Cerca nel blog

2009/10/22

Kissinger e Rumsfeld: mai andati sulla Luna

Video shock: Aldrin, Kissinger, Rumsfeld, la moglie di Stanley Kubrick e altri confessano che gli sbarchi lunari furono una messinscena


Su Internet sono disponibili dei video nei quali personaggi molto noti, come i politici Alexander Haig, Henry Kissinger e Donald Rumsfeld, la moglie del regista Stanley Kubrick e addirittura gli astronauti Buzz Aldrin e Dave Scott dicono che le immagini degli sbarchi sulla Luna furono falsificate in un set cinematografico, sotto la supervisione di Kubrick, reduce dal capolavoro di fantascienza 2001: Odissea nello spazio, che aveva stupito il mondo per il realismo dei suoi effetti speciali.

Cosa c'è dietro? E' un trucco di doppiaggio? Le loro parole sono state tolte dal contesto originale e manipolate? Assolutamente no. Si tratta di spezzoni tratti da Operazione Luna, un documentario trasmesso nel 2002 dalla rete televisiva Arte e realizzato da William Karel. Un documentario parodia.

Operazione Luna riesce perfettamente nel suo intento: dimostrare allo spettatore l'importanza di guardare la televisione sempre con occhio critico, senza fermarsi alla superficialità accattivante delle immagini ben confezionate e senza fidarsi dell'autorevolezza apparente dei personaggi celebri. Infatti nonostante sia disseminato di assurdità tecniche e di indizi rivelatori (i nomi di molti "testimoni" sono tratti da film celebri), c'è chi crede che sia una vera confessione, grazie anche al fatto che gli spezzoni su Youtube, visti da soli, non rivelano il finale del documentario, che vi lascio il piacere di scoprire intanto che giocate a quante citazioni cinematografiche sapete trovare in Operazione Luna.

Se volete barare, comunque, tutta la questione è raccontata in dettaglio su Complotti Lunari.

87 commenti:

Pax ha detto...

SONO IL PRIMO A POSTARE IL COMMENTO!!!

NetRACE ha detto...

perché, c'è una gara?

Turz ha detto...

No, la gara è qua, ma a chi posta l'ultimo :-)

Pax ha detto...

No era solo cosi'... per celebrare un po'...
Boh adesso vado a casa a cenare.

Ciao a tutti.

Turz ha detto...

A quando un video burla sull'11 settembre? O basta "Inganno Globale"? :-)

Rado il Figo ha detto...

Ma sul serio "2001 Odissea nello spazio" all'epoca aveva stupito il mondo per i suoi effetti speciali?

Non ero ancora nato alla sua uscita, però mi ricordo che dovetti aspettare la computer grafica per poter "credere" che quello che vedevo sullo schermo fosse reale.

Insomma, non voglio denigrare il lavoro dei tecnici dell'epoca, ma anche quando avevo 4/5 anni guardando un qualsiasi film di fantascienza e simili mi rendevo conto che si usavano dei trucchi.

p.s.: d'accordo, non parlo dei vari godzilla dove coll'ingenuità di me piccino mi chiedevo sempre "ma come fanno quelli nel film a spaventarsi? Non lo vedono che è solo un pupazzone con un uomo dentro?"

Gik ha detto...

So che non c'entra niente, però ho trovato un video bellissimo http://www.youtube.com/watch?v=o9cSpEYr2vM

puffolottiaccident ha detto...

Donald Rumsfeld é la moglie di Stanley Kubrick?

IceMat "Magelykun" ha detto...

racconta alla gente un fatto incredibile (per attirare l'attenzione), spiegalo in maniera convincente mettendoci dentro teorie scientifiche (per dargli credibilità), ed infine chiama gente esperta o famosa (per convincere tutti)..le basi del complottismo :)

IceMat "Magelykun" ha detto...

questi hanno fatto lo stesso per prendere in giro questa cosa :D

GuidoBH ha detto...

@Rado il Figo
Io l'ho rivisto recentemente (la prima volta fu quando avevo 10 anni nel cinema estivo parrocchiale, con un paio di "bruciature" della pellicola...) e trovo che gli effetti di assenza di gravità e l'astronave non abbiano NULLA da invidiare alla computer grafica.
Non parliamo di Star Wars dove nello spazio si sentono le esplosioni e dove le astronavi hanno perennemente i motori accesi...
Indiscutibilmente la CG è superiore e ha permesso di realizzare films altrimenti impensabili, ma non ho bisogno di dire "considerando la tecnica e gli anni in cui fu realizzato" per affermare che trovo "2001 Odissea nello spazio" un film eccezionalmente realistico.
Guido da Modena.

Ufo1 ha detto...

Paolo, (gloom)...
per poco non mi veniva un colpo.
Fai attenzione ai titoli che soffro di cuore...

Paolo Attivissimo ha detto...

Ma sul serio "2001 Odissea nello spazio" all'epoca aveva stupito il mondo per i suoi effetti speciali?

Sì. Molti si chiesero come avessero fatto ad addestrare le scimmie. E le riprese dei veicoli, in cui si vedevano dentro le persone che si muovevano, e gli effetti in-camera come la corsa degli astronauti lungo il perimetro della sfera del Discovery, lasciarono a bocca aperta.

Aggiungici il fatto che era forse la prima volta che si faceva fantascienza seria e firmata da un grande autore, si toccava un tema profondissimo, e la magia si realizza. Per me 2001 è stata un'esperienza religiosa.

Rado il Figo ha detto...

Io parlo dal punto di vista dello spettatore, e da quel punto di vista, per quanto non denigri il lavoro dei tecnici né disconosca diversità qualitative (film con trucchi fatti bene o male), io fino alla computer grafica non ho mai avuto la sensazione di "poter credere". Cioè il mio pensiero era, per esempio: "Però, l'hanno fatta bene l'astronave"; oggi dico "caspita! pare proprio che stiano nello spazio in un'astronave vera!". O per farne un altro (penso a Guerre Stellari): "Bello il pupazzone di Jabba", mentre ora direi "Caspita, sembra vero!" (non proprio Jabba, ma penso, che ne so, agli ultimi King Kong o Godzilla).

