Cerca nel blog

2011/01/15

Disinformatico radio di ieri (2011/01/14)

Nella puntata del Disinformatico radiofonico di ieri, scaricabile temporaneamente qui, ho parlato della violazione del sistema anticopia del neonato Mac App Store, del risarcimento di 34 milioni di euro pagato dalle case discografiche per violazione del copyright, del Morbo di Morgellons, delle tecniche per trovare webcam inavvertitamente pubblicate in Rete e del cavallo di Troia contenuto in una presentazione PowerPoint sul Kamasutra. I link portano agli articoli che ho scritto a supporto della trasmissione.

31 commenti:

Anonimo ha detto...

Complimenti per la trasmissione! Seguo il podcast settimanalmente! Ma la trasmissione del Mistero in svizzera la conoscono? Non credevo che ne avresti parlato essendo un programma fondamentalmente di una radio svizzera...

mogio ha detto...

@mylifeaccordingtome2

In Ticino e in alcune valli dei Grigioni si parla italiano e inoltre in Svizzera risiedono ca 300.000 italiani.

Sì, si seguono i programmi televisivi italiani.

;)

Anonimo ha detto...

Ciao Paolo, complimenti anche da parte mia. :D Anche se non ha nulla a che vedere con il post, ti segnalo sto link (che probabilmente già conosci): http://rrauction.com/ , penso ci sia parecchia roba per cui sbavare. ;)

Paolo Attivissimo ha detto...

Ma la trasmissione del Mistero in svizzera la conoscono?

Certamente. I canali italiani sono ricevibili via cavo e quasi tutti hanno la TV via cavo.

Anonimo ha detto...

Un errore qui sul weblog: innavvertitamente pubblicate in Rete;

Due errori nell'articolo sul Morgellons: L'idea non è nuova: fu segnalata Popular Mechanics cinque anni fa; nuovo nome assegnato una patologia.

Stupidocane ha detto...

Piccolo refuso nell'articolo morgelloso su Rete Tre.

La tesi è di sicuro impatto visivo e abbastanza impressionante, ma non sta in piedi per alcune ragioni piuttosto semplice

AmedeoS ha detto...

Ciao Paolo volevo segnalarti un errore commesso durante il servizio sui risarcimenti antipirateria: Chet Baker è morto nel 1988!
Per il resto ti seguo fedelmente, complimenti per il tuo lavoro!

Roberto ha detto...

Premetto che non ho ancora ascoltato il podcast e quindi potrei scrivere cose già dette ma in merito all'App Store il buco non mi pare del software di Apple ma di chi ha sviluppato le singole applicazioni, tanté che Apple ha rilasciato un documento col quale invita gli sviluppatori ad adottare le pratiche di sicurezza già previste per impedire l'utilizzo illecito del software. Vero che Apple potrebbe impedire la pubblicazione di programmi non adeguatamente protetti, ma se questa fosse proprio l'intenzione degli sviluppatori? Non è la prima volta che la pirateria genera alla lunga il successo di un software e lo fa diventare uno standard de facto.

Paolo Attivissimo ha detto...

Refusi sistemati, grazie!

Paolo Attivissimo ha detto...

Chet Baker è morto nel 1988!

Vero. Mi è sfuggito un "dagli eredi", come avevo scritto nel 2009:

http://tinyurl.com/yfxydnd

Ho corretto, grazie!

Il Lupo della Luna ha detto...

@Roberto: si, ma qui si tratta di un sistema di distribuzione delle applicazioni pensato, tra le altre cose, proprio per evitare la pirateria. Poi sappiamo benissimo che tutti i sistemi anticopia sono aggirabili, basta che ci si impegni.

Vanny e Marco ha detto...

Il Mac App Store attualmente non è bucato.

Alcuni sviluppatori non hanno seguito le linee guida antipirateria. Tutto qui.

Sarebbe il caso di segnalarlo nell'articolo per evitare "disinformazione". Sembra infatti dall'articolo che qualsiasi applicazione sia aggirabile.

Non è così.

Unknown ha detto...

Paolo,

riguardo la violazione di copyright dalle case discografiche, in questo post la cifra da pagare risulta 34M di euro, mentre nel link risulta 34M di franchi.

Visto che la cifra è 45M di dollari canadesi, facendo qualche conversione a me risulta che corrisponde a 34M di euro, ma 43M di franchi.

Sto sbagliando qualcosa?

Paolo Attivissimo ha detto...

Sto sbagliando qualcosa?

No, anzi: grazie della correzione. Ho sistemato subito l'articolo.

richard77 ha detto...

OT: per chi interessa, Tom Bosco e Pattera sono il 6 febbraio a Monastier di Treviso (titolo: "Scie Chimiche, le verità nascoste, le prove inconfutabili, i danni alla salute")

Stupidocane ha detto...

Si va?

Anonimo ha detto...

Per StupidoKoala

Si va?

Ti ricordo che l'ultima volta che si è svolto un incontro più o meno sulla stessa falsariga, Paolo Attivissimo, che ci è andato, ha dichiarato che è un'esperienza da fare almeno una volta nella vita. Due no.

Stupidocane ha detto...

Ma anch'io ci sono già andato una volta. E mi sono divertito un sacco!

Unknown ha detto...

