skip to main | skip to sidebar
24 commenti

Tiscali e il segnale alieno

Il “segnale alieno dallo spazio profondo” di Tiscali


Ho ricevuto diverse segnalazioni di un articolo pubblicato su Tiscali Scienze e intitolato “Segnale alieno proveniente dalla spazio profondo captato dal radiotelescopio di Arecibo”.

Secondo l'articolo, datato 16 febbraio 2012, il radiotelescopio di Arecibo, a Puerto Rico, avrebbe captato appunto “un segnale "alieno", ritenuto interessante e degno di ulteriori accertamenti”, che “avrebbe avuto origine in un’area ancora non del tutto delimitata, che si trova tra la costellazione dei Pesci e quella dell'Ariete”. Il segnale sarebbe stato “isolato per ben tre volte”.

Purtroppo Tiscali Scienze non fornisce link alla notizia originale, per cui non è chiaro da dove l'abbia presa. Però una breve ricerca negli archivi online trova una notizia sorprendentemente simile: l'osservatorio di Arecibo che capta un segnale dalla zona del cielo fra Pesci e Ariete e lo isola tre volte. Viene anche fatto il nome di Dan Wertheimer, il ricercatore del SETI Project citato anche da Tiscali.

Ma la notizia è datata 2 settembre 2004. Quasi otto anni fa. Ne parlano molti siti, fra cui The Planetary Society, Science Blog e The Guardian, identificando il segnale con la sigla SHGb02+14a e chiarendo che non è affatto certo che si tratti di un segnale intelligente e che è molto probabile che si tratti di uno dei tanti falsi positivi che si verificano in questo campo, come quello segnalato a gennaio 2012 da Bad Astronomy.

Se fosse davvero questa la fonte della notizia pubblicata da Tiscali Scienze, sarebbe veramente deludente scoprire che viene spacciata per nuova una notizia di otto anni fa. Dimostrerebbe una preoccupante inettitudine della redazione nel verificare le notizie. Questo non toglie che la ricerca di segnali intelligenti dallo spazio sia un progetto serio e interessante. Proprio per questo andrebbe trattato dai giornalisti con un po' più di attenzione.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (24)
A proposito di notizie e un po' OT, dopo aver letto il titolo di questa, avrei giurato che l'autore fosse proprio Attivissimo data la sua predilezione nell'iniziare i titoli rispondendo a una presunta domanda.
E invece no, si vede che fa tendenza! :-)

P.S.
Non è una critica, anzi, come tecnica l'apprezzo molto.
Non ho la più pallida idea delle dimensioni in gioco, ma se vediamo le stelle così fioche, che speranza c'è che qualche alieno possa mandare un messaggio che sia leggibile sulla terra?

è ragionevole sperare che un ripetitore su un qualche pianeta possa mandare un messaggio così forte da arrivare fin qui?

Ripeto, mi faccio questa domanda in quanto non ho idea delle dimensioni in gioco.
che si trova tra la costellazione dei Pesci e quella dell'Ariete
Mi pare difficile.

I segnali dei Pesci sono del tutto particolari. Talvolta sono forti e chiari. Altre volte sono deboli ed evanescenti. Con la loro timidezza non sempre si lasciano intercettare facilmente. Chi desidera incontrarli deve spesso fare sforzi molto grandi, perché prediligono cambiare sempre direzione ed essere imprevedibili. Comunque un loro incontro sarà sempre emozionante, e lascerà un profondo segno in chi li intercetta.


I segnali dell'Ariete sono quasi sempre decisi e netti. Però sono anche esuberanti e portati al divertimento, e per questo spesso si mascherano per giocare a nascondino con gli ascoltatori, che li scambiano per altre emittenti. Talvolta vengono assaliti da incertezze e dubbi sulla loro reale portata, e in tal caso cessano di manifestarsi per lungo tempo, fin quando non risolvono i loro dubbi e riprendono a lanciarsi con la loro solita energia, che non potrà non essere acquistata, almeno in parte, da coloro che si troveranno sulla loro strada.
Considerando che oggi sarebbe il compleanno di Rudolf Hertz, penso che sia uno "scherzetto" ispirato al famoso segnale WOW. Ne parla anche Google : http://www.tradingonlinefree.it/heinrich-rudolf-hertz-il-logo-google-e-gli-alieni-7001.html
"Project Phoenix was a Search for Extraterrestrial Intelligence (SETI) that observed nearly 800 stars within about 80 parsecs over the available frequencies in the microwave spectrum from 1200 to 3000 MHz with a resolution of 0.7 Hz. The search had three major observing campaigns using the Parkes 64 meter, the NRAO 140 Foot, and the Arecibo 305 meter antennas. Phoenix used real time signal detection and immediate verification of possible ETI signals. The search looked for narrowband signals that were continuously present, or pulsed regularly, and allowed for frequency drift rates of up to about 1 Hz per second. A database of terrestrial signals found in the previous week was used to match against detections for each observation. Candidate signals, i.e., those not in the database, were checked immediately with a "pseudo-interferometric" observation using a second, distant antenna, or by simple on-off observations if the second antenna was unavailable. While millions of signals were detected, all proved to be from terrestrial technology. In conclusion, we can set upper limits on the power of narrowband transmitters in the vicinity of nearby stars."


