skip to main | skip to sidebar
23 commenti

Tanti auguri, Arthur Clarke!

Arthur C. Clarke compie 90 anni oggi, mandiamogli gli auguri


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Il grandissimo scrittore di fantascienza, divulgatore scientifico e inventore del satellite geostazionario festeggia oggi 90 anni.

Se sapete chi è, non ha bisogno di presentazioni; se non sapete chi è, la vostra vita è tristemente incompleta e vi conviene darvi da fare, a partire da 2001: odissea nello spazio, passando per Le guide del tramonto, Incontro con Rama, Terra imperiale, Le fontane del paradiso e tanti altri titoli classici della fantascienza, per non parlare dell'indimenticabile racconto breve I nove miliardi di nomi di Dio. Ma non perdetevi la produzione scientifica di Clarke. Trovate alcuni spunti nella Wikipedia.

Se volete associarvi a me nel mandargli gli auguri, qui c'è il blog apposito che li raccoglie.

Aggiornamento: Clarke su Youtube


Arthur C. Clarke ha registrato pochi giorni fa un messaggio video su Youtube per salutare tutti in occasione del suo compleanno. E' un messaggio al tempo stesso triste, quasi di congedo, perché il peso di novanta orbite intorno al Sole si fa sentire, ma con quella punta di ironia e lucida semplicità che ha sempre contraddistinto i lavori migliori di Clarke.

Lo trovate qui (in inglese). Ho chiesto di ricevere la trascrizione, che tradurrò in italiano appena mi arriva.

Aggiornamento: la trascrizione dei saluti di Clarke



La traduzione in italiano è qui sotto.

Sir Arthur C Clarke: 90th birthday reflections
Text of video address (running time: 9 mins 3 secs) Recorded on 5 December 2007
Available on YouTube at: http://www.youtube.com/watch?v=3qLdeEjdbWE

Hello! This is Arthur Clarke, speaking to you from my home in Colombo, Sri Lanka.

As I approach my 90th birthday, my friends are asking how it feels like, to have completed 90 orbits around the Sun.

Well, I actually don't feel a day older than 89!

Of course, some things remind me that I have indeed qualified as a senior citizen. As Bob Hope once said: "You know you're getting old, when the candles cost more than the cake!"

I’m now perfectly happy to step aside and watch how things evolve. But there's also a sad side to living so long: most of my contemporaries and old friends have already departed. However, they have left behind many fond memories, for me to recall.

I now spend a good part of my day dreaming of times past, present and future. As I try to survive on 15 hours’ sleep a day, I have plenty of time to enjoy vivid dreams. Being completely wheel-chaired doesn't stop my mind from roaming the universe – on the contrary!

In my time I’ve been very fortunate to see many of my dreams come true! Growing up in the 1920s and 1930s, I never expected to see so much happen in the span of a few decades. We 'space cadets' of the British Interplanetary Society spent all our spare time discussing space travel – but we didn’t imagine that it lay in our own near future...

I still can't quite believe that we've just marked the 50th anniversary of the Space Age! We’ve accomplished a great deal in that time, but the 'Golden Age of Space' is only just beginning. After half a century of government-sponsored efforts, we are now witnessing the emergence of commercial space flight.

Over the next 50 years, thousands of people will travel to Earth orbit – and then, to the Moon and beyond. Space travel – and space tourism – will one day become almost as commonplace as flying to exotic destinations on our own planet.

Things are also changing rapidly in many other areas of science and technology. To give just one example, the world's mobile phone coverage recently passed 50 per cent -- or 3.3 billion subscriptions. This was achieved in just a little over a quarter century since the first cellular network was set up. The mobile phone has revolutionized human communications, and is turning humanity into an endlessly chattering global family!

What does this mean for us as a species?

Communication technologies are necessary, but not sufficient, for us humans to get along with each other. This is why we still have many disputes and conflicts in the world. Technology tools help us to gather and disseminate information, but we also need qualities like tolerance and compassion to achieve greater understanding between peoples and nations.

I have great faith in optimism as a guiding principle, if only because it offers us the opportunity of creating a self-fulfilling prophecy. So I hope we've learnt something from the most barbaric century in history – the 20th. I would like to see us overcome our tribal divisions and begin to think and act as if we were one family. That would be real globalisation...

As I complete 90 orbits, I have no regrets and no more personal ambitions. But if I may be allowed just three wishes, they would be these.

