skip to main | skip to sidebar
109 commenti

Ingegnere olandese spicca il volo battendo le ali. Vero o fake ben fatto? Fake

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “tiziano.zapp*”. L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2012/03/23.


Sembra troppo bello per essere vero questo video di un ingegnere olandese, Jarno Smeets, che avrebbe spiccato il volo con le proprie ali battenti dopo una breve rincorsa. Volare come un uccello e comandare le ali muovendo le braccia è un sogno da millenni. È possibile che Smeets ci sia finalmente riuscito, con l'aiuto di motorini elettrici molto sofisticati e di un'abbondante scorta di batterie ultraleggere?

Per ora è presto per dirlo. Il video ha numerosi elementi che si presterebbero a una manipolazione (sfocature, stacchi e tagli molto provvidenziali, per esempio), ma secondo Jamie Hyneman di Mythbusters gli apparati mostrati nel video e nel sito di Smeets sono perlomeno plausibili. Molti commenti (su Discovery, Gizmodo e Techcrunch) insinuano che si tratti di un falso ben fatto. C'è un solo modo per sapere come stanno realmente le cose: ripetere l'impresa di fronte a testimoni indipendenti. Fino a quel momento è meglio essere cauti.

Aggiornamento (2012/03/21): Wired ha un'analisi tecnica del video estremamente dettagliata. Ma è inutile arrovellarsi: se Smeets ha davvero compiuto l'impresa, non ha che da ripeterla in condizioni controllate.

Aggiornamento (2012/03/23): Fake. L'autore del video ha confessato alla TV olandese ieri sera. I dettagli sono in questo mio articolo per la Rete Tre RSI.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (109)
Vivo in Olanda e qualche settimana fa la televisione locale (diciamo della provincia) dell'Aja era andato a trovarlo nel suo laboratorio:

http://www.youtube.com/watch?v=bAW-NoEhdh8

Il dispositivo e' senz'altro reale, ispirato ai pipistrelli e l'inventore e'un ingegnere meccanio. Second me ce l'ha fatta!
Nonostante Smeets muova vigorosamente le braccia durante il volo, nella ripresa in soggettiva la direzione dello sguardo, e quindi della testa, sembra rimanere la stessa senza apprezzabile deviazione. Nessun movimento della testa? Nessun cambio di direzione laterale o verticale dello sguardo? E` sospetto.
mmh non lo so, guardando bene il video a 0:34 dal momento che spicca il volo il movimento del corpo, delle gambe soprattutto, mi sembra poco "naturale"
Secondo me, vero o falso si fa una fatica pazzesca...
Il video, almeno ad una prima occhiata, mi sembra credibile. Il sito, poi, contiene parecchio materiale. Se è un falso, sono stati comunque davvero bravi. :-)
Io punto tutto sul falso.

Non si vola con ali di quel tipo senza superfici di stabilizzazione, la coda per intenderci.
Per controllare la picchiata dovrebbe muovere le ali in avanti e indietro, come fanno gli uccelli che comunque si aiutano con una coda potente.
Se fosse vero avrebbe anche inventato la prima flying wing senza complicati sistemi di controllo.

Velocità bassissima, dovrebbe sbattere le ali con molto più vigore per volare a quella velocità con ali così piccole, come fanno gli uccelli.

La vista laterale non mi convince affatto.

Le ali appaiono "sgonfie", flaccide e prive di un profilo che crei portanza.
Straordinario.

Proviamo a calcolare se questa cosa e' fattibile dal punto di vista puramente energetico.

Supponiamo che il pilota piu' tutto l'arnese pesino 150 kg (minimo ragionevole). Il tizio sembra guadagnare 10 metri di quota in circa 10 secondi... il che equivale ad una energia necessaria (non considerando le perdite) di:

E = mgh 14.700 Joule di energia.

(in realta' la quota raggiunta sembra di molto superiore di 10 m a una seconda visione) e ad una potenza media di:

P = mgh/t = 150 kg * 9.8 m/s^2 * 10 m / 10 sec = 1470 Watt

Consideriamo l'energia cinetica al decollo. Ragionevolmente, non puo' correre a piu' di 5 m/s (circa 20 km/h). Allora

E = 1/2 * 150 kg * (5 m/s)^2 = 1875 Joule

Questa velocita' gli permetterebbe di salire fino ad h = v^2 / (2g) = (5 m/s)^ 2 / (2 * 9.8 m/s^2) = 1.3 m, quindi e' trascurabile. Anche perche' comunque se arrivasse in quota da fermo stallerebbe immediatamente.

