Cerca nel blog

2016/02/04

Panorama di Marte mozzafiato in realtà virtuale

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora (anche con un microabbonamento).

Ci vorranno probabilmente decenni prima che qualcuno possa camminare su Marte e guardarsi intorno, ma i nostri emissari robotici sono già lì e le loro immagini possono essere composte per creare panorami che approssimano molto bene la sensazione di essere sul pianeta rosso.

Se avete un oculare per la realtà virtuale anche modesto, come per esempio Google Cardboard, potete guardarvi intorno spostando la testa con questo video, basato su immagini recentissime (sono state scattate dal rover Curiosity su Marte un mese e mezzo fa):


Se non avete un oculare, potete comunque guardarlo su uno smartphone o tablet e guardarvi intorno spostando il dispositivo. E se non avete neanche questi dispositivi ma un buon monitor, provate la versione ad altissima risoluzione, zoomabile a livelli impressionanti, che trovate qui su Trustedphoto.com. Buona visione.


10 commenti:

Guido De Vecchi ha detto...

Curiosity e' costellato di elementi "marchiati" con un logo formato da 2 cerchi concentrici bianchi e grigi, tagliati a "X" in 4 settori.... Qualcuno mi sa spiegare cosa sia questo logo?

Grazie in anticipo

Radix Omnium Malorum ha detto...

Marte è bello, ma non ci vivrei

rico ha detto...

Magnifico il panorama di trustedphoto. Mi prenoto per fare SURF su quella enorme duna di sabbia!
D'altra parte a sinistra, oltre la duna si vedono anche le strade per arrivarci. Ah, già probabilmente sono solo la "giunzione" delle foto :)

pgc ha detto...

Guido,

ma no, non non sono logo ma i cosiddetti "fiducial markers". Servono a calibrare le telecamere di bordo e a calibrare i vari movimenti del rover. Vengono identificati e letti automaticamente dal software per verificare che non vi siano problemi e ricalibrare ogni giorno la posizione delle varie parti mobili.

Donato ha detto...

> provate la versione ad altissima risoluzione, zoomabile a livelli impressionanti, che trovate qui su Trustedphoto.com.

Splendida!

Francesco ha detto...

A sinistra del rover, dove finisce la duna, vedo uno strano effetto che inizialmente ho pensato essere un devil dust. A vedere meglio pero' sembrerebbe la traccia di un ritocco con fotoshop che corre verso destra e contorna la duna. Più o meno dove il presunto devil dust sorge da terra, ovvero subito sotto, sembra discorgere una specie di carretto ... non è che qualche buontempone ha fatto qualche scherzo? O è l'ennesimo caso di pareidolia?

Tombovo ha detto...

Mamma mia come é conciata male la ruota centrale sn...

pgc ha detto...

Mi chiedo quale sia la causa dell'ammaccatura visibile sulla RUHF antenna (il cilindro grigio sul retro a sinistra). Risulta in tutte gli autoritratti di Curiosity, quindi probabilmente è frutto di un urto all'atterraggio (il crane? I cavi?) ma non ho trovato traccia di documenti che ne parlano. Qualcuno ne sa qualcosa?

Olivier ha detto...

provate la versione ad altissima risoluzione

Wow! Comunque, se il paesaggio vi sembra brullo, si vede che non siete mai stati in Nevada (nota: neanch'io ci sono mai stato).

delio ha detto...

Ma google cardboard non è una certificazione piú che un prodotto? quale degli occhiali in commercio sono passabili, per tua esperienza?