Cerca nel blog

2012/12/19

Il video del bambino ghermito da un’aquila

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Sta cominciando a diffondersi (Huffington Post, Gawker, Mirror, Repubblica, Cadoinpiedi.it) questo video che sembra mostrare un'aquila che afferra un bambino in un parco pubblico a Montreal e poi lo lascia cadere:


Come per le immagini ufologiche, un video pubblicato su Youtube da fonte anonima non è di per sé prova di nulla, visto che gli effetti speciali fisici e digitali oggi permettono di falsificare quasi qualunque ripresa, per cui questo video va considerato falso fino a prova contraria.

Ci sono numerosi elementi sospetti:
– la ripresa iniziale dell'aquila segue la virata in modo sorprendentemente fluido
– l'ombra dell'aquila è molto più nera e netta delle altre ombre alla stessa distanza, come se mancasse il normale offuscamento atmosferico
– la reazione della donna è molto lenta e non particolarmente concitata
– l'"Oh, shit!" di chi fa la ripresa sembra decisamente forzato e poco convinto
– l'utente che l'ha pubblicato, MrNuclearCat, non ha pubblicato altri video e l'account è stato attivato ieri.
Huffington Post segnala, su suggerimento dei commentatori, che in un fotogramma a circa 2 secondi dall'inizio l'ala sinistra svanisce per un istante, mentre a 10 secondi dall'inizio manca l'ombra dell'aquila.



Se ci sono novità, le segnalerò qui. Per il momento consiglio di non diffonderlo.

Aggiornamento (2012/12/20): Gli autori del video hanno confessato: si tratta di un falso realizzato dagli studenti di una scuola di grafica digitale di Montreal.

52 commenti:

m.bagattini ha detto...

C'è anche chi contesta un movimento ascensionale del bambino anche in seguito al rilascio da parte dell'aquila. Potrebbe essere inerzia ma sembra eccessivo in ogni caso, oltre che scoordinato rispetto al movimento del fondo.

Valerio Massari ha detto...

Accidenti..

Io voto per "vero"......
:D

QuakePC ha detto...

Il volo dell'aquila è realmente così fluido, il gufo reale è ancora più spettacolare quando attacca la preda. Per il resto vedo che da buon rettiliano hai una buona attenzione ai dettagli incongruenti.

Sauro ha detto...

Forse dirò una cavolata, ma anche il momento in cui solleva il bambino ... beh ... male che gli vada, il bimbo che si vede alla fine, peserà una 15ina di chili ... un'aquila seppur grossa, non supera i 10 kg, credo. Non penso possa essere possibile.

Inoltre, quando afferra il bambino, nel video, non cambia la frequenza di battuta delle ali, come dovrebbe fare per alzare un peso del genere.

Se è un aquila reale come sembra dalla descrizione, Wikipedia dice che non caccia prede maggiori di 1,5 kg, e solo se catturate in posizione più elevata rispetto al nido (e chi le tira su sennò).

Maurizio ha detto...

Non ci siamo neanche col numero di fotogrammi tra ripresa normale e rallentata. Nel ralenty ci sono molte più immagini che nella ripresa a passo normale (che sarebbe giusto solo se la ripresa fosse stata girata GIÀ per il ralenty).

Federico ha detto...

http://www.youtube.com/watch?v=GjOljUMc-Nc

Quando l'aquila lascia il bambino esso continua a "volare" verso l'alto in maniera estremamente irreale.

Replicante Cattivo ha detto...

Beh, un altro aspetto su cui dubitare è il fatto che il bambino (che viene inquadrato di striscio e per pochissimo tempo) sembra fin troppo rilassato. Anzi, mettendo in pausa l'immagine, potrebbe quasi sembrare che stia ridendo, felice delle coccole che sta ricevendo. In ogni caso, il leggero pianto che si sente in tottofondo, sembra totalmente slegato dalla sua espressione. Un bambino che cade a peso morto da quell'altezza dovrebbe essere una maschera di lacrime.

Non a caso, quando il filmato viene riproposto al rallenty, viene sfumata poco prima di quell'inquadratura. In teoria, in filmati amatoriali del genere, la cosa più prevedibile sarebbe farci rivedere con dovizia di particolari il bambino sano e salvo. Tranne quando diventa l'indizio di un fake.

