Cerca nel blog

2010/11/05

Una cometa vista da vicino

Oggetto alieno dallo spazio profondo


L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale.

Le prime immagini della cometa Hartley 2, scattate ieri dalla sonda Deep Impact a oltre venti milioni di chilometri dalla Terra, rivelano una forma assolutamente aliena e lontanissima dalla concezione classica dell'aspetto di una cometa (e anche da quella hollywoodiana in stile Armageddon). Lo spazio è pieno di sorprese.

Credit: NASA/JPL-Caltech/UMD

Altrettanto sorprendente è il fatto che la sonda Deep Impact è in un certo senso riciclata: la sua missione originale era sganciare un impattatore sulla cometa Tempel 1, a luglio del 2005. Avendo completato con successo questo compito, con una spesa relativamente modesta (42 milioni di dollari) la NASA ha esteso la missione, ribattezzadola EPOXI, per altri quattro anni, in modo da includere la ricerca di pianeti extrasolari e l'incontro ravvicinato, a oltre 44.000 km/h, con la cometa Hartley 2, di cui vediamo oggi le immagini. "Ravvicinato", su scala cosmica, significa una distanza di 700 chilometri, ma è comunque dentro la "coda" della cometa.

Le stime danno per Hartley 2 un diametro di circa 1600 metri, sempre che si possa parlare di diametro per un oggetto che sembra una gigantesca e bitorzoluta coscia di pollo. Le nuove immagini indicano un asse maggiore di circa due chilometri (SpaceflightNow; Planetary.org; APOD; NASA).

64 commenti:

Anonimo ha detto...

Incuriosito dal nome Epoxi, scopro che è l'acronimo irregolare di extrasolar planet observation and deep impact extended investigation (dovrebbe essere Epodixi o meglio Epodiei).
Nulla a che fare con l'epossido, composto organico contenente un gruppo epossidico, cioè un atomo di ossigeno che fa da ponte tra due atomi di carbonio.

Explobot ha detto...

Siamo sempre più bravi a mandare nello spazio sonde automatiche e sempre meno uomini. Mi viene da pensare che se civiltà aliene si degneranno di esplorare la terra lo faranno con robot e non certamente con omini verdi dalle lunghe orecchie.

El ha detto...

Ma e' la Yamato di Star Blazers!! :-D
http://tinyurl.com/3767fye

franto ha detto...

Ma se la guardate bene sembra l'astronave Arcadia di Capitan Harlock!!

franto ha detto...

@el
abbiamo postato insieme..
stessa idea cartone diverso! :-D

Massimo M. ha detto...

Se in Armageddon avessimo visto una cometa simile avremmo pensato subito ad una pubblicità occulta verso qualche catena del pollo fritto ...

Matteo ha detto...

La parte sinistra della foto sembra cancellata... cosa ci sta nascondendo questa volta la NASA?

un'insegna di un fast food KFC alieno forse?

Verzasoft ha detto...

oddio... KFC.
Son andato in usa. Ho provato KFC. E ho capito che "Mangiarlo è tremendo, evacuarlo è un'impresa titanica"

Stefano ha detto...

Quando si vedono tali meraviglie, stupisce come ufologi e complottisti sbavino di fronte a foto sgranate, assurde e false.

Fran ha detto...

@ Paolo:
Penultima frase, piccolo refuso: "Le stima.."
;-)

pgc ha detto...

Quando vedo immagini come questa di Hartley 2, o quelle delle fontane di ghiaccio di Enceladus, penso che la nostra rappresentazione mentale di eventuali pianeti estrasolari e' completamente artefatta. Quando avremo delle foto dettagliate (non per la mia generazione) ci accorgeremo che la realta' planetaria e' molto piu' ricca della nostra fantasia...

Stupidocane ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Paolo Attivissimo ha detto...

Refuso sistemato, grazie!

Luca ha detto...

Ciao Paolo, come sempre ottimo articolo. Volevo però informarti su una chicca di cui probabilmente non sei a conoscenza e che potrebbe essere interessante approfondire per una tua indagine. Si tratta di un mosaico romano in cui compare una inaspettata... Ananas. Che è originaria del Sud America e che in Europa è stata conosciuta solo dopo il 1500. Se ti interessa ho delle foto del mosaico, situato nel museo romano di palazzo Massimo alle terme.

Paolo Attivissimo ha detto...

