skip to main | skip to sidebar
44 commenti

Popcorn e cellulari, spot virale che rivela l’analfabetismo tecnologico

Il telefonino non cuoce il popcorn, ma rivela quanta gente cotta c'è in giro



L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Ne avevo già parlato nella puntata del Disinformatico radiofonico del 10 giugno scorso, ipotizzando che si trattasse di una campagna di marketing virale, e sono stato facile profeta: i vari video comparsi recentemente su Youtube che mostrano come produrre popcorn facendo squillare quattro cellulari intorno a dei chicchi di mais sono infatti una bufala.

Più precisamente, sono falsi realizzati per una campagna pubblicitaria di una marca di auricolari, come mostra attualmente la pagina apposita del sito della marca in questione.

La pagina in questione precisa che "il contenuto di questi video è costituito da illusioni ottiche fittizie e umoristiche concepite come intrattenimento. Nulla in questi video è inteso a suggerire che i telefoni cellulari possano produrre popcorn e la Cardo Systems, Inc. ("Cardo") nega specificamente che questi video contengano una rappresentazione di fatti o commenti riguardanti la sicurezza. Cardo si solleva da qualunque responsabilità per le informazioni presenti in questi video".

Legalese a parte, si è trattato insomma semplicemente di una finzione a scopo pubblicitario, uno spot sotto mentite spoglie, secondo una tattica sempre più diffusa in Rete. Una tattica che funziona, visto che i vari video sono stati visti oltre 11 milioni di volte (almeno così dice chi li ha prodotti) e hanno generato infiniti contro-video di sbufalamento e di presa in giro, come quello che genera il popcorn usando tre banane o quello che fa il popcorn dentro un iPhone. L'importante è far parlare di sé.

A prima vista possono sembrare superflui i contro-video di quelli che hanno ritenuto necessario addirittura fare la verifica sperimentale, come questo della redazione di Le Post, ma questa campagna pubblicitaria ha messo in luce un fenomeno sconsolante: c'è tanta gente che ci ha creduto, nonostante il fenomeno sia manifestamente impossibile, come può capire chiunque abbia un minimo di conoscenza tecnica.

Infatti un cellulare genera al massimo 2 watt di segnale, per cui mettendone insieme quattro si arriva al più a 8 watt; un forno a microonde genera 1500 watt o più, e lo fa in un ambiente chiuso che concentra le microonde, eppure ci mette un buon minuto a fare i popcorn. Pensare che ci possano riuscire quattro cellulari significa non solo non capire un'acca di tecnologia, cosa preoccupante in un mondo in cui la tecnologia è alla base della nostra vita, ma anche non avere capacità critica: se davvero fosse possibile cuocere il popcorn con quattro cellulari, le vostre orecchie dovrebbero bollire ogni volta che usate il telefonino.

Uno degli esempi più patetici di quest'analfabetismo tecnologico mi è arrivato oggi. Lo pubblico anonimizzato per obbligo professionale, ma gente di questo tipo, che mette in allarme amici e colleghi per niente, andrebbe secondo me messa alla gogna.

I: Caro amico salviamo il salvabile , A E MANDA QUESTA MAIL ATUTTI GLI AMICI A CUI VUOI BENE

A: [lista di destinatari, ovviamente rigorosamente in chiaro]

I pop corn si cucinano con le radiazioni del cellulare ,, e il nostro
cervello ?, prova a casa tua.

se apri questo smetterai di telefonare ?

http://it.youtube.com/watch?v=AcLS2WJERQ0

E' importante leggi tutto .
Sono anni ormai che usiamo il cellulare e ci han detto che non fa male ..
Scienziati amici e giornalisti ,dicono il contrario ,
l 'industria paga giornalisti e scienziati per non allarmare.
Mentre molti miei amici hanno malattie sconosciute all'udito e non solo
..
Vorrei pregarti di usare il mio cellulare con parsimonia
1) aL CELLULARE sii telegrafico
2) SE RIESCI è MEGLIO UN SMS
3) MEGLIO CHIAMARMI AL MIO FISSO DI UFFICIO [omissis] (9-18)
O DI CASA 06 [omissis]

