skip to main | skip to sidebar
109 commenti

Video di un “missile” sconosciuto ripreso da troupe TV vicino a Los Angeles

Ne parlano praticamente tutti i giornali online e i telegiornali: una troupe di un'emittente americana ha ripreso dalla costa californiana quella che sembra essere la scia di un missile che s'arrampica in cielo.

Piccolo problema: nessuno ha lanciato missili in quella zona a quell'ora (intorno alle 17 locali). Neppure i militari, che dicono di non sapere ancora cos'è ma dicono anche che non è un pericolo per la sicurezza nazionale. Se v'intriga, ho un'indagine e un'ipotesi di spiegazione per voi qui su Wired.it [2014/12/13: rimosso, ripubblicato qui].
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (109)
Insomma, trasferiamoci in massa su Wired.it, che così Paolo viene adeguatamente ripagato per il suo lavoro.

Per quanto auspichi per Paolo una adeguata ricompensa per il suo lavoro, questo sarà il mio ultimo commento agli articoli su questo blog che linkano a Wired.

Senza alcuna polemica.
Praticamente molto rumore per nulla.

;)
Bof, Usa-free, dai, non mi sembra un gran problema per un click in più.

Vero che qualcuno potrebbe risentirsi di essere diventato un fratello minore, ma se è il prezzo da pagare per continuare a leggere 'sto blog, mi va bene.
La pistola fumante.

Moriremo tutti.
Qui un link interessante che spiega l'accaduto

http://uncinus.wordpress.com/2010/11/09/4/

Saluti

Edgar from Bangkok
@Rodri:
Moriremo tutti.
Questa è una delle poche cose di cui si può essere sicuri...
Paolo,

ho letto l'articolo. Solo non capisco due cose. Tu scrivi:
un'ipotesi perfettamente compatibile con i dati fin qui disponibili è che si tratti semplicemente di una scia di condensazione di un aereo che appare verticale per via della prospettiva ed è stata interpretata erroneamente dalla troupe.
Nel video su NECN si vede passare un'aereo civile che "taglia" la scia lasciata da quell'altro aereo. Tu dici che si viene ingannati dalla prospettiva. Ma se l'altro aereo va diritto, in orizzontale per capirci, come fa l'altro ad andare in su? Cioè potrei capire una errata prospettiva se vedessimo solo quello, ma messo a raffronto con l'altro aereo non riesco a capire come si possa essere ingannati solo per uno dei due aerei e solo per una parte di cielo, dato che vediamo entrambi dalla stessa posizione.
L'altra cosa che mi ha colpito è la grossezza della scia lasciata, che mi sembrava più una scia di propulsione che non una scia di aereo.

Naturalmente mi sfuggirà qualcosa, ma soprattutto con riguardo alla cosa della prospettiva, soprattutto considerando la direzione del secondo aereo, mi restano dei dubbi. Ma è prima mattina quindi nel corso della giornata, approfondendo, sarò sicuramente più in grado di comprendere :)

Buona giornata.
Rodri

Moriremo tutti.

I bambini!!! Nessuno ha pensato ai bambini?
In tutta franchezza, caro Paolo: anch'io, come molti, ho notato questa improvvisa e massiccia comparsa di tuoi pezzi sempre più spesso linkati a tuoi articoli di wired.
Personalmente ritengo che tu sia tra i pochi in Italia a poterti fregiare del titolo di "giornalista", per la serietà, onesta e competenza che ci metti; nondimeno, però, sempre in tutta franchezza mi sento in dovere di dirti che non gradisco molto questa tua "svolta". Se la tua intenzione è di far spostare gradualmente i tuoi lettori su "wired" sarebbe meglio dirlo chiaramente. Personalmente ho visitato tale sito e, pur trovandolo ben fatto, non mi è piaciuto, quindi non credo che continuerò a visitarlo. Allo stesso modo, seppure a malincuore, sto diradando e continuerò a diradare le visite a questo tuo blog, se come pare sarà confermato quell'approccio di cui parlavo prima.
Davvero, senza polemica e senza rancore; ci tengo, caro Paolo, a ringraziarti a nome mio e penso di tutti i lettori per l'ottimo lavoro sin qui fatto, non parlo solo degli "sbufalamenti" gratis ma anche delle lezioni di vita (e non sto esagerando).
Grazie ancora da un ormai prossimo ex-lettore.
E' chiaramente una scia chimica lasciata dall'aereo personale del presidente degli usa, larga all'incirca 14 gigabyte di watt. e non ho neanche bisogno di vedere la foto per capirlo
Oscar,

Ma se l'altro aereo va diritto, in orizzontale per capirci, come fa l'altro ad andare in su?

Non va "in su". Viene verso di te, stando più in alto di te. Guarda il soffitto e immagina che ci sia disegnata una riga da te verso la parete di fronte a te. Se ti manca il riferimento prospettico (se non sai com'è orientata la riga), puoi immaginare che sia verticale.

Immagina che l'altro aereo sia un'altra riga sul soffitto, messa perpendicolarmente alla prima. Si incrociano, eppure una "va su" e l'altra no.


L'altra cosa che mi ha colpito è la grossezza della scia lasciata, che mi sembrava più una scia di propulsione che non una scia di aereo.

Le scie di condensazione tendono ad allargarsi con il passare del tempo, man mano che si disperdono. È normale. Succede anche sopra casa mia.
Ultimamente stai scrivendo per Wired.it e questo non può che farmi piacere perché ho sempre pensato che tu fossi più che all'altezza. Sei un blogger/giornalista speciale ed apprezzo tantissimo il tuo lavoro, però credo che sia opportuno un post di chiarimento circa il futuro dei tuoi articoli.

Sei diventato un blogger importante grazie al tuo talento ma soprattutto grazie a noi utenti che ti seguiamo/leggiamo/commentiamo. Ora leggiamo i tuoi post e dobbiamo spostarci su Wired per leggerli davvero; qui a destra campeggia il banner per le donazioni spontanee.

