skip to main | skip to sidebar
20 commenti

Addio, Windows Vista

Credit: Wikipedia.
Il 12 aprile scorso Microsoft ha rilasciato gli ultimi aggiornamenti pubblici di sicurezza per Windows Vista. Ultimi nel senso che dopo questi non ce ne saranno più, e chi continua a usarlo su computer esposti a Internet sarà senza protezione contro le falle che verranno scoperte in futuro.

Per dirla come va detta: se state ancora usando Windows Vista su un computer interconnesso, state cercando guai. Vista fu messo a disposizione del pubblico il 30 gennaio 2007, dieci anni fa: una vita, ai ritmi dell'informatica.

Già all'epoca ci furono parecchie lamentele dei consumatori, soprattutto al debutto, per i driver che non funzionavano, i sistemi “antipirateria” integrati e la compatibilità software traballante, peggiore di quella di Windows XP, tanto che molti utenti rimasero appunto a XP invece di aggiornarsi. Paradossalmente, alcuni di questi problemi furono causati dallo sforzo di Microsoft di aumentare la sicurezza online del proprio sistema operativo, che all'epoca era sotto attacco costante.

Le cose migliorarono col passare del tempo e le novità di sicurezza (lo UAC o User Account Control, per esempio) introdotte con Vista gettarono le basi per il successo di Windows 7, messo in vendita nel 2009 e ancora installato nostalgicamente su molti computer di oggi.

Nel frattempo, e anzi contemporaneamente, Microsoft ha rilasciato l'aggiornamento Creators Update di Windows 10, ricco di novità importanti in primo piano e dietro le quinte (anche nella gestione della privacy, fonte di molte critiche).

Le recensioni di Windows 10 sono generalmente positive, e in particolare in questa versione del sistema operativo c'è un segno dei tempi che sarebbe sembrato impossibile ai tempi di Windows Vista: la possibilità di usare la shell bash di Linux sotto Windows, che consente di dare comandi nello stile potente ed ermetico di Linux senza dover installare nulla. Cose che forse non appassioneranno l'utente Windows medio, ma che mandano in solluchero chi usa l'informatica per lavoro.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (20)
mentre in molti hanno sentito la mancanza di Xp, non credo che Vista abbia altrettante persone che possano rimpiangere questa che insieme con Millennium che sono i più grandi flop di Windows
Non credo che Windows7 sia mantenuto installato solo "nostalgicamente"... ho esperienza di aziende che non passano a Windows10 per i costi troppo alti di migrazione del parco sw (ovviamente costruito su misura), o per la mancanza di assicurazione soul funzionamento dei loro applicativi sul nuovo sistema... "senza vantaggi evidenti, non si cambia ciò che funziona" (cit.)
Mai installato Vista, "saltato a piè pari", da addetto ai lavori, il peggior sistema operativo di sempre, non che i seguenti siano tanto migliori, potenzialità enormi, ma sempre troppi "amenicoli" che ne impediscono un uso fluido in abito lavorativo (senza parlare dei problemi di privacy ecc..), fuochi artificiali e mode indotte per invogliarne l'uso (lock-in spregiudicato), quando Microsoft farà un sistema "Professional" veramente tale? (ricordate win2000?) (resto a Linux)
Anch'io ora resto con Linux, ma Vista non era niente male, una volta "addomesticato" con un programmino che si chiamava appunto... Windows Vista Tweaker.
Mi piaceva l'editor di foto integrato, e anche l'UAC (scocciatura sopportabile, ti avvisava che andavi a toccare i file di sistema, come la richiesta password di Linux).
Poi si è bruciata la scheda madre del laptop... ma dubito sia stata colpa di Vista.
Non ho mai capito il senso di bash (che è un progetto GNU ed è scorretto dire "di Linux") su windows.
Onestamente chi usa un SO piuttosto che un altro lo fa perché ha delle necessita ben precise e non capisco questi "mescolotti".
@Sixam
...per la mancanza di assicurazione soul funzionamento dei loro applicativi sul nuovo sistema

Confermo in pieno. Esistono strumenti (per esempio quelli topografici) non recentissimi, costosi, e perfettamente funzionanti che sono stati realizzati ai tempi di Windows Xp che con windows 7 si riesce a farli funzionare (a volte solo se a 32 bit) ma con Windows 10 non c'è verso.

