skip to main | skip to sidebar
19 commenti

Antibufala: cercasi leopardo smarrito

"Ho perso Leo": smarrito un leopardo. O una bufala?


C'è chi mette gli annunci per ritrovare il chihuahua o il micetto scappato, e c'è chi mette appelli su Internet per annunciare di aver smarrito il proprio leopardo. Questa è, perlomeno, la curiosa storia proposta dal sito Hopersoleo.

Lo sconsolato proprietario dice di averlo perso il 28 marzo scorso. "L’ultima volta è stato visto mentre saltava il cancello del vicino alto quasi 4 metri", dice il sito.

Ma stranamente il sito non fornisce indicazioni sul luogo dello smarrimento o su come contattare il proprietario, né nel sito principale né in quelli collegati su Myspace, Facebook e altri siti molto popolari.

Stando ai commenti su Hopersoleo e alle segnalazioni che mi arrivano, all'appello è associato anche un volantinaggio cartaceo che sta interessando numerose città italiane, destando ovviamente curiosità e apprensione.

Tuttavia i lettori del Disinformatico hanno iniziato ben presto a fiutare non un leopardo, ma una bufala: Daniele, da Napoli, ha notato per esempio che i volantini sono su costosa carta patinata e che alcune delle foto di "Leo" non ritraggono un leopardo, ma un ghepardo.

L'arcano è stato svelato da Mattia di Wavegroup.it in questo articolo. Mattia ha infatti notato un particolare rivelatore: la mappa sulla quale segnalare gli avvistamenti di Leo, presso hopersoleo.wordpress.com, linka una pagina su hopersoleo.com. E Hopersoleo.com, come rivela un rapido controllo con Whois, è intestato a un'agenzia creativa di Roma, la Xister srl. In altre parole, si tratta di una campagna pubblicitaria fatta per far conoscere l'agenzia attraverso il marketing virale. Non c'è nessun leopardo in libertà: niente panico.

Un marketing virale decisamente efficace, che ha saputo giocare con la curiosità e la paura della gente, e originale, visto che è riuscito ad uscire dai confini del Web, dove di solito si svolgono queste campagne, e arrivare nelle strade (sotto forma di volantini) e sui giornali (come testimonia per esempio questo articolo del Corriere della Sera).
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (19)
Ma non si potrebbe parlare di "procurato allarme" o qualcosina del genere?

Almeno qualche anno fa si erano inventati un annuncio della Arcuri (per i maschietti) e di Gasmann jr (per le femminucce) che avevano smarrito il loro orologio (indovinate la marca) promettendo "bollenti" ricompense (in realtà solo facendolo intuire) a chi glielo avesse restituito. Ovviamente qualche tempo dopo arrivava un secondo messaggio di ringraziamento svelando che trattavasi di mera pubblicità "in forma strana".
Confermo la presenza del volantinaggio all'interno di parco Sempione, a Milano, venerdì 4 maggio. La puzza di bufala l'ho subito avvertita proprio per la carta patinata e per la leggerezza con cui viene annunciato lo smarrimento di un "leopardo".

Alla mia domanda alla tizia che distribuiva i volantini "scusami, se fosse vero l'annuncio lo stamperesti su carta patinata?" ho ricevuto una risposta piuttosto confusa e decisamente off-topic: "Lo sai quanto costa un leopardo?". E io: "embé?"... poi se n'è andata.
Si', ma vogliamo parlare del fatto che a me questo messaggio e' arrivato per email direttamente dalla newsletter di Libero?!?

Non ci potevo credere... ho pensato che fosse, appunto, una pubblicita', che il link indirizzasse al sito di qualche compagnia (metodologia comunque discutibile). Ma proprio una bufala, o una pubblicita' virale, non e' concepibile!

Mah.

