Cerca nel blog

2011/06/25

Polvere di Luna rubata

L'uomo che toccò per primo la Luna


Avete mai sentito parlare di Terry Slezak? Probabilmente no. Ma è la persona che per prima toccò direttamente il suolo lunare. A mani nude. Nel 1969 stava maneggiando il caricatore di fotografie scattate sulla Luna da Neil Armstrong e Buzz Aldrin quando si trovò le mani sporche di polvere lunare, all'epoca ritenuta potenzialmente patogena. Fu messo in quarantena insieme agli astronauti.

Terry Slezak. Foto NASA S69-40054.

La polvere di Luna rubata di cui si stanno occupando i media in queste ore proviene da lui: ne raccolse un po' usando del nastro adesivo e se la tenne. Per il governo federale, formalmente si tratta di un furto di beni di proprietà governativa, e così quando il pezzo di nastro è stato messo all'asta all'inizio di giugno di quest'anno sono intervenuti gli investigatori della NASA e i funzionari federali USA. Tutta la storia è raccontata qui su Complotti Lunari.

54 commenti:

TizFX ha detto...

Certo che il governo potrebbe essere un po' meno restrittivo visto che si tratta solo di qualche granello.

Avrei capito se questo signore se l'era data a gambe con una cariola!

Giovanni Pili ha detto...

Secondo me non ha commesso nessun furto: la Luna come l'Antartide non appartiene a nessuno, quindi di fatto non ha rubato... non c'è furto senza proprietario, no?

Paolo Attivissimo ha detto...

la Luna come l'Antartide non appartiene a nessuno, quindi di fatto non ha rubato... non c'è furto senza proprietario, no?

La Luna non è formalmente di nessuno, ma se ne raccogli un pezzo, diventa tuo. Quindi se te lo portano via te l'hanno rubato.

Portare sulla Terra 382 kg di rocce è costato al contribuente americano circa 150 miliardi di dollari di oggi. Sono circa 330.000 dollari al grammo.

Giovanni Pili ha detto...

A proposito, mi è venuto in mente che anni fa la NASA si sarebbe messa a vendere lotti lunari, per caso si tratta di una bufala? Nel caso fosse vero, massima solidarietà a Terry Slezak. :D

Giovanni Pili ha detto...

La Luna non è formalmente di nessuno, ma se ne raccogli un pezzo, diventa tuo. Quindi se te lo portano via te l'hanno rubato.

Si mettiamo che mi commissionano di portare tot kg di rocce, chiaro che non posso sottrarne, ma non è questo il caso. Secondo me è eccessivo dargli contro per della polvere, e se ci guadagna vendendola non è la fine del mondo, considerando che comunque un astronauta rischia sempre la vita quando fa le missioni, poi lui si è pigliato pure lo spavento che potesse essere contaminata... confido nella clemenza della corte, e pure della NASA.

Anonimo ha detto...

Rischieranno pure la vita ma fare l'astronauta credo che sia anche una notevole opportunità che bilancia ampiamente i rischi. Se quella polvere appartiene al popolo americano secondo me hanno fatto bene a farsela restituire, anche per dare un segnale di serietà.

Giovanni Pili ha detto...

@Giovanni Rossi
Abbi pazienza, indagare una persona per il suo stesso sporco mi sembra veramente da matti, e lo status che un astronauta si guadagnerebbe (vedi Aldrin che deve sopportare mentre fa la spesa gli insulti dei "giornalisti" complottisti) non è che vale più della sua stessa vita. Non è andato in viaggio premio, se c'è un americano che si sente derubato che vada lui la prossima volta e si faccia il suo stesso addestramento.

Vabbé è un parere personale, per carità.

Stupor Mundi 83 ha detto...

Non è andato in viaggio premio

Non possiamo saperlo e cmq immagino che siano BEN pagati...

Anonimo ha detto...

@ Giovanni Pili

A me gli astronauti sembrano felicissimi del lavoro che fanno pur consci di rischiare la vita. In ogni caso Paolo ci ha ricordato che portare sulla Terra quella che noi chiamiamo "polvere", ma che semplice polvere non è, è costato 330.000 dollari a grammo; mi sembra giusto proteggere l'"investimento", anche per non creare un precedente per il futuro.

Paolo Attivissimo ha detto...

Non possiamo saperlo e cmq immagino che siano BEN pagati...

Immagini male, come del resto fanno in molti perché è naturale. In realtà gli astronauti Apollo ricevettero soltanto la paga militare. Niente di più. E non potevano lucrare sulla loro esperienza, finché erano alla NASA, perché era stata fatta con soldi del governo.