Microsoft questo lo sa e per questo permette il downgrade nelle sue licenze pro.
Beati coloro che non hanno Vista, ma purtroppo non sono uno di loro. Da felice utente di XP, un brutto giorno qualcuno mi e' entrato in casa qui a KL e si e' preso anche il laptop, gia' vecchio di 7 anni e con tastiera svizzera. La cosa e' avvenuta qualche mese prima del lancio di Win7 e la promessa dell'aggiornamento gratuito a Win7 si e' scontrata con proibitive spese di invio da Singapore del dvd di installazione. Impossibile online.

La situazione attuale? Il mio laptop attuale, per dirla alla Fantozzi, e' una cagata pazzesca (marca, la stessa che produce centrali nucleari giapponesi) e ha Vista. Da agosto 2016 il software di aggiornamento si pianta e non scarica piu' gli aggiornamenti, quindi pazienza se Microsoft ne smette la produzione. Vorrei proprio sostituirlo con un modello nuovo, ma attualmente l'economia domestica non lo consente :-(
Addio Windows Vista, nessuno sentirà la tua mancanza!
Ma di che parliamo, Windows 7 è vista camuffato. Chiunque sia minimamente con le mani in pasta nel settore ne è a conoscenza… Se Microsoft avesse un minimo di decenza dovrebbe interrompere il supporto ad entrambi i sostemi…
A proposito della shell bash da lei citata basterebbe dire una sola parola: finalmente ci sono arrivati anche loro! Difatti chi usa i pc (non unix like) in modo professionale installa sotto windows programmini interessantissimi come babun, comemu, putty (e ce ne sono tanti altri) e inizia ad usare windows in modo serio. Io lo faccio già da anni e mi fa piacere avere questa possibilità anche su Win.
Allora cambiai sia il notebook personale che quello aziendale quasi contemporaneamente ed entrambi mi arrivarono con Vista: una volta disabilitati tutti gli inutili ammennicoli grafici fui più che soddisfatto di quel sistema operativo che sostituiva XP che non ho mai amato. Non posso ignorare che parenti e conoscenti ebbero enormi problemi con Vista, io fui probabilmente solo fortunato. Entrambi i notebook, espansa al massimo della ram permessa (più per sfizio che per necessità), sostituito l'HD con un SSD fanno ancora la loro bella figura con Windows 10!
@Aberto Ghirotti
E' stata una abile mossa commerciale: il mondo è pieno di sistemisti che si sono formati sul mondo *nix e [purtroppo] non hanno gli skill adeguati per gestire server Windows e il solo ricorrere alla Powershell li getta nel panico quindi nel momento in cui le aziende devono fare una scelta rispetto al sistema operativo da adottare sicuramente la Microsoft in passato non ha avuto in queste persone degli alleati nella scelta.

P.S: da quanto capisco hanno semplicemente implementato la bash nel loro prompt dei comandi, non mi pare che abbiano fornito un client SSH (e per questo non capisco perché citi puTTY) e meno che meno un server SSH (attendo conferme o smentite, sto seguendo la cosa superficialmente).
balloto,

bash (che è un progetto GNU ed è scorretto dire "di Linux") su windows.

La shell bash implementata in Windows 10 è specificamente quella di Linux Ubuntu. Per questo ho scritto "di Linux".
Nella Shell "Linux" di Windows c'è tutto, SSH e quant'altro. C'è pure APT. Potete anche installare un server xwindows.
@Il Lupo della Luna
Ho letto un paio di articoli (oltre a quello linkato che non era riuscito a chiarirmi le idee) e vedo che da circa un anno in Windows 10 è stato introdotto un layer (WSL) che permette l'esecuzione di un kernel derivato da Ubuntu e quindi di applicazioni binarie Linux, tra cui la bash, apt, immagino un client SSH, però non sembrerebbe possibile far eseguire servizi, quindi niente web server, niente SSH server e niente X-Window. Di conseguenze neanche applicazioni che ricorrono a GUI grafiche (su Wikipedia consiglia di installare un server X11 per Windows per aggirare il problema). Non riesco a capire se sia possibile eseguire app Windows da bash e viceversa.

