skip to main | skip to sidebar
2 commenti

Siti .it violati, questa settimana c’è anche il CNR

Vado subito al sodo: il CNR ha almeno cinque violazioni (quiquiqui, qui e qui).

C’è anche il Comune di Sant’Antioco, l’Istituto Comprensivo Asiago, il Comune di Caltavuturo.

Spicca, oltre al CNR, l’Istituto Comprensivo di Piombino Dese, che ha la home page nelle condizioni che vedete qui accanto da cinque giorni. Anche la home page dell'Istituto Mattei di Maglie è violata, ma solo da oggi. Complimenti.

Tutti i link qui sopra sono protetti con Donotlink, per cui potete esaminarli senza essere portati a contenuti potenzialmente dannosi.

Come al solito, la fonte di queste segnalazioni è Zone-h.org e lascio a voi l’ingrato compito, se volete, di avvisare i gestori di questi siti.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (2)
Ridicolo. Siamo veramente al ridicolo.
Se non sono cambiate le cose non è il CNR che è stato violato ma dei singoli istituti i quali hanno completa autonomia. Ciò significa che alcuni di loro sono così piccoli che non hanno la figura dell'informatico che viene ricoperta da qualche ricercatore in forma di volontariato.
Il CNR e tutti gli istituti di ricerca sono stati fra i primi soggetti in Italia ad avere il collegamento ad internet, spessissimo negli istituti non c'erano IP privati ma tutti i PC avevano un IP pubblico, bastava installare un server WEB tipo Apache per avere un portale nel proprio PC. Oggi immagino che le cose siano cambiate.