Giovanni Pili ha detto...

@Stupor Mundi 83
Sono pagati il giusto e di certo non sono miliardari. Non so se questo Slezak ha fatto mai missioni spaziali o se aveva altre mansioni nella NASA, probabilmente prendeva anche meno di un astronauta vero e proprio, ma se uno si sporca con della polvere, che furto è? Quello è il discorso che faccio io. Magari una sentenza lo dichiara pure colpevole, ma io per principio trovo che sia comunque eccessivo. Non voglio fare discorsi su quanto pigliano o quanto si guadagna a vendere polvere lunare.

Anonimo ha detto...

E poi dai ragazzi, andare sulla luna! Ma vi rendete conto del valore di un'opportunità del genere? E' una cosa che cambia non una vita, ma milioni di vite! Chi tra quei pochissimi fortunati si sentirebbe autorizzato a tenersi illegalmente della polvere lunare solo perchè scontento dello stipendio o degli insulti dei complottisti?

Giovanni Pili ha detto...

@Giovanni Rossi
Sì, è vero, chi anche solo si fa un giro attorno alla terra è fortunato, tra i più fortunati del mondo. Ma non so quanti sopporterebbero un addestramento come il loro, specialmente nelle condizioni in cui si era negli anni '60. Oggi magari, avendo i soldi un viaggetto turistico sulla Luna me lo farei, ma non vivrei nemmeno un decimo di quello dei rischi che hanno vissuto loro.

P.s
Comunque nei primi commenti do per scontato che Slezak fosse un astronauta, ma non ho capito bene se lo fosse o se magari era addetto ad altri compiti. In ogni caso il principio si estende anche agli astronauti... chi ci andrebbe da Buz Aldrin a dirgli di rendere la polvere con cui si sarebbe sporcato nel '69 sulla Luna? Hai visto come reagisce quando è nervoso ...? :P

Stupor Mundi 83 ha detto...

Immagini male, come del resto fanno in molti perché è naturale. In realtà gli astronauti Apollo ricevettero soltanto la paga militare. Niente di più. E non potevano lucrare sulla loro esperienza, finché erano alla NASA, perché era stata fatta con soldi del governo.

Infatti ho scritto che "immagino" quindi era solo un'impressione... Dunque il loro rischio era considerato come si faceva per un soldato che va in guerra. Non me lo aspettavo: non si finisce mai di imparare.
Ma anche oggi è così o gli astronauti hanno una paga migliore?

che furto è? Quello è il discorso che faccio io. Magari una sentenza lo dichiara pure colpevole, ma io per principio trovo che sia comunque eccessivo.

Posso essere anche d'accordo con te il "giusto" e lo "sbagliato" oggettivi non esistono in questi casi c'è solo la legge (che a volte può essere sbagliata) starà ai giudici interpretarla al meglio.

Stupor Mundi 83 ha detto...

errata corrige: manca un "ma" tra "con te" e "il "giusto""

Anonimo ha detto...

[quote-"Giovanni Pili"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/06/polvere-di-luna-rubata.html#c4377976939807247027"]
@Giovanni Rossi
Comunque nei primi commenti do per scontato che Slezak fosse un astronauta, ma non ho capito bene se lo fosse o se magari era addetto ad altri compiti.
[/quote]
Non era un'astronauta, era un addetto di terra che si è sporcato con la pellicola fotografica che doveva sviluppare, anch'io parlavo in termini generali. Non ho visto Buzz Aldrin, ero rimasto impressionato da un'intervista a Nespoli dopo il suo penultimo viaggio (l'ultimo è stato alquanto tormentato) perchè era la persona più felice della terra, e la cosa non mi stupisce.

Giovanni Pili ha detto...

@Giovanni Rossi
C'era un "giornalista" che andava in giro a intervistare gli astronauti delle missioni Apollo, provocandoli, dando loro dei bugiardi, a Buzz Aldrin disse pure di peggio, che era un vigliacco, ecc. Buzz non era in limousine... stava facendo la spesa al market, quando gli disse tutte quelle cose lo stese con un gancio. Il bello è che poi quel sedicente giornalista chiese al suo camerament se aveva ripreso tutto, perché quel filmato se lo doveva vendere. Lo racconta sempre Paolo nei suoi convegni sul lunacomplottismo. Su youtube dovrebbe esserci il video.

Anonimo ha detto...