https://en.wikipedia.org/wiki/Windows_Subsystem_for_Linux
@Il Lupo della Luna
Installato e provato or ora: nessuna possibilità di eseguire da bash applicazioni e tool Windows (2 mondi che non condividono niente se non il file system, il comando ps mi da solo i processi Linux). Ho cercato di installare qualche servizio, e l'unico che sono riuscito a tirare su è apache, ma a parte un telnet localhost 80, non riesco ad invocarlo al di fuori del 'guscio' WSL. Basta, mi fermo qui. Per me niente di più che una curiosità di scarsa utilità, se ne poteva fare tranquillamente a meno. IMHO.
Riguardo Vista, vorrei dire che arrivati al SP2 non era nemmeno così brutto come OS. Solo che questo è uscito a giugno 2009 e nell'inverno dello stesso anno è arrivato Seven (presentato infatti come un Vista "aggiustato"), il quale ha spazzato via Vista.
Il problema maggiore, se ricordo bene, era la pesantezza mastodontica. Ai tempi i computer avevano mediamente 2 GB di Ram e Vista appena avviato ne consumava quasi 1,5! Sul portatile nuovo di una mia amica di università era quasi inutilizzabile (posto che poi i produttori ci mettono pure i loro bloatware sui portatili...).
vista in realta non era malaccio, se solo ripensiamo a quando fu rilasciato bidoXP era favoloso.
Il problema e' che dava per scontato, come era accaduto in passato, un pc di fascia alta.
Supponendo che la fascia alta di oggi sarebbe stata diffusa in 12 mesi.
In realta'il pentium4 (il peggior procio mai fatto) e il downsizing delle macchine in competizione con altri prodotti (sky, telefoni) essendo il pc divenuto "consumer" non favorirono la diffusione dei portatili da 3000E necessari a fr girare l'elefante.

Di fatto vista a 7, motore grafico a parte, sono molto piu' che parenti.

Cercare di far girare vista su un pc da ipermercato da 299 con ram e procio appena sufficienti per XP generava forti arrabbiature.
Problema che 7 non ha affrontato perche' semplicemente era passato del tempo e i netburst con 1GB di ram erano spariti.

Win 10 e' un suicidio.
Qualsiasi cosa necessita di 200click e schermate a lenzuolo che non si vedevano dai primi anni 90. Anche il material design sembra un passo indietro.
Non parliamo poi delle animazioni pubblicitarie nel menu' start: buone per un 12enne al caxxeggio meno chi non vuole giocare a ruzzle.

Normale che win 7 tenga duro. Soprattutto in ambito PRO.

Se tornassero le finestre anziche' le schermate a pieno schermo e togliessero le animazioni pubblicitarie ne riparliamo di 10 altrimenti quando scadra' 7 diverra' una virtualizzazione di un mint cinnamom.

un po di pensieri sul perche' non voglio 10
http://allarovescia.blogspot.it/2016/03/win10-chimelofafare.html
a quelli che scrivono che nessuno ricorderà più vista. va bene che ha avuto notevoli problemi. però come dice un utente windows vista ha gettato le basi per windows 7 e aggiungo che windows 8 e 8.1 hanno gettato le basi per windows 10. quindi anche nel male a livello di prestazioni dobbiamo ricordare quei sistemi operativi, che con le loro problematiche, hanno permesso lo sviluppo successivo a loro di sistemi più affidabili e stabili. sicuramente, quando faranno il successore di windows 10, avrà problemi. problemi che verranno corretti con un altro sistema. per fare una casa prima si fanno le fondamenta, stessa cosa per i sistemi operativi.
Sì, però le fondamenta non te le vendono (e te le fanno pagare) spacciandole per una casa fatta e finita.