Cerca nel blog

2016/06/28

Antibufala: le zone che hanno votato per Brexit sono le stesse della mucca pazza!

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento).

Sta circolando (per esempio su Tumblr) una mappa che mostrerebbe una straordinaria correlazione fra le zone del Regno Unito che hanno votato per uscire dall’Unione Europea e quelle colpite dalla morbo della “mucca pazza” (più propriamente encefalite spongiforme bovina, o bovine spongiform encephalopathyBSE, in inglese) nel 1992.

L’intento, non si sa se serio o faceto, è insinuare che chi ha votato per il Brexit è malato di mente.

Ma la mappa della “mucca pazza” è un falso: è semplicemente una mappa del referendum (questa) con i colori alterati e una data modificata. Come segnala Snopes, le epidemie di BSE colpirono l’intero territorio britannico, e lo fecero dal 1986 (anno della prima diagnosi) in poi per decenni, devastando l’industria della carne nel Regno Unito e anche in altri paesi.


Fonti: EFSA; OIE.

9 commenti:

Tommy the Biker ha detto...

Che poi, se anche la mappa fosse vera... "correlation isn't causation"!

CMT ha detto...

È una cosa talmente palese che se qualcuno ci è cascato ha seri, serissimi problemi O__o

Thhh ha detto...

E non fa male ricordare che le patologie prioniche, anche nella loro forma acquisita, sono letali nel 100% dei casi e con un decorso piuttosto rapido di alcuni mesi - perché purtroppo si trova ancora chi crede fosse una messinscena dei malefici esperti. Corsi e ricorsi.

Mars4ever ha detto...

Come ha già detto qualcuno, anche Bocelli capirebbe che è la stessa immagine resa in bianco e nero. Se io volessi fare una bufala "seria" almeno creerei una mappa con una correlazione buona ma non del 100%!

panduri ha detto...

Per fortuna che gli indiani d'inghilterra non mangiano mucche.
Wikipetia riferisce che gli afrikans sono oltre 2 milioni,
mentre i gruppi etnici indiani sono oltre 3 milioni.
e nei referendum questo è un numero da non sottovalutare.
Il maatman Gandhi ha insegnato agli inglesi che si può vincere
la guerra anche senza armi, basta la forza dei numeri.
Un inavasione "pacifica" è piú devatante di una pompa atomica,
Il numero demografico dovrebbe essere considerato un arma
di distruzione di massa.

Paolo Attivissimo ha detto...

Panduri,

Un inavasione "pacifica" è piú devatante di una pompa atomica

Un dubbio: "pompa atomica" è un errore di battitura o una pratica amorosa particolarmente stimolante?

pgc ha detto...

Proteste come questa confermano quello che dico io: all'inizio sembra tutto facile. Desiderio di vendetta e vari, comprensibili fenomeni emotivi consigliano la linea dura. Poi però arriva quello che ti dice che se sbatti porte in faccia (beninteso: giusto o sbagliato che sia) può costare caro in termini di occupazione e di PIL. Le voci si accumulano, gli animi si raffreddano e si arriva ad un accordo che, si spera, salvi la faccia senza sembrare un tradimento della volontà del popola. Qualcuno ci rimette, qualcun altro magari ci guadagna.

L'idea che si sta facendo strada in UK è paradossalmente quella di accettare la libera circolazione delle persone in cambio di quelle delle merci. E' possibile. Come la Norvegia, che paga una "fee" ma non decide nulla sulle regole del mercato comune non facendo parte dell'EU.

It's complicated. Ci sono tante leggi, tanti organismi e tanti soldi in ballo.

pgc ha detto...

Scusate, il link non funziona:

http://www.repubblica.it/economia/2016/06/30/news/coldiretti_in_piazza_contro_le_sanzioni_russe_ci_sono_costate_600_milioni_-143109002/?ref=HREC1-3

p.s ovviamente in generale sono d'accordo sulla necessità di imporre sanzioni in certi casi. Ma non è di questo che si discute in questo caso. Non c'é stata una guerra, ma solo un contenzioso su alcuni punti.

Armando ha detto...

Il penultimo commento parte dal presupposto che in caso di uscita dell'UK dall'Ue sia proprio il Regno UNito a rimetterci.
Su che basi?
I dati economici grezzi sembrano suggerire il contrario.