skip to main | skip to sidebar
17 commenti

Antibufala: annunciato il primo film per adulti girato nello spazio

Moltissime testate hanno pubblicato la notizia secondo la quale un noto sito a luci rosse avrebbe intenzione di avviare una raccolta di fondi per girare un film per adulti nello spazio.

Si tratterebbe di una prima assoluta e di un “esperimento per comprendere come funzionano i rapporti” in assenza di peso, ma purtroppo le testate giornalistiche hanno abboccato all'ennesima trovata di marketing virale.

Infatti basta guardare l'esiguità della cifra da raccogliere (3,4 milioni di dollari) per rendersi conto che è assolutamente insufficiente a finanziare una vera missione spaziale, considerato che oggi portare un singolo astronauta nello spazio costa 60 milioni di dollari (tramite Roscosmos, l'ente spaziale russo che in questo momento è l'unico dotato di veicoli abilitati al trasporto in orbita di equipaggi) e che qui si tratterebbe di portare due attori più i tecnici di ripresa. Per non parlare del fatto che non c'è nessun accordo, nemmeno preliminare, fra il sito in questione e l'agenzia spaziale russa o altri operatori che nei prossimi anni offriranno voli spaziali orbitali o suborbitali con equipaggi.

Nonostante l'assurdità piuttosto evidente del progetto, parecchie persone hanno aderito alla raccolta di fondi, fatta tramite Indiegogo: al momento in cui scrivo sono stati raccolti circa 52.000 dollari da parte di 1163 partecipanti. Cinque di loro hanno scucito ben 500 dollari ciascuno. Va notato che la raccolta usa il modello del fixed funding, per cui se non viene raggiunta la cifra richiesta i soldi vengono restituiti ai finanziatori.

Insomma, gli ingredienti di un'astuta trovata pubblicitaria a costo zero ci sono tutti. Peccato che molti giornali abbiano abboccato all'amo, regalando promozione gratuita al sito a luci rosse. Per chi volesse invece approfondire seriamente la questione delle attività intime nello spazio, consiglio il libro Bonk di Mary Roach, che ha intervistato medici, specialisti e astronauti sull'argomento: vi farà passare ogni appetito di questo genere.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (17)
Ciao Paolo,
riguardo al libro Bonk non è chiaro se l'appetito passerà perché la cosa è disgustosa o perché si rimane soddisfatti ed appagati.
Janez,

va a gusti. Una cosa non esclude l'altra :-)
https://en.wikipedia.org/wiki/2suit

Scopro solo ora che l'anno scorso ci ha lasciati. :(
Può essere come dici tu, oppure potrebbe essere che vogliano usare uno di quegli aerei che fa la classica caduta parabolica che simula l'assenza di gravità.

Girare 30-40 secondi di video alla volta, montare il tutto in una scena di 8-10 minuti credo sia fattibile. Poi addobbi l'aereo a mo' di ISS, ci metti 2 "simil" tute spaziali, aggiungi 40-50 minuti di scene a terra (prevolo e dopo rientro) e il film è fatto.

Ovvio che non avrebbe alcuna rilevanza scientifica (e dubito che un sito a luci rosse abbia ambizioni scientifiche), ma sarebbe una "prima volta" e qualcosa venderebbe. 3,4 milioni in questo caso mi sembrano un budget realistico.

Poi vero che articoli e promesse sostengono altro, ma quello è marketing.
Roby10,

potrebbe essere che vogliano usare uno di quegli aerei che fa la classica caduta parabolica che simula l'assenza di gravità

Prima di tutto è assenza di peso, non di gravità. Comunque no: il loro video promozionale parla proprio di "orbite" e di "spazio".

E se anche fosse, un film porno con (almeno una) scena in volo parabolico a zero g è già stato fatto anni fa, per cui non sarebbe affatto una novità.
Parlando di questo argomento, l'espressiine "montare il tutto" assume un significato simpatico...
usare uno di quegli aerei che fa la classica caduta parabolica che simula l'assenza di gravità

Secondo me per provare l'assenza di gravità o di peso che dir si voglia, basta andare in metrò e aspettare che freni. XD

ps: qualcun altro ha problemi ad inserire commenti con firefox (38.0.1)? sembra che non mi riconosca il log-in.
Paolo: al di là del porno, tu ti sei fatto un'idea sulle voci che girano circa astronauti che avrebbero sperimentato il sesso in microgravità? I nomi che girano sono molteplici.

In ogni caso i principali limiti della cosa credo siano piuttosto intuibili. Potrebbe essere interessante per i preliminari, frustrante per le fasi successive.
Fx,

tu ti sei fatto un'idea sulle voci che girano circa astronauti che avrebbero sperimentato il sesso in microgravità? I nomi che girano sono molteplici.

Sì, ma sono soltanto congetture. Di prove non ce ne sono, per cui non ne parlo.