E' chiaro che la tua posizione di "giornalista per passione" che ti ha contraddistinto quando hai aperto questo blog, il blogger che a malapena poteva permettersi di pubblicare e di indagare, è cambiata. Wired ti paga, CICAP ti paga, RSI ti paga. E mi chiedo... se non scrivessi più sul blog, scriveresti per Wired? condurresti una trasmissione radiofonica? terresti delle conferenze?

Se non fosse per noi lettori e per il valore di questo blog tu non potresti continuare ad occuparti di ciò che fai. Tutto questo per dirti che chiedere le donazioni è un tantino ipocrita, scrivere articoli che rimandino a Wired ogni volta, lo è altrettanto.

Basterebbe un post per spiegare la tua posizione. Per dirci come hai intenzione di continuare.

Ti auguro ogni bene.
Signori, la focaccia costa.

E se per vivere Paolo deve guadagnare qualche soldo, io di buon grado vado a leggermi gli articoli su Wired.

Dove come e quando si legga un articolo non toglie il livello di qualità e precisione negli articoli di Paolo.

Non voglio fare l' avvocato di nessuno, ma sembra che un click in più si stia trasformando in tragedia.

Suvvia.

E un buon lavoro per Paolo!
@Skure
io, lettore di questo blog, mi sento usato per indurre traffico altrove. E questo mi da fastidio.
nondimeno, però, sempre in tutta franchezza mi sento in dovere di dirti che non gradisco molto questa tua "svolta". Se la tua intenzione è di far spostare gradualmente i tuoi lettori su "wired" sarebbe meglio dirlo chiaramente.

No. Wired è semplicemente una estensione del mio lavoro di blogger, specificamente per le indagini antibufala. Pubblico settimanalmente sul sito della RSI cinque mini-post di supporto al mio programma radio. Gli altri argomenti restano qui.

Ultimamente ho ancora meno tempo del solito per scrivere per il blog perché oltre a seguire Moonscape sono coinvolto in un progetto di cui per ora non posso raccontare i dettagli. Ma questo non significa che voglio produrre migrazioni di massa.


Wired ti paga, CICAP ti paga, RSI ti paga

Correzione: il CICAP non mi paga. Al contrario, sono io che regalo il mio tempo al CICAP.


E mi chiedo... se non scrivessi più sul blog, scriveresti per Wired? condurresti una trasmissione radiofonica? terresti delle conferenze?

Domanda ipotetica. Non lo so.


Se non fosse per noi lettori e per il valore di questo blog tu non potresti continuare ad occuparti di ciò che fai.

Ne sono ben consapevole. Ma devo darti una piccola iniezione di realtà: il valore di questo blog di cui parli è moralmente molto appagante, ma non mette da mangiare in tavola.

Tutto questo per dirti che chiedere le donazioni è un tantino ipocrita, scrivere articoli che rimandino a Wired ogni volta, lo è altrettanto.

Ok. Trovami una soluzione alternativa che mi permetta di campare scrivendo qui anziché su Wired o altrove, e io tolgo le donazioni.
Si ma perché allora il NORAD e i militari hanno dichiarato di non saper spiegare il fenomeno? Possibile che con tutti i radar militari e civili che sorvegliano lo spazio aereo statunitense, non sia stato possibile accertarsi dell'identità di un presunto aereo che abbia solcato quel cielo in quella data a quell'ora? Perché ci dicono che è un mistero quando la spiegazione sarebbe così ovvia e facile da fornire? Attendiamo la risposta su: KAZZENGER...
io, lettore di questo blog, mi sento usato per indurre traffico altrove. E questo mi da fastidio.

Potrei risponderti piccato: Io, scrittore di questo blog, mi sento usato per leggere e informarsi a scrocco. E questo mi dà fastidio.

Ma vorrei invece segnalarti che l'indurre traffico altrove è quello che mi permette di scrivere e che permette a te di leggere gratis.

Non ti piace? Non leggere. Perdona la schiettezza, ma sono un po' stanco di questo atteggiamento da torre d'avorio per il quale chi scrive dovrebbe farlo per la gloria e per puro altruismo. Come se scrivere non costasse fatica e come se gli autori fossero tutti breathariani.

Un po' di realismo insieme al caffè del mattino vogliamo mettercelo?
Forse Robert Ellsworth è "ex" per un buon motivo. Ipotizzare missili a vanvera non è certo quello che il pubblico si aspetta.

Usa Free: quello che hai scritto è polemico... ma visto che tu sei sempre stato polemico fin dal nick, non ci si meraviglia. In quanto agli altri commenti sull'argomento, mi viene solo da chiedere: ma non vi vergognate? Da anni Paolo ha lavorato praticamente per una mela ed una gazzosa, sfornando sempre interessanti articoli, senza contare 11 settembre e complotti lunari, senza che doveste sborsare un centesimo, e ora fate gli schizzinosi? Quando qualsiasi giornale online, martella di pubblicità e poi pubblica un mare di inesattezze e notizie spazzatura?
@Paolo

Ogni volta che sono stati organizzati eventi CICAP dalle mie parti, le associazioni studentesche organizzatrici hanno dichiarato di aver sborsato quattrini. In questo specifico caso sto parlando di tuoi colleghi.

Non prenderla come una critica, non voleva essere tale. Volevo solo dirti che quando scarico i feed e leggo il tuo blog con tanta attesa, mi da fastidio leggere post che parlano di una bufala e concludono con "la spiegazione su Wired.it".

Allora scusa, potresti pubblicare lo stesso articolo sia su Wired.it che sul tuo blog. Semplice. Il tuo lavoro di indagine è diventato sempre migliore, le tue tecniche sono migliorate via via. Ora mi vuoi dire che i corsi del CICAP (che costano fior di quattrini) voi esperti li fate gratis? Lavorate in Radio gratis? Tenete conferenze gratis?

Dai Paolo... siamo seri. Le tue attività sono talmente tante che se non riuscissi a sostentarti avresti inevitabilmente dovuto smettere da un pezzo. Sia chiaro, non voglio farti i conti in tasca ti dico solo quello che provo quando leggo un post come questo, e come il penultimo e come il terzultimo.