Cente ha detto...

Ciao Paolo, butta un occhio a questo video che cerca di spiegare perchè il video è chiaramente un fake:
http://www.youtube.com/watch?v=2TkEjcMMLqE

Cente ha detto...

Aggiungo un ulteriore prova, l'ombra compare solo all'undicesimo secondo mentre al decimo secondo non è ancora presente.
Si può vedere qui: http://imgur.com/a/Kz54i (Immagini dell'utente "pajam" di Reddit)

martinobri ha detto...

Sicuramente non è un'Aquila chrisaetos (aquila reale). I giovani di quella specie hanno sì delle macchie bianche (gli adulti mai), ma non in quei punti.

Marco87 ha detto...

E vogliamo parlare dell'ombra filiforme ai limiti della scomparsa, nei momenti della cattura, dell'aquila e del bambino?
http://s7.postimage.org/paz9hj46y/Eagle4.jpg
http://s10.postimage.org/wxvixwhbc/Eagle5.jpg

Unknown ha detto...

Non credo che l'aquila possa sollevare un bambino di 8-10kg.
E poi lo fa con un movimento poco convincente, senza quasi rallentare il suo movimento.
Mi sembra un fake.

googjoob ha detto...

ot: non riesco a vedere lo "sponsored video"...

Rado il Figo ha detto...

Se è un aquila reale come sembra dalla descrizione, Wikipedia dice che non caccia prede maggiori di 1,5 kg, e solo se catturate in posizione più elevata rispetto al nido (e chi le tira su sennò).

Se è per questo la sempre ineffabile uicchipedia dice pure che se Chelsea e Valencia avessero fatto 0-0 nell'ultimo turno della Champons dell'anno scorso, in caso di sconfitta del Bayer Leverkusen, sarebbero passati gli inglesi, quando invece sarebbero stati gli spagnoli.

luciano catozzi ha detto...

Le Aquile predano piccoli di ungulati il peso non sarebbe un problema,
il video e' chiaramente un fake realizzato probabilmente con un animale di falconeria
e un fantoccio.

Sergio Longoni ha detto...

Preferisco non partire dal presupposto che il video sia falso: è esattamente il presupposto che usano i complottisti quando guardano i video della luna.

Mi chiedo
l'azione è possibile? Spulciando gli archivi dei giornali mi sembra che qualche caso di attacco di attacco verso l'uomo negli ultimi 30 anni c'è stato.

c'è quindi una remota possibilità che questo sia avvenuto realmente e che sia anche stato ripreso.

Detto questo: il bimbo è immobile tipo pupazzo, una tesi che ho letto nei commenti è che si tratti di un animale ammaestrato.

Un'aquila gira in cielo, quindi scende in picchiata nell'indifferenza generale? Se fossi uno di quei due passanti mi sarei accorto che al mio fianco è passato un big fucking bird.

Il passaggio dell'aquila davanti agli alberi e alla statua mi sa molto di CGI.

Poi quando si parla di CGI se faccio vedere a qualcuno un video dell'atterraggio di un 747 a Saint Maarten pensano tutti che siano falsi

SirEdward ha detto...

Probabilmente c'è un altro "bug". Quando l'aquila solleva il bambino (si vede bene nel video postato da Cente al commento 8), il bambino si ritrova per un attimo a "trascinare" i piedi per terra (o appena a mezz'aria), mantenendo una straordinaria e muscolosissima posizione con le gambe flesse in avanti (come se stesse seduto) ad un angolo di 90° o più rispetto al corpo. A giudicare dall'ombra, il bambino starebbe toccando terra e mantenendo la posizone nonostante la forza del contatto col terreno, praticamente arando l'erba.

Paolo Attivissimo ha detto...

è esattamente il presupposto che usano i complottisti quando guardano i video della luna.

No. I lunacomplottisti affermano che i video sono falsi ignorando tutte le altre prove di contorno che ne confermano l'autenticità. Qui, invece, hai solo un video di fonte anonima, senza alcun altro riscontro.

Il Lupo della Luna ha detto...