Comunque a leggere l'articolo non mi sembra che sia finito sulla sedia elettrica, semplicemente la NASA ha intercettato le polveri prima che si facesse l'ennesima asta e se le è fatte ridare. Mi sembra un approccio equilibrato per delle polveri che valgono pur sempre alcune migliaia di euro.

Giovanni Pili ha detto...

Non vorrei che si inventasse qualcuno la storia, che quella polvere proverebbe che sulla luna non ci siamo mai andati, o chissà quali altre boiate: "perché tutto 'sto casino per della polvere? ci dev'essere un complotto!"

Paolo Attivissimo ha detto...

Non so se questo Slezak ha fatto mai missioni spaziali

Era un fotografo, non un astronauta.


Magari una sentenza lo dichiara pure colpevole, ma io per principio trovo che sia comunque eccessivo

Non è stato incriminato o condannato.

Paolo Attivissimo ha detto...

Ma anche oggi è così o gli astronauti hanno una paga migliore?

Di norma nettamente migliore.

Giovanni Pili ha detto...

@Paolo
Questa polvere più o meno, al grammo, quanto può valere?

Anonimo ha detto...

Questa polvere più o meno, al grammo, quanto può valere?

Ehm, Giovanni, ti inviterei a specificare per benino: polvere del suolo lunare risalente alla missione Apollo 11. Sapendo come funziona la blogosfera, qualcuno è capace di copiaincollare questo dialogo e presentarlo come una contrattazione fra spacciatori. :-)

Paolo Attivissimo ha detto...

Questa polvere più o meno, al grammo, quanto può valere?

È difficile dirlo. Non esiste un prezzo ufficiale, dato che non esiste un mercato ufficiale e anzi la compravendita di questa polvere è illegale. C'è gente disposta a qualunque cifra, a volte. Se leggi un po' dei link che ho citato nell'articolo su Complotti Lunari troverai altri casi di tentata compravendita, con prezzi molto variabili.

TizFX ha detto...

[quote -"Accademia dei Pedanti"]Ehm, Giovanni, ti inviterei a specificare per benino: polvere del suolo lunare risalente alla missione Apollo 11. Sapendo come funziona la blogosfera, qualcuno è capace di copiaincollare questo dialogo e presentarlo come una contrattazione fra spacciatori. :-)[/quote]

Hahaha, ho i crampi :-)

Giovanni Pili ha detto...

Accademia dei pedanti ♂ ha commentato:

Ehm, Giovanni, ti inviterei a specificare per benino: polvere del suolo lunare risalente alla missione Apollo 11. Sapendo come funziona la blogosfera, qualcuno è capace di copiaincollare questo dialogo e presentarlo come una contrattazione fra spacciatori. :-)

LoL

Infatti con 'sti prezzi, come minimo qualche effetto stupefacente deve averlo! :D

Capitan A ha detto...

Terry Slezak...l'uomo che rubò la luna....
bello!!!

Giuseppe ha detto...

[quote-"Paolo Attivissimo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/06/polvere-di-luna-rubata.html#c7754373960258705126"]
Non è stato incriminato o condannato.
[/quote]
Penso che se la NASA avesse provato a incriminare Terry Slezak, oltre al danno d'immagine notevolmente superiore al valore del "furto", si sarebbe invischiata in una controversia legale dall'esito, secondo me, imprevedibile.
Infatti, se è vero che c'è stato un costo per trasportare le rocce sulla luna e questo, in qualche modo ne sancisce un possesso, è anche vero che la polvere nella macchina fotografica, come l'eventuale polvere presente sull'Apollo (ad esempio sulle tute spaziali) non fa parte del trasporto effettivo, ma può essere considerata un residuo alla pari dei residui organici e inorganici presenti sull'Apollo (a meno che la NASA non rivendichi il possesso anche per questi).
Insomma, se Terry Slezak non avesse restituito la polvere lunare e ci fosse stata una causa avrebbe potuto vincerla.
In altre parole, ci sarebbe stato il furto se e solo se il fotografo avesse aperto un recipiente contenente rocce lunari e ne avesse preso il contenuto o una sua parte.
Ovviamente è solo un mio parere basato sul ragionamento e non sulle leggi americane che non conosco

Filippo ha detto...

Bel titolo: mi immaginavo un tizio che si toglieva la tuta solo per toccare il suolo lunare (io lo farei :P)

Curiosa come cosa.... Ma nessuno ha chiesto ai veri proprietari (ovviamente sto parlado dei lunatici abitanti della luna)?