P.S.
Come Prenderlo: Avvicinarlo con una grossa bistecca...
Ma ci rendiamo conto? e dopo, ammesso che non mangi anche il mio braccio, assieme alla bistecca, cosa faccio? lo prendo per il coppino come i gatti?
Ho trovato copia del volantino sabato 3 maggio in una pasticceria di Padova. Non dico quale per non fare pubblicità, anche se la meriterebbe data la SUPERBA qualità dello strudel che produce! Gustandolo caldo con la panna sembra di essere veramente in Alto Adige...
Ho visto anch'io da poco il volantino, proprio a Napoli (2 maggio). Pensavo fosse un phishing, viste tutte le stranezze del caso e visto che richiedeva la visita ad un sito. Meno male che non è niente di ostile; grazie ad Attivissimo per il consueto tempismo nell'informarci.
Uhm, non per rompere sempre le uova nel paniere, ma questo mi pare più un leopardo
http://en.wikipedia.org/wiki/Image:Leopard_africa.jpg
che un ghepardo:
http://en.wikipedia.org/wiki/Image:Acinonyx_jubatus_walking_edit.jpg
Il pelo, la forma della testa, ecc...

Resta il mistero, però... Robaccia virale, secondo me.
Segnalo la presenza dell'infame volantino anche a genova, in via xx settembre, se nn sbaglio venerdi' notte.

Non aggiungo nulla di nuovo ma anche a me ha fatto strano: il font "comic" su carta patinata, la storia della bistecca e non un numero di telefono ma un sito .... la mia paura e che siamo solo all'inizio e che tra un po' faticheremo a riconoscer appelli veri da appelli falsi, e saremo costretti, nostro malgrado ad ingorare pure gli appelli veri.

ciao
Marco
entropia: non c'è alcun mistero.

prova a scrivere un commento sul suddetto "blog" che non sia "uh che peccato", oppure "chissà qual'è l a verità", bensì un commento che spieghi (educatamente) la situazione.

i commenti sono moderati e tali commenti non vengono pubblicati.
visto a Cervia (Ra) ma non ho perso tempo a leggerlo

pensavo fosse un invenzione di qualche abitante del luogo.
come scherzo non era un granché.
se poi è una pubblicità ancora peggio
marco... al limite non cambia niente.
Una volta non esistevano gli appelli via internet (e prima ancora, neppure i volantini)

Al massimo, ignorando tutti si resta "come prima". Non vedo il problema
Visto anche a Bologna. Per essere virale funziona: la gente ne sta parlando tanto. Funzionasse anche con gli argomenti intelligenti e non solo con le cazzate, il viral marketing...
funziona...funziona.. ne parlano tutti! Molto ben faffto.. anche se piuttosto "invasivo" :-)
Beh, al mio veterinario - mio nel senso che cura i miei gatti, non che cura me... - una notte hanno portato un tigrotto (c'è la foto!). Però, quando hanno capito che le cose si mettevano male, si sono volatilizzati. E il problema è qui: non è stravietatissimo detenere animali selvatici e per di più pericolosi, salvo casi mooolto particolari?
Avvistato il volantino in via Garibaldi a Cagliari!
Al primo sguardo sembrava uno scherzo, nessun riferimento concreto (dove si è perso?) e il tono scherzoso (goloso di bistecche).
Ora lo trovo un filo irritnate. Come pubblicità mi sembra un fallimento: soldi spesi per pubblicizzare cosa?
Avvistato volantino ieri a Roma in zona Trastevere.
A me non fa né gioire né arrabbiare l'idea. Sono invece solo contenta che non ci sia un povero cucciolo di leopardo in balìa di qualcuno senza scrupoli :)
avvistato pure in centro a verona, di fianco a un kebabbaro in pieno centro, e da un'altra parte che ora non ricordo XD
Il mistero del Leopardo è stato svelato
Guardate qui:
http://www.vignaclarablog.it/hopersoleo-il-leopardo-va-in-guerrilla
Non c'era dubbio. Se smarrisci un leopardo e quindi lo tieni in casa, non vai a segnalarlo in giro. E' una trovata pubblicitaria, e la trovo carina.
OK, era la pubblicità di una nuova auto....spero non sia la prima di mille bufale a scopo pubblicitario.
Immaginate "ho perso Cocco, docile coccodrillo...."; "ho perso Pity, pitone reale".... per pubblicizzare questo o quel prodotto.
Sarebbe davvero preoccupante per il Web2: ogni volta dovremmo chiederci se ciò che leggiamo è o può essere vero o una pubblicità spudorata che fa leva sulla nostra fiducia.