Questo era un blog sul quale trovavi la bufala e la spiegazione. Da qualche post a questa parte trovi la bufala ed il link alla spiegazione. Io te lo dico per indurre una riflessione, gli altri no e non leggeranno più (magari andranno direttamente su Wired), ma se fosse vero quello che dici... che le donazioni ti sostentano allora dovrebbe preoccuparti davvero perdere lettori.

Ciao,
michele.
@alexandro

No, non mi vergogno. Perché il mio fine è nobile: indurre Paolo ad una riflessione sua personale. Non mi aspetto nemmeno una risposta. Voglio solo che lui pensi a questo aspetto che io ho sollevato e sono sicuro anche altri abbiano pensato prima di me.

Paolo rimane una delle persone che più mi piacerebbe incontrare e conoscere di persona. Per me rimane sempre il miglior blogger ed è proprio per questa ragione che voglio dirgli come la penso.

NESSUNA POLEMICA.
Si ma perché allora il NORAD e i militari hanno dichiarato di non saper spiegare il fenomeno?

Non hanno detto di non saper spiegare il fenomeno. Hanno detto che non sono ancora in grado di dire con precisione cosa fosse: possono dire solo che non era pericoloso. E quindi correttamente non si sbilanciano.

Esempio: trovo una cacchina d'uccello sulla mia DeLorean. Guardo su e vedo un piccione. Posso ipotizzare che sia lui il colpevole, ma non posso dirlo con certezza scientifica. Però posso escludere che la cacchina sia pericolosa per la guida.
Ciao Paolo.

Se ho capito bene:
- Scrivere su wired ti porta, giustamente, qualche guadagno.
- L'articolo scritto su wired, penso per ovvi motivi di esclusiva, non può essere scritto anche su questo blog
- Non potendo "ricopiarlo" qui ti limiti a rilanciarlo con un breve commento.

Da parte mia va tutto bene.
Seguo da tempo il tuo lavoro e non posso che essere felice che la tua attività ed autorevolezza venga premiata da qualcuno che apprezza i tuoi "prodotti" e li richiede.

Nessun problema da parte mia a fare un click in più per andare a leggere l'articolo su wired.it

Mi dispiace solo un po' il non avere un unico posto che raccolga i tuoi lavori.
L'ipotesi che non ho ancora sentito fare è che si tratti di una "scia chimica". Ma sono sicuro che qualcuno colmerà presto questa lacuna.

Infatti è stata già fatta su TE. Un utente ha chiesto "e di questa bella "scia" nel cielo USA??? Quindi anche i missili lasciano le scie?? :-(".

Sì, i missili sì. Automobili, bus, camion, navi invece no.
@Juleps

Hai capito perché qualcuno ha sollevato il problema. :)
Ragazzi, rendiamoci conto di una cosa:"Carmina non dant panem".
Paolo ha chiaramente detto che AdSense oramai frutta più o meno nulla, l'esperimento dei filmati pubblicitari a metà post non ha raccolto critiche favorevoli ed ora si sta provando con il rimando a Wired. I miei due cent sull'argomento sono: cliccare su un link non mi fa fatica, leggere materiale divulgativo di ottima qualità gratuitamente su internet è già una gran bella cosa, quindi il fatto che Paolo venga retribuito per il suo lavoro per una testata on line (si dice così?) non è altro che una circostanza positiva.
Ragazzi, pubblicare su un blog costa fatica, ingegno e tempo: chi ha un blog lo sa. Quindi ben venga questo tipo di iniziativa, sempre meglio dei blog professionali americani infarciti pubblicità più o meno gradevoli.
Michele,

Ogni volta che sono stati organizzati eventi CICAP dalle mie parti, le associazioni studentesche organizzatrici hanno dichiarato di aver sborsato quattrini. In questo specifico caso sto parlando di tuoi colleghi.

Vedo che ti piace fare i conti in tasca alla gente. Allora facciamoli bene. Sborsato quattrini nel senso di "parcella" o "rimborso delle spese di viaggio e magari un panino a pranzo"?

Mi auguro che tu non pretenda che una persona offra una giornata del proprio (poco) tempo libero e in più si paghi anche spese di viaggio e pernottamento.


quando scarico i feed e leggo il tuo blog con tanta attesa, mi da fastidio leggere post che parlano di una bufala e concludono con "la spiegazione su Wired.it".

Scusami, ma davvero ti costa tanta fatica cliccare sul link a Wired?
Michele,

Allora scusa, potresti pubblicare lo stesso articolo sia su Wired.it che sul tuo blog.

Come no. Allora Wired che mi pagherebbe a fare?


mi vuoi dire che i corsi del CICAP (che costano fior di quattrini) voi esperti li fate gratis?

Devo darti una brutta notizia: a me il CICAP rimborsa solo le spese. Il corso costa perché è una delle poche attività che permettono di raccogliere fondi.


Lavorate in Radio gratis? Tenete conferenze gratis?

Parlo per me: se pensi seriamente che io mi mantenga facendo un'ora di radio la settimana e due-tre conferenze al mese, se credi che ci si possa mantenere con questo genere di attività, ti invito a farla anche tu. Imparerai molte cose.


Dai Paolo... siamo seri. Le tue attività sono talmente tante che se non riuscissi a sostentarti avresti inevitabilmente dovuto smettere da un pezzo

Ti è mai venuto il dubbio che il mio sostentamento arrivi in realtà dall'altro lavoro che svolgo? Quello offline?


non voglio farti i conti in tasca

Noooooo, assolutamente.


se fosse vero quello che dici... che le donazioni ti sostentano allora dovrebbe preoccuparti davvero perdere lettori.

Mai detta una cosa del genere. Se fosse vero, non dovrei scrivere per Wired, ti pare?
La focaccia costa, alla CIA anno tagliato i fondi e l'assegno da Zeta Reticuli chissà quando arriva ...

Non vado matto per gli articoli che linkano a Wired ma è un piccolo prezzo da pagare dopotutto. Certo il dobbio rimane: commentare qui o su Wired?
Certo il dubbio rimane: commentare qui o su Wired?