Firstly, I would like to see some evidence of extra-terrestrial life. I have always believed that we are not alone in the universe. But we are still waiting for ETs to call us – or give us some kind of a sign. We have no way of guessing when this might happen – I hope sooner rather than later!

Secondly, I would like to see us kick our current addiction to oil, and adopt clean energy sources. For over a decade, I've been monitoring various new energy experiments, but they have yet to produce commercial scale results. Climate change has now added a new sense of urgency. Our civilisation depends on energy, but we can't allow oil and coal to slowly bake our planet...

The third wish is one closer to home. I’ve been living in Sri Lanka for 50 years – and half that time, I’ve been a sad witness to the bitter conflict that divides my adopted country.

I dearly wish to see lasting peace established in Sri Lanka as soon as possible. But I’m aware that peace cannot just be wished -- it requires a great deal of hard work, courage and persistence.

* * * * *

I’m sometimes asked how I would like to be remembered. I’ve had a diverse career as a writer, underwater explorer, space promoter and science populariser. Of all these, I want to be remembered most as a writer – one who entertained readers, and, hopefully, stretched their imagination as well.

I find that another English writer -- who, coincidentally, also spent most of his life in the East -- has expressed it very well. So let me end with these words of Rudyard Kipling:

If I have given you delight
by aught that I have done.
Let me lie quiet in that night
which shall be yours anon;

And for the little, little span
the dead are borne in mind,
seek not to question other than,
the books I leave behind.

This is Arthur Clarke, saying Thank You and Goodbye from Colombo!

The video was produced by Colombo-based production company Video Image (Private) Limited, www.videoimage.tv in collaboration with the non-profit educational media foundation TVE Asia Pacific, www.tveap.org, both of which donated their services to this effort. It is available on YouTube at: http://www.youtube.com/watch?v=3qLdeEjdbWE


Traduzione italiana



Sir Arthur C Clarke: riflessioni del novantesimo compleanno (registrate il 5 dicembre 2007)

Salve! Sono Arthur Clarke e vi parlo dalla mia casa a Colombo, Sri Lanka.

Mentre mi avvicino al mio novantesimo compleanno, i miei amici mi chiedono come ci si sente ad aver completato 90 orbite intorno al Sole.

Be', a dire il vero mi sento esattamente come se ne avessi 89!

Naturalmente alcune cose mi ricordano che in effetti ho maturato lo status di anziano. Come disse Bob Hope, "sai che stai diventando vecchio quando le candeline costano più della torta!"

Sono ora assolutamente contento di farmi da parte e stare a guardare come si evolveranno le cose. Ma c'è anche un aspetto triste nel vivere così a lungo: la maggior parte dei miei contemporanei e dei vecchi amici se n'è già andata. Ma ha lasciato molti ricordi che rievoco con affetto.

Ormai passo buona parte della mia giornata a sognare dei tempi passati, presenti e futuri. Mentre tento di sopravvivere dormendo 15 ore al giorno, ho tempo in abbondanza per godermi sogni molto lucidi. Essere completamente bloccato su una sedia a rotelle non impedisce alla mia mente di vagare per l'universo: anzi, semmai è vero il contrario!

Nel corso della mia vita ho avuto la grande fortuna di vedersi avverare molti dei miei sogni! Crescendo negli anni Venti e Trenta del secolo scorso, non mi sarei mai aspettato di veder accadere così tante cose nell'arco di pochi decenni. Noi "cadetti spaziali" della British Interplanetary Society trascorrevamo tutto il nostro tempo libero a parlare di viaggi spaziali, ma non immaginavamo che ci attendeva nel nostro futuro prossimo...

Ancor oggi faccio fatica a credere che abbiamo appena celebrato il cinquantesimo anniversario dell'Era Spaziale! Abbiamo ottenuto grandissimi risultati nel corso di quel periodo, ma l'"Epoca d'oro dello spazio" è soltanto all'inizio. Dopo mezzo secolo di sforzi finanziati dai governi, stiamo ora assistendo all'emergere del volo spaziale commerciale.

Nel corso dei prossimi cinquant'anni, migliaia di persone viaggeranno fino all'orbita terrestre, e da lì fino alla Luna e oltre. I viaggi spaziali e il turismo spaziale un giorno diverranno quasi comuni come volare verso località esotiche del nostro pianeta.