Se ti interessa ho delle foto del mosaico, situato nel museo romano di palazzo Massimo alle terme.

Manda, grazie!

Stupidocane ha detto...

Homer mode on:

"gaaa.... cosce di pooolloo..."
"ma è un asteroide"
"DOH!................ aaa... coscia di pollo grande come un asteroide..."
"ma non si può mangiare, è troppo grande e vaga nella Via Lattea"
"DOH!.........coscia di pollo grande come un asteroide da intingere nella Via Panna Acida...."

Daniele ha detto...

42. Milioni. Di dollari. Può essere una spesa "relativamente modesta", ma in assoluto è davvero... ingente. Certo che i risultati che porta (e porterà) quest'estensione di progetto sono e saranno formidabili. Ma esiste un metro con cui si misurano i rapporti costi/benefici di questi investimenti? Cioè, quand'è che un progetto spaziale costa troppo e quand'è che invece si decide "ne vale la pena"? Con quali criteri? Dove posso trovare risposte a domande come queste?

Grazie Paolo, post affascinante. E stimolante, fa riflettere.

granmarfone ha detto...

A proposito dell'ananas impossibile.

Sul Corriere della Sera - 20/12/1998 - Fulco Pratesi si poneva lo stesso interrogativo:

visitando il Palazzo Massimo alle Terme a Roma […] nella galleria 1a del secondo piano […] ho notato un pavimento a mosaico […] che mi ha letteralmente stupefatto. In esso, al centro di un piacevole motivo geometrico in bianco e nero, compare […] un cesto di frutta […] e... un ananas. Non ci possono essere dubbi. Si tratta proprio di questo frutto […] con le sue brave squame, il ciuffo terminale di foglie e il colore giallino verdastro. Un ananas "impossibile" perche' questa pianta […] arrivo' nel Vecchio Mondo dopo i viaggi di Colombo


La (una) risposta era in una lettera allo stesso giornale:

Fulco Pratesi si e meravigliato di aver trovato un ananas raffigurato in un antico mosaico romano esposto al nuovo Museo di Palazzo Massimo. Le mie ricerche indicano che l' ananas attecchisce anche alle Isole Azzorre e che i siti del mondo antico al di la delle colonne d' Ercole erano visitati da navigatori e coloni antichi forse gia secoli prima del mosaico: nel VII secolo a.C. i fenici circumnavigarono l' Africa e nel V a.C. l' ammiraglio cartaginese Annone arrivo fino alla Guinea, mentre Imilcone nello stesso periodo, si spinse fino alla Bretagna e forse oltre. Quanto alle Azzorre, gia i cartaginesi vi si stabilirono e non e difficile aspettare qualche secolo e trovare i Romani o i loro alleati alla ricerca del raro o del nuovo. Ecco dunque come l' ananas puo essere arrivato a Roma, sulle tavole dei ricchi e nelle botteghe degli artisti. E probabilmente con la distruzione di Roma e i lunghi secoli di Medio Evo, l' ananas spari , per essere poi reimportato con i viaggi di Colombo. Arnaldo Cantani

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

"in modo da includere la ricerca di pianeti extrasolari e un incontro ravvicinato con la cometa Hartley 2 a oltre 44.000 km/h."

Dall'articolo non si capisce se l'incontro è già in atto o, in caso contrario, quando avverrà...

Paolo Attivissimo ha detto...

Dall'articolo non si capisce se l'incontro è già in atto o, in caso contrario, quando avverrà...

Giusto. Ho chiarito, grazie.

Umhareel ha detto...

Notizia e immagine affascinante, viene da chiedersi perchè in altri siti informativi in cui se ne parla (ad es. ansa.it), la foto che accompagna l'articolo non c'entra niente...
Comunque non trovo che la cometa abbia una forma strana, mi sarei stupito molto di più se fosse stata una sfera o un cubo perfetti.
Anzi, diciamo che mi sarei preoccupato :-)
@ Daniele:
non credo si possa stabilire obiettivamente quanto valga la pena di spendere per la ricerca spaziale: secondo me si spende troppo poco, per altri ogni centesimo speso è buttato...

santino83 ha detto...

fosse stata a forma di cubo, sarebbe stata un'astronave borg... c'erto, la forma ricorda molto la sonda aliena di star trek IV, rotta verso la terra, magari un pò incrostata.. il viaggio nello spazio è un pò come andare per mare, la nave si riempie di licheni spaziali?