Io commento qui e per il resto concordo con L'economa domestica.
Grazie per la risposta Paolo.
In genere, quando leggo qui un articolo, ho una finestra aperta. Se voglio commentare o leggere i commenti apro un'altra finestra e tenendo ben presente l'articolo, leggo o scrivo.
Idem ora con finestra su wired.
Dato che non faccio nulla più di prima, non comprendo la levata di scudi acchè Paolo non tenti di sostentare le sue ricerche e la sua documentazione.
Vogliamo leggerlo perchè è puntuale, preciso, indipendente? Bene ci vogliono i danè, punto.
Vogliamo tutto immutato ed immutabile? Ci vogliono i danè da questa parte.
Rigirerei la nota citazione: "Non di solo spirito vive l'Uomo" :))
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Il mio commento di critica deve essersi perso. Ripropongo:

L'aggiornamento dell'articolo su wired.it riporta data 10 Novembre, ore 0:30. Sembra tu abbia avuto una bella epifania guardando le immagini del sito linkato, epifania che hai condiviso con noi con una bella spiegazione. peccato che la stessa spiegazione l'abbia data tale John Pike, come riportato parecchie il 9 Novembre da wired.com.
Cito da
http://www.wired.com/dangerroom/2010/11/mystery-missile-is-probably-a-jet/

But to GlobalSecurity.org director John Pike, there’s an easy explanation: “It is obviously an airplane.”
“The aircraft is flying towards the observer; the air over the Pacific is clear, so the contrail is visible all the way to the horizon. This creates the optical illusion of a rocket flying up, rather than the actual situation of an airplane flying horizontally,” Pike tells Danger Room. “The object generating the contrail is moving too slowly to be a rocket; the contrail is not expanding as the ‘rocket’ gains ‘altitude’ — which would be the case as the exhaust plume expanding into less dense high altitude air.”

non mi pare di aver visto tale fonte citata nella tua epifania. Ma magari sono malizioso io e sei arrivato a quelle conclusioni in modo indipendente.
E comunque trovo le varie critiche a Paolo abbastanza infantili. Uso il termine infantili perchè mi sembra stucchevole che queste critiche giungano da ragazzi e uomini cresciuti che penso sappiano più o meno cosa significhi lavorare e guadagnare dei soldi.
Sembra quasi che chi legge abbia il diritto di avere tutto gratis e subito, e chi scrive deve farlo gratis e se c'è da cliccare su un semplice dannatissimo link ci si incacchia pure.

Ma non è che tra poco verrà chiederete a Paolo di portarvi ogni mattina a letto una focaccia appena sfornata per far sì che si "sdebiti" del fatto che lo leggete?
mi chiedo, quanti di quelli che si lamentano del link su wired, abbiano un qualsiasi adblock plugin abilitato anche per questo blog.

Io ho una wiki scientifica, con 2 inserzioni pubblicitarie di google per pagina, piccole e non invasive. Chiedo esplicitamente di disabilitare per il sito detto plugin, ma da quello che vedo, non lo fanno in molti. Eppure, basterebbe uhn po' di attenzione per supportare i propri siti preferiti.
Mah, ultimamente si leggono sempre più commenti sulla decisione di pubblicare articoli su Wired che sull'articolo in sè. Ma che senso ha? Io sospetto fortemente che ci sia qualcuno molto geloso che rosica sul fatto che un blogger italiano sia in grado di guadagnare qualche soldo a dispetto di tanti che ci provano senza successo.
Direi che non c'è nulla di strano che ci siano dei commenti riguardo la scelta di wired.it per pubblicare gli articoli.

E' la novità di questi giorni.

Se Paolo avesse spiegato la novità da subito, senza aspettare i primi commenti, forse si sarebbe evitato questo can can.

Tornando all'articolo, l'ipotesi della scia di condensazione mi sembra la più plausibile.

Sul sito del Corriere, goo.gl/wyKaR , si parla ancora di missile misterioso....
@ Economa

I bambini!!! Nessuno ha pensato ai bambini?

Tipo Michele? No, non ci ha pensato nessuno.

--

In un mondo dove regna il Click Inutile per cercare stupidate, inoltrare messaggi non richiesti, perdere tempo in cento maniere diverse, mi fa schiantare dal ridere leggere qualcuno che difende la pigrizia dicendo di sentirsi sfruttato :-D

C'è questo blog, poi c'è Complottilunari, poi c'è Moonscape, c'è Undicisettembre, c'è Sciechimiche, ...ma poi un giorno compare un link verso wired.it e non va più bene :-D

In termini di frazioni di secondo, perdo più tempo a skippare un commento di Accademia e passare al successivo, che a fare un click verso un altro sito... Quindi il problema dove sta?

Shalalalalalalaaaaaaaaa
non mi pare di aver visto tale fonte citata nella tua epifania. Ma magari sono malizioso io e sei arrivato a quelle conclusioni in modo indipendente.

Esatto.
Quante storie per un click!
Ma dove lo troviamo un altro giornalista come Paolo, volete pure che vi ramazzi la stanza senza distogliere le mani dalla tastiera?

Tornando al "missile", se fosse tale si tratterebbe di una scia LUMINESCENTE.
Ci troviamo infatti in quel momento magico del tramonto in cui solo gli oggetti oltre una certa quota sono illuminati dal sole, quando i missili vengono lanciati a quell'ora la scia appare molto diversa.
FOTO1 e FOTO2

Nel video linkato nell'articolo ripresa migliore del "missile" si vede chiaramente che la scia è tutta illuminata mentre le nuvole sono in ombra, questo è possibile solamente se tutta la scia si trova ad una quota superiore alle nuvole, quindi è orizzontale ed a alta quota.

Se fosse una scia verticale avrebbe una parte in ombra ed una illuminata come nelle foto che ho linkato.
@Paolo
siccome il dubbio e' legittimo, farei un aggiornamento riportando la notizia... farebbe brutto che i tuoi lettori pensassero fosse un copia/traduci/incolla-quasi-tutto dal sito inglese
farei un aggiornamento riportando la notizia

Fatto, grazie.
questa notizia, così ripresa, è il sogno bagnato degli amanti delle scie chimiche. chissà quante ne ricaveranno di scemenze.
Per Massimo M.

La focaccia costa, alla CIA anno tagliato

Hanno tagliato.

i fondi e l'assegno da Zeta Reticuli chissà quando arriva ...

