Cerca nel blog

2012/07/21

Ci vediamo a Verrone oggi per festeggiare l’allunaggio?

43 anni fa, l'uomo sulla Luna


Alle 4:57 del mattino (ora italiana) del 21 luglio 1969, Neil Armstrong poggiava il piede sinistro sul suolo lunare, in diretta TV planetaria; pochi minuti dopo fu raggiunto dal collega Buzz Aldrin. Oggi sarò al Castello di Verrone, in provincia di Biella, alle 16:57 (orario non casuale) per festeggiare la ricorrenza presso il Museo del Falso con una conferenza-chiacchierata sulle chicche poco conosciute di quest'avventura e sulle tesi che sostengono che fu tutta una messinscena.

Porterò con me molto materiale video e fotografico, vari oggetti relativi alle missioni, alcune copie dell'edizione 2012 del mio libro “Luna? Sì, ci siamo andati!” e la versione 1.0 del documentario libero e gratuito Moonscape, che debutta oggi completa di titoli di testa e di coda. L'ingresso è gratuito.

Vorrei festeggiare l'anniversario con una foto un po' diversa da quelle classiche: l'ho ricevuta stamattina da Colin Mackellar, che all'epoca lavorava a Honeysuckle Creek, la stazione ricevente australiana che captò il debole segnale televisivo dalla Luna e lo ritrasmise al mondo.


Da sinistra, Ted Knotts, Richard Holl e Elmer Fredd brindano davanti allo Scan Converter (l'apparato che convertiva il segnale TV lunare allo standard televisivo normale. Sullo sfondo, il monitor slow-scan mostra la diretta lunare dopo che Buzz Aldrin e Neil Armstrong sono rientrati nel modulo lunare. La foto fu scattata con la fotocamera Polaroid usata per fotografare il monitor e documentare su pellicola la diretta dello sbarco. L'immagine è stata conservata da Dick Holl e restaurata da Colin Mackellar.

Sono nomi sconosciuti ai più, ma è grazie a loro, e a tanti come loro, che abbiamo una traccia visiva della prima visita dell'umanità a un altro corpo celeste. Brindiamo virtualmente con loro attraverso il tempo e ricordiamoci cosa siamo capaci di fare quando ci rimbocchiamo le maniche e mettiamo da parte le rivalità.

Altre foto di questo "dietro le quinte" del momento storico sono presso Honeysucklecreek.net.

Nessun commento: