skip to main | skip to sidebar
14 commenti

Arriva OS X 10.11 El Capitan: aggiornamento utile ma non rivoluzionario

Poche ore fa è stato reso disponibile OS X El Capitan, ossia la versione 10.11 del sistema operativo per computer Apple. Sono circa 6 gigabyte da scaricare e installare per ottenere varie migliorie di sicurezza e di funzionamento, ma nulla di sensazionale.

Va installato? Certamente, se è compatibile con il vostro Mac (i modelli degli ultimi sei anni lo sono) e se le vostre applicazioni sono compatibili con El Capitan; in ogni caso è prudente fare prima di tutto una copia di sicurezza dei vostri dati, come consueto. Ma non c'è assolutamente fretta.

Le novità più appariscenti sono la suddivisione rapida dello schermo in due finestre (split screen) come in Windows, la ricerca che consente domande in linguaggio naturale (per esempio “immagini di ieri”) e una grafica più veloce. La tendenza generale è quella di somigliare sempre più a iOS, il sistema operativo per tablet e smartphone di Apple.

Molti troveranno utile l'ingrandimento automatico dell'icona del cursore a forma di freccia quando si agita il mouse o si sposta rapidamente il cursore, mentre il nuovo design della “pallina” (l'equivalente Mac della clessidra di Windows) probabilmente non cambierà la vita a nessuno.

Si può nascondere automaticamente la barra dei menu (in Preferenze di Sistema - Generali) e si può scavalcare il Cestino (eliminando subito i file invece di parcheggiarli nel Cestino) come si fa già in Windows: nel Finder, si seleziona il file e si premono contemporaneamente i tasti Opzione, Comando e Cancella.

Se vi state chiedendo il perché del nome El Capitan, si tratta di una formazione rocciosa situata nel parco nazionale di Yosemite, negli Stati Uniti, e rispecchia la recente tendenza di Apple a usare nomi di luoghi per le versioni dei suoi sistemi operativi: la 10.9 era Mavericks (una celebre zona per fare surf in California) e la 10.10 era Yosemite (il suddetto parco).

Anche se le novità tecniche sono poco vistose, c'è un grosso vantaggio nel passare alla nuova versione di Mac OS X: tutti sanno come pronunciare correttamente El Capitan, mentre con la 10.10 erano in molti a storpiarne il nome pronunciandolo Yose-mait invece di Yo-semiti.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (14)
Ah... "La pallina"...

Quando mi interessavo (infatuazione durata molto poco, per la verita') di sviluppo sotto MacOS (secolo scorso), c'erano l'orologio ("wristwatch") e la pallina ("beachball").

Nel mondo degli sviluppatori girava una storia di una conferenza per gli sviluppatori tenuta da Apple in cui uno del pubblico ha chiesto candidamente quando era il caso di usare il "wristwatch" e quando la "beachball".

Risposta rapida e concisa della persona di Apple: il "wristwatch") si utilizza quando l'utente deve aspettare, mentre la "beachball" quando il computer sta lavorando.

Le due ore successive sono passate cercando di capire la differenza tra "utente che deve aspettare" e "computer che sta lavorando".
lo trovo complessivamente migliore di yosemiti, soprattutto come reattività.
per il resto hyper-dock resta un must ed finder continua a far schifo.
l'unica cosa che trovo con un buon miglioramento (sempre e comunque di fino) è mail.
in generale lo consiglio.
Scusate la domanda forse banale, ma secondo voi (Paolo e lettori) cos'ha El Capitan che veramente manca a Mavericks (del tipo: riesco ad affiancare due o piu' finestre anche manualmente in tempo zero)?
Grazie
Come regola degli ultimi anni, un sacco di roba per l'azienda che ha la presunzione di spingere l'innovazione tecnologica del pianeta.
in realtà sotto il cofano un pò di cose le han cambiate.
Primo tra tutti https://en.wikipedia.org/wiki/System_Integrity_Protection
Hanno ampliato e migliorato spotlight soprattutto nell'uso del linguaggio di ricerca
In ogni caso io ho verificano un lieve aumento di prestazioni, su una macchina decisamente paleolitica (macbook pro del 2009)
In realtà è in corso un dibattito proprio sulla pronuncia del nome: la grande maggioranza dei californiani infatti non è solita pronunciare "El Capitan" in spagnolo (come sarebbe opportuno) ma dice qualcosa di più simile a "Il Càptin"
"Se vi state chiedendo il perché del nome El Capitan, si tratta di una formazione rocciosa situata nel parco nazionale di Yosemite, negli Stati Uniti"