ECCO PERCHE' VEDITI UNO DI QUESTI FILMATI E TI CONVINCERAI

http://it.youtube.com/watch?v=AcLS2WJERQ0

http://it.youtube.com/watch?v=lg_dyD0Nsjw

LE RADIAZIONI FANNO MALISSIMO
E GLI INTERESSI DELLE INDUSTRIE E DELLE COMPAGNIE TELEFONICHE
SONO PIU GRAND DELLA NOSTRA SALUTE,
CIAO H[omissis] G[omissis]

Attenzione ai bambini , non dormire vicino a cellulari, i bambini
subiscono
danni maggiori degli adulti.
Il telefono fisso è gratuito , riscopriamolo


Non ho parole. Ditemi che è una burla.

Gli autori spiegano in dettaglio il trucco


A metà luglio 2008, gli autori dello spot sono stati intervistati dalla CNN per spiegare come è stata realizzata la serie di video: molti hanno pensato alle tecnologie fisiche pù ardite, ma come in ogni buon trucco, la semplicità è l'ingrediente vincente. I dettagli sono in questo mio articolo di aggiornamento.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (44)
le radiazioni elettromagnetiche!!!
Fanno malissimo! Malissimo!!
Pensa che se tieni per ore un cellulare in conversazione vicino alla testa, questa si... scalda un po'... molto meno di mezz'ora di sole in estate, che te la cuoce proprio...

Elettromagnetico è sinonimo di "demonio", e il più grande emettitore elettromagnetico è il sole: nessuno di questi somari che dice "boicottiamo il sole"??

Come quelli che fanno i super concerti per "salvare il pianeta" dall'effetto serra, e consumano in poche ore milioni e milioni di watt!!!!
Il pianeta ringrazia, non c'è che dire...
Credo che sia più un problema di campo magnetico piuttosto che di calore generato.

I campi magnetici oltre una certa soglia fanno male, e ci sono le leggi che stabiliscono i valori limite.

Personalmente dopo 5 minuti che sono al cellulare , oltre all'orecchio barzotto comincio a provare un malessere più diffuso.

Cerco di fare telefonate brevi, e non sono continuamente attaccato al cell.

Potendo, mi sembra un comportamento di buon senso.Certo, uno come Moggi non avrebbe potuto adottarlo. :D

La storia dei pop corn, come quella ai tempi dell'uovo che diventa sodo , sono cavolate stratosferiche che vanno a discapito di una corretta informazione ed uso del telefonino.
H.G. sta per Hiesa Giulietto? :-D
mah sta storia delle radiazioni dannose è da prendere con i guanti.
Un mio ex professore di Fisica detto Magnetoman (tra poco capirete il perchè) ci fece un'interessante e illuminante lezione sulle radiazioni che interagiscono con corpi viventi: in pratica le radiazioni per provocare danni permanenti devono essere di lunghezza d'onda minore della dimensione delle cellule e di potenza sufficiente a rendere permanente il danno (con potenze inferiori si avrebbero solo disturbi temporanei), come prova di ciò ci disse che quando lavorava all'accelleratore di particelle infilò la testa tra i magneti del dispositivo e l'unico effetto che ebbe fu una visione "lampeggiante" solo mentre eveva la testa lì. XD
L'appello ad un certo punto dice

Vorrei pregarti di usare il mio cellulare con parsimonia
1) aL CELLULARE sii telegrafico
2) SE RIESCI è MEGLIO UN SMS


Ah...se la gente lo facesse davvero (indipendentemente dai motivi) forse ci guadagneremmo sul piano della convivenza civile. Soprattutto in luoghi come treni o spiagge.
"come prova di ciò ci disse che quando lavorava all'accelleratore di particelle infilò la testa tra i magneti del dispositivo e l'unico effetto che ebbe fu una visione "lampeggiante" solo mentre eveva la testa lì. XD"

ROTFL

Non vorrei che anche Steven Jones abbia tentato questo esperimento,però se così fosse su di lui ha avuto effetti permanenti XD
d3vilkiss:
come prova di ciò ci disse che quando lavorava all'accelleratore di particelle infilò la testa tra i magneti del dispositivo e l'unico effetto che ebbe fu una visione "lampeggiante" solo mentre eveva la testa lì

Ooooh che soddisfazione. Esistono ancora i puri empiristi!!
@devilkiss

ma tu il professore lo conoscevi anche PRIMA dell'esperimento? perché sarebbe interessante valutare il prima e il dopo :D
no non lo conoscevo prima credo sia stato anni prima che io lo conoscessi, comunque come tutti i fisici è fuori di testa
OK, preparatevi a un lungo post :D

Non ci credo... c'e' gente che se l'e' bevuta davvero, questa "notizia".