dall'abstract di: Backus, P. R.; Project Phoenix Team, "A Summary of SETI Observations and Results, 1995-2004', 2004, American Astronomical Society Meeting 204, #75.04; Bulletin of the American Astronomical Society, Vol. 36, p.805

Carta canta...
Mi chiedo che segnali emettano i cervelli di certi giornalisti: se fossero captati da un radiotelescopio verrebbero sicuramente interpretati come rumore di fondo
Credo che l'articolo di Tiscali, maldestramente copia-incollato un po' ovunque, faccia invece riferimento alla notizia dal falso segnale del SETI spiegato proprio dal blog di Bad Astronomy nel seguente scritto risalente al 16 gennaio 2008:

http://blogs.discovermagazine.com/badastronomy/2008/01/16/no-alien-signal/

nel quale viene pubblicato il "printscreen" che fotografa l'origine della bufala radicata nel portale KTVU:

http://farm3.staticflickr.com/2362/2198068561_572b061eaa_z.jpg?zz=1

Nello stesso articolo pubblicato da Bad Astronomy viene spiegato perché quella notizia non era presente nel sito del SETI, visto che fu un madornale errore del giornalista del KTVU che equivocò una serie di informazioni riconducibili a tutt'altro osservatorio. Cito:

"the observations of the transients weren’t from Arecibo, and they weren’t from Wertheimer. It was another astronomer altogether, observing with the giant Parkes radio dish in Australia".

Cioè questo:
www.parkes.atnf.csiro.au/

Saluti.
sarebbe veramente deludente scoprire che viene spacciata per nuova una notizia di otto anni fa.

Oh Paolo, si vede che non vivi in Italia.
Non ricordi che l'anno scorso strombazzarono tanto la "scoperta" che i segni zodiacali non corrispondono più alle costellazioni, mettendola giù come se fosse una novità?
Ovvero, la scoperta della precessione degli equinozi con 2100 anni di ritardo, o giù di lì? Ipparco si sta ancora girando nella tomba.

Record difficilmente superabile, direi.
Forse è doctor who che con la sua macchina del tempo ci rimanda il riflesso del segnale percepito nel 2004, direzionato nei telefoni della redazione di tiscali :D.

Che gran burlone.
Presto, presto! Chiamate Jodie Foster!
Io sul SETI son sempre più convinto che sia, purtroppo, un progetto destinato a non portare a nulla. Purtroppo, guardando la nostra società, l'unica che possiamo considerare, la nostra finestra temporale di emissione di segnali elettromagnetici appena si è aperta già si è chiusa... se si esclude l'HAARP dei terremoti. Si è aperta con Marconi e si è chiusa col progresso: le nuove emissioni sono deboli e spesso direzionali, siamo nuovamente invisibili... in un secolo. Le altre civiltà, presenti o meno, è probabile abbiano avuto dinamiche tecnologiche simili: dopo tutto il risparmio energetico è imposto dalle risorse finite di qualunque sistema. Quindi, purtroppo, mi immagino grandi orecchi sparsi nel cosmo tesi ad ascoltare voci che non giungeranno.
Mi chiedo che segnali emettano i cervelli di certi giornalisti: se fossero captati da un radiotelescopio verrebbero sicuramente interpretati come rumore di fondo

LOL!!

la nostra finestra temporale di emissione di segnali elettromagnetici appena si è aperta già si è chiusa

Molto interessante
Forse perchè tiscali è distante 8 anni luce dalla terra... ;) (o dalla verità?)
OT a proposito di giornalismo spazzatura/sensazionalismo, l' articolo del Corriere online "Svezia: cercasi infermere sexy", con analisi sul presunto sessimo dello stesso (e decine di commenti). L' annuncio in lingua originale é "gender neutral", quindi non puó essere sessista, tutt´al piú discrimina i "non-belli". In lingua originale si capisce poi l´ironia. Ma il Corriere ha ripreso la notizia da un sito in lingua inglese che a sua volta citava la fonte originale svedese, quindi é giornalismo "de relato". Mi spiace solo vedere tante persone che commentano sul nulla, o meglio su una notizia riportata in maniera sbagliata.
Saluti
Ma i nostri giornalisti devono verificare le notizie? Non basta inventarsele? A proposito dei terremoti percepiti a Milano qualche settimana fa uno sosteneva che la placca africana da circa sei mesi stava spingendo contro la placca europea.
Dimostrerebbe una preoccupante inettitudine della redazione nel verificare le notizie.

