Cerca nel blog

2014/04/26

Smartphone e anziani, telecamere nascoste di Patti Chiari (RSI La1)

Ieri sera è andata in onda una puntata di Patti Chiari (visibile in streaming) dedicata alle difficiltà di acquisto per gli anziani. Nella puntata, da 34 minuti circa, trovate anche un servizio al quale ho partecipato: due giorni di riprese nascoste, effettuate nei negozi di telefonia, per vedere dal vivo come viene trattato un anziano non esperto di telefonia mobile quando chiede informazioni su uno smartphone. 

I risultati sono molto interessanti: certo, non è facile per i venditori spiegare tutta la rosa di servizi offerti dai telefonini moderni, ma a volte non ci provano neanche, sommergendo l'utente di terminologia tecnica in inglese, senza tenere in considerazione le limitazioni anche fisiche all'utilizzo di uno smartphone legate all'età (calo della vista, riduzione della sensibilità tattile e della precisione di movimento delle dita).

Servono offerte semplici, senza giungle tariffarie, opzioni di roaming, costi di trasmissione dati variabili e mille altre complicazioni, altrimenti rischiamo di tagliare fuori dalla società digitale una fascia di persone importante. Di cui tutti, prima o poi, faremo parte.

Ecco qualche foto presa dietro le quinte: per ovvie ragioni non posso mostrare tutte le tecniche usate per ottenere le immagini nascoste, ma una sbirciatina alle GoPro e alla RED usate per le riprese ve la posso regalare.

La regia mobile. No, non è un furgone-spia dell'NWO.

Una delle innumerevoli GoPro.

Meraviglia golosa: una Red Pro 5.0.

Modularità eccezionale.

Appostati in un bar del centro città con cuffie, cavi e apparecchi d'ogni sorta
e con fare cospiratorio, sembravamo spie. Nessuno ci ha degnato di uno sguardo.

Un gatto supremamente indifferente alle nostre tribolazioni.

9 commenti:

Mauro ha detto...

Non ci freghi: quello è veramente un furgone-spia del NWO, brutto rettiliano che non sei altro ;)

MacLo ha detto...

Mah.. il gatto.. ha già fatto qualcosa in tv..?!

L'economa domestica ha detto...

Immagino il povero anziano che litiga con Siri....
Da "giovane anziana" con difficoltà nei movimenti fini uso molto l'assistente vocale, ma sfido chiunque a trovare un commesso che spieghi ad un acquirente over 60 le funzioni base di questa comodità quando propone un prodotto.

Andrea ha detto...

@maclo lo ho cercato su imdb ma se lo ha fatto era con uno psedonimo o o uncredited ( come cavolo si dice in italiano? tristezza)

Unknown ha detto...

accidenti! una red! ma poi vedere uno zoom per le riprese audio.......la ferrari col motore della 500.......scherzo vviamente,

Bruno ha detto...

confessa la verità..... la gopro era nascosta nel pelo di quel magnifico gatto :-)

Fx ha detto...

Red Pro 5 è il monitor da 5 pollici, il corpo sarà una Scarlet ma è sostanzialmente irrilevante perchè quando vai su quelle soluzioni conta quasi più cosa ci metti attorno (dal punto di vista economico anche parecchie volte di più), e in ogni caso quando dici Red hai detto tutto :) Si scherza mica lì in Svizzera, eh? :D

Infinity ha detto...

A proposito di hardware nascosti :)
Segnalo qui una cosetta che, se dovesse rivelarsi vera, sarebbe la conferma di una delle meno note (e più intriganti) leggende da NERD degli anni '80. :)
http://www.eurogamer.it/articles/2014-04-26-news-videogiochi-ritrovate-le-cartucce-di-e-t-et-per-atari-2600-sotterrate-nel-nuovo-mexico
Che ne pensate? :)

Replicante Cattivo ha detto...

Servono offerte semplici, senza giungle tariffarie, opzioni di roaming, costi di trasmissione dati variabili e mille altre complicazioni, altrimenti rischiamo di tagliare fuori dalla società digitale una fascia di persone importante.

A meno che l'intenzione non sia proprio quella. Ad un negoziante non conviene perdere 20 minuti per tentare di vendere ad un anziano un cellulare da 70 euro, quando nello stesso tempo può servire 2-3 giovani che gli possono far guadagnare almeno il doppio. Se gli anziani non costituiscono un potenziale mercato per la tecnologia, non si concede loro troppa attenzione.
Ovviamente non condivido questo ragionamento, ma temo che sia fin troppo diffuso.

Di cui tutti, prima o poi, faremo parte.

E infatti basta vedere quanta gente, che ha avuto come primo cellulare uno star-tac o un 3310 oggi ne rimpianga la semplicità quando si trova a maneggiare uno smartphone. Nell'epoca digitale, si invecchia molto più in fretta.