@Accademia dei pedanti ♂

Il commento #5 non è degno del tuo tipico stile (quasi accademico). Inoltre non ci ho capito un'acca di quanto scrivi!

Unknown ha detto...

Una curiosità: ora che è attivo il Mac App Store, che fine faranno siti come MacUpdate (non li cito tutti), dove si trovavano bundles interessanti ad un ottimo prezzo?

Yari Davoglio | Cronache dal '900 ha detto...

A proposito di Apple, l'altro giorno ho saputo che alcuni display che monta su iPhone ed iPad, quelli chiamati "Retina", sono prodotti da LG. Ah, la concorrenza! :P

Vanny e Marco ha detto...

"Una curiosità: ora che è attivo il Mac App Store, che fine faranno siti come MacUpdate (non li cito tutti), dove si trovavano bundles interessanti ad un ottimo prezzo?"

Beh Apple non impedisce agli sviluppatori di distribuire a loro piacimento le applicazioni. Possono coesistere.

Il MacAppStore ha incredibili vantaggi ma ancora dei lati oscuri (per esempio la gestione di più account nel sistema) ma credo sia il futuro non solo del software Apple.

Stupidocane ha detto...

@ Yari

Beh, se è per questo i maggiori produttori mondiali di schermi LCD sono proprio LG, Panasonic e Samsung.

Almeno per i televisori, questi tre produttori (fonte un amico che ripara televisori) sono i maggiori fornitori per tutte le altre marche, tranne Sony che li produce per sé.

Anche i televisori da mille mila euri montano schermi Made in Taiwan...

Unknown ha detto...

Il MacAppStore ha incredibili vantaggi...

Premesso che non ho ancora usato il Mac App Store e che non ci ho ancora dedicato molto tempo per capirne pro e contro, quali sono i vantaggi principali? Io vedo sempre più mamma Apple (ammesso che lo sia mai stata) divenire sempre più matrigna Apple (nell'accezione peggiore, chiaramente). Ed anche piuttosto cattiva, come matrigna!

Unknown ha detto...

@StupidoKoala

Credo che LG produca almeno il 70% di tutto quanto vende Apple, per quanto concerne la tecnologia LCD.

Per quanto riguarda questo ed altro (microelettronica), a dire il vero siamo nelle mani dei coreani.

Mr. Tambourine ha detto...

Che mondo sarebbe, senza Paolone.

astars ha detto...

Il "problema" delle webcam rintracciabili tramite un URL in Google è abbastanza vecchio come argomento. Le si vedeva già una decina (=<) d'anni fa :)

Vanny e Marco ha detto...

"Premesso che non ho ancora usato il Mac App Store e che non ci ho ancora dedicato molto tempo per capirne pro e contro, quali sono i vantaggi principali?"

Beh i vantaggi principali sono che diventa estremamente facile trovare e scoprire applicazioni utili e divertenti. Generalmente a prezzi inferiori grazie all'ampia visibilità. Il successo dell'iPhone è dato anche da questo.


"Io vedo sempre più mamma Apple (ammesso che lo sia mai stata) divenire sempre più matrigna Apple (nell'accezione peggiore, chiaramente). Ed anche piuttosto cattiva, come matrigna!"
Io la vedo come un'azienda che fa il suo dovere. Fa scelte commerciali che possono piacere o meno.
Riguardando la storia di Apple credo che non sia mai stata così "mamma".

Il Lupo della Luna ha detto...

"Beh i vantaggi principali sono che diventa estremamente facile trovare e scoprire applicazioni"

Uhm.... mi ricorda qualcosa... aptitude? RPM? Yum? Con qualche lucchetto in più.

Ci fosse una roba simile anche per Windows sarebbe ancora più facile riempire i propri computer di fuffa :D E ovviamente si griderebbe al tentativo di monopolizzare la distribuzione del software.

Tra l'altro non vedo come la maggiore visibilità garantisca prezzi inferiori, me la spieghi? Se mi dici che sull'AppStore di iPhone (o sull'AndroidMarket, che conosco bene) i prezzi sono bassi, la cosa è presto spiegata: ci sono pochissime applicazioni per smartphone per cui uno spenderebbe più di una decina di euro.

Enrico ha detto...

"Uhm.... mi ricorda qualcosa... aptitude? RPM? Yum? Con qualche lucchetto in più."

Esatto!

martinobri ha detto...

Oh, che storia la terza webcam, quella che inquadra una vasca di decantazione, o qualcosa di simile.
Ho capito dove si trova con i vecchi metodi; ho dedotto che fosse in Cina perchè la località è nel fuso orario +8 (c'è l'ora), che va dall'Australia alla Siberia. Però c'è della neve sul terreno, quindi no Australia, e la vegetazione non sembra siberiana.
Finito questo bel ragionamento, mi sono accorto che al centro c'è inquadrato un ben visibile cartello con i nomi delle montagne che si vedono sullo sfondo...scritto in cinese.

E' un posto strano; sembra una roba postindustriale, ma davanti al cartello ogni tanto passa della gente in atteggiamento da turisti. Alle sette della mattina (ora loro). Boh.

Forse si potrebbe localizzare meglio il posto, con latitudine e longitudine, perchè ho appena assistito in diretta al sorgere del Sole: qui erano le 23.15 e là le 7.15.
Domani mi ci metto d'impegno.