Cerca nel blog

2014/04/17

No, Facebook NON ha detto che vuole chiudere WhatsApp

No, non è vero che Facebook ha dichiarato che intende staccare la spina a WhatsApp. La bufala è riportata dal Secolo XIX, Il Sole 24 Ore, Repubblica e da altre testate, che l'hanno presa, capendola male e senza alcuna verifica, dal Daily Mail britannico, nota cloaca di qualunque scemenza.

L'ho già detto, ma lo ripeto: prendere notizie informatiche dal Daily Mail è come prendere notizie di ginecologia da una rivista porno. Eppure non è la prima volta che il giornalismo italofono attinge alle panzane di quel giornale e si dimostra incapace di tradurre dalle lingue straniere.

Cari giornalisti italiani, ma è davvero difficile imparare una lezioncina semplice? Qualcosa del tipo NON SI COPIA DAL DAILY MAIL? Ed è davvero difficile imparare un po' d'inglese o chiedere a chi lo sa?

E, come al solito, dov'è l'Ordine dei Giornalisti quando succedono queste cialtronate?

Tutti i dettagli di questa ennesima figuraccia sono su Wittgenstein.it.

10 commenti:

Anonimo ha detto...

Ci è cascato anche SkyTG24 stamattina. Che tristezza il giornalismo italiano.

Roberto ha detto...

[...prendere notizie informatiche dal Daily Mail è come prendere notizie di ginecologia da una rivista porno.]

Ho riso fino a star male!!!!!

Giancarlo Argiolas ha detto...

Ciao!
ho letto questa notizia per la prima volta sulla home di msn.it e, credimi, appena ho letto le parole Daily Mail ho subito sentito la tua voce nella mia testa che urlava di non credere a nulla di quello che stavo per leggere! :D
E' per questo che mi rifiuto di credere alla possibile "leggerezza" nella pubblicazione di una cantonata così fragorosa...

Stupidocane ha detto...

Immagino che anche The Times o The Guardian copino le notizie da Cronaca Vera.

Ah, no. Quelle sono testate serie. Non come le nostre che sono contro il muro per le corbellerie scritte...

Bera ha detto...

Un'altra prova che i nostri giornalisti copiano senza ritegno è sotto gli occhi degli appassionati di calcio. Recentemente diversi giornali italiani riportano "rivelazioni" di Andrea Pirlo tratte da interviste al Daily mail (e ad altre testate inglesi). Ebbene non sono interviste ma stralci tratti dal libro di Andrea Pirlo uscito sul mercato inglese in questi giorni. Il libro era uscito in Italia mesi fa ma nessun giornalista sportivo vi aveva trovato queste "rivelazioni" perchè evidentemente nessun giornalista sportivo italiano si è preso la briga di leggerlo.

Bera ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Andrea ha detto...

Quindi oltre a non controllare i fatti non sanno pure l'inglese a livello elementare tale da distinguere il nome dell'app da altro? Ma se vado io faccio bella figura pur scrivendo da cani almeno capisco quel che copio...ho come il sospetto che ci sia di mezzo il Google translator...(che sia chiaro secondo me non ha colpe dato che è uno strumento utile messo in mano a persone che lo sanno usare, ma messo in mano a certa gente diventa il male informatizzato) non so voi che ne pensate

Marco ha detto...

Ma è da un bel po' che se clicco su un utente nella barra laterale della chat della applicazione di facebook (ho un iphone) si apre facebook messenger.
Un po' come ha fatto google con hangouts.
Non so chi lo abbia fatto prima...
La novità quale dovrebbe essere? L'unica possibilità che vedo è che scompaia anche la barra laterale dei contatti on line nella app facebook? Ma a che pro?

Guastulfo (Giuseppe) ha detto...

Io sono sempre più convinto che ai direttori di testata non importi la veridicità di una notizia ma, piuttosto, la sua "potenzialità in click" unita alla possibilità di poter citare una fonte. Qualsiasi fonte. Così possono sempre dire che non hanno inventato nulla ma hanno solo riportato una notizia.

Così perdono in credibilità? Machissenefrega!
A loro interessano i click: tanti click = tanti soldi

Il Minuziatore ha detto...

L'ordine dei giornalisti? AHAHHAHHAHAH Paolo ho sempre adorato il tuo humor! AHHAAHAHAHHAAHAHH