Considerando che erano pensieri che avevo da adolescente, mi stupisce non tanto che si potesse gridare all'epoca all'ottimo degli effetti speciali, quanto che si potesse definirli realistici.

gian ha detto...

@Paolo Attivissimo
>Per me 2001 è stata un'esperienza >religiosa.
Esagerato!!!
(o forse non ho capito cosa intendessi)

Comunque è uno dei miei film preferiti per la sua genialità
gian

Replicante Cattivo ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Replicante Cattivo ha detto...

E' la dimostrazione della regola numero 1 del complottista
Le fonti che confermano le teorie "ufficiali" mentono sempre, sono manipolate e inaffidabili, se compare un esperto, questo è sicuramente corrotto.
Però un qualunque video pubblicato su youtube, blog, se dice qualcosa che va contro la teoria ufficiale, è credibile, anche se a parlare è un comico, regista, cantante, dj radiofonico....allora le sue parole vanno prese per oro colato e non bisogna neppure contestualizzare la fonte.

A proposito: leggetevi il post di Perle Complottiste dei 15 ottobre, in cui vengono citate le parole della grande esperta di medicina Romina Power.

Tralaltro in questo periodo, come accade ogni volta che salta fuori una malattia, sta spopolando la teoria del "complotto delle case farmaceutiche" che diffonderebbe le malattie per poi vendere i vaccini. E anche in questo caso la frase che si sente sempre dire è "non fidatevi di quello che dicono in tv, andate a documentarvi su internet."
E' un po' come dire alla gente di smettere di leggere i giornali ed andarsi ad informare dalla parrucchiera.

Rado il Figo ha detto...

Nel mio ultimo intervento avevo risposto a Guido.

A Paolo: francamente mi coglie di sorpresa la sorpresa dell'epoca.

Thomas Morton ha detto...

2001 ha dei trasparenti praticamente perfetti.

Replicante Cattivo ha detto...

@ Rado

Considera che il pubblico di allora non aveva dei "precedenti" su cui basarsi. Io invece, figlio degli anni '80, vidi 2001 Odissea Nello Spazio mooooolto dopo la sua uscita, quando nella mia memoria già erano balenate le navi di Star Wars e tanti altri film di fantascienza.
E siccome vidi 2001 quando avevo 14 anni, pensai "che palle questo film" e sorridevo nel vedere una tizia che cammina goffamente con le scarpe di velcro o questi scimmioni a cui mancava solo di vedere la cerniera sulla schiena.
Del resto anche la band di alieni che suona in Star Wars oggi ci appare buffa (e infatti hanno dovuto aggiungerci della computer grafica).

Però ai tempi non so quante occasioni avesse dato il cinema di poter vedere l'interno di un'astronave che non fosse la solita nave da guerra/esplorazione, ma fosse più simile a un aereo.

Tralaltro [fatemi fare un po' l'esperto] la scena iniziale dell'astronave è molto significativa e agisce a livello inconscio sullo spettatore, creando un effetto disturbante.
Infatti vediamo:
- un tizio che pranza mangiando una specie di pappetta
- un altro legge le istruzioni per come si usa un gabinetto
- ad un uomo sfugge la penna dl taschino
- la hostess cammina in modo lento e goffo.

Insomma, Kubrick ha mostrato che l'uomo, nel momento in cui esce dai propri confini deve ricominciare da capo, tornando ad uno stato infantile: mangia cibo pre-masticato come quando era bambino, anche gli oggetti più semplici sfuggono al suo controllo (la penna), deve nuovamente imparare a camminare e addirittura gli si deve spiegare come fare la pipì!!!!

Paolo Attivissimo ha detto...

Rado,

io invece ho la sensazione opposta: gli effetti in grafica digitale mi sembrano sempre fasulli, da cartone animato, tranne quando sono sottili come quelli di Benjamin Button o Forrest Gump.

Quelli fisici, invece, quando sono al livello di 2001 o del passaggio dell'astronave imperiale all'inizio di Guerre Stellari, mi danno la sensazione della fisicità reale.

I modellini giganti dei palazzi del Signore degli Anelli sono modelli fisici arricchiti con dettagli e attori digitali. C'è una buona ragione :-)


Gian,

alla fine degli anni Settanta mio padre mi portò all'Astra a Milano a vedere la riedizione in 70mm e sonoro a sei piste di "2001". Conoscevo il film, ma rimasi travolto dalla bellezza e dalla purezza delle immagini grandiose e dal messaggio del film: siamo poco più che scimmie sveglie, ma dentro di noi c'è il germe della magnificenza, se solo abbiamo il coraggio di crescere e liberarci delle paranoie del passato.

E dobbiamo farlo, perché là fuori, probabilmente, ci sono creature così più evolute di noi che quando le incontreremo, ci sembrerà di essere al cospetto di Dio.

E "Dio", infastidito, potrebbe decidere di sbarazzarsi di noi come noi ci sbarazziamo di una mosca che ci sporca il piatto di minestra.

Concetti che già conoscevo, ma che portati sul grande schermo hanno avuto su di me un impatto emozionale enorme. Non ringrazierò mai abbastanza mio padre per quella scammellata fino a Milano.

Se questa non è un'esperienza religiosa... :-)

Replicante Cattivo ha detto...

Inoltre ricordiamoci che 2001 è stato uno dei primi esempi che ha fatto capire che lo spettatore il realismo spesso è anti-spettacolare :D

Paolo ha detto...

Ma e' una notizia riciclata?
Sbaglio o ne avevi gia' parlato tempo fa?

Paolo Attivissimo ha detto...