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

"o un cubo perfetti."

Ti saresti stupito? Solo!? :D

pacionet ha detto...

Le proporzioni della foto sono corrette ? Un oggetto di 1600 metri a 700 chilometri di distanza si vede così ?

Emanuele Ciriachi ha detto...

Fantastico. Mi sono sempre chiesto che forma avessero le comete, e tutte le foto scattate finora erano vaghe, confuse, avvolte da luce e/o dalla chioma della cometa.

Chissa' se la cometa ruota su un suo asse - per qualche motivo sarei portato a pensare che sia cosi', ma la foto sembra incredibilmente nitida; se ruota, forse non lo fa a grande velocita'.

Spettacolare.

Anonimo ha detto...

Per santino83

c'erto, la forma ricorda molto...

Un errore così creativo non mi è mai capitato sotto il naso! Da accostare a P'aco Dalcatraz.

ha detto...

Un errore così creativo non mi è mai capitato sotto il naso! Da accostare a P'aco Dalcatraz.

Perché non hai visto un'insegna di un negozio (non ricordo se frutta o pizza) con scritto "d'intorni" :-/

martinobri ha detto...

Un errore così creativo

Tzè.
Noi insegnanti ne abbiamo viste cose che voialtri non potreste immaginarvi.
L'ultima. Spiego il moto diurno del Sole: sorgere, tramontare, culminare, mezzogiorno vero locale, est, ovest, eccetera.
Passo tra i banchi, come di solito, e vedo che uno ha scritto: moto di Urno.
Maiuscolo, come se esistesse un personaggio di nome Urno.
Prima liceo... sob

ha detto...

Maiuscolo, come se esistesse un personaggio di nome Urno.

LOL, forse credeva fosse il nome di un pianeta, tipo Saturno :-)

santino83 ha detto...

Accademia sei proprio pedante :P la distrazione capita :)

Umhareel ha detto...

ǚşå÷₣ŗẻễ ha commentato:
"o un cubo perfetti."

Ti saresti stupito? Solo!? :D


Vabbè dai, ho voluto fare la battutina da nerd :D
In realtà non mi sarei neppure preoccupato: questa cometa è troppo piccola anche per essere un cubo Borg dissimulato XD

Rio ha detto...

Sembra una bitorzoluta coscia di pollo?
O una nocciolina, come dicono in America?

Io direi più un tappo di champagne o un pesto da mortaio...
Ma sicuramente a Napoli sarà "O babbà shpaziale".
Con la "sh". :-)

martinobri ha detto...

@ Emanuele Ciriachi:
di solito le sonde montano più di una camera; questa foto sarà fatta con un teleobiettivo o qualcosa di equivalente

pgc ha detto...

Un oggetto come Hartley 2, come anche un qualsiasi asteroide di quelle dimensioni ha una gravita' talmente bassa che sarebbe da stupirsi se apparisse sferica almeno quanto se fosse cubica... La gravita' non e' nemmeno del tutto sufficiente a spiegarne la forma (la densita' e' tra l'altro bassissima) e le proprieta'. Probabilmente entra in gioco anche la carica elettrica nel bilancio complessivo. C'e' una relazione precisa tra la gravita' al suolo e la "sfericita'" di un oggetto. Non a caso gli oggetti piu' sferici dell'universo sono probabilmente le stelle di neutroni.

@Emanuele
La velocita' angolare della cometa intorno ad un suo asse deve necessariamente essere bassa altrimenti andrebbe in frantumi per effetto della forza centrifuga. Deep impact ha due camere a bordo. Una di essere si chiama non a caso "High Resolution Instrument" e dispone di un telescopio di 30 cm (enorme considerati i vincoli di progetto di una missione del genere), sufficiente a spiegare la qualita' delle foto disponibili.

L'efficienza di una qualsiasi ricerca scientifica puo' essere valutata in maniera approssimativa attraverso il numero di pubblicazioni che questa produce e dal numero di citazioni che queste pubblicazioni hanno. Considerato il costo delle missioni spaziali 42 milioni e' zero. Secondo molti scienziati il vero spreco di denaro e' l'ISS che ha un output scientifico insignificante mentre assorbe buona parte del bilancio mondiale per missioni spaziali. Non condivido questa opinione ma riporto l'opinione di moltissimi scienziati. Oggettivamente con quegli stessi soldi (alla fine saranno circa 200 miliardi di US$) si sarebbero potute fare missioni automatiche incredibilmente piu' interessanti e produttive da un punto di vista puramente scientifico. Ma il punto e' proprio questo: conta solo l'aspetto scientifico o no? E' qui che le opinioni si dividono...

ciao
pgc

ǚşå÷₣ŗẻễ ha detto...