Non vado matto per gli articoli che linkano a Wired ma è un piccolo prezzo da pagare dopotutto. Certo il dobbio


Il dubbio.

rimane: commentare qui o su Wired?

Su wired, mi pare, sono ammessi solo commenti di cinque righe. Impossibile entrare nel merito.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Sono sodale con Paolo per quanto riguarda i link agli articoli su Wired.
Ho solo una domanda.
Non so quanti di voi lo facciano, ma io sono uso fare del blog di Paolo una sorta di wikipedia. Quando mi serve un'informazione, o non ricordo bene alcuni particolari di una vicenda vado a riconsultare gli articoli, anche di diversi anni fa, sicuro di ritrovarli al loro posto.
Mi dispiacerebbe, fra qualche anno, andarmi a cercare qualcosa su questa notizia, e trovare il link spezzato e nessuna traccia dell'articolo su Wired.
Tutto qui. Tolto questo, io, per arrivare a leggere un articolo di Paolo, di click ne faccio anche 20.
Buona giornata a tutti.
Mi dispiacerebbe, fra qualche anno, andarmi a cercare qualcosa su questa notizia, e trovare il link spezzato e nessuna traccia dell'articolo su Wired.

Obiezione giustissima. Per questo gli articoli su Wired sono in Creative Commons: affinché io possa ripubblicarli a distanza di tempo.
Cito il sommo poeta:

non ti curar di loro ma guarda e passa!
matgras wrote

Cito il sommo poeta:

non ti curar di loro ma guarda e passa!


No. NO. NOOOOOOO!!!! (segue rumore di un'Economa che inzia a correre urlando frasi sconnesse).
Per matgras

Hai fatto la classica citazione sbagliata nel forum sbagliato, in cui tutti, o quasi, conoscono quella giusta. Sarai ricoperto di improperi.

Già che ci siamo, esponiamo al pubblico ludibrio anche la altre due o tre citazioni inventate, così ci portiamo avanti col lavoro:

Machiavelli: "Il fine giustifica i mezzi"
Maria Antonietta: "Se il popolo non ha pane, che mangino brioche".
Voltaire: "Non sono d'accordo su quanto dici, ma darò la vita perché ti sia permesso di dirlo".

(Sia chiaro: il lavoro di andare a scoprire cosa hanno detto davvero questi personaggi storici spetta a te).
Errata corrige: le altre due o tre
I commenti che sono seguiti mi inducono a credere di essermi espresso molto male e di aver usato toni inquisitori e forse offensivi. Non era mia intenzione farlo.

Per questo motivo penso di dover delle scuse a Paolo e a tutti i suoi lettori.

Con rinnovata stima,
michele.
Se davvero è la normale scia di un aereo:
- perche' non è trasparente nella parte piu' larga?
- perche' non è illuminata uniformemente, essendo tutta alla stessa quota

Se è davvero la scia di un missile, perche' è illuminata in basso e buia in alto? Al tramonto, a quote basse la luce non arriva, a quelle alte si'!
L'illuminazione fa pensare quindi a una scia che proviene dall'alto, da un punto oltre l'orizzonte, "dietro al mare", per quello sembra salire dal mare.

Possibile sia la scia di rientro di un satellite o di una grossa meteora?!?
Accademia dei Pedanti wrote

Machiavelli: "Il fine giustifica i mezzi"
Maria Antonietta: "Se il popolo non ha pane, che mangino brioche".
Voltaire: "Non sono d'accordo su quanto dici, ma darò la vita perché ti sia permesso di dirlo".



Che fai,copi? ;)
potrebbe non trattarsi della scia di un jet
http://lewis.armscontrolwonk.com/archive/3136/it-aint-no-thing#comments
più esperti di loro non se ne trovano

per ulteriori disquisizioni pro e contro la scia jet
http://uncinus.wordpress.com/2010/11/09/4/#more-440
Non so. A me piace molto l'idea della dimostrazione di forza del sottomarino di una potenza straniera che, arriva fin davanti alla costa americana e lancia un missile.

Fa molto Caccia a Ottobre rosso...o 1941 Attacco ad Hollywood...;)

Scherzi a parte. Giustificherebbe la mancanza di immagini della prima parte della scia dell'oggetto e del temporeggiare di varie agenzie...

Guardando la foto linkata da Drexciyan si può notare come sia estremamente bassa sull'orizzonte questa scia, quasi come se sorgesse dalle colline in fondo.

Nel caso della scia di un aereo che venga verso di noi, o si allontani, non sarebbe così "attaccata" al suolo.

Secondo me il tuo ragionamento della scia retta, Paolo, non è applicabile a questo caso.
Per L'economa domestica

Voltaire: "Non sono d'accordo su quanto dici, ma darò la vita perché ti sia permesso di dirlo".

Che fai,copi? ;)


Assolutamente no. Ne avevamo già parlato qui non molto tempo fa. Anzi, hai dato un facile suggerimento all'utente, che doveva cercare le fonti da sé!

Già che ci sono, ne aggiungo altre:

Galileo: "Eppur si muove".

Aristotele: "La verità sta nel mezzo".

Cambronne: [non si può scrivere; esclamazione scatologica].

Tu stessa avevi scritto che per quanto riguarda l'ultima frase la discussione era ancora in corso, e che comunque andava calata alla fine di una frase di incitamento, e non come parola isolata.
@Paolo
Grazie!
Ora dormirò sonni tranquilli!
:P
@Accademia:

La citazione giusta sarebbe: "Eppur si muove!"
Accademia dei Pedanti wrote

Tu stessa avevi scritto che per quanto riguarda l'ultima frase la discussione era ancora in corso, e che comunque andava calata alla fine di una frase di incitamento, e non come parola isolata.

Infatti, poi ho scoperto come si chiamava il soldato che si ipotizza abbia sparato a Robespierre ed ora posso tranquillamente affermare che i nostri cugini d'oltralpe hanno parecchio da insegnarci.

Ah, aggiungo:

Giulio Cesare: "Anche tu Bruto, figlio mio"

E

Sherlock Holmes: "Elementare, Watson".
george glootey ha commentato:
Nel caso della scia di un aereo che venga verso di noi, o si allontani, non sarebbe così "attaccata" al suolo.