Giovanni Pili ha detto...

Insomma, se Terry Slezak non avesse restituito la polvere lunare e ci fosse stata una causa avrebbe potuto vincerla.
In altre parole, ci sarebbe stato il furto se e solo se il fotografo avesse aperto un recipiente contenente rocce lunari e ne avesse preso il contenuto o una sua parte.


Quoto.

lazarillo de tormes ha detto...

A me ha sconcertato il fatto che lo hanno messo in quarantena. Come potevano pensare che la polvere del suolo lunare fosse "patogena"? Non sapevano già dalle missioni precedenti che si trattava, per dirla in parole povere, di polvere di lava, per di più esposta a raggi cosmici e radiazione solare non filtrata e in condizioni ambientali che rendevano praticamente impossibile l'esistenza di forme di vita? Povero Terry...

Anonimo ha detto...

Per lazarillo de tormes

A me ha sconcertato il fatto che lo hanno messo in quarantena. Come potevano pensare che la polvere del suolo lunare fosse "patogena"? Non sapevano già dalle missioni precedenti che si trattava, per dirla in parole povere, di polvere di lava,

Quali missioni precedenti erano scese sulla superficie lunare?

Paolo Attivissimo ha detto...

Non sapevano già dalle missioni precedenti che si trattava, per dirla in parole povere, di polvere di lava

No, non lo sapevano, perché non c'erano state missioni precedenti che avessero riportato campioni di suolo o li avessero analizzati in loco.

EddyKL ha detto...

[quote-"Paolo Attivissimo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/06/polvere-di-luna-rubata.html#c3756962520718900486"]
Non sapevano già dalle missioni precedenti che si trattava, per dirla in parole povere, di polvere di lava

No, non lo sapevano, perché non c'erano state missioni precedenti che avessero riportato campioni di suolo o li avessero analizzati in loco.
[/quote]


Scusa Paolo ma sulla Luna non c'era gia' una discreta collezione di sonde automatiche dei programmi Luna e Surveyor che avevano raccolto dati per determinare la pericolosita' biologica del suolo?

Anonimo ha detto...

Per EddyKL

Scusa Paolo ma sulla Luna non c'era gia' una discreta collezione di sonde automatiche dei programmi Luna e Surveyor che avevano raccolto dati per determinare la pericolosita' biologica del suolo?

Forse il padrone di casa non è davanti allo schermo, lo anticipo io: il programma Luna era sovietico. Scambiarsi dati e informazioni su questi dettagli durante la guerra fredda sarebbe stato impensabile.
Sul Surveyor, non conosco bene i dettagli.

Paolo Attivissimo ha detto...

ma sulla Luna non c'era gia' una discreta collezione di sonde automatiche dei programmi Luna e Surveyor che avevano raccolto dati per determinare la pericolosita' biologica del suolo?

Dovrei guardare i miei appunti e documenti tecnici, ma non mi risulta che le sonde Luna o Surveyor avessero capacità di analisi biologica del suolo lunare.

Krystal ha detto...

più che altro, non si poteva immaginare che gli agenti patogeni prosperano in presenza di ossigeno...e sulla luna non ce n'è? mettere in quarantena gli astronauti (e anche l'inconsapevole ladro) presupporrebbe ammettere che sparse nell'universo ci sono forme di vita, sotto forma di batteri e/o virus, e questo già di per sè sarebbe la scoperta della storia....da appassionata di astronomia estremamente dilettante questa contraddizione mi ha sempre mandato ai matti!

Paolo Attivissimo ha detto...

non si poteva immaginare che gli agenti patogeni prosperano in presenza di ossigeno...e sulla luna non ce n'è?

Sarebbe stata una visione molto miope della biologia. A parte il fatto che ci sono patogeni che vivono e prosperano senza ossigeno anche sulla Terra, non c'è modo di sapere quali forme di vita esistono là fuori e di cosa hanno bisogno.


mettere in quarantena gli astronauti (e anche l'inconsapevole ladro) presupporrebbe ammettere che sparse nell'universo ci sono forme di vita, sotto forma di batteri e/o virus, e questo già di per sè sarebbe la scoperta della storia

Non significa dichiarare che esistono; significa considerare che potrebbero esistere.

....da appassionata di astronomia estremamente dilettante questa contraddizione mi ha sempre mandato ai matti!

In realtà non c'è nessuna contraddizione. L'ipotesi di forme di vita extraterrestri è considerata con molta serietà nella comunità scientifica. Ma come dicevo, un conto è dire "potrebbero esserci", un altro è dire "ci sono e le ho trovate".