Non avrei mai immaginato che una redazione non verificasse le notizie. Sono proprio sorpreso :-D
[quote-"Fabio Quell'Altro"-"/2012/02/tiscali-e-il-segnale-alieno.html#c995958914564158405"]
Io sul SETI son sempre più convinto che sia, purtroppo, un progetto destinato a non portare a nulla. Purtroppo, guardando la nostra società, l'unica che possiamo considerare, la nostra finestra temporale di emissione di segnali elettromagnetici appena si è aperta già si è chiusa... se si esclude l'HAARP dei terremoti. Si è aperta con Marconi e si è chiusa col progresso: le nuove emissioni sono deboli e spesso direzionali, siamo nuovamente invisibili... in un secolo. Le altre civiltà, presenti o meno, è probabile abbiano avuto dinamiche tecnologiche simili: dopo tutto il risparmio energetico è imposto dalle risorse finite di qualunque sistema. Quindi, purtroppo, mi immagino grandi orecchi sparsi nel cosmo tesi ad ascoltare voci che non giungeranno.
[/quote]

E' giusta come osservazione.
Tuttavia potrebbero esserci altri tipi di segnale da captare, oltre ai segnali radio analogici.

1) Segnali collaterali ad altre attività tecnologiche, tipo astronavi con ipotetici motori atomici o altre tecnologie che producono impulsi elettromagnetici ripetitivi, e comunque distinguibili dai segnali "naturali";

2) Segnali intenzionali, tipo il classico messaggio: "Hey, noi siamo qui!", inviato per motivi loro (mettiamo che esista una civiltà che abbia tempo ed energia a sufficienza per permettersi di sparare "messaggi in bottiglia" nel cosmo).

Sono solo supposizioni, non sappiamo nemmeno se i due esempi di cui sopra possano esistere, ma sono abbastanza plausibili da pensare di investire in una ricerca di tali segnali, vista l'importanza sociologica e filosofica che avrebbe una eventuale scoperta del genere.
sarebbe veramente deludente scoprire che viene spacciata per nuova una notizia di otto anni fa. Dimostrerebbe una preoccupante inettitudine della redazione nel verificare le notizie.

Volevo segnalare che questa è diventata un'abitudine anche per LEGGO, testata giornalistica che realizza un quotidiano gratuito e il cui sito internet ogni giorno pubblica decine di notizie. La versione cartacea è (o "era", dato che mi pare non esista più) la tipica fonte di informazione dei lavoratori/studenti che ne raccoglievano una copia uscendo dalla stazione dei treni/metro o davanti al luogo di studio, nonchè uno dei tanti giornali utilizzati dai deejay che commentano le varie notizie durante le loro trasmissioni.

Una volta era un giornale decente, ma negli ultimi mesi il sito internet è diventato una vera e propria fogna, che sembra essere gestita più da blogger in cerca di accessi al proprio sito, anzichè da giornalisti. La maggior parte delle notizie sono:
- notizie riprese da altre testate (tra cui figurano anche il "The Sun", quindi fate voi...) o addirituttura copia-incolla di comunicati stampa. Se non altro, hanno almeno la decenza di segnalare la fonte;
- bufale, peraltro decisamente vecchie e già ampiamente smentite: un classico è quella del pensionato che ruba al supermercato perchè ha la pensione troppo bassa e che poi viene perdonato dal negoziante;
- notizie alla Studio Aperto del tipo "una nuova polemica impazza su Facebook: tutti contro Federico Moccia";
- voci di corridoio non confermate e prive di fonti;
- qui si è toccato il fondo: negli ultimi tempi sono comparse foto e/o sondaggi in cui si parlava del "cattivo" di turno (come il comandante Schettino, piuttosto che Erika De Nardo) accompagnati da commenti decisamente tendenziosi che cavalcano l'onda dell'odio collettivo, alla pari dei servizi di cronaca Studio Aperto con la musica di Profondo Rosso in sottofondo.

Non so...non sono esperto di giornalismo, ma secondo me qui siamo proprio al di fuori di discorsi sull'etica professionale: a me sembra proprio che venga spacciata per testata giornalistica qualcosa che non lo è più.
Vi supplico, qualcuno vada a commentare sul sito di Tiscali e spieghi come stanno le cose alle 40 persone che hanno scritto con commenti da bimbiminchia "evviva siii il momento è opportuno perchè tutto sta cambiando!!11!1111one!!"