E perchè mai?
Cito da wiki/orizzonte: "Supponendo di stare in piedi sulla superficie dell'oceano, con il piano degli occhi a 1,6 metri di altezza, l'orizzonte visibile è di 4,5 km"
Effettivamente anche a me spiace andare a leggere gli articoli su wired, ma solo per il fatto che quel sito non e` leggibile con risoluzione orizzontale inferiore a 1024 pixel, ed usando un netbook la cosa diventa problematica. Se sistemassero quel problema non troverei niente di male.

Di sicuro ovviamente fa piacere sapere che si e` pensato ad una ripubblicazione degli articoli altrove nel caso in cui wired si stanchi dell'argomento e decida di cancellare tutto.
Per Salvatore

La citazione giusta sarebbe: "Eppur si muove!"

Non ho capito bene: diventa giusta perché c'è il punto esclamativo?
A me interessa sapere se l'ha detta o non l'ha detta.
George,

Nel caso della scia di un aereo che venga verso di noi, o si allontani, non sarebbe così "attaccata" al suolo.

Suggerimento: la Terra è rotonda.
@Hedges

Errore mio. Ho visto ora lo schemino già citato:
http://uncinus.wordpress.com/2010/11/09/4/#more-440

Effettivamente è possibile vedere una "colonna di fumo" che sale verticale dall'orizzonte, giustamente.

La mia domanda da ignorante però è questa: ha fatto così tanti km l'oggetto sciante?

grazie.
@Accademia dei pedanti

Due errori in così poche parole ... che figura di m...!

Per fortuna ci sei tu a salvarmi dall'imbarbarimento :)
è probabile che un noto miliardario americano abbia fatto un lancio di prova della sua nuova armatura
Pro memoria per i critici, può o meno diretti:

questo blog e tutto il suo carico di informazione non è un diritto, ma un privilegio. Ancora più prezioso perché GRATIS. Dimenticarsene porta ad uscite che, in tutta franchezza, potrebbero essere evitate. Paolo ha il sacrosanto diritto di decidere, nel bene o nel male, delle sorti di tutto ciò che il suo intelletto produce. E che possa venire un accidente a chi pensa il contrario.

Non so voi, ma io ho studiato per anni e lavoro per i soldi. La mia Santissima Trinità è composta da Euro, Dollaro e Sterlina. Certo, ho la fortuna di fare un lavoro che mi piace, ma la cosa che più mi piace è che è ben retribuito, in giusta proporzione al mio apporto e a ciò che io posso mettere in più degli altri. E non è un lavoro che tutti possono fare.

Lo stesso discorso vale per Paolo: chi di noi potrebbe offrire articoli di tale rigore logico e tale precisione? Io no, e non ho problemi ad ammetterlo. Paolo ha un valore aggiunto che non tutti abbiamo. E ripeto, il fatto di poterne usufruire gratis è un PRIVILEGIO, non un DIRITTO. Cacciatevelo bene in testa.

Chi si lamenta e teme di stancare l'indice con un click in più, cominci a cacciare una sostanziosa donazione. Altrimenti stia al suo posto e la smetta di arrampicarsi sugli specchi con discorsi sui massimi sistemi.

Grazie Paolo per l'impegno e la passione che metti nell'offrirci gratuitamente il prodotto del tuo ingegno. Dimostrazione che la qualità a costo zero esiste.
Vorrei esprimere il "FeFepensiero": Paolo, i tuoi articoli scrivili dove vuoi o dove ti fa comodo, l'importante è che continui, se io mantengo la possibilità di leggere le antibufale, gli articoli con argomento luna, ecc... e tu ci guadagni pure ben venga tutto ciò, non vedo perchè lo dovresti fare gratis, lo puoi fare gratis fino ad un certo livello, come hobby, ma poi quando si investe quantità di tempo sempre maggiori e si trasforma quasi in un lavoro è giusto che sia retribuito, vedi moonscape, dove sono contento di aver contribuito, perchè Paolo dovrebbe regalarmi/ci un documentario bellissimo costato tempo e denaro solo perchè si trova sulla rete ? Non so se chi ha espresso pareri negativi al link su Wired, sarebbe disposto a fare parte della propria attività lavorativa gratis ...

Fine del "FeFepensiero"

Chiedo scusa ad Accademia per tutti gli eventuali errori commessi :-)

Salutoni FeFe
george glootey ha commentato:
...ha fatto così tanti km l'oggetto sciante?


Beh, se assumiamo sia stato un aereo di linea ad altezza di crocera, in 5 minuti percorre quasi 70km
Sorry, "altezza e velocità di crocera"
@stecap

E avendo solo letto adesso il tuo intervento lo quoto in pieno

risalutoni

FeFe
Per Hedges

Sorry, "altezza e velocità di crocera"

Crociera.
Grazie Accademia.

@George, non sto assolutamente dicendo che hai torto, infatti non mi spiego come dopo 5-10 minuti la scia non sia ancora sopra l'osservatore e questo depone a favore del missile che continua ad innalzarsi e non è a quota costante.
@Grezzo:
Io sospetto fortemente che ci sia qualcuno molto geloso che rosica sul fatto che un blogger italiano sia in grado di guadagnare qualche soldo a dispetto di tanti che ci provano senza successo.

GOMBLODDO! :-D

@Fozzillo:
Quante storie per un click!
Ma dove lo troviamo un altro giornalista come Paolo, volete pure che vi ramazzi la stanza senza distogliere le mani dalla tastiera?


CLAP, CLAP, CLAP!

A me poco importa dove sono le indagini antibufala, purché ci siano e purché sappia dove trovarle.

Anzi, Wired ha un miglior PageRank, perciò gli articoli si googlano più facilmente.

Forse non tutti sanno che...
- Michele Filannino non è un vecchione come noi, quindi perdonate la sua inesperienza.
- Paolo Attivissimo fa il giornalista informatico e antibufala solo come secondo lavoro.
Eeeehh che du' palle, tutto 'sto casino per cliccare un link, neanche vi costasse soldi.


