Cerca nel blog

2007/08/14

Universal prova a vendere musica senza DRM

Dopo EMI, anche Universal molla i lucchetti anticopia. Per prova


La Universal, la più grande delle case discografiche mondiali, svolgerà una sperimentazione vendendo via Internet brani di migliaia di album di artisti come Sting, Stevie Wonder, Black Eyed Peas e 50 Cent senza sistemi anticopia (DRM) dal 21 agosto prossimo al 31 gennaio 2008. Lo riferisce per esempio FindLaw e BoingBoing.

Le vendite, però, non passeranno attraverso il colosso della musica online iTunes di Apple, ma saranno gestite direttamente dai siti Web dei singoli artisti e da vari rivenditori online, come Amazon, Google, i supermercati Wal-Mart e altri. Slashdot segnala che i brani saranno disponibili anche in versione a 256 kbps.

Anche Universal, come EMI, ha finalmente visto la luce e ha capito che il DRM è male, che trattare il cliente come un ladro fino a prova contraria è stupido e oltretutto soffoca le vendite legali? Improbabile. La ragione più plausibile è che vendere senza lucchetti è l'unico modo per contrastare il sostanziale monopolio dell'iPod e di iTunes di Apple nel mondo della musica scaricata, cosa che EMI non ambisce a fare. EMI, infatti, veicola i propri brani senza DRM attraverso iTunes. Universal, invece, vuole fare a meno di Apple.

BoingBoing riassume molto chiaramente il problema di Universal e delle case discografiche in generale: lo strapotere di Apple nel settore dei lettori musicali.
L'iPod è in grado di riprodurre due tipi di musica: quella menomata con il DRM di Apple e gli MP3. Se [siete una casa discografica e] volete menomare la vostra musica usando il DRM di Apple, dovete dare ad Apple il controllo totale sui prezzi delle vostre canzoni. Nessun altro negozio può veicolare la musica menomata da Apple. Ogni volta che noi [consumatori] acquistiamo una canzone menomata da Apple, diventa più difficile e costoso passare a prodotti alternativi rispetto all'iPod e a iTunes.

Per le etichette discografiche ci sono due sole opzioni [per essere presenti sugli innumerevoli iPod]: vendere musica menomata da Apple e aumentare il controllo di Apple sul commercio di musica online, oppure vendere musica non menomata. La musica non menomata (MP3 e altri file aperti) è superiore alla versione menomata: la si può suonare su un maggior numero di dispositivi ed è più versatile. Nessun cliente cerca musica perché è menomata: il DRM non fa vendere la musica. Nessuno dei clienti di iTunes ha comprato musica perché la voleva lucchettata all'iPod e non funzionava sui lettori della concorrenza.

Chi non vuole pagare la musica non fa altro che scaricarla dal P2P, dove è già disponibile gratis senza DRM. Se [una casa discografica] vuole convincere la gente a comprare musica, non può cominciare rendendola peggiore della versione gratuita: per cui è inevitabile che la Universal alla fine assuma quest'atteggiamento. Non vende tracce senza DRM tramite iTunes (dove Apple fa pagare un sovrapprezzo del 30%), ma lo fa tramite i concorrenti di Apple. Però, dato che sono tracce MP3, funzionano in iTunes e sugli iPod, per cui i clienti Apple possono avere brani degli artisti Universal che sono compatibili con i loro iPod a 99 centesimi di dollaro, senza DRM.
Un portavoce di Universal, Peter LoFrumento, ha detto che invece la casa discografica ha escluso Apple dalla vendita per tenerlo come "gruppo di controllo" col quale valutare l'effetto dell'iniziativa sui prezzi, sulla pirateria e sulle vendite. Certo, come no. Molto diplomatico.

9 commenti:

Francesco Sblendorio ha detto...

Il DRM si sta rivelando una spada di Damocle sulle industrie discografiche, e questo non può che essere positivo per i consumatori.

Sheldon Pax ha detto...

Non so, sinceramente l'articolo di BoingBoing mi lascia perplesso.

E' chiaro che la Universal non vuole pagare il balzello ad Apple per vendere la musica attraverso il suo portale, l'articolo però sembra far intendere che i brani senza DRM venduti da Universal siano ingestibili dall'accoppiata iTunes/iPod. Se così fosse si ribalterebbe il problema ma non si risolverebbe (tanto più che basta fare una banale conversione della traccia acquistata), sarebbe l'ennesimo tiro alla fune fine a se stesso

gulp ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
gulp ha detto...

Dall'articolo sembra che se vuoi vendere con DRM devi vendere con Apple.

Significa che solo Apple usa DRM?

Paolo Attivissimo ha detto...

l'articolo però sembra far intendere che i brani senza DRM venduti da Universal siano ingestibili dall'accoppiata iTunes/iPod.

No, sono i brani con DRM di Universal a essere ingestibili. E' detto anche nella citazione di BoingBoing. Comunque adesso chiarisco.

Paolo Attivissimo ha detto...

>Significa che solo Apple usa DRM?

No, anche altri lo usano, ma quello che usano è incompatibile con l'iPod.

Inchiostro Simpatico ha detto...

La sperimentazione durerà 6 mesi.

Universal vuole indebolire iTunes (Apple) per imporre prezzi più alti. La questione tecnica sui DRM è secondaria.

Infatti non darà musica DRM Free ad iTunes ma ai suoi concorrenti (Rhapsody è il primo).

Mio piccolo articolo: http://webtre.blogspot.com/2007/08/universal-music-toglie-i-drm-alla-sua.html

Inchiostro Simpatico ha detto...

Prima il link è troncato...sorry

Mio articolo

Riccardo Campaci ha detto...

In un articolo del Washington post, si parla anche di gBox, che venderà DRM free di Universal.