@Umarheel

:D

In realtà però, oltre all'astronave Borg, stavo pensando alla differenza sfera/cubo.

Nel senso, un oggetto perfettamente sferico sarebbe molto più plausibile di un oggetto cubico.

Ho pensato: un buco nero piccolo non tenderebbe ad essere perfettamente sferico?

Astrofisici cercansi e se ho detto una cazzata, spero che benevolmente mi corigerete! :)

pgc ha detto...

Usa,

le cose cambiano se si intende per forma del BN quella del suo orizzonte degli eventi, ovvero la superficie dall'interno della quale nessun oggetto puo' "fuggire", oppure l'ergosfera, entro la quale nessun oggetto puo' rimanere stazionario. Se poi si prende in considerazione la forma della materia contenuta nel BN, questa occupa un punto privo di dimensioni al suo centro, cui e' difficile associare il concetto di "forma".

A seconda della carica elettrica del buco nero o del suo momento angolare, la forma dell'ergosfera cambia. Se il buco nero non ruota (soluzione di Schwarzschild o di Raissner-Nordstrom, a seconda se il BN sia privo o meno di carica elettrica) anche l'ergosfera e' perfettamente sferica. Se invece ruota (BN di Kerr e di Kerr-Newman) e' simile ad un ellissoide oblato, cioe' schiacciato.

In ogni caso, non ci possono essere "montagne" sui buchi neri, e nemmeno su corpi superdensi come le stelle di neutroni. Nemmeno di altezza pari a un atomo.

Se poi si applica la teoria delle stringhe, potrebbero esistere BN a forma di anelli, corde etc... ma in 10 dimensioni. La loro sezione nelle 4 cui siamo abituati rimarrebbe pur sempre quella di una sfera o di un ellissoide oblato.

Ultima cosa: tutto questo avviene indipendentemente dal fatto che il BN sia piccolo o grande (come i BN supermassicci al centro di alcune galassie, con masse pari a milioni di soli). La fisica del BN dipende esclusivamente da massa, momento angolare e carica elettrica. In questo senso sono piu' simili a particelle elementari che a oggetti ordinari.

Spero di essere stato abbastanza chiaro e di non avere scritto troppe sciocchezze...

pgc
pgc

pgc ha detto...

errata: all'intervento #34 ipotizzavo che le immagini che circolano di Hartley 2 fossero state prese con l'HRI camera. In realta' sono state prese con il Medium Resolution Instrument. La risoluzione e' di 7m/pixel a 700km.

Atollo299 ha detto...

@pgc

Il tuo intervento sui buchi neri (bello!) mi ha richiamato alla mente "L'universo elegante" di B. Green Tra l'altro l'ipotesi del buco nero come particella elementare è un altro caso dove esplode l'incompatibilità tra relatività generale e modello standard.

Atollo299 ha detto...

E' scappato un pezzo del commento precedente: ...di B. Greene. Tra l'altro...

theDRaKKaR ha detto...

c'erto fa anche pendant con L'Ondra

theDRaKKaR ha detto...

@Ciccy-ciccy

EPOXI in realtà è la combinazione di Extrasolar Planet Observations and Characterization
(EPOCh) e Deep Impact Extended Investigation (DIXI).

martinobri ha detto...

In ogni caso, non ci possono essere "montagne" sui buchi neri, e nemmeno su corpi superdensi come le stelle di neutroni. Nemmeno di altezza pari a un atomo.


A proposito di oggetti sferici. C'entra poco ma è curioso

http://lescienze.espresso.repubblica.it/articolo/articolo/1345217

pgc ha detto...

@martinobri
non c'entra poco. Affatto. E' una cosa interessante...

Comunque la sfera artificiale migliore che io sappia resta quella di quarzo fuso a bordo del satellite Probe B. facendo lo stesso esercizio l'altezza della montagna piu' alta sarebbe di 2.4 metri. Non so se nel frattempo il suo record sia stato superato.

Epsilon ha detto...