(wink, wink.)
Quante storie per un click!
Ma a voi, ospiti di Paolo Attivissimo, cosa vi interessa di ciò che fa lui a casa sua?
Ciò sminuisce il suo lavoro? No.
Lo rende meno credibile? No.
Vi fa perdere più tempo? Ammesso che sia vero (ma non lo è) andate a cazzeggiare da un'altra parte, chi vi ha chiamato?
Per il resto, quoto Stecap, fefesoft, L'economa domestica e Accademia dei pedanti.
O son rinco io o non si trova un video completo e non interrotto di sto' aereomissile?

PS: me la alzo e la schiaccio pure, "la prima che ho detto"....:))))
Per ué

Per il resto, quoto Stecap, fefesoft, L'economa domestica e Accademia dei pedanti.

Veramente io non ho detto nulla sull'argomento, se non che su wired lo spazio per i commenti è molto sacrificato. Ma credo sia una scelta di tutto il sito di wired.it, non riguarda solo la rubrica hoax buster.
@Accademia dei pedanti:
Infatti, poi ho scoperto come si chiamava il soldato che si ipotizza abbia sparato a Robespierre ed ora posso tranquillamente affermare che i nostri cugini d'oltralpe hanno parecchio da insegnarci.

Come il portiere del Cracovia, vero? :-D

@L'economa domestica:

Ah, aggiungo:

Giulio Cesare: "Anche tu Bruto, figlio mio"

E

Sherlock Holmes: "Elementare, Watson".


Bill Gates: "640 K dovrebbero bastare a chiunque."
@Paolo Attivissimo:
Obiezione giustissima. Per questo gli articoli su Wired sono in Creative Commons: affinché io possa ripubblicarli a distanza di tempo.

Quant'è il tempo minimo (almeno come ordine di grandezza: settimane, mesi, anni?) dopo il quale "scade" l'esclusiva di Wired, se si può dire?

P.S.: Anche se vado a leggere su Wired, continuo a commentare qui perché gli utenti mi stanno più simpatici :-)
Io non capisco tutte queste polemiche.
Se una persona si mette in tasca 10 euro (lavorandoseli) la gente sembra che lo vorrebbe ammazzare.
Che vi frega se ha messo le donazioni nel blog?
Di certo non gli vengono inviati miliardi.
Potete leggere gratis i suoi articoli, senza neanche vedere un singolo banner pubblicitario.
E con il volume di traffico che ha questo blog con i banner ci potrebbe tirare fuori uno stipendio bello e buono.

Invece ha preferito tenere questo blog come passione e non come lavoro, inserendo le donazioni tanto per arrotondare.

Certo che la gente non è mai contenta
Veramente io non ho detto nulla sull'argomento

Caro Accademia dei pedanti, il solo fatto che non avessi mosso critiche, come ha fatto inaspettatamente usa-free, per esempio, l'avevo valutato come un fatto positivo.
Comunque io dico che chi si lamenta per queste stupidaggini non ha proprio nulla di meglio da fare.
@ Turz

Come il portiere del Cracovia, vero? :-D


Uh, che sia un discendente? No, perché Napoleone fece cambiare il cognome del proprio soldato dall'originale in Meda.
Caro Paolo dato che sono un abbonato di Wired e tuo fedele lettore, ti consiglio di leggere le risposte, sul numero di questo mese, nella posta sul famigerato power balance :)
Sembra che in redazione ci sia almeno un suo estimatore....
Abitualmente leggo e non commento. Ma questa volta devo fare un'eccezione perchè ho letto troppi commenti che non condivido e che trovo offensivi dell'ottima reputazione di Paolo.

Un click ed un poco di traffico verso wired.it mi sembrano un "prezzo" (se di prezzo si può parlare) equo per poter leggere il pensiero di Paolo.
Accademia dei pedanti ♂ ha commentato:
Per Salvatore

La citazione giusta sarebbe: "Eppur si muove!"

Non ho capito bene: diventa giusta perché c'è il punto esclamativo?
A me interessa sapere se l'ha detta o non l'ha detta.


La mia era solo una provocazione :P
Volevo pedantizzarti un po' :)
Già che siamo in vena di citazioni farlocche: circola questa di Charles de Gaulle: "un Paese che produce 365 tipi di formaggio è ingovernabile" (un pays qui produit 365 sortes de fromages est ingouvernable), ma altre volte è in forma interrogativa e rivolta all'interlocutore Winston Churchill; la fonte, guarda caso, è una raccolta di sue frasi del 1962, e non un luogo o una circostanza.
Qualcuno ne sa di più?

A margine, ci sarebbe molto da ironizzare sui 365 formaggi: i maligni dicono che la Francia ha 365 nomi di formaggi. Gira e rigira, il sapore sempre quello è. :-)
Beam me up, Scotty

Tanto per aggiungerne una…

E*
Riguardo De Gaulle, butto la una info semi-inutile. Io la conoscevo nella forma (dettami da un còrso): “come si fa a governare un Paese che ha piú formaggi che giorni dell’anno”.
Aggiungo: “il fine giustifica i mezzi”, “Houston, we have a problem” e “Luke, i am your father”.
wired.com dice che probabilmente è un jet : sicuramente militare !
Vabbè tiro ad indovinare : un F-117 Stealth !
Sarà che sono legato a Paolo da un'amicizia personale, sarà che so come lavora perché lavoro con lui su altri fronti, ma le critiche al fatto che gli articoli stiano da un'altra parte le trovo veramente assurde.

Se uno lavora (e bene!) è giusto che abbia una ricompensa. O qualcuno di quelli che si lamentano abitualmente lavora gratis?
Il fatto che la scia si interrompa può benissimo spiegarsi con condizioni meteo diverse. Se l'immagine è stata scattata con un teleobiettivo, le distanze possono essere molto schiacciate e magari stiamo vedendo decine di km in una manciata di minuti (d'arco).

