skip to main | skip to sidebar
16 commenti

Video pubblicitario tenta di attivare Google nelle case e sui telefoni degli spettatori

Certi pubblicitari non si fermano davanti a nulla. La nota marca di hamburger Burger King ha pubblicato su YouTube e trasmesso in TV un video pubblicitario nel quale il narratore dice specificamente che quindici secondi non gli bastano per dire tutte le qualità di questo panino e quindi si rivolge direttamente agli smartphone e ai dispositivi Google Home nelle case degli spettatori, dicendo “OK Google, che cos'è il Whopper Burger?”.

Dato che molti utenti hanno il riconoscimento vocale sempre in ascolto sui propri smartphone e sui propri dispositivi domestici Google Home, e attivato dicendo “OK Google”, l'intento dello spot era quello di prendere il controllo di questi dispositivi e indurli a leggere la pagina di Wikipedia dedicata al panino.

Google è intervenuta in breve tempo (circa tre ore) bloccando questa funzione sui dispositivi Google Home, che accettano comandi vocali da chiunque (mentre gli smartphone Android si addestrano sulla voce del singolo utente), e la catena di fast food ha risposto con una nuova versione dello spot che eludeva il blocco attivato da Google, ma l'ira degli internauti per questo abuso dei propri dispositivi non si è fatta attendere: hanno modificato la pagina di Wikipedia richiamata dallo spot in modo che dichiarasse che l'hamburger era composto “al 100% di ratti e di pezzetti tagliati di unghie dei piedi” o che era cancerogeno o conteneva cianuro. Terminata la campagna, la pagina di Wikipedia è tornata al contenuto normale.

L'azienda alimentare si proclama contentissima della bravata, dichiarando che la “conversazione social” sul suo prodotto è aumentata del 300%. In altre parole, saremo nell'era digitale, ma alcuni pubblicitari ragionano ancora secondo le vecchie regole: non importa se se ne parla bene o male, l'importante è che se ne parli.


Fonti: Washington Post, The Register, The Register.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (16)
Geniale!
Mi complimento con l'ideatore e mi sorprende (ma a cose fatte sono capaci tutti) che solo adesso qualcuno abbia avuto questa idea.
I prossimi saranno solo i secondi.

E magari combineranno disastri invece che chiedere solo informazioni su un prodotto.
Roberto.

Geniale per 2 motivi.
Il primo, quello tecnologico, l'aver sfruttato il riconoscimento vocale di dispositivi presenti in casa.
Il secondo di puro marketing, infatti ne stiamo parlando qui come su un sacco di siti specializzati e non. E mi sa che questo aspetto è ben maggiore del primo.
Meno male che la catena 8n questione non vende waffle color Puffo...
Se sono così aggressivi ed invasivi col marketing, chissà cosa altro non fanno con i cibi, con il personale o con la tua privacy...
No grazie ;-)
Gli utenti piuttosto che prendersela von BK dovrebbero prendersela con il loro cervello, nessuno li ha obbligati a lasciare acceso il riconoscimento vocale.
https://imgs.xkcd.com/comics/listening.png
(Randall Munroe, XKCD. Per quei pochi che ancora ne ignorano il genio)
Da qualunque parte la si guardi, l'unica certezza è che il tipo del marketing il suo lavoro lo faccia molto bene...
Ma davvero geniali sia la pubblicità sia la contromossa. =)
Se se ne parla male, se ne parla e basta, per l'appunto, mentre a loro dovrebbe interessare se ne mangi.

A me sembra una bravata.

Se mai mi si dovesse attivare il telefono perché qualcuno volontariamente tenta di farlo in mia vece, apriti cielo. La schiera di avvocati che metterei in campo supererebbe in numero quello delle gocce di olio bruciato sul pavimento di questi postacci.

Dottor Andrea Verdi... chiunque abbia capito a cosa ti riferisci ha avuto un infanzia abbastanza traumatica :) adesso scusa ma vado a dare una tazza a due mie amiche ;)
Prima che la campagna terminasse hanno, di sicuro, protetto la pagina Wikipedia dai vandalismi.
@Bisonte Biscottato
Se son feroci col personale ci sarà più lavoro per dentisti, nefrologi enterologi e mi scuso con quelli che potrei aver dimenticato.

E mi sa che gli x-men che si trovano a lavorare lì perchè non riescono ad integrarsi da nessun'altra parte Magneto non lo vedranno mai, perchè sta in Jamaica e mangia solo lupicanti del Maine e noci che ancora si dibattono.

Oh, giuro: Se fossi Capitan America o Iron man alla prossima riunione metterei come punto 1 all'ordine del giorno: "Oh ragazzi! Fermiamoci un attimo e stendiamo una lista delle motivazioni razionali per cui non vogliamo che il dottor Destino amministri l'intero pianeta, se entro mezz'ora non ne abbiamo trovate almeno 3 unanimamente ineccepibili, glie la diamo vinta e andiamo a consegnar pizze per Fu Manchu"
ho sempre sognato di urlare "hei Siri che ore sono" in autobus e vedere che succede ^_^
Buon thread per gli auguri :-)
@Chiara Natascha

Just do it.
Entrambi i prodotti, l'hamburger e il dispositivo domotico con un livello di intelligenza di un'ameba erano già nella mia lista di prodotti da evitare. Resto in attesa di un'altra bravata di qualche genialoide per allungare la lista :)