Sbaglio o ne avevi gia' parlato tempo fa?

Non mi pare. L'ho citato in un commento a questo articolo, ma non trovo altro.

Grezzo ha detto...

Non ho ancora letto l'articolo su complotti lunari, ma... Jack Torrance (secondo video) non era il nome del protagonista di Shining, di Stanley Kubrick?

M. ha detto...

Qualche anno fa tenni un seminario sul linguaggio cinematografico del documentario e pensai che un modo originale di porre la lezione fosse quello di far vedere un mockumentary, costruito con le regole del documentario ma che racconta fatti assolutamente falsi.

La sceltà cadde su Operazione Luna ed era mia intenzione rivelare l'arcano solo una volta che gli indizi presenti nel film fossero diventati realmente rivelatori. Ma alla prima pausa caffé, dopo aver visto e discusso i primi 15 minuti mi resi conto di aver dato il via ad un delirio lunacomplottista generalizzato che rischiava di diventare il tema dell'incontro e dovetti rivelare anzitempo che si trattava di un falso!

Però fu molto divertente rendersi conto di quanto la gente dia assolutamente per scontato ciò che sente!

Grezzo ha detto...

Ah, ora l'ho letto ;-)

Rodri ha detto...

Paolo riguardo la tua esperienza religiosa, quando vuoi ci rimane ancora la fare... la Messa in HD ;-)

Replicante Cattivo ha detto...

@ M.

In fondo basta pensare al casino combinato da un certo Orson Welles.

Il fatto è che quando dici a certa gente "tutto quello che avete sentito è assolutamente falso e nessuno di questi personaggi crede realmente in quello che dice", loro ti rispondono "sì però...fa pensare...".
E' come fingere uno starnuto in faccia ad un ipocondriaco: lui ormai è sicuro di essere stato contagiato e non c'è dottore che tenga.

Rado il Figo ha detto...

A Paolo:
hai ragione, mi ero fatto trasportare un po' dal semplicismo espositivo. In effetti per computer grafica avevo in mento gli esempi citati (King Kong e Godzilla), ma in effetti esistono altrettanti "abusi"; e fintanto che si parla di "The Mask" l'effetto cartone animato è anche gradito e gradevole, se penso a Hulk (diventato una specie di "pallina [verde] pazza che strumpallazza") o Mister Hyde de "la leggenda degli uomini straordinari", non posso che convenire che l'effetto finale sia più ridicolo che realistico.

a replicante cattivo:
non pensare che abbiamo avuto chissà quali diverse esperienze da spettatori. Anch'io vidi 2001 dopo Guerre Stellari (e per favore, Guerre Stellari, grazie) ma anche nel primo caso vi erano alcune cose che mi facevano ridere (da sempre, aggiungo), ovvero i pupazzoni più o meno animati, con o senza persona dentro. Ripeto però che il mio pensiero non era "che cialtroni, si vede che c'è un uomo dentro", semmai era "peccato che non si possa fare niente di meglio di questi pupazzoni". Apprezzavo comunque il livello alto dell'epoca di certi trucchi pur rendendomi conto che si era ancora lontani dal realistico.
Non mi era mai venuto il pensiero "se non sapessi che non è vero, direi che è proprio vero!".

Comunque si tratta di impressioni personali, per quanto possano sorprendermi.

M. ha detto...

@ Replicante Cattivo

Per fortuna avevo davanti persone abbastanza intelligenti ed è bastato anticipare che si trattava di un mockumentary per riportare il discorso entro i binari.

Ma ti do ragione, ed è vero anche il contrario. Se chi ti tedia per ore con le sue ipotesi sul falso allunaggio scoprisse un giorno di aver ragione e che si è trattato davvero di una messa in scena, perderebbe completamente interesse per l'argomento e comincerebbe a correggere il tiro o occuparsi di scie chimiche o altri argomenti più "misteriosi". Ciò che affascina delle teorie di complotto è l'esclusività e lo spirito di contraddizione: io, solo io e pochi altri sappiamo la verità e i popoli sono succubi del male e vivono senza conoscere la verità. Se la verità (per assurdo) diventasse nota a tutti sarebbero capaci di inventare un'altra falsità, purché misteriosa.

Scopriamo davvero che gli allunaggi furono una messinscena? Tzé, in realtà trovarono alieni sulla luna e ora vogliono farci credere che fu una messinscena per nascondere questo fatto...

Rodri ha detto...

Credo che il bello stia proprio in quel che è stato possibile realizzare sul momento, anche se (per ics motivi) non era magari il massimo sforzo possibile.

Un po' come la discussione se Star Trek TOS sia meglio rimasterizzato oppure no. C'è chi vota per il sì (miglioramento di scene e sfondi), c'è chi vota per il no (mantenimento dell'autenticità originale).
CG necessaria ma non disponibile o non usata (o usata poco)? Fa niente, l'originale io l'accetto così com'è. Il primissimo King Kong o il primissimo Frankenstein ha pur sempre il suo "fascino del grezzo" rispetto a tutte le versioni successive.

Non entra nel discorso la versione turca di Star Trek :-DD

Terenzio il Troll ha detto...

Entro volentieri a pie' pari nell'OT sugli effetti speciali.
Dato che non ne so niente, diro' sicuramente cavolate; ma tanto nessuno si aspetta altro da un troll, no?


"2001 Odissea nello Spazio" e' stato un film che ha contribuito a formare il mio immaginario: se devo pensare ad un'astronave che si move nello spazio, penso piu' alla Discovery che non alle astronavi di Guerre Stellari (ops, Star Wars) od all'Enterprise.

Da allora non sono mai riuscito a sopportare le scene in cui vediamo qualcosa accadere nel vuoto e contemporaneamente sentiamo il sonoro!

