skip to main | skip to sidebar
51 commenti

La NASA colta a ritoccare le foto. Sul serio

Antibufala spaziale: la NASA ha ritoccato una foto per nascondere qualcosa su un satellite di Saturno


Un utente di Youtube ha scoperto che la NASA ha cancellato grossolanamente un'enorme zona multicolore sul lato in ombra di Dione, satellite di Saturno.

La cosa interessante è che è vero, ma per capire come stanno realmente le cose senza farvi prendere dal panico potete dare un'occhiata a questo mio articolo su Wired.it [2014/12/14: rimosso, ripubblicato qui]. Grazie a Gianluigi per la segnalazione.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (51)
GOMBLODDO!!!
Questa storia sara' citata per decenni come "The Proof" del cover up NASA.

Montagna di merda? :P

Saluti
Michele
C'è un controsenso inspiegabile nelle teorie complottiste che vedono coinvolta la Nasa. Voglio dire, chi è in grado di mandare sonde su Saturno oltre a loro? Nessuno ha tecnologia e denaro sufficiente per farlo, solo le agenzie spaziali. Che senso ha dunque divulgare foto che si vorrebbero tenere segrete? Se lo scopo della Nasa fosse davvero quello di conttattare gli alieni nel sistema solare non si rendono conto che potrebbero rendere pubbliche esclusivamente foto false senza che nessuno possa accorgersene tenendo per se quelle vere? Chi potrebbe smentirli? Chi può andare su Saturno a verificare? Solo per questo reputo questi fuffologi persone dalle limitatissime capacità di comprendonio.
E' da anni che la NASA assembla foto assieme per fini d' "immagine", è semplice: è molto più bella e colpisce di più una foto a colori, assembata con 3 foto bianconero (con filtrazione differente) che una delle foto prese singolarmente.

Basterebbe aprire PhotoShop per capire di cosa si parla: se osservate la finestra dei Canali con una qualsiasi foto aperta (anche dal vostro photoalbum) vedrete in ugnuno dei tre canali (RGB) dei particolari che nelle altre non ci sono.

Ciò non toglie che la tipa a cui hanno dato in mano il lavoro avesse poca voglia e NON sappia utilizzare bene PS: se lo sapesse utilizzare BENE avrebbe eseguito una selezione sfocata a mezzaluna coincidente con l' ombra della luna, l' avrebbe posizionata in un livello differente, sovrapposto all' originale e successivamente riempito con nero, per poi ritoccare le parti rimaste all' esterno della selezione con u pennello MOLTO più sfumato...

Voto sul lavoro eseguito: 3\10

Nota di demerito per non aver scontornato e migliorato con la stessa tecnica anche il pianeta di sfondo,eh.
Voto sul lavoro eseguito: 3\10

Nota di demerito per non aver scontornato e migliorato con la stessa tecnica anche il pianeta di sfondo,eh.


Eh già, ma mai che nessuno dia un voto per essere stati in grado di mandare sonde a qualche miliardo di chilometri dalla Terra, no, vero? Le missioni spaziali hanno lo scopo di fare indagini scientifiche, la raccolta di immagini è solo una parte marginalissima.
Molto semplicemente, per eliminare quasi la totalità degli "inestetismi", sarebbe stato sufficiente convertire l'immagine da RGB a CMYK e viceversa, dopo il ritocco, per due o tre volte (provare per credere).
OT

ho letto ieri sul Corriere che Google produrrà una sua "macchina che si guida da sola" e che questa entrerà in commercio fra 8 anni http://goo.gl/g19y
Sa tanto di bufala per diversi motivi, o almeno di notizia fraintesa ... qualcuno ne sa qualcosa di più?
Forse io ho trovato un articolo ben più interessante a proposito di ritocchi, ihihi:

Le Menzogne della NASA sul Pianeta Marte
Per fabio

ho letto ieri sul Corriere che Google produrrà una sua "macchina che si guida da sola" e che questa entrerà in commercio fra 8 anni http://goo.gl/g19y
Sa tanto di bufala per diversi motivi, o almeno di notizia fraintesa ...


O piuttosto di "notizia redazionale", come amano chiamarla con un eufemismo.
Gli esperimenti di guida automatica nel traffico sono iniziati molto prima dell'esistenza di Google, ma non si è mai andati molto lontani. Vedremo.

Intanto segnalo un passaggio: "Gli ingegneri di Mountain View sottolineano che si tratta ancora di prototipi ma le auto-robot sono avvantaggiate dal fatto che reagiscono più rapidamente degli esseri umani, hanno una vista a 360 gradi, non si distraggono mai, non hanno colpi di sonno, nè assumono droghe od alcol".