Le cose stanno cambiando rapidamente anche in molti altri settori della scienza e della tecnologia. Per fare soltanto un esempio, la copertura mondiale dei telefoni cellulari ha da poco superato il 50%: vale a dire 3,3 miliardi di abbonamenti. Questo traguardo è stato raggiunto in poco più di un quarto di secolo da quando fu attivata la prima rete cellulare. Il telefonino ha rivoluzionato le comunicazioni umane e sta trasformando l'umanità in una famiglia globale che chiacchiera ininterrottamente!

Che cosa comporta tutto questo per noi, come specie?

Le tecnologie di comunicazione sono necessarie, ma non sufficienti, affinché noi umani possiamo andare d'accordo l'uno con l'altro. E' per questo che abbiamo tuttora tante dispute e tanti conflitti nel mondo. Gli strumenti della tecnologia ci aiutano a raccogliere e disseminare informazioni, ma ci servono anche qualità come la tolleranza e la compassione per raggiungere una maggiore comprensione fra popoli e fra nazioni.

Ho fede nell'ottimismo come principio guida, se non altro perché ci offre l'occasione di creare una profezia che si autoavvera. Per cui spero che abbiamo imparato qualcosa dal secolo più barbaro della storia: il ventesimo. Vorrei vederci superare le nostre divisioni tribali e cominciare a pensare ed agire come se fossimo un'unica famiglia. Quella sarebbe vera globalizzazione...

Nel completare 90 orbite, non ho rimpianti e non ho più ambizioni personali. Ma se mi fossero consentiti tre soli desideri, sarebbero questi.

Prima di tutto, vorrei vedere qualche prova di vita extraterrestre. Ho sempre pensato che non siamo soli nell'universo. Ma stiamo ancora aspettando che gli E.T. ci chiamino o ci diano qualche segno. Non abbiamo modo di indovinare quando questo potrebbe succedere: spero avvenga presto piuttosto che tardi!

In secondo luogo, vorrei vederci rinunciare alla nostra attuale dipendenza patologica dal petrolio e adottare fonti d'energia pulita. Da oltre un decennio seguo vari esperimenti sulle nuove energie, ma non hanno ancora prodotto risultati su scala commerciale. Il cambiamento del clima ha ora aggiunto una nuova sensazione d'urgenza. La nostra civiltà dipende dall'energia, ma non possiamo permettere al petrolio e al carbone di arrostire lentamente il nostro pianeta...

Il terzo desiderio è più vicino a casa mia. Vivo nello Sri Lanka da cinquant'anni, e per metà di quel periodo sono stato triste testimone di un conflitto amaro che divide il mio paese d'adozione.

Desidero fortemente di vedere lo stabilirsi di una pace duratura nello Sri Lanka il più presto possibile. Ma sono consapevole che la pace non può essere semplicemente desiderata: richiede tanto lavoro duro, coraggio e tenacia.

****

A volte mi chiedono come vorrei essere ricordato. Ho avuto una carriera molto varia come scrittore, esploratore subacqueo, promotore dello spazio e divulgatore scientifico. Di tutti questi ruoli, vorrei essere ricordato maggiormente come scrittore: come qualcuno che ha intrattenuto i propri lettori e, spero, ha anche ampliato i confini della loro immaginazione.

Trovo che un altro autore inglese, che per coincidenza ha trascorso come me la maggior parte della propria vita in Oriente, ha espresso molto bene questo concetto. Per cui permettetemi di concludere con queste parole di Rudyard Kipling:

Se vi ho dato diletto
con alcuna cosa che ho fatto,
lasciatemi giacere silente nella notte
che presto sarà solo vostra;

E per quel breve, breve tempo
per il quale i morti sono tenuti nel ricordo,
non cercate d'interrogarvi su altro
che i libri che lascio dietro di me.

Qui è Arthur Clarke, che vi dice grazie e arrivederci da Colombo!
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (23)
cosa vuol dire "inventore del satellite geostazionario"

lasciala ai giornali tradizionali questa superficiale maniera di comunicare le notizie scientifiche

;-)
Forse intende l'ascensore orbitale di "Le fontane del Paradiso" ?
Mi associo agli Auguri!
Ho letto tutti e 4 i romanzi di Odissea dello Spazio e altri racconti..amo la fantascienza!
Insieme ad Asimov,Frank Herbert e P.k.Dick, Clarke è tra i miei preferiti!
Non vedo perché protestare circa questo genere di post. Sono sempre graditi, e se qualcuno considera così scontate certe informazioni qualcun altro (io ad esempio) è ben felice di aver avuto un altro spunto da approfondire.
Ben vengano dunque queste "notizie scientifiche".
Auguri Arthur!!
ciao
Auguri ad Arthur e complimenti per il blog.
se ti va passa dal mio

http://ilviaggiodelmaltese.blogspot.com
cosa vuol dire "inventore del satellite geostazionario"