Questo "errore" e' ormai diventato un cliche', qualcosa che lo spettarore si aspetta. Persino nel recente remake di "Battlestar Galactica" (che pure e' una pluripremiata pietra di paragone in quanto a realismo degli effetti speciali televisivi) gli sceneggiatori non sono riusciti a rinunciarvi completamente, utilizzando l'espediente di farci sentire i suoni ovattati provenienti dalle radio dei vari veicoli via via presentati...

Se devo pensare ad una cosa che mi ha sempre fatto pensare "ma no..." relativamente a "2001", non sono tanto le scimmie nelle sequenze iniziali (che puresono sicuramente uno degli aspetti meno realistici del film), quanto i nixie che si vedono un po' dovunque ci sia un quadrante od un display.

Ho sempre pensato: "ecco cosa succede a far scegliere certi dettagli ad uno scenografo od un regista, invece che ad un geek".

Quel dettaglio, da solo, e' un marchio indelebile di un'epoca, un vero "oopart" al contrario, un po' come trovare una valvola limitatrice del vapore in un portatile.
E credo che chiunque avesse una infarinatura di elettronica avrebbe potuto prevederlo: esattamente come non ci hanno fatto vedere un HAL 9000 fatto a transistor al germanio e resistenze a carbone, ma di futuristici componenti ottici.

Paolo Attivissimo ha detto...

non sono tanto le scimmie nelle sequenze iniziali (che puresono sicuramente uno degli aspetti meno realistici del film)

Terenzio, non sono scimmie. Sono ominidi preumani. Se ti aspetti che siano scimmie, certamente possono sembrare poco "realistici".

Semmai in quella scena io trovo poco realistico il cucciolo di scimpanzé spacciato per figlio degli ominidi.

Carina la chicca dei nixie: anacronistica come i vestiti o le pettinature anni Sessanta del 2001.

Replicante Cattivo ha detto...

Gente, tralaltro quasi diamo per scontato che stiamo parlando di un film ambientato OTTO ANNI NEL PASSATO in cui gli uomini arrivano su Giove e i computer dialogano come se fossero persone reali.
Si potrebbe considerare la fantascienza uno specchio dei tempi: ogni epoca ha avuto una diversa concezione del futuro.
Ad esempio, nel passato lo sviluppo informatico prevedeva macchinari enormi e rumorosi, che funzionavano a schede perforate :D

Guardando oggi "The prisoner" non si riesce trattenere un sorriso nel vedere come il concetto di "tecnologia oppressiva" veniva rappresentato con questi macchinari colorati e plasticosi. Eppure è anche grazie a certe idee che oggi sono arrivati al cinema i vari Grande Fratello o Matrix (non parlo delle trasmissioni omonime, eh).

Replicante Cattivo ha detto...

Avete presente quei documenti reperiti su internet che dicono "i film americani ci insegano che..." e poi elencano una serie di clichè che ci fanno sorridere?

Tante volte sono cose che, probabilmente, faranno dire ad uno spettatore del 2040 "ma come facevano a crederci?" eppure oggi non ci pensiamo.
Nei film, tutti hanno dei pc che ad un secondo dall'accensione, sono già operativi.
Quando arriva una mail, lo schermo lampeggia con un avviso a tutto schermo e con effetto sonoro.
Nessuno usa windows, ma quasi tutti hanno una specie di prompt simile a quello dell'MS-Dos con caratteri cubitali.
Quando si vuole distruggere un computer, si spara al monitor e non al desktop.

E soprattutto...NESSUNO USA IL MOUSE. Anche quando navigano su internet, è tutto un ticchettio di tasti. Personalmente, nel 2009, ritengo queste "licenze" paragonabili agli alieni di gommapiuma degli anni 70.

Verzasoft ha detto...

Replicante,

ti dirò, queste cose sui pc nei film le ho notate e trovate molto fastidiose. "Cosa gli costa farlo credibile!" mi dico.
Quindi credo che negli anni '60 i pupazzi di gommapiuma mi avrebbero fatto dire la stessa cosa.

Tralatro, ho notato, ma forse sono solo casi sporadici, che negli ultimi film la tendenza si sia un po' invertita, puntando di èiù al realismo. Tipo, in "Una settimana da Dio" Jim Carrey si guarda la posta/preghiere su Yahoo

yos ha detto...

Per me 2001 è stata un'esperienza religiosa.

C'è mancato poco che a quest'ora non si fosse fondata una religione simile a quella dei Jedi:)

Paolo Attivissimo I fondatore dell'ordine dei ... Kubrickiani o dei Duemillaunoiani ?

Non suona male :)

Replicante Cattivo ha detto...

@Verzasoft

ti dirò, queste cose sui pc nei film le ho notate e trovate molto fastidiose. "Cosa gli costa farlo credibile!" mi dico.

Perchè proprio il caso di 2001 ci insegna che nel cinema il realismo viene mal visto. Prova a pensare quand'è stata l'ultima volta che in un film hai visto tirare un pugno che non faccia rumore...

Purtroppo ci sono soluzioni, talvolta di comodo, ma talvolta inevitabili. Immagina che io debba girare una scena in cui un attore riceve una mail urgentissima: potrei semplicemente riprodurre la schermata di Outlook (o un programma simile) sarebbe tutto molto più semplice. Ma se invece c'è qualcuno che si prende la briga di realizzare un'immagine che dice "you got mail" con tanto di avviso sonoro, è perchè evidentemente risulta il compromesso migliore tra realismo e funzionalità alla trama. Ovviamente bisogna anche tener conto del pubblico di riferimento del film.

Marta ha detto...

complimenti, il tuo è un blog utilissimo

Marco ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Paolo Attivissimo ha detto...

Marco ha lasciato un nuovo commento sul tuo post "Kissinger e Rumsfeld: mai andati sulla Luna":

Consiglio di visitare il mio blog! :)


Ti consiglio di andare a quel paese, spammer da quattro soldi. Ti ho già segnalato a Google come spammer e consiglio ai lettori di fare altrettanto, se hanno letto il suo post originale.

puffolottiaccident ha detto...

