skip to main | skip to sidebar
30 commenti

SpaceX, nuovo tentativo di rientro morbido oggi alle 16:21 italiane. AGGIORNAMENTO: Esplosione poco dopo il decollo

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di “andrea.cob*” e “fabio28*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora.
Ultimo aggiornamento: 2015/06/30 15:30.

Credit: NASA.
Oggi pomeriggio SpaceX lancerà un razzo Falcon 9 che trasporterà una capsula cargo Dragon verso la Stazione Spaziale Internazionale. Anche questa volta, oltre alla missione primaria di rifornire la Stazione ci sarà anche l'esperimento di rientro controllato del primo stadio.

Si tratta dell'ottavo rifornimento della Stazione affidato a SpaceX. Il carico (circa 1900 kg) includerà, fra le altre cose, anche un adattatore di attracco universale (l'International Docking Adapter), un esperimento di coltura di verdura per l'alimentazion degli astronauti, un apparato di conteggio delle meteore e degli occhiali per realtà aumentata HoloLens di Microsoft, che verranno collaudati dagli astronauti per verificare se sono utili nel coordinare il lavoro a bordo. La descrizione dettagliata del carico è qui su Spaceflight101.com.

Anche stavolta il primo stadio proverà ad atterrare per essere recuperato; sarà il terzo tentativo del genere. L'atterraggio avverrà su una chiatta nell'oceano, per motivi di sicurezza. La chiatta, battezzata Of Course I Still Love You (nome ispirato, come quello della sua gemella Just Read the Instructions, dalla letteratura di fantascienza di Iain M. Banks), è a circa 345 km di distanza dal punto di lancio, che è a Cape Canaveral, in Florida.

Credit: SpaceX.

Per l'occasione SpaceX ha pubblicato un articolo di approfondimento e uno spettacolare video del tentativo di rientro precedente, avvenuto ad aprile e conclusosi con un inatteso coricamento esplosivo del razzo (come il precedente a metà gennaio). Il botto finale non deve però far dimenticare i risultati raggiunti fin qui: un veicolo ipersonico rientra dallo spazio e centra una chiatta (piccolissima rispetto al razzo) in un punto preciso dell'oceano.


Questa è la cronologia di massima del volo:

0:00:00 (16:21:11 ora italiana). Accensione dei nove motori Merlin del primo stadio; verifica del funzionamento e rilascio dei ganci che trattengono il razzo. Decollo e accelerazione.

0:01:10. Il Falcon raggiunge Mach 1 ed è quindi supersonico.

0:01:23. Massima sollecitazione aerodinamica (Max Q).

0:02:37. Spegnimento dei motori principali (MECO, Main Engine CutOff) a 80 km di quota e Mach 10.

0:02:41. Separazione del primo stadio dal secondo. Il primo stadio inizia una frenata per rientrare verso la chiatta d'atterraggio.

0:02:49. Accensione del secondo stadio per sette minuti.

0:03:29. Sgancio del cono protettivo della capsula Dragon.

0:09:00. Atterraggio del primo stadio sulla chiatta.

0:09:27. Spegnimento del motore del secondo stadio e inserimento in un'orbita di circa 199 per 365 km e inclinata a 51,6°.

0:10:02. Separazione della capsula Dragon dal secondo stadio.

0:12:00. Apertura dei pannelli solari.

Ce la farà stavolta il Falcon 9 ad atterrare intero? Potrete seguire il lancio e l'esperimento in diretta streaming presso NASA TV e Spacex.com/webcast e nel mio livetweet su @AttivissimoLIVE.


Aggiornamenti


Purtroppo il Falcon 9 si è disintegrato 2 minuti e 19 secondi dopo il decollo, quando era a 45 km di quota e volava a circa 4700 km/h, secondo i dati di telemetria pubblicati dal vivo e in tempo reale da SpaceX durante il lancio. Le cause sono al momento ignote. Dettagli a breve.

Qui sotto un video della disintegrazione (da 2:10 in avanti):


Un'altra angolazione (la disintegrazione avviene da 2:00 in avanti):


Importante: molti lettori hanno notato il suono che si sente a 1:11 dal decollo e l'hanno intepretato come un allarme, ma non è un allarme. Non si usano allarmi acustici nei centri di lancio (i controllori di volo non ne hanno bisogno e comunque interferirebbero con le comunicazioni in cuffia fra i controllori, che sono essenziali; inoltre non avrebbe senso includere un allarme acustico come segnale diretto nel mix dell'audio del commento. È probabilmente un semplice disturbo di trasmissione dell'audio del commentatore.