C'è poi chi dice "ci sono, le ho trovate, sono venusiane angeliche e parlano solo con me", ma questa è un'altra storia.

Stupor Mundi 83 ha detto...

C'è poi chi dice "ci sono, le ho trovate, sono venusiane angeliche e parlano solo con me", ma questa è un'altra storia.

C'è chi sostiene anche che i nostri cieli siano oggetto di un intenso traffico di astronavi di decine di civiltà diverse! ROTFL!!!

Krystal ha detto...

grazie mille paolo dei chiarimenti! :D

Orsovolante ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Orsovolante ha detto...

@Paolo
Non era successo che alcuni batteri o virus fossero sopravvissuti dentro una telecamera, malgrado questa sia stata lasciata sulla luna per diverso tempo?
Non ricordo i dettagli.
Tra l'altro mi pare la NASA avesse preso precauzioni anche per evitare che fossero gli astronauti e le attrezzature che venivano portate sulla luna, a portare con se patogeni terrestri.

semplicemente pauL ha detto...

C'è chi sostiene anche che i nostri cieli siano oggetto di un intenso traffico di astronavi di decine di civiltà diverse! ROTFL!!!

intendi queste civiltà? :-D

Paolo Attivissimo ha detto...

Non era successo che alcuni batteri o virus fossero sopravvissuti dentro una telecamera, malgrado questa sia stata lasciata sulla luna per diverso tempo?
Non ricordo i dettagli.


Sì, era un pezzo di una sonda Surveyor riportato sulla Terra dall'Apollo 12. Ma verifiche successive hanno documentato che era contaminazione avvenuta dopo il rientro sulla Terra.

Watkin ha detto...

Qualcuno sa chi è l'uomo seduto a gambe accavallate sinistra?

motogio ha detto...

[quote-"Paolo Attivissimo"-"http://attivissimo.blogspot.com/2011/06/polvere-di-luna-rubata.html#c6192827354983648564"]
Sì, era un pezzo di una sonda Surveyor riportato sulla Terra dall'Apollo 12. Ma verifiche successive hanno documentato che era contaminazione avvenuta dopo il rientro sulla Terra.
[/quote]

Sei sicuro? Secondo questo articolo i batteri erano sopravvissuti dopo aver soggiornato sulla Luna un paio d'anni (31 mesi per la precisione):

Earth microbes on the moon

Vero che l'articolo risale al 1998 ma non ho trovato smentite in merito sul sito della NASA.

Giuseppe ha detto...

Riagganciandomi a motogio, mi ricordo della teoria di Svante Arrhenius secondo cui i batteri, sotto forma di spore, sono in grado di sopravvivere anche nello spazio e per milioni di anni. Quindi, se la teoria è ancora valida, non avrebbero avuto problemi a sopravvivere "solo" un paio d'anni in una telecamera sulla Luna.

Paolo Attivissimo ha detto...

Sei sicuro? Secondo questo articolo i batteri erano sopravvissuti dopo aver soggiornato sulla Luna un paio d'anni (31 mesi per la precisione):

Sì.

Altre info.

Stupidocane ha detto...

@ Watkin

Qualcuno sa chi è l'uomo seduto a gambe accavallate sinistra?

Fabio Testi.

marcov ha detto...

Qualcuno sa chi è l'uomo seduto a gambe accavallate sinistra?

Fabio Testi.


In effetti la somiglianza è forte

Clem ha detto...

Come ci insegna Cave Johnson, la polvere lunare è velenosissima :) http://half-life.wikia.com/wiki/Cave_Johnson

Emanuele Ciriachi ha detto...

ninja'ed! Stavo per fare un commento del tutto equivalente.

Ma anche se e' velenosa, perlomeno e' un eccellente conduttore per portali quantistici. Chiedete a Wheatley.

Anonimo ha detto...

Quando Armstrong ed Aldrin sono rientrati nel LEM si sono tolti le tute e sicuramente c'era della polvere lunare. Non saranno quindi stati loro i primi a "toccare" il suolo lunare?

Paolo Attivissimo ha detto...

Renato616,

è possibile; dovrei andare a prendere i resoconti della missione e vedere se c'è qualche indicazione in merito.
Tuttavia per la prima missione furono prese notevoli precauzioni contro ipotetici effetti tossici della polvere lunare (poi abbandonate), per cui non è detto che ci sia stato contatto.