Paolo, l´incontro con una civiltá incomparabilmente superiore é un bel desiderio, ma esisterá in quella civiltá il desiderio di un incontro con una civiltá incomparabilmente inferiore?

Purtroppo sembra che gli illuminati (non i cattivi che dan brown ha scopiazzato da street fighter 3) esistano e abbiano degli altri esseri umani con cui sono casualmente interfecondi la percezione che gli altri esseri umani hanno dei gatti: rispetto, certo.
Tuttavia, come noi né desideriamo insegnare ai gatti ad elevarsi al nostro livello filosofico-tecnologico, né lo possiamo ritenere possibile, essi non si occupano di insegnare i loro "segreti".
Metto "segreti" fra virgolette perché a quanto posso capire non sono cose che tengono nascoste, semplicemente non si aspettano che possano interessare.

Sempre che non siano i gatti stessi i veri illuminati, che ci guardano e pensano che siamo senza speranza.

Elragno ha detto...

Guarda Turz, è da due giorni che litigo (amichevolmente) con un compagno di classe e con una prof di chimica che sostengono che l'attacco al WTC è montato citando Inganno Globale... ovviamente ho esposto le FAQ di Paolo Attivissimo e loro ovviamente si sono leggermente arresi :)

Stupidocane ha detto...

riguardo ai computer che ticchettano fastidiosamente è dovuto al fatto che se non cinguettassero o facessero apparire buste dalla superficie in acri sullo schermo, lo spettatore sarebbe meno coinvolto. Immaginate di venire ripresi mentre chattate animatamente con uno sciachimista in silenzio. Uno che vi guarda dal suo televisore dopo un po' cambia. Ma se ad ogni byte associamo un "click" ecco che si coinvolge l'udito, quindi due sensi attratti dallo schermo. Come ha detto qualcuno prima di me, siamo solo scimmie ammaestrate... come il fatto di leggere ad alta voce i bigliettini o i messaggi sullo schermo. Uno che va al cinema saprà ben leggere, ma se il protagonista lo legge ad alta voce, ecco che cattura l'attenzione in misura maggiore.

Stupidocane ha detto...

Invece riguardo agli effetti speciali, mi ricordo l'uscita di "Total Recall" e dell'entusiasmo che suscitò lo scialaquìo di effetti speciali. Specialmente la scena in cui Schwarzy si toglie la maschera da signora grassa. Un banale stop motion fatto con computer che manco sapevano cos'era il Pentium. Infatti, vista oggi, quella scena sembra di un film antidiluviano. Ed ogni generazione di computer porta con se effetti sempre di maggiore efficacia, facendo di fatto apparire obsoleti quelli della generazione precedente.

2001 è una cosa a parte, dato che gli effetti sono in gran parte supportati da una regia sublime, un gioco di luci magistrale, una scenografia mozzafiato, tutte caratteristiche che ben si attagliano alla descrizione dell'operato di Kubrik. Talmente maniaco della perfezione e del realismo da rischiare di non riuscire a finire "Eyes wide shut" per la sua insistenza di girare la scena di sesso Cruise-Kidman al vero, ossia, farli ciulare davvero...

Willy ha detto...

"Total Recall"

Io in quel film me lo ricordo principalmente per questo effetto (è la versione censurata!) :P

Stupidocane ha detto...

E last but not least, per chi s'indigna dei rumori delle astronavi di Star Wars, guardatevi la serie Battlestar Galactica, dove le astronavi ed i caccia rispondono a leggi fisiche vere o quantomeno dimostrabili. Una vera e propria "lezione di volo" in assenza di gravità... Naturalmente i rumori sono mantenuti per l'assioma del cinema sopracitato, il coinvolgimento di due sensi...

Stupidocane ha detto...

Un assaggio di Battlestar Galactica qui:

http://tinyurl.com/yzut83v

Rado il Figo ha detto...

Scusate, mi sono accorto di un errore: parlavo del Mister Hyde di "Van Helsing", non della leggenda degli uomini straordinari (dove c'è pure).

Sul discorso delle "convenzioni" cinematografiche, in effetti non ho mai capito né il non uso del mouse davanti ad un pc (credo che solo in South Park i personaggi lo usino) né il mezzo per verificare se si è davanti a della droga (in pratica inumidirsi il dito e portarla alla lingua, roba che se è invece calce viva...).
Sulle e-mail credo che si possa parlare di "riduzione dei tempi".

Replicante Cattivo ha detto...

Beh, pensiamo ancora alla convenzione per cui, davanti a una chat, il personaggio dice a voce alta quello che scrive e i messaggi arrivano alla velocità di uno al minuto. E le interfacce grafiche paiono uscite da un amstrad.

Questo poteva andare bene in film come Viol@, uscito in un periodo in cui le chat non erano ancora così diffuse, ma oggi chiunque riterrebbe artificioso questo sistema. Però è l'unico modo per evitare allo spettatore -pigro- di dover leggere le frasi sul monitor, specialmente se sono in un'altra lingua.

Sigisto ha detto...

Io ce l'ho ancora l'Amstrad....a fosfori verdi e con il lettore di cassette....
Ahhh che bei tempi....

Replicante Cattivo ha detto...

@ Stupidocane
Riguardo al "ticchettio" io mi riferivo al fatto che nei film, quando i personaggi devono fare qualcosa, iniziano a premere i tasti a una velocità inaudita.
Ma questo avrebbe senso se stanno scrivendo un testo oppure stanno programmando qualcosa...non se stanno usando un programma o facendo una ricerca su internet.

Verzasoft ha detto...

Necessità cinematografiche o meno, solo io trovo "allontanante" il fatto di far vedere immagini farlocche al posto di windows/outlook/linux/quelcheè e "coinvolgente o neutro" i rumori dei pugni?

Replicante Cattivo ha detto...