VI PREGO! :D
A proposito di Leggo e bufale... oggi c'è la notizia delle ostie allucinogene di Campobasso.
Le caratteristiche della bufala ci sono tutte:
non si dice quando sarebbe successo;
non si dice dove (solo un generico Campobasso);
sembra appena successo, ma ci sono già i risultati della scientifica.
Qualcuno ne sa di più?
@Replicante Cattivo

mi risulta che la versione cartacea di Leggo esista ancora, perlomeno l'ho sicuramente vista quest'estate nelle metro di Roma e Milano quando sono andata l'ultima volta nelle due città. E ovviamente, tra una pubblicità e l'altra, le notizie sono esattamente dello stesso tenore di quelle del sito.

Anyway, mettere "Tiscali" e "scienze" sullo stesso rigo mi sembra perlomeno un bel po' azzardato.
Purtroppo confermo: a Roma la versione cartacea di Leggo esiste ancora ed è peggio che pessima.
gonews (gonews punto it) ha fatto di peggio, ha pubblicato un primo articolo sui segni sui campanelli e il cifrario degli zingari
questo


quando è stato fatto loro notare che era una bufala hanno pubblicato il secondo articolo
ma mica di smentita eh...
se poi volete seguire la vicenda sul mio blog ho pubblicato un articoletto in cui sfilettavo la vicenda ed è intervenuta anche la redazione di gonews...
[quote-"Guido"-"/2012/02/tiscali-e-il-segnale-alieno.html#c5552019228842127896"]
gonews (gonews punto it) ha fatto di peggio, ha pubblicato un primo articolo sui segni sui campanelli e il cifrario degli zingari
questo


quando è stato fatto loro notare che era una bufala hanno pubblicato il secondo articolo
ma mica di smentita eh...
se poi volete seguire la vicenda sul mio blog ho pubblicato un articoletto in cui sfilettavo la vicenda ed è intervenuta anche la redazione di gonews...
[/quote]

Sinceramente, dopo aver visto il servizio de Le Iene di cui parla l'articolo, ho concesso un piccolo beneficio del dubbio alla storia dei simboli sul citofono. Sia chiaro che io non prendo per oro colato ciò che dicono Le Iene, che spesso sputano sentenze senza averne il diritto. Il fatto è che quella trasmissione, notoriamente, è circondata da un alone di estremo buonismo verso nomadi e immigrati (della serie: "entriamo nei loro accampamenti e vi facciamo vedere che sono tutti bravi, simpatici e gentili"), quindi credo che ci abbiano pensato cento volte prima di mandare in onda un servizio che fa leva sulle paure verso lo zingaro/straniero. E credo sia molto difficile che siano arrivati ad auto-costruirsi il caso...è più probabile che siano semplicemente stati fregati da qualcuno che, sapendo del loro arrivo, ha disegnato i simboli sugli stipiti degli appartamenti derubati.

Detto questo, il caso da te descritto è molto simile a ciò che accade su Leggo: molto spesso i commenti sono ipercritici verso gli articoli (soprattutto quando pubblicano bufale dimostrate e/o vecchissime), ma loro li ignorano bellamente e non pubblicano MAI una rettifica. Inoltre, proprio come accade nei blog più infami, se voi postate una critica inattaccabile (e dove magari chiedete un intervento del redattore o una rettifica), facilmente verrà bloccato dalla moderazione, oppure verrà pubblicato in coda a decine di altri commenti, in modo che venga letteralmente sommerso e finisca subito in seconda pagina. Oppure, vengono pubblicati i commenti pieni di parolacce e insulti, proprio per far vedere che i criticoni sono persone rozze e volgari, quindi ignoranti. Quello che non capisco è: se si vuole gestire una testata giornalistica, dichiaratamente rivolta ai più giovani, e che costantemente attinge da internet, perchè non si affidano le notizie a persone che conoscono questo mondo? Prima dicevo che i giornalisti di Leggo sembrano dei blogger...ma in realtà il blogger mediamente intelligente e informato, per quanto possa essere boccalone/complottista, è almeno in grado di scremare le notizie più recenti da quelle vecchie di anni. E se deve pescare notizie sensazionalistiche, va ben oltre quella dell'uomo incinto o della donna che dice di essere stata rapita dagli ufo...che ricordano le agenzie di stampa del film "Men In Black"
Finchè sono i tg/giornali generalisti a tirar fuori le notizie spulciando la home di Youtube, cercando a caso le fan-page di Facebook e informandosi su Wikipedia, hanno almeno la 'giustificazione' di rivolgersi a un pubblico che non conosce nessuno dei suddetti siti. Ma se tu ti rivolgi a un pubblico che usa regolarmente internet, verrai immediatamente sgamato.