Per Adp e Martinobri

tsk, dilettanti...
... io passo regolarmente in macchina davanti al "Jo's Bar" e per coerenza indovinate cosa servono? Ma "cocktail's" ovviamente :-)
Lo potete leggere sull'insegna accedendo a streetview su Googleearth (Via Palmieri angolo Via Mantegani a Milano)

martinobri ha detto...

Che, vuoi la guerra?

Devo citarti l'ago dell'abussola?
O la valle dell'Ambro?
(Per i non lombardi: il fiume si chiama Lambro)
O la membrana plasmaticha?

E potrei continuare

Epsilon ha detto...

Controbatto con "La tragedia del Wyoming" (Vajont)

MarcOriginn ha detto...

Quanti bei faretti sulla superficie dell'asteroide.
E non mi si dica che è la scia perchè ci sono "emissioni" ortogonali tra loro.
Che bella nave spaziale aliena, grazie NASA.

martinobri ha detto...

Epsilon ha commentato:
Controbatto con "La tragedia del Wyoming" (Vajont)


E io con gli esperimenti sulla generazione spontanea di Francesco Renga (Redi)

Vittorio ha detto...

Quanti bei faretti sulla superficie dell'asteroide.
E non mi si dica che è la scia perchè ci sono "emissioni" ortogonali tra loro.
Che bella nave spaziale aliena, grazie NASA.


E questo dovrebbe essere un ingegnere? Ne sa più il mio gatto di scienza che questo demente ...

ha detto...

Per martinobri:
hai mai provato a fare una raccolta tipo "stupidario"?
Quello medico, per esempio, è esilarante :-)

martinobri ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Anonimo ha detto...

Per ué

Per martinobri: hai mai provato a fare una raccolta tipo "stupidario"?
Quello medico, per esempio, è esilarante :-)


Non sarebbe una novità. Negli anni Settanta era molto in voga Fiori di banco, che già in copertina presenta un'interessante anticipazione: Carlo Magno divise tutti i sudditi in tre.

In seguito arrivò Io speriamo che me la cavo, Dio ci ha creato gratis e Romeo e Giulietta si fidanzarono dal basso, che hanno costituito la fortuna economica del maestro elementare Marcello D'Orta. Va ricordato che per poter godere appieno dei diritti d'autore, D'Orta fu costretto ad ammettere di averci messo del suo. Quindi, per analogia, dovrebbe faro le stesso martinobri. :-/

martinobri ha detto...

hai mai provato a fare una raccolta tipo "stupidario"?

"Ci sono cose di cui è bene che non rimanga memoria"
(Primo Levi)

E mi scuso per l'irrispettoso accostamento

ha detto...

In seguito arrivò Io speriamo che me la cavo, Dio ci ha creato gratis e Romeo e Giulietta si fidanzarono dal basso, che hanno costituito la fortuna economica del maestro elementare Marcello D'Orta.

Divertentissime anche le versioni televisive e teatrali, ma io mi riferivo a una raccolta di martinobri in persona, non di raccolte in generale.
Lo so che ne esistono già, come il già citato "Stupidario medico" appunto, ma anche altri.

Epsilon ha detto...

Un mio amico, tra l'altro molto erudito (e non scherzo), una volta se ne è uscito col lapsus: "Non puoi star sempre a cercare il pelo nell'orecchio".

Come se non sbaglio ho già ricordato in un altro thread, un maggiore di buona cultura, mio superiore a militare, era convintissimo che si scrivesse "MoNzambico"

martinobri ha detto...

Basta o vi metto a tappeto con quella ragazzina che all'esame di maturità sosteneva che nel Purgatorio dantesco i peccatori per fare penitenza portassero il silicio.

E ne era convinta: non capiva perchè noi ridessimo come pazzi

Umhareel ha detto...

martinobri ha commentato:
Basta o vi metto a tappeto con quella ragazzina che all'esame di maturità sosteneva che nel Purgatorio dantesco i peccatori per fare penitenza portassero il silicio.

E ne era convinta: non capiva perchè noi ridessimo come pazzi


Probabilmente perchè era altresì convinta che col cilicio si fabbricassero i procecciori.
...
Bene, direi che possiamo chiudere ^ ^'

pgc ha detto...