Se usano windows come sistema operativo siamo a posto. Meglio un eroinomane al volante.
@AdP
inoltre la macchina del video mostrato potrebbe essere semplicemente una delle vetture per il servizio street view.
Se fosse invece solo uno scherzo?
@AdP
Se usano windows come sistema operativo siamo a posto. Meglio un eroinomane al volante.

pehh (rumore di errore di windows). "Si prega di spegnere il motore scendere dall'auto, risalire e riaccendere il motore" :)
La notizia delle macchine di Google non è uno scherzo, basta una ricerca di due secondi per trovarne la fonte.

Che poi quelli di Google si stiano sbrodolando, vantando ricerche che sono in corso in mezzo mondo (Italia compresa) da anni è un'altra storia...
@AdP
Meno male che non si è mai andati molto lontano con le automobili a guida autonoma...
grazie CG & Animation , avevo cercato su internet (con Google) ma non avevo trovato nulla, neanche in inglese. Mi ha sorpreso non avere trovato in cinque minuti una cosa cosi sensazionale e ho pensato ad uno scherzo ...
Fabio,
allora la vera notizia è che Google (motore di ricerca) non trova le notizie pubblicate sul blog ufficiale di Google (azienda).
:D
Per CG & Animation

Meno male che non si è mai andati molto lontano con le automobili a guida autonoma...

Naturalmente era un modo di dire. :-)
Non conoscevo quell'esperimento, ma leggo: "There were situations when they had to take control because of maniac drivers or distracted pedestrians, or because they had to drive faster to compensate for delays".

Un sistema del genere nel traffico di Napoli è l'ideale, insomma.
Unica domanda, non per fare i "conti della serva".
Ma perché la NASA non usa un sensore a colori, invece di fare tre foto filtrate e sovrapporle, come si faceva all'alba della fotografia in tricromia? Ormai i sensori te li tirano dietro!
@AdP
e anche io scherzavo; non hai notato che ho messo il link dell'articolo "...dall'Italia alla Cina" sulla frase "non si è andati lontano"? :)

Se leggi l'intero articolo, troverai due aneddoti divertenti sul traffico di Mosca (nulla da invidiare a Napoli sembra) e su un vigile che ha fermato il furgongino guidato da nessuno...
@Grezzo ha commentato:
"Voto sul lavoro eseguito: 3\10
Nota di demerito per non aver scontornato e migliorato con la stessa tecnica anche il pianeta di sfondo,eh.

Eh già, ma mai che nessuno dia un voto per essere stati in grado di mandare sonde a qualche miliardo di chilometri dalla Terra, no, vero? "

Io stavo parlando del lavoro fotografico, senza nulla togliere alle missioni spaziali senza equipaggio.

Si parlava di una foto ritoccata, non vedo perchè dovrei aggiungere un voto per l' operato della NASA.

La foto è stata elaborata malamente: punto.
Gli esperimenti di guida automatica nel traffico sono iniziati molto prima dell'esistenza di Google

Dal 1982 , per l'esattezza.
Per Skure

Io stavo parlando del lavoro fotografico, senza nulla togliere alle missioni spaziali senza equipaggio.

Si parlava di una foto ritoccata, non vedo perchè dovrei aggiungere un voto per l' operato della NASA.

La foto è stata elaborata malamente: punto.


Tra l'altro, parlo più per sentito dire che per mia conoscenza del campo, le foto di questo tipo sono competenza dell'ufficio stampa della Nasa, o comunque di un settore che ha i contatti con l'esterno, non sono ad uso interno.
E nella vita reale, ahimè, capita che l'ufficio stampa non sia all'altezza dell'organismo, non solo con la Nasa...
perché la NASA non usa un sensore a colori

Perché è inutile e costa portarlo nello spazio (ogni minimo peso è carburante in più), e le missioni spaziali si fanno per raccogliere dati scientifici, non per fare belle immagini (personalmente non concordo con questo approccio, ma è così).

