skip to main | skip to sidebar
7 commenti

SpaceX, prime informazioni sull’esplosione sulla rampa di lancio

Questo articolo vi arriva gratuitamente grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete farne una per incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento).


SpaceX ha appena pubblicato i primi dettagli sull’esplosione del razzo Falcon 9 sulla rampa di lancio il 2 settembre scorso (raccontata qui). L’“anomalia”, come la chiamano in gergo in attesa di capirne le cause, è avvenuta circa otto minuti prima della consueta accensione di prova dei motori. Le prime indicazioni suggeriscono che l’anomalia si sia generata intorno al serbatoio di ossigeno liquido del secondo stadio. Ci sono dati in abbondanza per ricostruire gli eventi: circa 3000 canali di telemetria e riprese video che coprono un periodo d’interesse di non più di 55 millisecondi.

I danni alla rampa ci sono ma non sono stati ancora quantificati; SpaceX continuerà a lavorare e lanciare dalle altre rampe che ha a disposizione presso la base Vandenberg e al Kennedy Space Center.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (7)
Non dirmi che non avevi ancora notato le immagini da Juno...
Vedrai che la causa sarà un accumulo di elettricità statica, sul secondo stadio non ben collegato al primo, e quindi a terra.
Può sembrare strano, ma l'ossigeno puro è infiammabile più del gas metano. Le scintille sono "il nemico", e a molti metri di quota sono difficili da controllare.
Ecco perchè il lancio spaziale è così rischioso: Come essere sicuri che TUTTO sia messo a terra e non faccia scintille, dal primo all' ultimo metro del vettore?
Quanto inquinamento crea il lancio di un missile ?
@Paolo, non conosco l'affidabilità del sito in questione, né ho molta dimestichezza con l'inglese, ma ho trovato questo:
http://www.debka.com/article/25649/Was-Israel%E2%80%99s-satellite-sabotaged-on-US-rocket-pad-
@Euro
Non saprei dare numeri esatti, ma considera che il Falcon 9 brucia 123t (primo stadio) + 32t (secondo stadio) di kerosene e non credo che abbia la marmitta catalitica ;). Probabilmente irrilevante in ogni caso in confronto alle altre fonti inquinanti (trasporti, industrie, ecc), anche perché di razzi ne partono relativamente pochi a livello globale.
I razzi ad idrogeno e quelli futuri a metano sono sicuramente molto meno inquinanti.
Quelli ad idrazina (quasi tutti derivati da missili intercontinentali, in quanto l'idrazina ha il vantaggio di essere gestibile con facilità a temperatura ambiente), invece, sono estremamente tossici.
@rico, per favore... "l'ossigeno puro è infiammabile più del gas metano". L'ossigeno è comburente ed anche se è purissimo lo puoi accendere quanto vuoi, non brucia. Certo è che se lo mescoli ad un qualsiasi combustibile, ecco che quest'ultimo si trova nelle condizioni per accendersi e quindi bruciare più facilmente. Ma mi fermo, dài, qui siamo all'abc della chimica...
Hm lavorando in ambito Oil & Gas è pratica comune costante mettere a terra esplicitamente TUTTO. ANCHE se in teoria già a terra per costruzione. Ogni parte metallica ha un dado di terra specifico a cui viene collegato un cavo di terra, anche se la suddetta parte è già avvitata a una struttura metallica messa a sua volta a terra.
Per quanto riguarda l'infiammabilità dell'ossigeno... beh non è proprio corretta come descrizione, semplicemente rende il resto delle cose MOLTO più infiammabile.