E non parlo di ignoranti che credono nella chiromanzia o nei complotti lunari, parlo dei miei colleghi... -.-

Cioe' ingegneri dell'informazione (ovverossia, informatici, telecomunicazionisti, elettronici).
Insomma, praticamente le ultime persone che dovrebbero credere ad una balla del genere. Mi consolo solo del fatto che nessuno di loro e' italiano, il campanilismo mi salva dal suicidio per disonore.

Hanno voluto fare l'esperimento! Sul serio! Non ho parole... con quattro cellulari e tre chicchi di mais. Rigorosita' scientifica, insomma.
Io continuavo a dire che era una cazzata, ma senza troppo entusiasmo, perche' anche solo il fatto di poter pensare di riprodurre "l'esperimento", mi aveva tolto, se non la voglia di vivere, sicuramente quella di lavorare con loro!

Ovviamente non e' successo nulla, ma questo potevo anche fare a meno di dirlo.

Al meglio gli ho detto che forse sarebbe possibile utilizzando un migliaio di cellulari, ma, a parte le difficolta' tecniche di fare una cosa del genere, non sono convinto che funzioni neppure cosi'.
Infatti un forno a microonde ha una frequenza precisissima, che e' la frequenza di risonanza dell'acqua. Un cellulare, pur operando nelle microonde, non solo non usa quella frequenza, ma comunque non produce un'unica onda elettromagnetica ad una specifica frequenza. Quantomeno, la radiazione e' modulata.
In piu', penso che un migliaio di sorgenti diverse, anche se fossero esattamente della frequenza richiesta, finirebbero per generare cosi' tante interferenze distruttive da modificare (in difetto) la potenza effettiva. Sarebbe impossibile accordarle in modo da ottenere un onda realmente utile allo scopo.

Comunque, Paolo, che forni a microonde usi tu? Io ne ho visti al massima da 800 watt, forse ce ne sono da 900... pero' puo' darsi che mi sbagli! Boh

Passiamo alla lettera... non che ci sia molto da dire, solo un paio di cose:
- perche' se gli scienziati e i giornalisti sono pagati dall'industria, "dicono il contrario", cioe' che i cellulari fanno male? :D
- Quali sono queste "malattie sconosciute"? E perche' sono imputabili ai cellulari, visto che se sono sconosciute le malattie, sara' altrettanto sconosciuta la causa?
- Il telefono fisso e' gratuito? A parte che non me lo posso portare in giro (e ormai, inutile negarlo, e' una cosa praticamente indispensabile per tutti), ma poi, da quando? Interessante! Alla prossima bolletta di Telecom, faccio partire una denuncia per truffa (che poi ci starebbe lo stesso, ma questo e' un altro discorso! XD)

Ultimissima cosa, poi sparisco per un altro mese :-) :
Sinceramente, usa-free, non mi sembra che sia provato che i campi magnetici facciano male oltre una certa intensita'. Ovviamente se parliamo di campi magnetici, intendiamo campi costanti, o comunque molto lentamente variabili nel tempo (altrimenti si hanno onde elettromagnetiche, oppure impulsi magnetici, che pure quelli, comunque, si portano dietro anche un impulso elettrico).

Mi sembra che siano stati fatti diversi esperimenti con animali e anche uomini con campi di diverse decine di Tesla (e sono tanti!) senza riscontrare effetti a breve ne a lungo termine.