Non posso mettermi a spiegare la tecnologia dei sensori ottici delle sonde qui, ma sono completamente differenti dalle fotocamere normali.
Per la guida automatica non c'è bisogno di aspettare Google ci sappiamo arrangiare anche da soli date un'occhiata al progetto Argo peccato che l'ultima news sia del 2001!
Proverei a consultare il blog di Emily, autrice dell' immagine, o meglio colei che ha composto l'immagine a colori da tre immagini RAW della Nasa

http://www.planetary.org/blog/article/00002710/
http://www.planetary.org
@Paolo

Non c'è anche il motivo che ormai sono collaudatissimi, mentre i sensori a colori no? Tutto ciò si riferisce all'ambiente spaziale ovviamente.
Comunque, secondo me dietro a Dione c'era lo spaghetto volante, di cui hanno cercato maldestramente di cancellare i tentacoli.
mi devo scantare? come si dici qui in sicilia?
talia bene, non c'è da scantarsi :)
Scusate per il commento precedente, solo ora sono riuscito ad aprire la pagina dell' articolo di Wired dove si parla proprio di Emily.
Troppo facile così. Ora ti scateno una masnada di pedanti capitanati da Accademia dei pedanti, nome di battaglia Ciccy-ciccy
Qualcuno ha detto che i sensori ormai te li tirano dietro ... sarà anche vero, ma dovete pensare che la missione è stata progettata negli anni 90. I sensori all'epoca non li tiravano affatto dietro!
Inoltre non escludo che sensori di quel tipo siano piu definiti non dovendo interpolare ... il che ovviamente è un fattore molto importante scattando foto da così lontano.

Se vi sembra impossibile, pensate alla vostra automobile nel 1990 e alla vostra attuale; guardate una foto, se ne avete una, e osservete le differenze.
Solo che Cassini è ancora in circolazione e la vostra automobile è stata già rottamata :D
@Fabio

per non parlare delle sonde che hanno valicato il sistema solare.. già mi vedo la faccia dell'alieno: "pVimitivi"
[OT] La Stampa ci regala sempre delle perle

http://www.lastampa.it/redazione/cmsSezioni/economia/201010articoli/59357girata.asp
Per tornare in OT: auto senza autista è da un po' di anni che la difesa americana organizza una gara per veicoli senza autista:
Link

Poi però c'è chiedersi come pensano di fare se neanche davanti a una presentazione per la stampa non si è in grado di far funzionare un sistema di frenata automatica :-) Volvo failure

Ciao
VB
Interessante le reazioni dei creduloni quando viene fatto leggere loro l'articolo di Paolo.
ad esempio qui
http://forum.cosenascoste.com/ufo-alieni/54515-immagini-nasa-ritoccate-veramente.html

tra varie risposte deliranti, la più bella è la seguente:

<< forse significa che la crisi economica ha colpito pure loro e non hanno tempo da perdere per ritoccare le foto come si deve.
Anche perchè se la nasa fosse estremamente esperta di fotoritocco la metà delle prove del complotto lunare andrebbero a farsi friggere, visto che si basano su presunti errori degli scenografi non ritoccati. >>
"Interessante le reazioni dei creduloni"

Ma sono davvero interessanti? :O
Credo che se ci sia un fotoritocco serva a mascherare errori di trasmissione di costosissimi apparati montati su queste sonde o magari difetti delle stesse.Non è mai carino per il contribuente vedere i suoi soldi spesi male.
Piccola digressione sui sensori ad uso scientifico vs quelli delle fotocamere.

Quelli delle fotocamere sono planari, ovvero dei rettangoli , e sono "pancromatici", ovvero in una unica esposizizone raccolgono tutte le bande del visibile (e anche un po' di infrarosso vicino).
Il problema e' che producono molto rumore a causa della densita' elevata dei fotosensori e la gestione del colore e' generalmente "matematica", ovvero dipende da un algoritmo.
(QUI una buona spiegazione.)
Inoltre presentano problemi di messa a fuoco delle varie lunghezze d'onda che compongono la luce (la cosiddetta aberrazione cromatica.

I satelliti invece montano due tipi di sensori differenti, a seconda delle "filosofia" e dello scopo della missione:

a) di sensore lineare che ha i seguenti vantaggi:
- minor addensamento dei fotosensori (minor rumore elettronico)
- costruzione piu' semplice (minor numero di difetti e guasti)
- monocromatismo (nessuna aberrazione cromatica)

La "fotografia" si ottiene tramite un sistema che puo' sembrare complicato ma che invece produce immagini di migliore qualita', ovvero:

- si inserisce il primo filtro colorato
- si posiziona l'ottica alla giusta distanza focale per quella lunghezza d'onda
- si effettua una scansione meccanica del bersaglio
- si cambia filtro e si procede alla seconda scansione etc etc

b) di sensore planare, sempre monocromatico, dove la "fotografia" viene fatta in esposizioni successive cambiando i filtri e aggiustando la lunghezza focale.