In ogni caso i principali limiti della cosa credo siano piuttosto intuibili. Potrebbe essere interessante per i preliminari, frustrante per le fasi successive.

Non necessariamente. Se consideri che c'è chi fa amplessi usando corde e altri accessori per appendersi, e chi li fa sott'acqua, ossia in due situazioni molto simili all'assenza di peso, è solo questione di tecnica. Gli altri problemi (sudore e altri fluidi che non cadono ma fluttuano, accumulo di calore a causa della mancanza di convezione, ecc.) sono già stati risolti a bordo della ISS per consentire agli astronauti di fare ginnastica.
(Paolo, se va spostato nella sezione per adulti fai pure :) )

Tempo fa negli ambienti alpinistici, ma forse soprattutto in quelli del "famolo strano" alla Carlo Verdone di qualche decennio fa, circolava un breve film di due che avevano un rapporto sessuale appesi ad una corda (a due corde). Costoro, gente che a quanto sembrava avevano una discreta dimestichezza con le attrezzature alpinistiche, si calavano giù da un precipizio e riuscivano ad avere un amplesso "completo" nel vuoto, senza alcun contatto con la roccia.

Il film non lo metto, ma Verdone si:

[vid]https://www.youtube.com/watch?v=-5NUA709xC0[/vid]

p.s. Poveracci: manco ci avevano Spotify...
Paolo: puoi renderci partecipi delle congetture. L'importante è dire il peccato e non il peccatore :)

Se consideri che c'è chi fa amplessi usando corde e altri accessori per appendersi, e chi li fa sott'acqua: forse la mia valutazione è influenzata dalla non appartenenza a queste due categorie :D in ogni caso non ho detto che sia impossibile, io stesso non avessi alternativa son sicuro che in qualche modo farei, dico solo che me lo prospetto come esperienza frustrante. Così come non dico che sarebbe impossibile avere un amplesso in cordata, sott'acqua, a testa in giù o in equilibrio su una fune; sono comunque situazioni particolari in cui le meccaniche classiche passano in secondo piano anche perché chi le pratica trae piacere dalla situazione stessa più che dall'aspetto meramente carnale.

Purtroppo il principio di azione reazione gioca a sfavore... devi preoccuparti di compensare ogni spinta che dai per evitare che il tuo partner voli via o semplicemente si allontani. Ripeto, ho solo un termine per questo: "frustrante" :D
ps: qualcun altro ha problemi ad inserire commenti con firefox (38.0.1)? sembra che non mi riconosca il log-in.

Io, e almeno da un mesetto. Devo commentare con Chrome.
Però con quello c'è il giochetto che il commento si cancella se fai il log-in e devi salvarlo prima.
Che vita di stenti e privazioni (cit.).
Io, e almeno da un mesetto. Devo commentare con Chrome.
Però con quello c'è il giochetto che il commento si cancella se fai il log-in e devi salvarlo prima.


Storia identica alla mia, anche se io tampono con qupzilla e non con chrome.
Caro Paolo solo per aggiungere che c'è un recente libro di Mary Roach che tratta specificamente di vita nel vuoto ("Packing for Mars: The Curious Science of Life in the Void") .
"Bonk" è invece tradotto in italiano da nota casa editrice torinese con il titolo" Godere" (sic!)
Fx,

l'argomento è più vasto di quanto io possa riassumerlo qui, ma la sintesi è questa: c'è chi si astiene, c'è chi risolve con il fai da te, e c'è chi probabilmente ha risolto in coppia, esattamente come in molti altri ambienti fortemente isolati (carceri, avamposti esplorativi polari, eccetera). In quanto agli aspetti meccanico-copulativi, sembra che sia fondamentalmente una questione di tecnica da imparare. Per esempio, come in ogni attività di propulsione spaziale, molto dipende dalla direzione e dall'intensità della spinta, che vanno dosate diversamente da un ambiente a 1 g e che vanno gestite predisponendo dei vincoli che permettano la corretta distribuzione delle forze.
Paolo che fa il tecnico in materia di sesso nello spazio mi spacca... :D
Paolo: al pari di Stupidocane sono divertito anch'io dall'esposizione asciutta e tecnica :D Nel merito del post: a) grazie per la risposta, quindi senza dire il peccatore (anzi, i peccatori) e senza averne certezza, sembra che ci siano un paio di persone che detengono un primato che non verrà mai riconosciuto =) b) ok la tecnica da imparare, i vincoli e la corretta distribuzione delle forze, ma - sarò più esplicito così magari ci intendiamo - nei frangenti di maggior concitamento, in certe posizioni scivolo già su un tradizionalissimo letto con una tradizionalissima gravità a 1g, quindi l'unica cosa che mi interessa della tecnica a 0g sono i vincoli, mi potrebbero far comodo nel mio letto. :D