Che le onde elettromagnetiche facciano male, oltre una certa intensita' (laser, e in ogni caso sono comunque onde coerenti) o frequenza (raggi ultravioletti, ics, gamma), invece, e' assolutamente provato, ma non e' certo il caso dei cellulari
psionic: un emettitore di onde elettromagnetiche genera un campo elettromagnetico :)

se metti la testa in un forno a microonde, opportunamente modificato in modo da rimuovere la protezione portello aperto, cuoci perchè le molecole d'acqua abbondantemente presenti nel tuo corpo entrano in risonanza e generano calore.

analogamente se entri in'apparecchiatura per la risonanza magnetica e hai oggetti metallici presenti nel tuo corpo, ti lascio immaginare l'effetto :)

personalmente non mi esporrei ad un campo elettromagnetico di decine o centinaia di Tesla, ma se vuoi farlo tu, ti credo sulla parola :D
Alle rane piace.
Se il campo magnetico è costante, non dovrebbe avere grandi effetti. Il problema è dato non solo dalle radiazioni ionizzanti ad alta energia come possono essere raggi X o gamma, ma anche dai campi elettromagnetici variabili oltre una certa frequenza. Oltre agli ovvi danni stile forno a microonde si possono avere danni dalle correnti indotte nel corpo, che interferiscono con il normale funzionamento elettrochimico del metabolismo, creazione di radicali liberi, ecc.
Certo è che sono passati anni dai primi cellulari che davano il mal di testa ad usarli, sperimentazioni, studi e l'avanzare della tecnologia hanno permesso (obbligato?) di affinare la tecnica e abbassare la potenza di emissione. Adesso i cellulari non fanno (tanto) male. Ovviamente è meglio non vivere con il telefonino continuamente attaccato alla testa, ma gli allarmismi sulle 'radiazioni', le proteste ogni volta che tirano su un'altra antenna cellulare (ed ogni volta che il cellulare non ha segnale...) sono veramente irritanti per la mentalità da trogloditi tecnoignoranti che portano alla luce. E di solito più sono ignoranti, più sono rumorosi.

Altro esempio è il famoso termovalorizzatore che vogliono costruire presso Firenze: è stato più volte spiegato che è un termovalorizzatore ultima generazione, che non genererà polveri nocive con le sue alte temperature e in più produrrà energia dai rifiuti. Eppure, la città è tappezzata di scritte spray e manifesti "No inceneritore", hanno fatto proteste e manifestazioni... Per tutti loro, è rimasto un inceneritore, come quelli degli anni 80 che producevano diossina... vorrei sapere quante di quelle teste di rapa che manifesta sanno la differenza. Poi magari tirano fuori dei fumi e delle micropolveri cancerogene e tante altre storie, che è tutto da vedere da dove le hanno tirate fuori, o forse le hanno lette sul blog di Beppe Grillo, chissà... però sono tutti lì, a protestare furenti contro il potere che nel più tipico stile complottista vorrebbe fargli del male con decisioni unilaterali e falsamente sicure. E tutte le volte a me viene da pensare: "Mi piacerebbe sapere quanti di loro fanno la raccolta differenziata dei rifiuti per il riciclaggio..."
"Mi piacerebbe sapere quanti di loro fanno la raccolta differenziata dei rifiuti per il riciclaggio..."

:-) Come quelli che sono contrari a priori all'energia nucleare (e non sentono ragioni), ma che hanno il condizionatore in camera acceso 6 mesi l'anno... (un mio carissimo amico è uno di questi).

Ci vuole un po' di coerenza nella via. Pieno rispetto (e ammirazione) per coloro che vivono come gli eremiti. Ma questi pseudo-salvatori-del-pianeta tecno-ignoranti ambientalisti-della-domenica, del tutto contraddittori _nei fatti_, mi fanno solo cascare le balle...[1]

@psionic:
Beh, se non altro i tuoi amici hanno applicato il metodo scientifico e hanno sperimentalmente dimostrato l'assurdità di questa bufala. Non essere troppo duro con loro ;-) Sempre meglio di quelli che si ostinano a diffondere panzane vendendo aria fritta.