Ad esempio la Cassini-Huygens possiede entrambi i tipi di sensori a bordo, il primo usato per l'ultravioletto ((UVIS), il secondo per il visibile (ISS).

Poi ci sono satelliti che montano strumenti decisamente piu' complessi, come il MODIS che ha delle specifiche paurose ma che viene utilizzato per satelliti meno "rognosi" in quanto ad affidabilita' a lungo termine, essendo decisamente piu' complicato ed assetato di energia.

Saluti
Michele
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Scusate il triplo post, ma blogger sta sfrangiando i maroni... =_=

Mi ha dato "link troppo lungo (o qualcosa del genere)" e poi, mentre postavo a trance come il merluzzo per ovviare, ha postato lo stesso.

E per fortuna stiamo parlando di gurgle, la potenza mondiale in fatto di web...

Vebbe'.

Saluti
Michele
@Hanmar

quanto ti dà url troppo lungo, il post è andato lo stesso... perlomeno per la mia esperienza è così... penso che si lamenti con se stesso... :D

PS complimenti per la disamina O_O
@Hanmar
grazie per l'interessante post con gli approfondimenti sui sensori montati dalla sonda Cassini.

OT:
i 33 minatori cileni ce la stanno facendo, sperando che le operazioni di recupero procedano senza intoppi, dovrebbero uscire tutti dalla miniera dove sono rimasti per piu' du due mesi.
Un'applauso allo staff tecnico che ha raggiunto questo risultato in meno della metà del tempo stimato all'inizio.
Ogni tanto in mezzo a tutte le brutture di questo mondo una bella storia a lieto fine ci vuole proprio! Sono emozionato.

Ciao Angelo
Ogni tanto in mezzo a tutte le brutture di questo mondo una bella storia a lieto fine ci vuole proprio! Sono emozionato.

Vero, anch'io mi sono commossa alla notizia dei primi 5 risaliti.
Purtroppo, tanti anni fa, il povero Alfredino Rampi non ce la fece.
@Paolo Attivissimo:
Nell'articolo dici che ora la foto è stata sostituita, ma non mi pare che nella pagina della NASA che linki la foto sia diversa.
I segni di cancellatura sono visibili anche nell'immagine a bassa risoluzione mostrata nella pagina, mentre quella grande linkata da essa è proprio identica (stesso md5) a quella che linki nell'articolo.
c'è stata ,tempo fa, in rete una polemica su certi supposti ritocchi di airbrush su delle foto prese dalla sonda Clementine missione della nasa del 1994
http://www.nrl.navy.mil/clementine2/

qui una delle foto incriminate
http://files.abovetopsecret.com/images/member/6bd4dce831c3.gif

per chi volesse andare a fare quattro passi
sulla luna
http://www.nrl.navy.mil/clm/
Paolo, mi sembra che nelle recenti missioni spaziali si dia grande spazio alla bellezza delle immagini, ritengo pero' che non debba andare a scapito del risultato scientifico.
Poi, per chi ritiene che si potessero usare i normali sensori delle macchine fotografiche, ci tengo a precisare che questi realizzano la tricromia, di solito, usando la matrice di Bayer, ovvero alternando pixels sensibili al rosso, al verde e al blu, con l'effetto collaterale che la risoluzione effettiva risulta dimezzata. C'e' da dire anche che la cassini ha circa una ventina di filtri e pertanto si possono realizzare tricromie piu' complesse di quelle tradizionali RGB (guardate ad esempio le foto a colori realizzate da molti astrofili).

Infine, se qualcuno ritiene di poter elaborare meglio le immagini, esistono le immagini raw, perche' realizzare un concorso su chi fa la foto migliore?
Secondo me queste iniziative sono incentivate anche dalla NASA, e se qualcuno riesce a comporre un'immagine particolarmente bella o rilevante dal punto di vista scientifico, non e' detto che non gli venga dato credito.
Per Poppi

C'e' da dire anche che la cassini

Un minimo di rispetto, perbacco, in un sito pieno di appassionati di missioni spaziali: la sonda Cassini. :-)
La cassini è questa.

Infine, se qualcuno ritiene di poter elaborare meglio le immagini, esistono le immagini raw, perche' realizzare un concorso su chi fa la foto migliore?

Credo volessi dire: "perché non realizzare un concorso...?".

Secondo me queste iniziative sono incentivate anche dalla NASA,

Sarebbero incentivate anche dalla Nasa.
La cassini è questa

No, questa è la CASSINI
Vedendo i commenti, Wired è frequentato da numerosi cretini.È incredibile che la gente sia fiera di andare in giro urlando: “Guardate come sono stupido”.