Beh ma una bella enciclopedia cartacea non ce l'avete? Basta anche "conoscere" o quelle che andavano tanto di moda negli anni '70 senza scomodare la Treccani.

http://www.parchionline.it/aquila-reale.htm oppure un sito naturalistico qualsiasi...

Ma semplicemente a guardarla pare diversa, quella del video. Anzitutto è piccola... https://www.google.it/url?sa=t&rct=j&q=&esrc=s&source=web&cd=17&cad=rja&ved=0CGcQtwIwBjgK&url=http%3A%2F%2Fwww.youtube.com%2Fwatch%3Fv%3DYmjsVYy-XaE&ei=DObRUP_KKMfQsgbvjoHYCg&usg=AFQjCNF8-MzGAMusKIuJjycvEzxu7xyEpA&bvm=bv.1355534169,d.Yms

SkyBuck ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Sebastiano Mauriello ha detto...

Due osservazioni che alimentano i sospetti di fake:

1 - Nella ripresa del volo l'aquila non esce mai dall'inquadratura. Guarda caso ne lambisce i bordi senza mai uscirne. Solitamente, istintivamente, quando viene ripreso un movimento del genere, si cerca di tenere il soggetto al centro della scena per evitare proprio che ne esca.
2 - Gli artigli di un rapace di quel tipo avrebbero probabilmente sfigurato il bambino e non lo avrebbero preso precisamente per la giacchetta senza nemmeno graffiarlo

SkyBuck ha detto...

Io ci andrei più cauto credendo nella falsità del video.
C'è sicuramente una cosa che mi lascia perplesso più di altre:
nel momento in cui l'aquila lascia il bimbo, sembra che questi quasi flutti nel vuoto. Ma a dire il vero non si capisce bene dove "finiscano" le zampe dell'aquila.
Questo mi lascia più perplesso ad esempio della reazione della donna (o uomo?) che sicuramente può essere stata/o sorpresa/o dagli eventi.
Non so se ci sono conferme sul peso del bambino, ma mia figlia, che sembra grosso modo avere la stessa età del bambino (forse qualcosa di meno), pesa poco più di 7 chili ed è grassoccia.
Il bambino del video è vestito di tutto punto, ok.
Però non mi stupirei se il peso del bambino non raggiungesse gli 8 chili.

Unknown ha detto...

Anche io ho avuto la netta impressione che il "bimbo" sia un fantoccio.
Non e' che hanno preso in prestito l'aquila della Lazio? ;-)
Ciao,
Ermanno

Insider ha detto...

E' stato accertato essere un fake prodotto da una scuola di animazione 3D in quel di Montreal. La spiegazione è disponibile qui:

http://blogue.centrenad.com/2012/12/19/le-centre-nad-rassure-les-montrealais-aucun-danger-denlevement-par-un-aigle-royal/

La medesima scuola ha prodotto, lo scorso anno, un altro video virale:

http://www.youtube.com/watch?v=UnI36hw-jT0&feature=player_embedded

In breve:
Video prodotto da Normand Archambault, Loïc Mireault, Antoine Seigle e Félix Marquis-Poulin, presso il Centro NAD «Atelier de simulation de production», "Corso di animazione 3D e del design digitale".

granmarfone ha detto...

Quando la videocamera si chiamava W. Molino.
Vedi

Matteo ha detto...

Huffington Post dice che è un falso opera di studenti in animazione digitale.

http://www.huffingtonpost.ca/2012/12/19/eagle-baby-attack-video_n_2327158.html

UPDATE: A Montreal animation school has fessed up that the "Golden Eagle Snatches Kid" on YouTube is a fake, created by three students in its three-year animation and digital design degree program.
"Both the eagle and the kid were created in 3D animation and integrated in to the film afterwards," the school, Centre NAD, said in a statement Wednesday.

As seen below, cyber sleuths and imaging experts had quickly poked holes in the viral video, spotting obvious flaws in shadows and composition.

Students at the Centre NAD have cooked up digital hoaxes in the past as part of their coursework, including this video of a penguin escaping from the Montreal Biodôme.

Claudio ha detto...