[1] Nota di chiarimento: io sono un maniaco della raccolta differenziata, attuo da anni il compostaggio domestico in giardino e non uso il condizionatore
Calma calma, io sono contrario sia al nucleare (come si propone adesso in Italia) e ai termovalorizzatori. Lasciando perdere il discorso nucleare, che non ho voglia di restare invischiato in un flame off topic, sui termovalorizzatori il problema è politico, non tecnico: se un'amminsistrazione gestisce un "termovalorizzatore", che, più monnezza brucia, più corrente e soldi produce, la stessa amministrazione non avrà alcun interesse a spingere sulla raccolta differenziata. Una differenziata al 70% come capita a Novara difficilmente si ottiene da un'amministrazione che deve ammortizzare i costi dell'inceneritore nuovo di pacca. C'è da ricordarsi inoltre che i primi rifiuti a sparire con una buona differenziata sono carta, plastica e biologico, le uniche materie prime con un buon contenuto energetico.

Alla fine della fiera, da un punto di vista, ripeto, politico-finanziario e non tecnico, l'inceneritore è alternativo alla raccolta differenziata, e questo è il motivo dell'opposizione di tante persone.
@ usa-free:
Infatti parlavo di campo unicamente magnetico, che per forza di cose dev'essere costante o quasi.
Io sinceramente lo farei... mi piacerebbe proprio tentare di levitare come una rana per repulsione diamgnetica.
Certo di tesla ne servirebbero un po' piu' di 10... e anche di 100, se e' per questo!

@dan:
Non sono convinto che i primi cellulari facessero davvero male, ma non sono sicuro su questo. Piuttosto penso che la potenza si sia progressivamente abbassata per motivi naturalmente di efficienza e di costi, e, non ultimo, proprio per il timore che facessero male. Ma che la cosa sia stata dimostrata, in passato, e quindi tanto meno oggigiorno, non mi risulta.

@stemby:
senz'altro, hanno applicato il metodo scientifico. Ma non era un esperimento necessario, e il peggio e' che loro l'hanno attuato con la convinzione che riuscisse, non per smentire le affermazioni.
@markogts:
Come ho già detto in un altro intervento, non sono un esperto di rifiutologia (e qui in Italia sembra che di espertoni ne spuntino fuori come funghi), però alcune tue affermazioni mi lasciano per lo meno perplesso.

Da quel che ne so io, non è _mai_ conveniente incenerire piuttosto che riciclare (a parte lo sbattimento di separare il pattume, ma questo dovrebbe essere un compito in gran parte delegato al senso civico dei singoli cittadini). Ad esempio, il termovalorizzatore di Brescia, spesso preso ad esempio come modello, mi risulta che bruci montagne di metano (se a qualcuno interessano i numeri, credo che non sia difficile trovarli). In pratica si può parlare di un recupero di energia (teleriscaldamento) che altrimenti sarebbe buttata, ovvero si tratta di un risparmio, non di un "guadagno": è sempre e comunque un costo. In altre parole: costerebbe meno bruciare solo metano per teleriscaldamento e mandare tutto in discarica tal quale, piuttosto che bruciare _più_ metano per incenerire i rifiuti. Per contro (ed è per quello che si fa), si ottiene una enorme riduzione dei volumi, e ben sappiamo quanto il territorio scarseggi sempre più.

A riprova della almeno parziale inesattezza di quello che dici: è vero che carta e plastica hanno un buon potere calorifico, ma assolutamente non i rifiuti di cucina (il cosiddetto umido). Anzi! E' proprio la parte più deleteria che possa finire in un inceneritore.

Prova a ridurre in cenere le bucce di una pera o un pomodoro marcio con un accendino: secondo te basta una piccola fiammata (tipo con la carta) e poi ti ritrovi un bel fuocherello che ti scalda, oppure ti ritroverai l'accendino vuoto e ancora non sarai riuscito a bruciare tutto?

In termini un po' più tecnici, si tratta di fare un bilancio (il cosiddetto Contenuto Energetico) tra l'energia contenuta negli avanzi di cucina (il Potere Calorifico Inferiore, dai legami C-C della materia organica) e l'energia da apportare per far evaporare tutta l'acqua in essi contenuta (TANTA: 2500 e rotti kJ/kg di acqua). Prevale di brutto la seconda voce. E il tutto senza considerare il rendimento della macchina termica, che si spera essere molto alto.

In sintesi: l'unico modo per ottenere energia dall'umido, anche considerando il basso rapporto C/N, è la digestione anaerobica (---> biogas). La combustione è da pazzi.