@ Turz
Non immaginavo che il post sul convegno Cicap si fosse trasformato in un altro thread epico.
Siccome non ho testa di leggermeli tutti, puoi solo spiegare brevemente cos'ha portato a quell'enorme numero di commenti?

1 solita diatriba tra complottisti che iniziano a fare domande educate e poi partono con gli insulti (in quel caso specifica se sono complottisti storici o troll occasionali)
2 è spuntata una lesbica bionda e tettona che sta avendo dei dubbi sulla sua identità sessuale e sta chiedendo consiglio ai geek del blog :)
3 qualcuno ha tirato in ballo la la religione
$ una serie spropositata di OT

Se la risposta corrisponde al punto 2 o 3, forse potrei leggermelo tutto :)

Verzasoft ha detto...

la tre !! :D

complimenti per averci preso! :D

Stupidocane ha detto...

@ replicante

Hai troooppo ragione... nel senso che lo faccio anch0io ma sil risultato ep questo...
o hanno tutti dei master in dattilografia o siamo davanti a delle mutazioni genetiche nei tendini delle dita...

Replicante Cattivo ha detto...

@ Verzasoft

Grazie, magari ci do un'occhiata.

@ Stupidocane
Un altro esempio? Il fatto che anche d'inverno, anche in autostrada, le auto nei film hanno sempre il finestrino spalancato.
A noi da fastidio e ci sembra stupido, però forse vedere il riflesso dei riflettori e del cameraman sul vetro, ci darebbe ancora più fastidio. E sembrerebbe ancora più stupido vedere l'autista che alza il vetro prima di chiudere la portiera.

Queste sembrano cretinate,ed in effetti possiamo riderci sopra
però secondo me pensare che gli sceneggiatori siano tutti idioti è un po' come incappare nella sindrome del cospiratore pasticcione.
Insomma: come si fa a pensare che gente come Spielberg o J.J.Abrhams si circondino di incapaci che non sanno nemmeno come funziona un pc o che non si ricordano di far chiudere l'automobile ai protagonisti?

lucky141 ha detto...

@Paolo Attivissimo
non sono scimmie. Sono ominidi preumani. Se ti aspetti che siano scimmie, certamente possono sembrare poco "realistici".

In realtà dovevano essere uomini primitivi nudi: questo però avrebbe causato problemi di censura e tutti i tentativi di nascondere le parti non mostrabili non avevano portato a nulla di decente, quindi Kubrik ha dovuto ripiegare sui costumi da scimmione.

Ho visto una foto della versione poi eliminata (erano state girate già parecchie scene), gli ominidi erano effettivamente molto realistici, se si eclude il fatto che... erano asessuati!!!

Fonte: uno splendido volume sugli effetti speciali di 2001 uscito un po' di anni fa (se interessa cerco l'editore).

Tra l'altro nello stesso volume si scoprono cose interessanti, tipo che la scena in cui Hal visualizza in un monitor l'animazione 3D in wireframe dell'antenna da sostituire è stata girata... costruendo il modello fisico dell'antenna in fil di ferro e filmandolo su sfondo nero con illuminazione adeguata!

Paolo Attivissimo ha detto...

Fonte: uno splendido volume sugli effetti speciali di 2001 uscito un po' di anni fa (se interessa cerco l'editore).

INTERESSA!!!!!


l'animazione 3D in wireframe dell'antenna da sostituire è stata girata... costruendo il modello fisico dell'antenna in fil di ferro e filmandolo su sfondo nero con illuminazione adeguata!

Non ci posso credere. Sapevo di un trucchetto del genere in Fuga da New York, ma da Kubrick non me lo sarei aspettato.

lucky141 ha detto...

@Paolo Attivissimo
http://www.imagonet.it/cinevfx/cine_vfx.htm

ricordavo male, non è un monografico (ma la sezione su 2001 ricordo che era molto corposa), ce l'ho a casa dei miei da qualche parte... non so se è ancora disponibile

Rado il Figo ha detto...

a replicante cattivo:
sulle "convenzioni cinematografiche automobilistiche" aggiungerei due punti che mi hanno sempre incuriosito.
1) se sei inseguito e ti sparano, il proiettile manda in frantumi solo il vetro posteriore ma (quasi) mai quello anteriore (mi sono sempre chiesto se ciò sia possibile in realtà)
2) in auto nei film non si cambia mai!

yos ha detto...

Loggico, negli US hanno quasi tutti le auto con il cambio automatico

Fatta eccezione per le auto sportive.


Se però devono mostrare un tizio che ha fretta e deve andare veloce, allora lo mostrano che sta sempre a cambiare marcia, anche se sta percorrendo un rettilineo di 500 km in pieno deserto, senza incroci o senza altre auto

L'economa domestica ha detto...

Altra convenzione: un'auto, al minimo urto, esplode. Comunque sarò strana, ma quando vedo l'orrendo mix digitale/stop motion in Guerre Stellari, mi viene la rosolia.
Ma si sa, sono un'inguaribile amante del rétrò.

yos ha detto...

Poi ci sono le bombe ad orologeria con timer, tali bombe si possono disinnescare solo tagliando uno dei due fili colorati.
Per sapere qual'è il filo giusto, occorre aspettare l'ultimo secondo e tagliare un filo a caso.

Rado il Figo ha detto...

yos: e dove ho mai scritto che si tratta di auto in USA?

Io vedo non cambiare in auto a tutte le latitudini e con tutti i tipi di auto.


Piuttosto, se vogliamo parlare di USA, leggendo il link di replicante cattivo, ho visto che si parla dei barboni e/o alcolizzati che vanno in giro a sbevazzare tenendo la bottiglia dentro al sacchetto di carta. Giusto per togliermi lo sfizio: ma è una panzana che tale comportamento dipenda dal fatto che la legge USA vieti di bere in luoghi pubblici dalla bottiglia, per cui tenendola dentro il sacchetto si elude tale divieto?

yos ha detto...

