skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Come gestire un account Google in emergenza... o da morti

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 12/04/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.


Siete in vena di pensieri informatici macabri? Chiedetevi cosa succederà al vostro account Google, e alla montagna di dati digitali personali che contiene, in caso di vostro decesso. Avete un piano?

Google ce l’ha: ha annunciato infatti un servizio, chiamato asetticamente Gestione account inattivo, che permette di decidere come gestire automaticamente un account se per qualunque ragione cessate di utilizzarlo per molto tempo, per scelta o per forza maggiore (morte, coma, amnesia rapimento da parte di alieni o supercriminali).

Volete che Google lo cancelli o ne dia le chiavi a una o più persone di vostra fiducia? Andate alla pagina di configurazione del servizio e scegliete la durata del periodo di inattività che attiverà l’automatismo (tre, sei, nove o dodici mesi), indicate un numero di cellulare e un indirizzo di mail alternativo che riceveranno un preavviso e poi scegliete fino a dieci persone (tramite il loro indirizzo di mail e numero di cellulare) alle quali inviare l’avviso che il vostro account è inattivo.

Volendo, potete dare a queste persone l’opzione di scaricare i vostri dati custoditi da Google, selezionabili per categoria (per esempio, potete permettere lo scaricamento della mail ma non dei contatti). In alternativa, potete chiedere a Google di cancellare tutto, compresi i video che avete pubblicato su Youtube, i blog pubblicati su Blogger e i post su Google+.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).