Invece per la prima parte del mio intervento ovviamente attendo conferme/smentite.

Ciao!
"Lasciando perdere il discorso nucleare, che non ho voglia di restare invischiato in un flame off topic, sui termovalorizzatori"

perchè, i termovalorizzatori sono in-topic? lol

comunque già che ci siamo:la questione è molto complessa, anche per gli esperti.

ad esempio il riciclaggio ha dei costi e una componente inquinante:

-bisogna infatti pagare gli omini e i mezzi per la carta, il vetro/stagno/alluminio, l'umido, i non recuperabili

- i mezzi che gironzolano in una raccolta così capillare, quasi porta a porta, consumano combustibili non rinnovabili e producono emissioni inquinanti

-una volta recuperati e differenziati, i materiali vanno stoccati, ulteriormente differenziati e infine riciclati, e questo introduce ulteriori costi per omini, spazi di stoccaggio, impianti ed energia per farli funzionare

E' un meccanismo sicuramente valido, che però è in continuo perfezionamento.

Ad esempio a Novara ci siamo dotati di mezzi elettrici per la raccolta capillare, e di un impianto digestore per l'umido: sì, c'è puzza di vomito nel raggio di 3 km intorno ad esso, ma per fortuna è fuori città :)

I mezzi elettrici riducono l'inquinamento dell'aria e quello acustico, tuttavia producono rifiuti speciali (le batterie), e l'energia per caricarli viene prodotta con fonti non rinnovabili ed inquinanti (escluso l'idroelettrico e il geotermico).

La nostra agenzia per la monnezza, l'ASSA, ha poi allestito un'area di conferimento piuttosto ben organizzata in città, cosicchè il privato cittadino è incentivato a non buttare il divano dalla finestra, ma a portarlo all'isola ecologica, dove lo può conferire facendo poca strada e a costo zero :D

In realtà la percentuale di riciclata rasenta a stento il 67%.

In più in molte zone della città la differenziata non è totale:da me ad esempio c'è tutto:

carta - umido - vetro e lattine - non recuperabili

e se la gente mette la roba a cacchio nei bidoni ci sono le sanzioni (e le liti tra condomini)

ma da mio cugino invece c'è solo la carta, l'umido e i non recuperabili: ovvero il vetro finisce nei non recuperabili!

quindi è un 67% un pò farlocco e sicuramente da ridimensionare al ribasso.

Devo dire comunque che è già un buon inizio: mi ricordo anni fa quando c'erano i cassonetti indifferenziati per le strade: tanfo, topi e scarrafoni!

Adesso la città è indubbiamente più pulita ;)
Paolo, hai già visto questo video?
http://www.metacafe.com/watch/1399627/cell_phone_popcorn_hoax_revealed
Cosa ne pensi?
Edweena, la spiegazione mi pare plausibile ma pericolosa.
Spiegate questo? Provateci anche voi, seguite le istruzioni e vedete che succede.

Appena recupero un chicco di mais secco ci provo pure io. :-)

http://www.metacafe.com/watch/yt-frENzGBx3Q0/cell_phone_popping_popcorn_again/
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Per tornare nuovamente OT ;-) (l'ultima volta...)

Ho appena visto questo[1] servizio di SuperQuark. Carino. Divulgativo ma fatto bene (a mio modesto avviso).

Se si può fare in Spagna, perché dobbiamo pensare che la gestione attenta e corretta dei _propri_ rifiuti sia impossibile, in Italia?

@Edweena:
Io non ci proverei...


[1] http://video.corriere.it/?vxSiteId=404a0ad6-6216-4e10-abfe-f4f6959487fd&vxChannel=Spettacoli&vxClipId=2524_c0194954-41f4-11dd-b0b2-00144f02aabc&vxBitrate=300
"sui termovalorizzatori il problema è politico, non tecnico: se un'amminsistrazione gestisce un "termovalorizzatore", che, più monnezza brucia, più corrente e soldi produce, la stessa amministrazione non avrà alcun interesse a spingere sulla raccolta differenziata."
Questo è verissimo, un politico onesto è probabilmente uno che è fuori dalla politica. Il punto è che non mi è sembrato di vedere un'opposizione di grande livello, la gente si protestava più per preconcetto che per reale informazione sull'argomento... forse il migliore incentivo alla raccolta differenziata ce l'hanno a Napoli.
(Senza entrare in flame off-topic neanch'io, dico solo che io sono contrario al nucleare in Italia, primo perchè non mi fido della gestione italiana, secondo perchè mi fa rabbia che se ne riparli proprio ora che l'ostruzionismo e indifferenza generale per il rinnovabile cominciavano a calare. Anche in questo caso, la proposta del governo mi sa di politico, non di economico/energetico.)