E' possibile disporre di circa 20 kJ di energia su quel trabiccolo?

Le migliori batterie disponibili (quelle lithium-air usate nell'autotrazione) hanno una densita' di energia di circa 9 MJoule al kg. Non sono certo che questo numero includa anche il packaging, ma significa che 1 solo kg di batterie sarebbe in effetti in grado di portare il tizio in quota anche se l'efficienza complessiva fosse del 2 per mille.

Se ho fatto bene i conti, questo rende la cosa fattibile dal punto di vista energetico, infatti e' stata compiuta ordinariamente da un umano che pedala, che dispone di meno di 1 kW di potenza.

Quello che a me sembra straordinario e' il controllo del mezzo. Non capisco come fa a mantenere l'assetto e a salire di quota visto che gli uccelli fanno un movimento molto piu' complicato del semplice sbattere le ali. Ma puo' essere che in realta' la meccanica dell'ala sia molto furba. Ci sono inoltre altri elementi strani. Perche' chi ha fatto la ripresa non si pone direttamente alle sue spalle? Forse per inquadrare tutto sin dalla partenza?

E perche' scegliere una zona circondata da alberi?

Secondo me e' trainato da qualcuno... ma ripeto, non ci giurerei sopra.
Gli spallacci dell'imbragatura sono quelli di uno zaino e non quelli, ben più robusti, che useresti per sostere un uomo.
L'ala durante la fase di salita non si svergola, come deve fare quella di qualunque uccello o mezzo ad ali battenti.
Muovendosi in quel modo spingerebbe verso il basso.

Bufala.

Curiosità, il regolamento tecnico aeronautico preve esplicitamente i mezzi ad ala battente denominati ornitotteri
Anche se è un falso ben fatto, so solo che mi sono emozionato un casino!!!
E si scoprì che era tutto vero: AVEVA VOLATO!!! Ma si scoprì anche che l'ingegnere pesava 35 kg :). Potrebbe essere vero ma, come è stato detto, si deve fare una fatica mortale per pochi metri. E se anche ce l'avesse fatta davvero, potrebbe vendere le sue "ali" solo a qualcuno con un peso e corporatura molto simile alla sua (o al massimo minore), o sbaglio?
non ne so abbastanza di aeronautica da dire se l'apparato è plausibile, ma dal collo in su il tipo mi sembra un pochino molliccio per un'impresa del genere.
Secondo me è un fake, osservando il momento in cui spicca il volo, è palese che le gambe passano da una posizione verticale ad una orizzontale con poca... Pochissima naturalezza; se poi si pensa che le gambe sono mantenute in posizione orizzontale dalla sola forza addominale alla quale si aggiunge lo sforzo per muovere le braccia che si sobbarcano anche l'attrito della superficie alare, il tutto è molto improbabile... È un fake neppure ben riuscito
Mah, non saprei... sopratutto nel finale è forte l'impressione che la telecamera sul casco non sia la stessa che fornisce le immagini dell'atterraggio: pur atterrando in piedi, l'inquadratura praticamente si "schianta" a terra, e nonostante il campo molto ampio(si vede il laghetto e tutto lo snodarsi della strada) si intravvede la forma dei fili d'erba...
Io voto bufala
Secondo me e` un falso evidente: si alza troppo velocemente e senza perdere velocita` orrizontale, i movimenti al decollo poi sembrano quelli di un corpo senza inerzia.

Se il volo e` solo muscolare e` inutile discutere visto che solo con la forza delle braccia e` impossibile: gia` il volo muscolare umano e` arduo con mezzi a pedali.
La cosa piu` improbabile e` il distacco che avviene in maniera subitanea e senza `preavvisi`, cioe` le ali dovrebbero avere portanza anche prima dell`immediato decollo, e poi il fatto che all`inizio si sollevi in 1 / 2 secondi di circa due metri senza perdere velocita` e quindi al costo solo della forza muscolare.