[quote-"Sergio Longoni"]Un'aquila gira in cielo, quindi scende in picchiata nell'indifferenza generale? Se fossi uno di quei due passanti mi sarei accorto che al mio fianco è passato un big fucking bird.[/quote]

A me questo sembra l'unico particolare plausibile del filmato:
il 99% delle persone per strada non alza la testa per guardare il cielo (a meno che non ci sia qualcuno che punta il dito urlando "all'Ufo all'UFO").

Se non fa rumore (elicottero), o non gli caga in testa, nemmeno se ne accorgono.

Lo Sciamano ha detto...

e alla fine uscì la verità.
http://www.nydailynews.com/news/world/video-shows-eagle-snatching-baby-article-1.1223441

p.s.: io ci ero cascato con tutte e due le zampe...

Anonimo ha detto...

Il fotogramma a circa 2" in cui sparisce una fascia d'ala è preceduto da un fotogramma in cui sparisce un pezzetto più piccolo; se si guardano in sequenza ci si accorge che il pezzo mancante somiglia moltissimo ad una "pennellata" di un software di fotoritocco.

In ogni caso, anche questi fake un'utilità ce l'hanno: ho scoperto che su YouTube si può muoversi a fotogramma singolo usando i tasti di direzione! :)

burglar ha detto...

Qui dicono esplicitamente che è un fake.
http://cheezburger.com/45890049?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+failblog+%28The+FAIL+Blog+-+Fail+Pictures+%26+Videos+at+Failblog.ORG%29

Non so da che fonte.
Ciao
e.

Mike J. Lardelly ha detto...

A chi interessa approfondire, sul sito Criptozoo.com c'è un interessantissimo articolo sui racconti riguardanti i rapimenti di bambini da parte di grandi rapaci.

http://www.criptozoo.com/it/news/curiosita/item/222-le-aquile-rapitrici-tra-leggenda-e-realt%C3%A0?

Davvero affascinante.

Giovanni C. ha detto...

Appena l'aquila afferra il bambino, ecco che l'inquadratura diventa ballerina...
Il bambino viene inquadrato per pochissimi secondi e si vede piangere(più che si vede... si sente!) poco in base al dolore che dovrebbe sentire, cadendo da quell'altezza.

Per me è falso.

Prez ha detto...

Il video è senz'altro autentico. D'altra parte è ben poca cosa in confronto alle leggendarie mosche tse-tse del Guatemala:

Beaked, baby-stealing tsetse flies

Il video non contiene immagini raccapriccianti, ma il racconto è così realistico che mette lo stesso i brividi.

Buona visione.

Tukler ha detto...

Per me è vero, il fotogramma in cui non si vede l'ala è un effetto ottico provocato dalle scie chimiche chiaramente visibili attorno.

tonionick ha detto...

Salve,
in questo video spiegano come è stato realizzato il finto rapimento del bimbo
http://www.lapresse.ca/videos/actualites/201212/19/46-1-canular-de-laigle-le-making-of-.php/ebcdcf6cf0a240b9872184f400d7522e

homonigrus ha detto...

É decisamente falso non conosco nessuna nazione che dispone di due sorgenti luminose solari "quando l'aquila scende il sole illumina il parco da destra, quando prende il bambino il sole é a sinistra"

cTux ha detto...

Chi ne rivendica la paternità:

http://blogue.centrenad.com/2012/12/19/centre-nad-reassures-montrealers-no-danger-of-being-snatched-by-a-royal-eagle/?lang=en

TorquemadA -ITA ha detto...

E' ufficiale, è un falso, l'hanno ammesso gli stessi autori del video.
http://www.giornalettismo.com/archives/670573/si-il-video-dellaquila-e-del-bambino-e-una-bufala/

James ha detto...

A me in un primo momento mi ha fregato, ci sono cascato come un pollo....poi il nostro Paolo mi ha ricordato che la "malizia" non è mai troppa e prima di credere a certe cose bisogna guardarsi bene attorno. In verità ci sono tantissime incongruenze ed effettivamente la reazione delle persone è al quanto irreale. Ancora una volta bravo e grazie!

puffolottiaccident ha detto...

@Giovanni C.

I riflessi dei bambini di fronte ai traumi da caduta sono piuttosto lenti. Possono mettersi a piangere con svariati secondi di ritardo.