"Io sinceramente lo farei... mi piacerebbe proprio tentare di levitare come una rana per repulsione diamgnetica.
Certo di tesla ne servirebbero un po' piu' di 10... e anche di 100, se e' per questo!"

Non saprei... non vorrei che a quei livelli il campo magnetico cominciasse ad interferire con i percorsi degli elettroni nel cervello! Così cominci sì a levitare nel campo diamagnetico, però vedi anche gli elefanti rosa e i camion volanti...

"Non sono convinto che i primi cellulari facessero davvero male, ma non sono sicuro su questo."
Io so quello che ho sentito: non sono uno che demonizza le onde, anzi mi fido, ma col vecchio Motorola di famiglia, se lo usavo per più di cinque minuti, cominciava a venirmi un mal di testa unilaterale...

"senz'altro, hanno applicato il metodo scientifico. Ma non era un esperimento necessario, e il peggio e' che loro l'hanno attuato con la convinzione che riuscisse, non per smentire le affermazioni."
Allora sì, è grave. Guarda al lato positivo: adesso ad ogni occasione potrai prenderli in giro perchè sono "quelli che hanno cercato di cuocere il popcorn coi cellulari".
usa-free, lo sai che quasi quasi mi trasferisco a Novara..? Vabbene che la Toscana pare sia fra le regioni che ricicla di più, ma comunque è pieno di cafoni che se ne sbattono, e ignoranti che buttano i sacchetti nei cassonetti della carta. Hai ragione sui costi del riciclaggio, ma se prendi in considerazione i costi collaterali di trovarsi invasi di monnezza come al Sud, direi che è comunque vantaggioso. Senza contare che riusi parte della roba che butti, recuperi risorse e materiali, invece di solo buttarli via e sotterrarli in una discarica che sa tanto di "spazzare la polvere sotto il tappeto".

"I mezzi elettrici riducono l'inquinamento dell'aria e quello acustico, tuttavia producono rifiuti speciali (le batterie), e l'energia per caricarli viene prodotta con fonti non rinnovabili ed inquinanti (escluso l'idroelettrico e il geotermico)."
A parte che anche le batterie si possonon riciclare.. ma hai capito adesso perchè mi girano quando parlano di nucleare o si lamentano della crisi energetica? Siamo strapieni di tetti bruttissimi in cemento, tela catramata, eternit o onduline: posso capire i tetti in cotto degli edifici, ma tutti gli altri verrebbero addirittura abbelliti dai pannelli solari, e pensa a quanta acqua calda ed elettricità verrebbe generata! (e quanta energia risparmiata)

"Paolo, hai già visto questo video?
http://www.metacafe.com/watch/1399627/cell_phone_popcorn_hoax_revealed
Cosa ne pensi?"

Solite imprudenze da filmato internet. E' pericoloso per chi ci maneggia intorno, e direi anche per i cellulari che ci metti davanti. E' comunque una buona spiegazione per la stupidaggine del popcorn coi cellulari. E il bello, come ci mostra fabio, è che c'è qualcuno che insiste!
E l'uvo sodo con il cellulare è vero o finto?
tempo fa c'era un video in cui due cell in contatto fra loro con un uovo in mezzo dopo un ora producevano un uovo sodo? cosa ne pensi era finto anche quello o...
Si', era finto e per la stessa ragione: non c'è sufficiene energia in uno o due cellulari per cucinarlo.