Ok, non era riferito agli USA :)

Io, invece, quando devono mostrare che sono di fretta, li vedo cambiare marcia ;)

Kitt aveva il cambio automatico,ma quando era nel deserto cambiava sempre marcia.

Anche con Goliath :)

Jena Plisskin ha detto...

"Quando si vuole distruggere un computer, si spara al monitor e non al desktop."

Cavolo, ma allora il mio è ancora vivo!

theDRaKKaR ha detto...

super OT, ma so che qui bazzicano esperti di fotografia:

questa foto è un fotomontaggio secondo voi?

foto

theDRaKKaR ha detto...

link corretto, scusate

Replicante Cattivo ha detto...

Aggiungo: nei film americani, quando parlate al microfono, se siete timidi o state per dire una cazzata, state tranquilli che il microfono fischierà e andrà in larsen. Si chiamano "microfoni intelligenti" :)

@ Rado
L'appunto che hai fatto tu sull'alcool nel cartone è giustissimo: la stessa cosa infatti la vedi in molti film o videoclip (specialmente quelli rap) con giovani al volante o per strada.
Infatti quel sito prendetelo come una cosa su cui farvi qualche risata, ma alcune segnalazioni sono sbagliate oppure non tengono conto della realtà americana.
Ad esempio hanno giustamente notato che, se nei film americani i numeri telefonici iniziano sempre con 555 è proprio per una convenzione nata per evitare che, per sbaglio, in un film venga comunicato un numero reale (incidente che è successo potco tempo fa in un film italiano, se non sbaglio uno dei Manuali D'Amore).

A volte dovremmo guardare un film e renderci conto di quanti compromessi vengono utilizzati, a partire dal fatto di avere un inquadratura "teatrale" (quando guardate un mockumentary, la cosa un po' vi dovrebbe disturbare). E proprio qui torniamo al tanto amato Kubrick.
Chi di voi non ha provato un senso di fastidio nel guardare Shining, quando durante il colloquio tra Torrance e il titolare dell'Overlook, la telecamera rimane fissa su Torrance? E quando la steadycam segue il triciclo del bambino, non vi crea un effetto strano? Considerate che ai tempi era molto difficile vedere un'inquadratura così "estesa" nello spazio, senza alcuno stacco.
Sono tutte cose che sembrano pippe mentali, ma quando guardate il film, state tranquilli che in qualche modo vi sono entrate dentro.

Stupidocane ha detto...

IHIHIH... chi biiillo il sito degli stereotipi...

@yos

riguardo al cambiare in auto vogliamo parlare di quei film sensazionalisti come "The fast and the furious" ed il suo omologo "Biker boyz"???

A parte che in America la "gara" per eccellenza è quella al semaforo:
ci si guarda male, si sgasa furentemente, si parte a razzo facendo fuori il battistrada, si snocciolano 16 marce di fila (katso di cambio hanno le auto americane?) eppoi, dato che la strip dei film americani è oggetto di studio della fisica quantistica, finchè la telecamera la osserva è lunga 400 metri (circa) ma il tempo per percorrerla diventa relativo (di norma dai 6 ai 9 secondi con una moto preparata, nei film 30/40 sec con mostri da 700 cavalli turbo e NOS).

Il bello è che quando arrivano allo sprint finale (gli ultimi 32 metri suppongo) succede invariabilmente questo:
i contendenti hanno il tempo quantistico di guardarsi negli occhi ed il figo di turno che sta andando già a 300 e passa km/h in 6a con il contagiri a fondoscala che fa?

SCALA UNA MARCIA!!!!!!

Ma il bello è che l'auto o la moto non fanno un bel "muro" con il fuorigiri, sparendo dall'orizzonte non euclideo dell'inseguitore, NO!

ACCELERANO E VINCONO!!!!

Come se aprissero uno sportellino sotto il pedale dell'acceleratore per spingerlo a contatto con la scatola di sterzo!
O facessero due giri di manopola destra sulla moto!!!

C'è poco da fare. Come sparano le cazzate gli americani (e come se le bevono), nessuno li può battere...

Piero Mancino ha detto...

Io invece non riesco a pensare al fatto che i bambini americani bevano LATTE a pranzo!!!
Odddddddiooooooo!!!
Ho un cugino americano che una volta e' venuto qui in Italia, quando mangiava, sia colazione che a pranzo, io dovevo andare in un'altra stanza se no vomitavo!!!!

Replicante Cattivo ha detto...

@ Stupidocane

C'è poco da fare. Come sparano le cazzate gli americani (e come se le bevono), nessuno li può battere...


Non facciamo generalizzazioni. Ne sparano tante perchè hanno una produzione di film sterminata, ma anche in Italia stiamo bene (e immagino che anche all'estero sia così). Ma non addentriamoci in questi discorsi altrimenti non finiamo più.

Domenico ha detto...

Io sono soltanto preoccupato per il fatto che le deliranti bufale che si leggono su internet trovino così tanti seguaci in Italia, segno di una diffusione di persone malate di mente, credulone o ignoranti. Queste persone non sono dichiarate incapaci di intendere di volere, pertanto eleggono politici e svolgono mansioni lavorative che possono interfacciarsi con noi. Cioè questi idioti hanno la possibilità di influire in qualche modo su di noi con la loro idiozia, perché se uno è così idiota da credere in certe cose sarà un idiota anche in altre.
È questo il vero complotto, il complotto che porta alla diffusione di idioti ed alla degenarazione della società stessa.
Attivissimo purtroppo si occupa solo di una fetta limitata del mondo delle bufale, ma bisogna sapere che di bufale delirante ce ne sono tantissime, come tantissimi sono quelli che le seguono.

Domenico ha detto...

