skip to main | skip to sidebar
3 commenti

Instagram ora permette di archiviare le foto senza cancellarle

Instagram sta avendo un boom notevole e ha raggiunto i 700 milioni di utenti attivi mensili; gli ultimi 100 milioni li ha aggiunti negli ultimi quattro mesi.

Intanto ha debuttato da poco la nuova funzione Archivia, che è una sorta di compromesso per chi ha pubblicato delle foto che non vuole più condividere ma al tempo stesso non vuole perdere per sempre, o per chi per esempio vuole ripulire temporaneamente il proprio profilo Instagram, per esempio in vista di un colloquio di lavoro.

Archivia non cancella nulla e conserva tutti i "Mi piace" e i commenti, ma rende una foto visibile solo al proprietario dell'account; inoltre questa scelta è reversibile.

Per archiviare una foto basta selezionarla, toccare l'icona dei tre puntini in alto a sinistra e poi toccare Archivia, che è la prima voce del menu.

Per recuperare una foto archiviata, basta toccare l'icona dell'omino in basso a destra, poi toccare l'icona dell'orologio che gira al contrario che si trova in alto a destra: compare l'elenco delle foto archiviate, che si possono rendere di nuovo pubbliche toccando Mostra sul profilo.


Fonte aggiuntiva: Engadget.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati manualmente da un moderatore a sua discrezione: è scomodo, ma è necessario per mantenere la qualità dei commenti e tenere a bada scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui e/o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (3)
Anche Google Photo ha aggiunto da poco questa funzione (da circa un mese)... chissà chi ha copiato chi...
Peccato che i tools dell'Agenzia delle Entrate non sono altrettanto semplici. :-)
@A M,
non ho capito l'implementazione di questa cosa su Google Photo dove di default le foto sono tutte private.