Ne avevo parlato in un articolo apposito, lo trovi qui.
Spettacolari :D

Da notare poi che il bluetooth (gli auricolari che vendono questi signori della carso system sono bt) viaggia pure su una frequenza PIU' ALTA rispetto all'umts (che a sua volta e' piu' del doppio del vecchio gsm)^_^
kash, comunque quello non sarebbe un problema, perche' si tratta comunque di radiazioni non ionizzanti... siamo ben al di sotto di quelle frequenze (siamo ben al di sotto delle frequenze del "visibile", se e' per questo, e quelle certo non fanno male! :-D).
Il problema delle microonde e' che, in realta' solo una piccola gamma di frequenze nella banda delle microonde, entrano in risonanza con le molecole d'acqua, ovvero le fanno vibrare producendo calore, con conseguenze facilmente riscontrabili ogni volta che usi un forno a microonde.
Sono daccordo, non c'è alcun senso critico, siamo un po' polli e anche un po' ignoranti.
Come mai però l' Iphone si comporta in maniera decisamente anomala?
http://www.dissacration.com/2008/06/19/iphone-vs-popcorn/
Ma allora è una cosa che funziona nei due sensi! quindi se mettiamo una quantità sufficiente di popocorn vicino ad un cellulare... si distruggeranno a vicenda!
Incredibile!
ahah ma quanti polli ci sono in giro che cascano a queste cose? è proprio vero l' ignoranza è una brutta cosa.
Un saluto da migro
io ci son cascato -.-' ho provato a fare l'esperimento ma giustamente non è riuscito!! la prossima volta mi sa che mi informero' meglio!!!
Saluti ingross
Dire che un cellulare può cuocere un uovo o fare i popcorn fa ridere, dire che quindi non è dannoso è ugualmente errato. Si può dimostrare che l'organismo non è indifferente alla vicinanza del cellulare con semplici test chiamati kinesiologici attraverso cui si puo' constatare che il contatto del cellulare diminuisce il tono muscolare dell'individuo e conseguentemente è riconosciuto dall'organismo come elemento di disturbo.
Scusami se parlo schietto, ma la kinesiologia è una fesseria galattica.

Sfido qualunque kinesiologo a fare il test del tono muscolare e del cellulare in condizioni di doppio cieco. Ci sarebbe solo da ridere.

Parlo per esperienza diretta, sulla quale però non posso dare dettagli per via del segreto professionale.
@giovanni: fonti?
1) aL CELLULARE sii telegrafico
2) SE RIESCI è MEGLIO UN SMS

mandata sicuramente dai responsabili marketing del cartello delle compagnie telefoniche, con quel che si fanno pagare di scatto alla risposta e costi d'invio di sms
Eh già...

Appena visti in ufficio, grazie a un paio di colleghi convinti che l'11/9 sia stato un complottone.

Non c'è niente da fare: è un habitus mentale!
Ignoranza e paura (terrore sarebbe meglio) vanno a braccetto, e il nostro spirito critico si sta avvicinando sempre più allo zero. Ci riempiono di menzogne ma sanno che funziona, prendiamo tutto come oro colato, tutto è vero, non ci sogneremmo mai di mettere in discussione un video su youtube, immaginiamoci il resto.
E se cerchi di far capire ai tuoi amici che stanno pendendo la ragione e stanno prendendo un granchio ti trattano come un emarginato ignorante. Andiamo avanti così, alziamo il livello di sopportazione.
La bufala piu' grossa e' questa: "Il telefono fisso è gratuito"
Vorrei porre l'attenzione sul seguente articolo: "Tenete lontani i cellulari dai bambini: aumentano il rischio cancro al cervello"
I primi a dover diminuire l'uso dei telefonini – fanno sapere gli studiosi della Pennsylvania – dovrebbero essere i bambini, il cui cervello è ancora in fase di crescita.
Tratto dal sito http://www.tecnicadellascuola.it del 24 luglio 2008 a firma di Alessandro Giuliani
Prevenire è meglio che curare...
Grazie
una mia amica mi ha mandato questa bufala per email... e ha un blog... che roba! mi sa che ora stara' piu' attenta...
Quasi tutti i link citati (tranne quello delle banane) sono stati rimossi!
Il magnetron, alimentato ad alta tensione in corrente continua di 2000 volt, genera un campo elettrico alternato nella frequenza delle microonde, normalmente 2450 MHz un telefono cellulare GSM può emettere 1800 MHz