Altrettanto importante: le “fiamme” che si notano sempre a 1:11 circa non sono fiamme: sono in realtà condensazione d'umidità atmosferica, prodotta dalla compressione dell'aria dovuta al passaggio del razzo. È è un fenomeno frequente nei lanci durante l'accelerazione negli strati bassi dell'atmosfera.

Qui sotto potete vedere un dettaglio della disintegrazione al rallentatore:


Poco dopo Elon Musk ha tweetato che “Il Falcon 9 ha avuto un problema poco prima dello spegnimento del primo stadio. Forniremo maggiori informazioni non appena avremo esaminato i dati”. Brutto modo di festeggiare un compleanno.

Con questo sono ben tre i veicoli di rifornimento per la Stazione che sono andati persi negli ultimi otto mesi (Cygnus, Progress e adesso Dragon). A bordo della Stazione ci sono comunque provviste e risorse sufficienti fino a ottobre anche senza ulteriori lanci di rifornimento, che sono già in scaletta (Progress a luglio, HTV-5 ad agosto).

È decisamente presto per avere dati certi, ma è sicuramente interessante notare il distacco di un frammento molto grande, non si sa se prima o dopo l'inizio della disintegrazione. È possibile che il frammento sia l'intera capsula Dragon: ddettagli e analisi più avanti. Inoltre l'evento anomalo sembra iniziare nella parte superiore (nel secondo stadio o nella capsula Dragon), mentre il primo stadio continua a funzionare, tanto che si vede la fiamma dei suoi motori proseguire per vari secondi.

Incidenti come questo sono un promemoria potente del fatto che il volo spaziale non è mai facile: sembra facile, a volte, grazie al talento e alla metodicità di chi lavora in un settore di tecnologia estrema. C'è poco da fare: quando prendi un enorme serbatoio pieno di kerosene, lo accendi in un'esplosione controllata e gli fai trapassare l'atmosfera a velocità ipersonica, stai portando al limite le prestazioni delle persone e dei veicoli, e i margini di tolleranza sono sempre minimi. Non dimentichiamocelo mai.


17:50 circa (ora italiana). Musk ha tweetato che “C'è stato un evento di sovrapressione nel serbatoio d'ossigeno dello stadio superiore. I dati indicano una causa controintuitiva” e che “Questo è tutto quello che possiamo dire con certezza in questo momento. Avremo più cose da dire dopo un'esauriente analisi dell'albero dei malfunzionamenti”. Tra poco ci dovrebbe essere una conferenza stampa.

Intanto i radar meteo vedono la nube di detriti che lentamente ricadono nell'oceano (anche qui). Non c'è nessun pericolo per la popolazione: è per questi che i lanci avvengono in Florida sulla costa e in direzione dell'oceano. La zona d'oceano di possibile ricaduta era stata evacuata preventivamente da qualunque imbarcazione, come al solito, proprio per gestire questo tipo di eventualità.


20:00 circa. Nella conferenza stampa tenuta presso la NASA alcune ore dopo l'incidente è emerso che la capsula Dragon ha continuato a trasmettere, e a farlo inviando dati normali, dopo la disintegrazione del veicolo e quindi non sembra essere stata la causa dell'anomalia. Il comportamento del primo stadio è stato nominale. Il carico, per quel che si sa, è completamente perduto, compresa una tuta spaziale sostitutiva. È stato ribadito che non ci sono problemi o restrizioni per l'equipaggio della Stazione, che ha provviste in abbondanza per alcuni mesi, e che il 3 luglio è già in programma un altro lancio di rifornimento con un veicolo russo Progress. L'indagine verrà condotta da SpaceX sotto la supervisione della FAA e si presume che richiederà alcuni mesi. Tutti i lanci di SpaceX sono sospesi fino al completamento delle indagini. Non risulta che sia stato azionato il sistema di distruzione d'emergenza: il veicolo si sarebbe disintegrato spontaneamente.


21:30. Analizzando i video che sono stati pubblicati finora, l'evoluzione dell'anomalia sembra per ora essere questa (si tratta, sottolineo, di una mia congettura): in cima al razzo si nota inizialmente uno sbuffo bianco irregolare,(che non è la tipica condensazione conica dovuta al volo transonico che si vede di solito, perché a questo punto il veicolo è già supersonico. Potrebbe essere un rilascio non programmato dell'ossigeno liquido contenuto nel secondo stadio.

Dettaglio ingrandito.


Poi lo sbuffo diventa una nube bianca più ampia, che avviluppa il primo stadio mentre i motori del primo stadio sembrano funzionare ancora normalmente. Si notano alcuni frammenti che si staccano dal veicolo e si allontanano rapidamente, ma la nube bianca non aumenta ulteriormente di dimensioni, come se l'ossigeno liquido venisse rilasciato progressivamente invece che in un sol colpo. La nube continua a essere interamente bianca; solo dopo alcuni fotogrammi si nota una fiammata diffusa nella parte frontale della nube.


