skip to main | skip to sidebar
13 commenti

Antibufala: le margherite mutanti di Fukushima

Grande inquietudine in Rete per una fotografia, quella mostrata qui accanto, che sta circolando nei social network e viene ripresa da molti siti d'informazione senza alcuna verifica di base.

L'immagine mostra delle margherite apparentemente deformi, nelle quali il fiore si è sdoppiato in vari modi, e il testo che l'accompagna racconta che si tratta dei drammatici risultati del disastro nucleare avvenuto a Fukushima nel 2011 in seguito allo tsunami che colpì il Giappone.

Ma il sito antibufala Snopes.com ha verificato i fatti: la foto mostra davvero delle margherite fotografate dall'utente Twitter @San_kaido ed è stata pubblicata il 27 maggio scorso. Risulta inoltre che la foto è stata effettivamente scattata in Giappone, nella zona di Nasushiobara. Ma a l'idea che la forma insolita delle margherite sia dovuta alle radiazioni è soltanto una congettura dell'utente e non è supportata da alcuna prova.

Per contro esiste un fenomeno naturale, chiamato fasciazione, che produce gli stessi effetti, come documentato da varie fotografie scattate in luoghi ben lontani da Fukushima e da altri incidenti nucleari, per esempio in Olanda o nell'Idaho.

In altre parole, anche se l'incidente di Fukushima ha certamente avuto effetti sulla vegetazione nella zona, questa fotografia non dimostra affatto che quelle margherite sono mutate a causa delle radiazioni. Diffonderla senza questa precisazione serve solo ad alimentare inutilmente l'angoscia nelle persone.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (13)
Giusta precisazione. Bisogna vedere se era un caso isolato. Per esempio, in mezzo al trifoglio (sia quello vero e proprio o nelle specie di oxalis che sono normalmente a tre foglie) qualche volta si più trovare un quadrifoglio. Nel 1986, nelle zone italiane che furono più contaminate da Chernobyl, i quadrifogli divennero comuni e non era difficile trovare perfino pentafogli. Come me, chi li aveva nei giardini o nei vasi se li ricorda ancora.
Mah, che attorno a Chernobyl i vegetali deformi siano relativamente frequenti è un dato acquisito da tempo. Per cui la foto, anche se dovesse essere verificata (per il momento non lo è, vedo), non aggiungerebbe niente a ciò che si sa già.
D'accordo che esiste il fenomeno della fasciazione, ma come giustamente hanno detto gli altri utenti, occorre vedere con quanta frequenza accade "naturalmente" e con quanta frequenza accade nelle zone attorno a Fukushima. Se la frequenza è molto più alta del normale, è legittimo pensare che sia associata ad una causa non "naturale". Per cui, se una margherita anomala non fa Fukushima, TANTE margherite anomale lo fanno...
In ogni caso, penso che l'utilità di queste immagini sia nel sensibilizzare la gente, molto più di tante parole, rispetto ai rischi delle radiazioni (e dell'inquinamento: ricordo una foto di un numero altissimo di fiori mostruosi fotografati intorno a un pozzo, in cui venne rilevato un inquinamento da cromo e altre porcherie, in una zona vicino a Marghera, se non sbaglio)
A parte il fatto che mia madre è riuscita persino a trovare gli esa-foglie (trifogli a 6 foglie), da anni a Fukushima fanno analisi e dicono le percentuali di isotopi radioattivi presenti nel latte delle mucche nel raggio di 60 km dal disastro.
Sembra che le mucche mangiando le piante che raccolgono gli isotopi radioattivi siano un bel centro di accumulo. Oltre certi limiti gli allevatori sono stati costretti a disperdere nell'ambiente il latte...

Per disastri come quello di Tomsk 7 o credo Karachay (dove c'era il lago talmente contaminato da morire se si sostava per 15 minuti sulle rive) non fecero nemmeno questo, lasciando che la popolazione vivesse a tutt'oggi nelle aree contaminate.
SE anche fosse un fenomeno dovuto alle radiazioni, nulla di strano: sono almeno trent'anni che mangiamo varietà ottenute per irradiazione nucleare, è il metodo usato quando non si possono fare gli OGM causa leggi locali (es.italiane).
http://bressanini-lescienze.blogautore.espresso.repubblica.it/2008/09/29/radiazioni-nucleari-nell%E2%80%99orto/
Dunque...
La fasciazione (chiamata anche crestazione o piu' genericamente lusus, questo nome accomuna tutte le "mostruosita'"vegetali) e' un fenomeno naturale.
Ricordo la foto di un saguaro con un "braccio" fasciato (non vi mettere a ridere...) in pieno deserto.
Ho personalmente visto recentemente degli Echium, all'isola d'Elba, con il fusto fasciato che sembrava una pala. Per di piu' con i fiori sul fusto.