Se tanto mi da tanto, allora le prossime due si chiameranno "Bridal veil falls" e "Half dome" :)
Attenzione per chi usa Mac per sviluppo la nuova gestione della sicurezza rootless è un cambio estremamente drastico. Alcune cartelle sono protette a livello di sistema operativo anche per lo stesso utente "root" (che in un sistema *nix dovrebbe poter "fare tutto") e quindi inalterabili. Questa l'amara scoperta dopo aver installato El Capitan e aver scoperto che il mio server Apache è morto perché i moduli aggiuntivi da me installati (legittimamente presi da apache.org, quindi ufficiali) sono stati eliminati e la cartella in cui copiarli è stata resa "non scrivibile" da nessuno (root compreso).

Per una volta che mi faccio tentare dall'installazione del First Day...
La verità e che dopo snow leopard tutti i"nuovi" S.O. di Apple hanno portato solo più fame di risorse,incompatibilità software ed harware mai sanate e un appiattimento della grafica.Ormai 8 gb di ram servono per accendere il mac poi dopo 20 minuti ne libera 1-1.5 con cui godersi un video su youtube.Addio vecchia stampante fotografica Canon,addio programma di fotoritocco dopo 2 anni per imparare ad usarlo sciolto,addio scanner,tavoletta grafica e tappetino del mouse.Però se ricevo una chiamata sul mac mentre sto andando a comprar focaccia posso continuare su l'ultimo Iphone se non è in carica o se hai ancora denaro per acquistarlo.Alternative?Non ricevere più aggiornamento o patch e non aggiornare alcunchè.Se esagero vorrei essere corretto con argomenti che non siano sotto il cofano o modalità di criptatura fenicie visto che non operò più nel settore inteligenze.(Licenziato quando hanno saputo che avevo 4 prodotti Apple).
Ho un iMac 5,1 Intel (late 2006). Ho sostituito di recente l'HD con un nuovo SSD e il computer è molto reattivo. Per aggiornare a Yosemite l'App Store mi diceva che serviva più RAM (e più RAM ho comprato). Adesso l'app store si rifiuta di scaricare Il Capitano, forse perché il mio modello non è nella lista di quelli compatibili. C'è davvero qualcosa di incompatibile nel mio modello? E se no, c'è un modo per aggiornare? Grazie
io sono molto scontenta di queste scelte aziendali. stanno aggiornando sistema operativo quasi ogni anno e obbligano le persone all'aggiornamento!
io ho uno snow leopard con tutti i miei programmi che funzionano (pacchetto adobe, autocad, tavoletta grafica etc..) MA non riesco a sincronizzare l'iphone 5s, che mi richiede ituns nuovo, che mi richiede sistema operativo nuovo. cioè, per sincronizzare il telefono devo aggiornare il mac e sperare che tutti i programmi partano, oppure ricomprarli/riscaricarli tutti?!? sono impazziti!
@Maziasab
...sperare che tutti i programmi partano, oppure ricomprarli/riscaricarli tutti?!? sono impazziti!

Il rischio c'è. Per esempio, Autocad 2015 (mica parliamo di un programma vetusto eh?) non si installa nemmeno in un pc con Windows 10. Si possono fare dei "marchingegni" ma di fatto (almeno nel caso nostro) non va.

Menomale che avevamo diritto al downgrade (perché la versione di Windows è quella pro).

Microsoft dà il diritto al downgrade, anche se poi non ti da il product key per eseguirlo. L'assistenza Microsoft ci ha detto di usare uno in nostro possesso anche se di un'altro pc. Abbiamo sfruttato quello del pc dismesso.

Io lascerei non sincronizzato il telefonino: se i software li usi per lavoro sono ben più importanti, penso.
@ Maziasab
Snow Leopard è del 2009: da Snow Leopard a Lion sono passati due anni, da Lion a Mountain Lion altri due anni. Da Maverick abbiamo avuto un aggiornamento all'anno con download gratuito dall'AppStore.

Il costo di Lion era di €53, Mountain Lion €17,99. (fonte wikipedia)

Sono 7 anni che non aggiorni il sistema.

p.s. chiedo scusa per il re-post, ma nella precedente sessione blogger mi ha addirittura sloggato da gmail.
se pensassi di rischiare di perdere la suite adobe, non aggiornerei neanche in settanta anni, non in sette... magari proverei ad utilizzare prima un altro mac di un amico, installarla, e vedere se tutto funziona.