La fiammata prosegue, mentre i motori del primo stadio continuano a funzionare e il veicolo rimane in assetto e traiettoria stabile. Si staccano altri frammenti. Poi si stacca un frammento che in alcuni fotogrammi sembra avere una sagoma triangolare o trapezoidale e in altri sembra averne una sagoma circolare (ma bisogna fare attenzione agli artefatti di compressione). Queste forme sarebbero compatibili con quelle della capsula Dragon, ma per ora (ripeto) è puramente una mia congettura (che vedo però condivisa da altri in Rete). Potete notare questo frammento nelle tre immagini qui sotto, quasi al centro della nube bianca.




La nube bianca si dirada e si nota a un certo punto che la struttura cilindrica del Falcon è ancora intera e sulla sua estremità anteriore, su un lato, c'è un bagliore, forse una fiamma:


Dettaglio ingrandito.


Soltanto dopo altri fotogrammi la nube bianca si trasforma bruscamente in una palla di fuoco e si espande molto rapidamente, come se ci fosse stata un'esplosione: non si sa, per ora, se è stata una disintegrazione spontanea o se è stato azionato il comando via radio di distruzione del veicolo (aggiornamento: ora si sa che è stato azionato, vedi sotto).



I motori del primo stadio continuano a funzionare ancora per altri fotogrammi, ma poi cedono caoticamente e il veicolo si disintegra in una pioggia di frammenti.


Consiglio di seguire la pagina apposita di Astronautinews.it con gli ultimi aggiornamenti.


2015/06/29 10:15. Elon Musk ha tweetato poco fa che “la causa è ancora ignota dopo molte migliaia di ore-tecnico di riesame. Ora stiamo facendo l'analisi dei dati con un editor esadecimale per recuperare i millisecondi finali”.


2015/06/30 (mattina). Il fotografo Walter Scriptunas ha pubblicato delle magnifiche fotografie del decollo. Alcuni scatti mostrano la frammentazione del Falcon ma non gettano nuova luce sulla sua dinamica o sull'ipotesi di distacco della capsula Dragon.


2015/06/30 15:30. L'aviazione militare degli Stati Uniti ha dichiarato di aver inviato un comando di autodistruzione al Falcon 9, come è prassi in questi casi, per garantire la sicurezza (grazie ad @aborgnino per la segnalazione).
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (30)
Una domanda: quando avranno stabilito che il rientro del primo stadio è cosa affidabile e decideranno di farlo rientrare a terra, per esempio al "Landing Complex 1", non è un problema far tornare indietro il razzo di 350 km? Serve più carburante no? Sbaglio qualcosa o mi manca qualche informazione fondamentale?
OPS...
prematuro dire cosa sia successo, ma mi sembra si sia disintegrato un attimo prima del MECO e dell'accensione del II Stadio.
Beh, almeno stavolta la chiatta è salva
Dalle immagini si vede un cedimento strutturale o esplosione del secondo stadio, la capsula Dragon che vola via lateralmente apparentemente intatta, distruzione del primo stadio (autodistruzione?)
dal video a me sembra che si sia danneggiato per primo il serbatoio del primo stadio, o almeno qualcosa in cima al vettore (II stadio?), non che abbia ceduto un Merlin.
"Ce la farà stavolta il Falcon 9 ad atterrare intero?"
Caro Paolo, mi sa tanto che stavolta hai "gufato" alla grande. :)
Oh, non ce la fanno. Punto. Se fallisce anche la SpaceX si vede che la ISS è destinata a rimanere senza rifornimenti.

Tra l'altro avevo letto proprio stamattina che ad es. la telecamera per le meteore era già quella di backup, l'altra era esplosa al tentativo precedente.