Nightshade ha detto...

per sapere che il video era falso bastavano anche delle elementari conoscenze di fisica, tipo il concetto di rapporto tra superficie e volume e la consapevolezza che la capacità di sollevamento di un volatile dipende dalla portanza delle ali.

anche volendo trascurare il fatto che gli uccelli, per poter volare, hanno le ossa CAVE appunto per diminuire il peso corporeo (mentre gli umani hanno ossa spesse e piene, più resistenti ma anche molto più pesanti) e il loro volume è dato in buona parte dalle piume, che sono leggerissime, resta il fatto che il volume cresce al CUBO della dimensione corporea, mentre la superficie solo al QUADRATO. cioè, a parità di forma, il rapporto tra volume (e quindi peso) e superficie (e quindi capacità di sollevamento data dalle ali) RADDOPPIA ad ogni raddoppio della dimensione. e di conseguenza si deve anche raddoppiare le proporzioni dell'ala per mantenere uguale il rapporto.
questo significa che un essere grande 5 volte un aquila, anche supponendo che abbia le ossa cave e il suo volume apparente sia dovuto in gran parte alle piume e penne che lo ricoprono, dovrebbe avere delle ali 5 volte più lunghe di quelle di un'aquila delle medesime proprozioni per volare.

in parole povere, affinchè un'aquila possa sollevare un bambino di quelle dimensioni, anche ipotizzando che l'aquila in questione sia priva di peso e il bimbo dotato di ossa da uccello, tale aquila dovrebbe avere come minimo un'apertura alare totale di almeno una cinquina di metri anche solo per sollevarlo di qualche centimetro da terra

Franci ha detto...

Ok questo sarà un falso, ma a quanto pare una storia simile è successa nel Tennessee nel 1869, provate a leggere qua (testo in inglese): http://paperspast.natlib.govt.nz/cgi-bin/paperspast?a=d&d=TS18691231.2.12

Maurizio ha detto...

Gli autori sono stati veramente bravi. Considerando che poche persone guardano i dettagli direi che il video è stato particolarmente riuscito.WOW.

marcov ha detto...

Direi che i soldi per quella scuola non sono stati mal spesi

Nightshade ha detto...

@franci

non mi fido molto dell'articolo di un anonimo giornale che nemmeno mette i nomi delle persone coinvolte. aggiungiamoci il fatto che a metà dell'1800 era relativamente facile per i mitomani mettere in giro storie false ed avere giornalisti che abboccano (cavoli, è estremamente facile pure oggi, nell'era dell'informatica dove si ha molte più possibilità di analizzare e rientracciare le fonti, e in cui il metodo scientifico d'indagine dei fatti è molto più conosciuto, mi immagino allora)e siamo a posto......

ebonsi ha detto...

Il limite alla "possibile veridicità" (in senso teorico) di questa storia risiede nel fatto che le aquile, come quasi tutti i rapaci, sono estremamente riluttanti a cibarsi a terra. Non perdono cioè tempo ed energie per uccidere prede, che non possono poi trasportare sino al nido (o comunque un posto elevato/tranquillo) per consumarle. Ma le aquile possono essere addestrate per inseguire e uccidere animali delle taglia di un lupo adulto.

Qualsiasi cosa sino al limite di peso di una piccola volpe o un cucciolo di lupo (4-5kg) è invece "fair game". E' certo assai improbabile che un bambino tanto piccolo da rientrare in quei limiti di peso venga lasciato senza il controllo di un adulto o di bambini più grandi, ma non è impossibile. E sopratutto, le aquile non dispongono di bilancie funzionanti a distanza. E' ben possibile, e rientra anzi nella norma, che un'aquila ghermisca una preda, si accorga che è troppo pesante, e la lasci quindi cadere dopo poche decine o centinaia di metri.

E quindi, prima di escludere a priori che episodi di predazione di aquile nei confronti di bambini siano mai avvenuti, ci andrei molto cauto.

puffolottiaccident ha detto...

@Ebonsi

Bé, anche quando lasci che i bambini tazzino le togne ad una gatta o cagna neo-mamma i risultati possono essere piuttosto dolorosi.