Vuol dire che Clarke scrisse l'articolo "Extra-Terrestrial Relays — Can Rocket Stations Give Worldwide Radio Coverage?" nel 1945, e vi descrisse l'idea di utilizzare l'orbita il cui periodo coincideva con quello della rotazione terrestre in modo da ottenere un satellite apparentemente immobile rispetto alla superficie terrestre.

Non per nulla l'orbita geostazionaria si chiama Fascia di Clarke.

Certo Oberth ne aveva parlato negli anni Venti, se non ricordo male, ma nessuno se lo filò.

Chiedo scusa se ti sono sembrato superficiale.
C.
ma no paolo stavo semischerzando...
solo ho pensato che nessuno "inventa" un'automobile, figuriamoci un satellite!

Mentre semplicemente dare per primi l'idea di un satellite il cui periodo orbitale fosse di un giorno mi sembrava troppo poco per dire "inventare" un satellite
;-)
non volevo certo offenderti!!
ti offendo adesso

NON MI PIACE star trek
NON MI PIACE star trek

Nessun problema. Nonna Kate (Mulgrew) mi dice che posso vivere serenamente lo stesso.
E io che ancora non ho capito cosa fossero i monoliti neri.
Mandato auguri.

Devo dire che ero adolescente quando lessi INCONTRO CON RAMA (lo lessi dalal collana Urania che allora collezionavo)......

...e qualche mese fa (a sistanta di 25 anni) invece ho scoperto (e letto) i due seguiti RAMA II e I giardini di Rama.

Rama II mi ha entusiasmato, i Giardini mi hanno lasciato un po l'amaro in bocca per il finale.

Ma mi hanno fatto nuovamente sognare avventure oltre la nostra stratosfera come piu' di 20 annio fa.

Grazie Sir Clarke.
Ivo - Modena
Paolo, «C.».
E io che ancora non ho capito cosa fossero i monoliti neri.
Perchè non li hai toccati... allora avresti capito tutto.

Devo ammettere che non ho letto molto di Clarke, io ero più un grande fan di Asimov e Bradbury, ma i pochi libri suoi che ho letto mi sono piaciuti. Sempre piaciuta la fantascienza...
Auguri a Sir Arthur!
(anche se in effetti scritta così sembra re Artù...)
Auguri fatti :D

@exodus68: grazie della dritta, ora vedo di andare il libreria. :D

Saluti
Hanmar
Vivendo in Italia, sono talmente abituato a sentir dire alla gente famosa sempre e solo vaccate e bugie, che rimango positivamente stupefatto da questo discorso di Arthur Clarke.
Sembra un testamento, ma e' pieno di parole sagge.
Per chi cerca chiarimenti sui monoliti. Posso dirvi che dopo aver letto queste tre paginate, sono tornato a rivedermi il film, della serie "Ah, ma così era da intendersi?"

Leggendo il testamento di Clarke, mi chiedo: sicuri che "migliaia" di persone potranno, in futuro, accedere all'orbita terrestre? Ho paura che tra un poco non avremo più propellente neanche per gli accendini...

Ultima considerazione: Clarke parla di "vari esperimenti sulle nuove energie": per chi non lo sapesse, sta parlando (anche) di fusione fredda. La sua posizione è uno dei motivi che mi ha sempre spinto a non considerarla una bufala tout-court, vista anche la mole di articoli scientifici o almeno redatti seriamente.
Ah, forse un modo per avere migliaia di persone in orbita con poca spesa esiste. Anche questa è un'idea di Clarke.
> [..] perché il peso di novanta orbite intorno al Sole si fa sentire [...]

Occhio, Paolo. Sul fatto che un anno corrisponda a un'orbita della Terra attorno al Sole qualche complottista potrebbe avere da ridire... :-)
Ieri è scomparso.
Addio, sig. Clarke.
Ieri è scomparso.
Addio, sig. Clarke.
bye A.C.C.

:-((

sono commosso dal suo discorso per quello che posso valutare.

magari non e' morto e' "... tornato a casa..." insieme a tanti altri

ciao, leo