Questo fenomeno e' sfruttato per mettere in commercio queste "mostruosita'".
Quando vedete una pianta (usualmente dei cactus) con volute e convolute tanto da essere chiamata "cervello" e' una pianta fasciata.

Il fenomeno puo' essere anche temporaneo. Cosi' abbiamo una pianta cha alterna parte fasciate che hanno generano parti normali. (Monvillea spegazzini e' la piu' nota... e la piu' in vendita)


I mie 2 eurocent

Ermanno
Credo che questo tipo di anomalie sia associato a contaminazione da metalli pesanti, tipo cromo esavalente.
X HotHello
Potrebbe essere. Pero’, il classico uovo rotto nel paniere ;-). la fasciazione puo’ regredire e tutto torna normale
La pianta fasciata, puo’ defasciarsi, mentre altre parti continuano a crescere fasciate.
C’e” un articolo interessante sul New York Times Scienza che assimila le fasciazione al tumore, anzi "simile al tumore".
Pero’ sulla foto, in cima all’articolo, di un Saguaro (almeno mi sembra) cha ha un ramo fasciato (splendido nela sua mostrosuita’) che ritorna nella forma normale. (in basso a destra della mostruosita’). La URL e’ enorme. Spero funzioni.
http://www.nytimes.com/2015/07/28/science/cellular-cheaters-give-rise-to-cancer.html?partner=rss&emc=rss&smid=tw-nytimesscience&_r=0
A me preoccupano molto di più i milioni di metri cubi di acqua stoccani nei silos adiancenti la centrale di fukushima che continuano a moltiplicarsi come funghi. Basta farcisi un giretto tramite google maps per comprendere l'enormità della cosa. Non sono piú al sicuro della centrale in caso di tsunami... Anzi... È vero il contrario... Il problema foto autentica o meno, se autentica conseguenza di fukushima o meno messa di frote all'entità della catastrofe nucleare verificatasi conta meno di zero.
BBC win
https://www.youtube.com/watch?t=241&v=TG-nwQBBfmc
X gc:
stavamo discutendo del fenomeno della fasciazione, come si vede nella foto all’inizio di questo blog.
Il disastro di Fukushima ha provocato malformazioni permanenti e trasferibili per via genetica.
La fasciazione, no.
Non sopporto che si risponda ad una cosa (fasciazione) con un’altra (disastro di Fukushima), anche se, anzi .. e’ proprio un fatto vero. (AKA Off topic).
E il fatto d irispondere con un fatto vero e incontrovertibile , ma che non c’entra niente, mi da ai nervi.

Con questo me ne torno al mio “maniero logico” e tolgo il disturbo.

Ermanno

(O,o)

ma X Gc sarebbe riferito a me?!
comunque calmino. Io ho solo cercato di suggerire che:
1) a Tchernobyll si sono preoccupati di studiare il problema
2) in molti altri casi se ne sono altamente infischiati e di certi inidenti nucleari non se ne sà niente tutt'oggi
3) se la bufala è che a fukushima l radiazioni provocano mutazioni e si mostra una foto di una pianta con fasciazione, allora forse sarebbero da citare le campagne di monitoraggio realmente eseguite, che prendono in considerazione il latte ed i contaminati che vi si trovano (poichè le mucche mangiano quintali di erba su cui piove acqua che raccoglie la radioattività nell'aria/area) e non le margherite fasciate.

Poi non so perchè questa voce ora è mutata ed ora nei blog trovi scritto che sarebbe stato GreenPeace a fotografare la margherita. Mutano pure le notizie (^_^)'''
Caro Paolo,

Penso ti farà piacere sapere che ancora oggi (20/8/2015) sul sito di Repubblica trovo pubblicate le foto delle margherite mutanti (http://www.repubblica.it/ambiente/2015/07/23/foto/fukushima_margherite_mutazione_centrale_nucleare-119664613/1/#1).

Nella descrizione delle foto si spiega che si tratta della fasciazione, ma il titolo è comunque sinistro ("Fukushima, margherite mutanti a 100 km dalla centrale") e tale da indurre dubbi.

Da taggare come giornalismo spazzatura, mi sa.

Comunque, complimenti per il tuo lavoro di debunker e di informazione. Il disinformatico su RSI e i tuoi pezzi su Le Scienze sono interessanti e ben scritti.

Peccato che siate in così pochi a fare buon giornalismo e buona informazione. Ho anche avuto modo di apprezzare le relazioni con il CICAP etc. Bravi!

TK