Credo che l´aquila che rapisce un bambino come fosse un agnellino colpisca l´immaginario perché a differenza di giaguari, lupi, tigri ed orsi, non puó essere fermata da palizzate o da sentinelle armate.

Il morso di un crotalo o di un cobra poi... perdona molto poco, specialmente in quanto presumibilmente il bambino che vive negli ambienti frequentati da serpenti velenosi non ha vestiti tali da far impigliare i denti prima che raggiungano la pelle.
Per non parlare di scorpioni e vespe.

Gli attacchi da parte di animali sono una delle cose che in teoria apparterrebbero al passato.

ebonsi ha detto...

"Gli attacchi da parte di animali sono una delle cose che in teoria apparterrebbero al passato."

Nelle grandi città occidentali, certo. Ma anche solo nei grandi parchi nazionali canadesi, gli incontri con i grizzly hanno talvolta delle conseguenze assai spiacevoli. Per non parlare delle tigri del Sunderband in India, o degli squali.

Massimo ha detto...

Il link dei "rei confessi" non funziona.

Paolo Attivissimo ha detto...

Massimo,

a me funziona. Non so cosa dirti.

Nightshade ha detto...

@ebonsi
perc carità, impossibile no. però
1 un fenomeno come quello del filmato (il bambino è troppo grande e pesante, dubito che un'aquila adulta, anche mettendocela tutta, possa sollevarlo davvero per più di un metro o due massimo e per pochissimi secondi) lo ritengo impossibile
2 una predazione di un bambino sufficentemente piccolo (4-5 kg, come hai detto, o poco più) lo ritengo estremamente improbabile. primo perchè difficle che si lascino incustoditi all'asperto, secondo perchè, per quanto le aquile non abbiano il bilancino, hanno comunque gli occhi per vedere che non rientrano nella categoria di animali che riconoscono come prede abituali ed in più sono pure più grossi di tutte le prede abituali. in linea di principio può accadere: l'aquial può essere sufficientemente affamata da rischiare con un apreda grossa e che non conosce, e da spingersi nei pressi di ambrienti umani che di solito evita, e qualcuno può lasciare un bambino che a malapena sà camminare (o molto più probabilmente gattonare) incustodito nel cortile, e l'alquila può non rendersi conto dell'errore se non dopo aver speso energie inutilmente per una cinquantina di metri. ma è un evento così improbabile che non mi basta che un anonimo giornale di metà '800 lo scriva senza nemmeno mettere le fonti e i nomi dei protagonisti per crederci. venti comuni necessitano solo di prove comuni. eventi improbabili necessitano di prove forti. eventi straordinari necessitano di prove straordinarie. una fonte del genere la reputo come sufficente se parta di un bambino AGGREDITO da un aquila, ma un bambino PRESO E SOLLEVATO E PORTATO IN VOLO PER CENTINAIA DI METRI (fino al bosco vicino ed oltre, addirittiura nell'articolo si parla di oltre un miglio e mezzo, con l'aquila ancora in volo dopo che la serva l'aveva attraversato) e non mollato finchè non si ha cominciato a sparare contro l'aquila, necessita COME MINIMO che il gioranlista riposti nome e cognome di tutti gli interessati e che trascriva l'esperienza diretta citando come finti almeno due o tre testimoni del fatto. altimenti ha lo stesso valore delle varie leggenede metropolitane che si sentono, come quella della donna che si siede sul water dell'aereo e si trova con gli intestini fuoriusciti per aver tirato l'acqua senza alzarsi o del tipo che và in una discoteca in brasile e si risveglia con un rene mancante. tutto possibile, o quantomeno plausibile, per carità, ma ci vuole qualcoa di più di "un anonimo giornale riporta la storia con indicazioni generiche ma senza nomi e date precise" per enderle credibili.

Berry Martin ha detto...

il bambino è visto, alla fine, avrà un peso ai penso 15-20 in sterline ... aquila se non di grandi dimensioni, Mote poi 10 kg, non credo che possa essere possibile. E per di più quando afferra il bambino, non cambia la frequenza del battito delle ali, come dovrebbe fare per sollevare un peso ..... visto in video....Visit this link

Regards,
Berry