctor Who, dedicato ai viaggi nel tempo scientifici raccontati attraverso le puntate di Doctor Who.

Brian Cox chiacchiera con Marilyn e Jim Lovell:

Durante la cena, Lovell fa un breve, lucidissimo discorso sui tanti elementi funesti che contribuirono al disastro evitato di Apollo 13, seguito da una riffa e da un'asta che propongono oggetti relativi all’astronautica davvero speciali, come la famosa foto della Terra vista dalla Luna scattata durante la missione Apollo 8 e firmata da Lovell con la citazione “Please be advised there is a Santa Claus”. Inutile dire che vanno a ruba: i proventi serviranno a organizzare la visita del prossimo astronauta ospite e per beneficenza, come è tradizione di Space Lectures.

Durante l’asta viene dimostrata la, ehm, sganciabilità rapida intenzionale del modello del razzo Titan e della capsula Gemini dal suo piedistallo firmato da Lovell (se l'è aggiudicato all’asta Brian Cox):

Poi Lovell, instancabile, fa autografi a tutti. Consegno anche a lui una copia del mio libro di debunking del lunacomplottismo e lui si mette a ridere ricordando che alcuni complottisti gli hanno addirittura fatto causa (ovviamente persa).

Lovell firma il mio disco 45 giri SOS dallo spazio, già firmato da Haise, e anche il mio catalogo originale NASA delle foto di Apollo 13.

Ma c’è chi mostra, con meritato orgoglio, collezioni di autografi spaziali davvero eccezionali. Non conta tanto l’autografo in sé: quelli, volendo, si possono acquistare dai collezionisti. Conta il fatto che ciascuno di quegli autografi è un ricordo personale del momento in cui hai incontrato una persona eccezionale.

Domani pomeriggio, appunto, c'è la lezione di Jim Lovell, che si terrà alla Carleton Community High School di Pontefract alle 16 ora locale (le 17 italiane) insieme a Brian Cox. Roaming dati e Wi-Fi permettendo, vi aggiornerò man mano tramite livetweet su @disinformatico e farò delle riprese video che spero di poter avere il permesso di pubblicare.

Se questo genere di evento vi interessa, tenete presente che Space Lectures ne organizza spesso, sia con astronauti delle missioni storiche, sia con astronauti di oggi. È decisamente più facile e meno caro fare un viaggio in Inghilterra per incontrarli che andare fino negli Stati Uniti, per cui si tratta spesso di occasioni irripetibili. Ad aprile prossimo ci sarà un altro incontro di questo genere: per ora non posso dirvi chi sarà l’ospite, che verrà annunciato oggi pomeriggio, ma posso già dirvi che è un appuntamento da non perdere se siete appassionati di Luna.


2015/11/02 00:45. Il seguito di questa storia (compreso il nome del prossimo astronauta ospite) è qui.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (22)
La risposta sarà: "Non si tratta di una vera cena di gala, dalle foto si capisce che l'avete ricreata in un set cinematografico" :-)
Ne approfitto per segnalarti un articolo su un effetto delle medicine omeopatiche che non era stato considerato: possono fare ubriacare (almeno negli Usa, non so com'è la legislazione in Italia) http://www.ilpost.it/2015/10/28/omeopatia-alcol/
Il luna complottardo è massimo mazzucco? (L'ho chiedo perché ha affermato di star preparando un film sui viaggi APOLLO)
Io posso solo dirti: "Invidia!"
Beato te, incontri un mito a cui mi piacerebbe proprio poter almeno una volta stringere la mano.
Jim Lovell non e' solamente un astronauta lunare. e' uno dei miei eroi di Apollo XIII
Grande Lovell!
Sono proprio contento per te, Paolo. E anche per noi: se riesci a fargli qualche domanda e ottieni il permesso di pubblicare sul blog, è tanta roba. Voglio dire: Jim Lovell, classe 1928, Gemini 7, Gemini 12, Apollo 8, Apollo 13. Rendiamoci conto.
Fighissimo! Grande Paolo portagli un saluto da parte di tutti noi!
Grandissimo!
Portaci più che puoi di questa irripetibile esperienza!
Piu' o meno come quando uno non ti telefona da anni e nel momento che gli telefoni tu ti risponde: "ti stavo per telefonare
ma che vita sara' la loro? piena di paranoie...
che poi e' paradossale che dubitino di tutto tranne che delle loro certezze...
ettore cosca,

Ci hai provato, dai. Rimetto a Paolo la decisione se pubblicarti o meno.
ho un dubbio: ma un "lunacomplottista" ha fiducia sulla fedeltà della propria moglie e dei suoi amici più cari? mah! una vita piena di dubbi non darà mai una certa serenità!
Intanto, a Roma... :)

http://www.lastampa.it/2015/10/30/scienza/se-vogliamo-marte-sar-meglio-realizzare-una-base-sulla-luna-h03EHJlePZpyXKlQ2G62dN/pagina.html
Grande Tom Hanks, sempre il migliore :-P
Si vede chiaramente che ti sei photoshoppato!!!11!!1 Ti manca il pollice!!223455566788990000!!!!
LOL

P.s.: invidia invidia invidia.... ;D
E io che mi credevo "figo" chiamando colleghi e sorella con l'app Viber, quando ero all' estero.
Gli astronauti sono sempre avanti, a qualunque età :-)
Bhé che dire... Sono "genuinamente invidioso" di te Paolo!
Sei di fronte ad una leggenda vivente, uno che ha percorso più di 380 000 km nello spazio senza riscaldamenti e con poco ossigeno. Uno che ha girato intorno alla Luna eha visto con i suoi occhi il lato oscuro (non quello della forza...). Congratulazioni e goditi lo spettacolo

@Stupidocane
E noi dai non vale! Fai leggere anche a noi i commenti del Cosca! Non è giusto che ti diverti soltanto tu!! :D
Bellissimo incontro! Mi piacerebbe esserci! :-)
Leggo le tue parole in preda all'invidia piu' assoluta!!! Cosa non darei per stringere solo la mano a uno dei pochi che hanno avuto la fortuna e il privilegio di aprire le porte dello spazio all' umanita'.
"Lovell firma il mio disco 45 giri SOS nello spazio"

Perdona l'ignoranza, ma di che si tratta?
Stepan,

è questo.
Ah, grazie Paolo, non ne conoscevo l'esistenza. Beh, ora che è autografato da entrambi i membri dell'equipaggio viventi, è davvero una superchicca :)
Mancino! Un altro grande esponente della categoria alla quale mi onoro di appartenere!
grande Paolo! Momenti indimenticabili! ciao Mario e Luigi jr.