skip to main | skip to sidebar
11 commenti

“Astronavi aliene” nel deserto egiziano in Google Maps? Ma anche no

Mi sono arrivate parecchie segnalazioni a proposito di questa immagine proveniente da Google Maps, che secondo alcuni mostrerebbe delle astronavi aliene dissepolte. Le coordinate geografiche sono 30° 1'13.25"N 31°43'14.51"E. Il link all'immagine in Google è questo: una quarantina di chilometri a est del Cairo, in Egitto.

Non è certo un luogo segretissimo e inaccessibile, visto che è a una sessantina di metri da un'autostrada, per cui l’ipotesi delle astronavi rimaste inosservate sembra, per essere educati, poco credibile.

Una rapida ricerca sembra invece indicare che si tratti di postazioni di lancio per missili militari, perché ce ne sono di analoghe qui, qui, qui, qui, qui e qui. Fra l'altro, la curiosità in Rete a proposito di queste strutture non è nuova: risale ad almeno tredici anni fa, visto che The Straight Dope ne parlava già nel 2002.

Chissà perché ogni cosa sconosciuta deve essere interpretata come un veicolo alieno. Suvvia, è evidente che queste sono le rampe usate dagli antichi egizi per costruire le piramidi.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (11)
ma no! Si vede benissimo che sono le rampe da skateboard dei faraoni...
Non so nulla dell'argomento quindi mi rimetto a chi ne sa... È normale avere postazioni di lancio di missili militari così vicini ad infrastrutture civili?

Cioé, se per ipotesi un nemico, eludendo la contraerea, riuscisse a bombardare dette postazioni, farebbe anche una strage di civili e rischierebbe di paralizzare la viabilità della zona (quindi problemi per i mezzi militari di terra, per quelli di soccorso ecc ecc), no?

Capisco che per motivi pratici non abbia senso mettere tali piattaforme (pardon) in c**o a Giove, però... a sessanta metri da un'autostrada?

(NB: non è mia intenzione "smontare" o criticare l'analisi di Paolo, ci mancherebbe! Mi sembra solo una scelta progettuale balzana da parte di chi ha realizzato quei siti, quindi volevo capire se questa cosa è la norma o se è un'eccezione)
..ma le piramidi non le avevano costruite gli alieni? Quindi sono rampe aliene :P
e comunque scusa, se fossi un alieno dove parcheggerei? Vicino ad una strada almeno non devo scarpinare...
Si, l'autostrada è vicina ma intorno non sembra esserci altro e in lontananza c'è il Cairo. Magari si tratta di una struttura difensiva della città per cui va posta nei pressi.
Si vede chiaramente che sono due bunker circondati da piazzole tipiche delle postazioni antiaeree SAM, probabilmente una postazione di SA-2 Guideline a protezione proprio del Cairo.
Certo che ci vuole fantasia (e stupidità) per gridare all'UFO difronte a queste strutture così evidenti...

@Tommy the Biker
La postazione in questione è molto lontana da città o paesi, mentre la strada è a circa 400metri di distanza, più che sufficienti per non rimanere coinvolta. Solitamente i missili anti-SAM sono molto precisi e con testata ridotta per incrementare il raggio d'azione, in quel caso il raggio dell'esplosione varia da 20 a 100m circa.
Le uniche che sarebbero in grado di raggiungere l'autostrada sono le bombe a grappolo, ma un'aereo non riuscirebbe mai ad avvicinarsi tanto da riuscire a sganciarle se il sito è attivo.
Vorrei sapere cosa pensano gli psichiatri del fatto che gli ufologi credono che ci sia una cospirazione mondiale che tiene segreti gli alieni dagli anni 40-50, ma pubblicano le foto delle astronavi su google!
Io ho provato, in un commento, a spiegarlo, ma il mio inglese è penosissimo (e persino il mio italiano, a volte).

Non servirà a niente, forse, ma vuoi mettere la soddisfazione!
"Non so nulla dell'argomento quindi mi rimetto a chi ne sa... È normale avere postazioni di lancio di missili militari così vicini ad infrastrutture civili?

Cioé, se per ipotesi un nemico, eludendo la contraerea, riuscisse a bombardare dette postazioni, farebbe anche una strage di civili e rischierebbe di paralizzare la viabilità della zona (quindi problemi per i mezzi militari di terra, per quelli di soccorso ecc ecc), no?

Capisco che per motivi pratici non abbia senso mettere tali piattaforme (pardon) in c**o a Giove, però... a sessanta metri da un'autostrada?

(NB: non è mia intenzione "smontare" o criticare l'analisi di Paolo, ci mancherebbe! Mi sembra solo una scelta progettuale balzana da parte di chi ha realizzato quei siti, quindi volevo capire se questa cosa è la norma o se è un'eccezione) "

Mah Tommy, è difficile rispondere in poche righe alle tue sensate domande. Ti faccio un esempio: io vivo in una piccola città dell'Italia dove fino a pochi decenni fa, in un paesino vicino (leggi:attaccato :D) c'era un aeroporto militare strategico. La città esiste fin dai tempi dei romani, ok, ma l'aeroporto esiste fin dagli albori dell'aviazione. All'interno della base c'era un'attività civile accreditata, perfino nell'ambito dell'agricoltura! Ovviamente quando l'aeroporto era strategico c'era un sistema missilistico ( questo: https://it.wikipedia.org/wiki/Aspide_%28missile%29), per cui l'aeroporto era 'ragionevolmente' protetto. E ti assicuro che l'aeroporto si trova in un'area che possiamo considerare conurbata. Del resto in Italia non abbiamo ampie zone desertiche dove farci le nostre Aree 51 ^_^

Quindi , per rispondere alla tua domanda cruciale:

"Cioé, se per ipotesi un nemico, eludendo la contraerea, riuscisse a bombardare dette postazioni, farebbe anche una strage di civili e rischierebbe di paralizzare la viabilità della zona (quindi problemi per i mezzi militari di terra, per quelli di soccorso ecc ecc), no?"

Sì, e nel nostro caso infatti la mossa fondamentale sta nell'intercettare e rendere inoffensivo il nemico PRIMA che possa attaccare i nostri impianti strategici. Siamo 'abbastanza' attrezzati in merito. (io vorrei molto di più, ma si fa quel che si può con i mezzi che si hanno) Se il nemico riuscisse a scardinare il nostro sistema di difesa preventivo, sarebbe saggio non ostinarsi e contare sull'aiuto di potenze militari straniere, tipo USA, Inghilterra, Francia... Mi rendo conto che non è una prospettiva esaltante, ma questi sono i tempi che corrono -_-
scusate l'ignoranza ma un missile anti-radar non si dirige sul sam ma sul radar che lo guida... che puo' essere da tutt'altra parte rispetto alle rampe di lancio...
"Chissà perché ogni cosa sconosciuta deve essere interpretata come un veicolo alieno."

Perchè le bufale dei ricercatori di notorietà attirano click e soldi