PS Paolo ti manderò una fattura per i costi di manutenzione dovuti all'aumentata usura del tasto sinistro del mouse ;-)
Sembra risolta col volo US Airways 808 dalle Hawaii a Phoenix.
http://blog.bahneman.com/content/it-was-us-airways-flight-808
Tutti i dubbi fugati dalla curvatura della terra, come "suggeriva" Paolo.
La scia che sorge all'orizzonte è più in alto e più lontana dell'orizzonte stesso, in questo caso circa 200 miglia, ed è visibile come sono visibili le montagne dell'isola a 35 miglia.
La linea che divide cielo e terra è a 4-5 km dall'osservatore, ma ciò che sta più in alto di questa linea è ben più lontano quanto più in alto si trova.
I 10 minuti in cui il cameramen ha ripreso la scia sono molto probabilmente i minuti necessari all'aereo per coprire la distanza dal punto dove si trovava al momento dell'avvistamento e fino allo zenit di Catalina Island (ca. 200 miglia) e dove da li in poi le condizioni atmosferiche non permettevano ancora la formazione della contrail.
Sarebbero probabilemente serviti altri 7-10 minuti di contrail e riprese per vedere chiaramente l'aereo passare sopra il punto di osservazione
(Ci son arrivato per ultimo ma ci son arrivato...eureka)
Non è che tutto debba essere per forza etichettato come bufala; si tratta semplicemente di un video che mostra un fenomeno interessante.
A distanza di due giorni non c'è ancora la certezza assoluta sull'accaduto, anche perché proprio li in California c'è la base USAF di Vandeberg da cui vengono effettuati persino lanci missilistici amatoriali (da studenti di Ingegneria Aerospaziale).

Lancio da Vandenberg

(La somiglianza con la scia del video è notevole.)

Inoltre, il Pentagono brancola nel buio e nessun responsabile del traffico aereo californiano è intervenuto per chiarire la faccenda.

La spiegazione più probabile magari è quella dell'aereo e comunque è stata accreditata da decine di siti sin da ieri; in questo sito ci sono pure i dettagli matematici relativi alla curvatura terrestre.

Non capisco quindi che senso abbia vantarsi di aver trovato una soluzione già abbondantemente disponibile da ieri. In ogni caso, bisogna ribadire che ancora non c'è la certezza assoluta.
@Santana
mica mi son vantato di nulla, ho solo detto che, magari per ultimo, ho capito cosa c'è dietro ai ragionamenti di chi presumibilmente c'era arrivato prima di me.
Anzi, non è che tu voglia sottintendere che avevi la soluzione ieri? :)
@Hedges

Ma infatti non mi riferivo a te; parlavo in generale.
Santana,

Non capisco quindi che senso abbia vantarsi di aver trovato una soluzione già abbondantemente disponibile da ieri.

Infatti non me ne vanto.

In ogni caso, bisogna ribadire che ancora non c'è la certezza assoluta.

Già fatto.
Figuriamoci se adesso è un problema continuare a leggere i magnifici articoli di Paolo un clic più in là!
Quante volte gironzolando per la rete mi sono trovato sballottato di qua e di là da link assurdi: non sarà certamente un problema leggere Paolo su Wired, se questo gli consente un ritorno economico; e poi, con un po' di vergogna ma in tutta franchezza: le donazioni costano, un clic su Wired no!

Seriamente, Paolo, posso cogliere l'occasione per ringraziarti per il tuo ottimo lavoro? Davvero non capisco come si possa pretendere - come ha fatto qualcuno in questa discussione - di farti lavorare solo "per la gloria". Io personalmente apprezzo molto il fatto di essere pagato per il mio lavoro e credo che sia una cosa ovvia e normale per tutti.

Solo una cosa, se non sono troppo indiscreto: ma il primo lavoro allora qual è? Magari lo sanno tutti qui, ma io no ...
ma il primo lavoro allora qual è?

Traduttore tecnico.
Turz,

Quant'è il tempo minimo (almeno come ordine di grandezza: settimane, mesi, anni?) dopo il quale "scade" l'esclusiva di Wired, se si può dire?

Non c'è una scadenza formale: ci sono i termini della licenza Creative Commons e il buon senso. Io ho chiesto il CC (che comunque era nei piani di Wired) per poter creare una compilation (il mitico libro "Bufale!" che un giorno o l'altro scriverò"), senza specificare quando.

Resta inteso che il giorno che Wired, per qualunque ragione, non offrisse online i miei articoli, potrei ripostarli qui senza problemi.
il mitico libro "Bufale!" che un giorno o l'altro scriverò

...e che aspettiamo con trepidazione :-)
il mitico libro "Bufale!" che un giorno o l'altro scriverò

...e che aspettiamo con trepidazione :-)


...e che speriamo sia liberamente scaricabile!
;-)
Paolo, i tuoi articoli sono pubblicati anche sulla versione cartacea di Wired o solo su quella online?
@Hedges

Scusa il ritardo nel risponderti.
Ma no, immmaginati, posso aver torto tranquillamente..;)

Secondo me il problema in questo caso è che la parzialità degli elementi ha tratto in inganno, facendo pensare alle cose più difficili, mentre la soluzione più ovvia è quella della scia di aereo.

Ave a tutti.
secondo me un aspetto molto importante della foto e' che se si trattasse di un razzo la scia tenderebbe ad essere almeno un po' curva a causa della rotazione della Terra e della necessita' di inserimento in orbita. Se si trattasse di un razzo in volo suborbitale (come aspettarsi nel caso di un arma) la traiettoria sarebbe ancora piu' curva. Non si puo' nemmeno dire che si tratti dei primi istanti dal lancio perche' in tal caso la scia non avrebbe avuto modo di distribuirsi in quel modo.
Noto solo ora questo commento :-)
@Santana
Lancio da Vandenberg (La somiglianza con la scia del video è notevole.)

Al contrario a me sembra di vedere una grande differenza tra le scie lasciate dai razzi e quella dell'evento in questione. E una grande affinita' tra le scie di tutti e 13 i lanci.

Infatti la traiettoria dei 13 lanci mostra una curvatura assente nel caso in questione.
Visto su space.com:
http://www.space.com/scienceastronomy/mystery-contrail-satellite-image-101116.html?utm_source=feedburner&utm_medium=feed&utm_campaign=Feed%3A+spaceheadlines+%28SPACE.com+Headline+Feed%29

Ciao,
Ermanno