Jonny: AAHHAH
Ahaha che ridere la risposta di Juan M. Le Mao al tweet di Musk: "Of course we still love you."... e lui ha anche risposto ringraziando :D
Nessuno ha fatto notare che nel secondo video si vedono gli ufi?
ma che sfiga!
domanda:
se il razzo si è disintegrato e la dragon si è separata intatta, non sarebbe stato possibile tentare di attivare i paracadute e farla ammarare intatta?
almeno si recuperava capsula e carico...
niente oh... se c'è qualcosa microsoft prima o poi si pianta tutto.,.
non vorrei dire, ma contrariamente a quanto hanno comunicato, guardando il filmato diverse volte ho avuto la sensazione che l'assetto abbia oscillato visibilmente proprio prima di esplodere. SE - e dico se - questo fosse vero, avrebbe senso quello che è successo, in quanto la struttura è molto fragile trasversalmente e si era prossimi a MaxQ.
pgc: nei secondi precedenti all'esplosione (prima non ho guardato) non noto nessuna oscillazione. Noto invece degli artefatti legati alla compressione che alterano sensibilmente la sagoma del Falcon 9, da lì forse potrebbe nascere quell'impressione. Credo inoltre che a oltre 4000 all'ora - e come dici tu in prossimità del MaxQ - possa essere sufficiente una variazione davvero minima nell'assetto per provocare un problema fatale, e in una ripresa così spinta (siamo a 45 km di altezza), con quell'angolazione e con così pochi pixel diventa difficile individuare oscillazioni se non di tale portata da essere incompatibili all'osservazione sull'assetto che ho appena fatto. Sarebbe esploso alla prima variazione di assetto, ovviamente IMHO.
Ho guardato il video con attenzione, per quel che ho visto l'analisi di Paolo è perfetta.

Per sdrammatizzare: la NASA dovrebbe mettere il tag #fireworks ai vettori che portano rifornimenti alla ISS :D
Chissà se le telecamere di bordo hanno catturato qualcosa durante la perdita e poco prima dell'esplosione utile a capire meglio cos'è successo.

Forse per (giusta) prudenza non le fanno vedere (prima se le guardano loro attentamente e poi, semmai, le pubblicano) o, forse, sono irrilevanti e non il tempo e la voglia di pubblicarle.

Piccola curiosità: ma in questi casi c'è un risarcimento per il carico andato perduto (almeno la restituzione dei soldi del "francobollo")?
> Ora stiamo facendo l'analisi dei dati con un editor esadecimale per recuperare i millisecondi finali

Editor esadecimale? :-o
Off topic: che ne pensi Paolo?

http://tv.ilfattoquotidiano.it/2015/06/29/ufo-tre-lasciano-la-terra-nel-video-delliss-silenzio-della-nasa-insospettisce-la-rete/389656/
Manuel,

è una stupidaggine attiraclick, e come dicono nei commenti, è una stupidaggine pure vecchia. Sciacquonabile. Purtroppo il Fatto ha deciso di pubblicare panzane pur di fare traffico.
Donato,

sì, leggi il tweet originale di Musk. Parla di "hex editor". Prassi normale nel settore, vista già nel recupero dati da scatole nere d'aereo.
> sì, leggi il tweet originale di Musk. Parla di "hex editor".

Ho letto anch'io il messaggio. Resto perplesso sul fatto che non venga utilizzato un sw specifico anche per recuperare dati telemetrici "incompleti".

L'editor hex ricorda, a chi non ha più 20 anni, il Norton Commander! ;-)
Terribile. Eppure questi lanci falliti servono a testimoniare che mandare persone nello spazio è ancora molto pericoloso.
Donato,

Resto perplesso sul fatto che non venga utilizzato un sw specifico

Un editor esadecimale in questi casi _è_ il software specifico :-)
Rilevo un problema già a 1:11 dal lancio, si vedono alcune fiamme in alto, tra la capsula e lo stadio, e si sente subito un allarme che suona durante il commento. Ma continua poi a dire "nominal" fino al minuto 2:19.
Nominal tua sorella, aggiungerei... :-)
Paolo,
tu o chiunque altro sai quale sia il valore (inteso possibilmente come investimento necessario alla realizzazione di un duplicato, spese di "trasporto" escluse) del payload di questa missione?
Rico,

il suono che si sente a 1:11 dal decollo non è un allarme: non si usano allarmi sonori nei centri di lancio e comunque un allarme acustico difficilmente verrebbe incluso come segnale diretto nel mix dell'audio del commento. È probabilmente un semplice disturbo di trasmissione dell'audio del commentatore.

Le "fiamme" che segnali sono in realtà condensazione d'acqua atmosferica: è un fenomeno frequente nei lanci durante l'accelerazione negli strati bassi dell'atmosfera.

Aggiungo queste info all'articolo, anche perché non sei il solo che è stato tratto in inganno da questi fenomeni.
questo episodio mi ricorda la scena di Gomez Addams quando gioca con i trenini
https://www.youtube.com/watch?v=HMxJtMoTnx8

Ci vedo una cosa positiva, come "crash test" della Dragon V1 è forse stato troppo costoso, ma la capsula è sopravvissuta all'esplosione del missile! :-)
Visto che non ci sono di mezzo danni a persone (e i soldi persi non sono i miei), ci si può anche scherzare e il commento di avariatedeventuali sulla presenza Microsoft a bordo mi diverte molto. Un po' meno pensare a 3 incidenti in pochi mesi. Spero nella statistica che ora vada tutto per il meglio