Ultima cosa, poi mi tolgo dalle scatole: sono irritato dalla continua pubblicità della trasmissione sugli alieni di domenica, quella di Misteri e studio Aperto che presenteranno prove sconvolgenti.

da quanto pare, iniziaranno con un argomento serio, la declassificazione inglese dei documenti sugli UFO, e procederanno spacciando per vere molte bufale ridicole quali:

- cadavere alieno cileno
è una vecchia bufala che circola da anni, è un alieno fatto di cartapesta che fu pubblicizzato su youtube nel 2007, con la promessa che a breve avrebbero fatto chiarezza sul caso ma alla fine non pubblicarono più nulla di aggiuntivo.

La bufala dei files UFO KGB, una invenzione di una trasmisisone televisiva russa:
http://www.parascope.com
/nb/articles/kgbUFOhoax.htm
http://boris-shurinov.info
/uftnt/tnt2.htm

La nota bufala dell'Apollo 20, un gioco d'ombre su un avvallamento lunare spacciato per astronave aliena con tanto di falso confezionato ad hoc:
http://www.lunexit.it/gallery
/displayimage.php?album=21&pos=247

http://www.lunexit.it/gallery
/displayimage.php?album=21&pos=246

http://www.cun-veneto.it/apollo20.htm

http://parvatim.wordpress.com/2007
/08/07/laffaire-apollo-20/

http://parvatim.wordpress.com/2007
/09/27/update-apollo-20-walking-on-the-moon-e-cover-up/

http://forgetomori.com/2008/aliens
/an-alien-with-boobies-and-floating-torsos/


Se davvero spacciano queste cose come vere, vorrei qui dedicare a loro un messaggio con tutto il cuore:

ANDATE A ZAPPARE!

theDRaKKaR ha detto...

Queste persone non sono dichiarate incapaci di intendere di volere, pertanto eleggono politici

questo spiegherebbe molte cose...

Stupidocane ha detto...

Giusto replicante, hai ragione.
Avendo come paragone un Giàgobbo (ai padroni politici), un cantero (cantore del mistero) come Ruggeri, un formaggio molle dall'occhio telemetrico e condendo il tutto con il pecorame che bruca nei pascoli dell'ignoranza italica, come posso permettermi di giudicare?

Faccio ammenda per il mio qualunquismo.

Domani prendo il vecchio Merci, tiro una bella prima, seconda, terza, quarta e poi ricaccio dentro la terza... magari hanno ragione loro e arrivo al lavoro in orario... magari hanno torto e faccio partire quattro missili dal cofano... chissà se i pistoni lasciano scie chimiche?

Vi terrò aggiornati... :-P

theDRaKKaR ha detto...

@stupidocane

cominci a scrivere come puffoloti... vedi tu cosa fare... ^______^

Thomas Morton ha detto...

Conosco un aneddoto carino: è noto che Kubrick chiese la consulenza di Marvin Minski, il famoso ricercatore di robotica e intelligenza artificiale, per 2001. Minski però non si limitò ad esprimere il suo parere sulla portata e i limiti dell'IA e la sua realizzibilità in futuro, ma diede anche vere consulenze tecniche. Ad esempio per la scena in cui il braccio meccanico della navicella deve aprire il portellone dell'astronave afferrando la maniglia e girandola. Minski si mise a dare un sacco di spiegazioni su come realizzare un braccio meccanico telecomandato in grado di eseguire quei movimenti complicati.

Alla fine venne a sapere che la scena era stata realizzata semplicemente girando la maniglia dall'interno.

Pax ha detto...

Kubrick e' un grande! L'ho sempre ammirato...

Oltreutto il film e' una sorta di parabola su come
l'uomo e' in realta' minuscolo e insignificante davanti
ai misteri dello spazio profondo. Ma anche che non c'e' niente di avventuroso nell'esplorazione spaziale, niente di eccitante, molti hanno definito le scene di vita sulla Discovery lente (in senso cinematografico) ma a Kubrick non gliene fregava niente di fare un Star Trek o un Star Wars. Voleva far vedere che a stare in una navicella spaziali per mesi non c'era niente di eccitante specialmente se non viaggi a velocita' Warp. Lo spazio stesso ci schiaccia con le sue dimensioni (la semplice distanza Terra - Giove (Saturno nel libro) che a livello cosmico e' nulla e' gia' impressionante per i limiti umani risultando in un tedio per il personale di bordo)

otello ha detto...

beh riguardo allo spazio, enorme, lento, silenzioso
avete mai visto l'episodio 彼女の想いで di Memories? E' un cartone animato...

Il primo episodio è "magnetic rose" appunto, una navicella che capta un segnale di emergenza
diciamo che rende molto bene l'idea di spazio, desolato, enorme...

ovviamente passa sopra a buona parte dei film "veri" a tema fantascienza :P

ne vedete un pezzo qui: http://www.youtube.com/watch?v=E9mR7Rit4h8

Stupidocane ha detto...

scrivo come puffolotti?

è un complimento o un'accusa?

Mi si ragguagli.

;-)

puffolottiaccident ha detto...

E in entrambi i casi... a chi?

:D

Kruaxi ha detto...

Ahahhaha, fantastico. Ho questo video da anni, da quando lo trasmisero sul satellite, e mi sono divertito a prenderci in giro fior di amici. Fin da subito è disseminato di inesattezze, che solo un appassionato può conoscere, poi è un crescendo di fantastiche assurdità ! Lo consiglio a tutti, è bellissimo !!! La miglior presa in giro dei complottisti che abbia mai visto.

Salute e Latinum per tutti !

theDRaKKaR ha detto...

leggete qui invece di perdere il vostro tempo a digitare sequenze di lettere con scarso senso logico ^_________^

Stupidocane ha detto...

scarso senso logico...

ci penso un po' su e poi, se è il caso, mi offendo.

Intanto vado a fare incetta di mattoni di regolite per costruire la mia villetta vista mare della tranquillità.

... mi sa che non è il caso...

:-))