Caro Marcoriginn,

oltre a queste bellissime foto, ci sono misure spettroscopiche dei "faretti", che dimostrano che si tratta di emissioni di gas, comuni a molte comete. Tali gas sono in gran parte acqua, con un po' di monossido di carbonio e anidride carbonica. L'intensita' del flusso e' stata anche misurata ed e' molto ridotta. D'altra parte la velocita' di fuga da un oggetto del genere e' minima: un essere umano potrebbe mettere in orbita una palla da baseball lanciandola a mano). Il meccanismo di emissione e' dovuto al riscaldamento provocato dal sole che e' notevole per un oggetto con quell'albedo e immerso nel vuoto.

Entro "poche" orbite, questo oggetto, che ha una bassissima densita' (1/10 di quella dell'acqua) ed una coesione minima data la bassissima gravita', si dissolvera' in vari frammenti a causa del gradiente gravitazionale. Non si tratta di un "sasso", ma piu' di un aggregato di ghiaccio tenuto insieme non solo dalla gravita' ma anche dalla carica elettrica accumulata.

C'e' un numero enorme di lavori pubblicati sui dati e centinaia ne verrano fuori. Alla fine le sole foto saranno oltre 100.000. Centinaia di scienziati guarderanno a questi dati con tecniche molto sofisticate e diverse tra loro e per anni, come a quelli di altre comete, pubblicando lavori scientifici ovunque. Non c'e' nulla di segreto e quello che e' riportato dalla stampa e' una percentuale microscopica di quello che giace in archivi accessibili pubblicamente a tutti coloro che lavorano in ambiente scientifico entro breve, come dettato dalla policy della NASA.

Skeptic ha detto...

@pgc

ottimo commento, sarà interessante per molti, ma non per Maarcoriginn che non lo capirà.

Gino Lucrezi ha detto...

A me pare una scarpa destra vista dal basso, con le parti che normalmente toccano il terreno (tacco e punta) ben sporche di ghiaietto, ed invece l'arco plantare pulito dal ghiaietto.

Pareidolia?

Ah, la frase "lo spazio e` pieno di sorprese" viene da una vecchia sigla, vero? ;-)

martinobri ha detto...

Ah, la frase "lo spazio e` pieno di sorprese" viene da una vecchia sigla, vero? ;-)

Spazio 1999 seconda serie, quella orrenda degli Oliver Onions; giusto?


Probabilmente perchè era altresì convinta che col cilicio si fabbricassero i procecciori.

SUPERLOL

Anonimo ha detto...

Ah, la frase "lo spazio e` pieno di sorprese" viene da una vecchia sigla, vero? ;-)

Spazio 1999 seconda serie, quella orrenda degli Oliver Onions; giusto?


No. Il testo diceva "Lo spazio è pieno di misteri/aiuto, help me, S.O.S.", che va meglio come sigla di Giacobbo. In più in un vecchio articolo Paolo Attivissimo aveva fatto capire di detestare quella sigla.

martinobri ha detto...

In più in un vecchio articolo Paolo Attivissimo aveva fatto capire di detestare quella sigla.

Siamo in molti

pgc ha detto...

Caro Skeptic,

grazie per il tuo giudizio ma onestamente e senza alcuna polemica non capisco perche' tutti se la prendano tanto con MarcOriginn. E" chiaro che non condivido le sue opinioni ma penso che lasciar parlare la gente e rispondere nel merito sia l'unico modo per confrontarsi e convincersi a vicenda. Sarebbe bello confrontarsi qui con chi non la pensa come noi. Io ho avuto modo di convincere un sacco di gente, mostrandogli come lavora la scienza veramente, e non quella sua parodia riportata in film e telegiornali.

Personalmente preferirei che in questo interessante forum ci fossero meno discorsi off-topic e piu' racconti di esperienze, condivisione di informazioni, etc., visto il tenore del forum, ma mi rendo conto che non si puo' pretendere di guidare l'andamento di un forum su internet. D'altra parte e' vero che Marcorigin a volte e' stato arrogante, ma non e' il solo qui dentro e questo non ci dovrebbe distrarre dal merito della questione. Cosa ci si puo' aspettare d'altronde in un forum centrato sullo sbufalamento dei vari miti pseudoscientifici? Essere antipatici/simpatici e dire cose sbagliate/esatte dovrebbero rimanere sempre due piani separati. Se poi uno non ritiene che valga la pena di discutere di queste cose e' sempre libero di ignorarlo.

un saluto