Se dovessi fare io un filmato piu` credibile non solleverei il velivolo di piu` di mezzo metro e il decollo lo farei balzellato.
Io pratico kitesurf e parapendio e vi assicuro che ci vuole ben altro per sostenere il peso di una persona. In primis il vento. Non puoi decollare con appena 17 mq di vela solo correndo e sbattendo le ali. Considerate che per fare un salto di pochi metri (non volare) con quella vela (Slingshot Fuel) mi occorre, come minimo, un vento di circa 14 nodi, ma la vela deve essere usata nella sua forma originale e non rimodellata sul profilo di una sorta di deltaplano. Considerate che un parapendio solo per far PLANARE una persona ha bisogno di ben più di 17 mq. Insomma, non ci siamo con le superfici, non ci siamo con il vento sostenuto che renderebbe leggermente più plausibile la cosa e soprattutto con l'assetto della persona che sbatte le ali. L'atterraggio è ridicolo. Guardate i video dei deltaplani che atterrano, vi illumineranno....
Io pratico kitesurf e parapendio e vi assicuro che ci vuole ben altro per sostenere il peso di una persona. In primis il vento. Non puoi decollare con appena 17 mq di vela solo correndo e sbattendo le ali. Considerate che per fare un salto di pochi metri (non volare) con quella vela (Slingshot Fuel) mi occorre, come minimo, un vento di circa 14 nodi, ma la vela deve essere usata nella sua forma originale e non rimodellata sul profilo di una sorta di deltaplano. Considerate che un parapendio solo per far PLANARE una persona ha bisogno di ben più di 17 mq. Insomma, non ci siamo con le superfici, non ci siamo con il vento sostenuto che renderebbe leggermente più plausibile la cosa e soprattutto con l'assetto della persona che sbatte le ali. L'atterraggio è ridicolo. Guardate i video dei deltaplani che atterrano, vi illumineranno....
Propendo per la bufala...
Secondo me il trucco sta al minuto 0:35 dove mi sembra che il campo sia in discesa...
ma piu' che altro, quello che filma a lato era nel laghetto ? e perche' lui atterra sulle strisce del tosaerba che sono molto piu' sulla sinistra, senza far spitasciare le ali sugli arbusti ?
Qui si vede un test flight in cui si stacca poco poco da terra, e sembra davvero realistico:
http://www.youtube.com/watch?v=Q0tKFOcHyrI&feature=related

Se hanno fatto un falso, lo hanno fatto davvero bene, con vari video falsati, non uno solo...

E cmq è una cosa tanto emozionante da vedere quanto pericolosa per quello che va lassù! Se cade da quell'altezza si ammazza!
Guardate questo precedente documentato:
http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/10_settembre_25/ornitoptero-primo-volo-canada_8cf64322-c881-11df-9516-00144f02aabe.shtml

Da Wikipedia:Nel 2010, Todd Reichert, dottorando all'Università di Toronto, è riuscito nella storica impresa di volare con il suo ornitottero -- chiamato Snowbird -- per 19,3 secondi coprendo una distanza di 145,3 metri alla velocità di 25,6 km/h, utilizzando come mezzo di propulsione, la sola forza dei muscoli delle sue gambe, per far battere le ali lunghe 32 metri. Lo snowbird è stato costruito in fibra di carbonio, legno di balsa e schiuma espansa, in modo da pesare solo 42 chilogrammi. Il volo, eseguito alla presenza della Federation Aeronautique Internationale, è stato il primo ad essere ufficialmente confermato come effettuato su un ornitottero

Molto strano che non si assomiglino per niente...
E sul sito ci sono tutti i suoi video! Il primo è stato pubblicato su youtube in Agosto 2011. Se è una bufala o qualche marketing virale, è qualcosa che è stato studiato per mesi almeno...
Un`altra cosa sospetta (a parte l`operatore fantasma che lo ritrae di lato) e` la macchia nera che all`atterraggio (1:03 ) si nota sulla schiena: non corrisponde a quello che si vede all`inizio e mi pare risalti troppo.
mi pare che molti di voi non abbiano capito bene il meccanismo...

Il tizio non sostiene di sollevarsi a forza di braccia, che sarebbe totalmente incredibile, ma che un sistema elettronico "interpreta" il movimento che fa e lo copia come fosse una specie di "esoscheletro" alimentato elettricamente. Lo si capisce bene quando c'e' la ragazza davanti al telaio nel filmato passato alla tele.

Ripeto: se dovessi scommettere, direi che e' un imbroglio. Soprattutto perche' uno stunt di questo genere sarebbe da prima pagina. Anche perche' si solleva ad almeno 30-40 metri, che e' assurdo se si tratta di un primo test, ma non lo si vede volare a quella quota nella telecamera a terra.

D'altra parte c'e' anche questo da considerare. Anche se in volo piano (ma a propulsione totalmente umana). E quello non e' un falso.
Al minuti 1:00, perpendicolari alla direzione di volo, ci sono le tracce di un veicolo....
...anche io quindi penso che potrebbe essere trainato.
"Io pratico kitesurf e parapendio e vi assicuro che ci vuole ben altro per sostenere il peso di una persona."

si ma attenzione perche' le equazioni del volo di un ornitottero sono completamente diverse da quello di un'aeromobile ad ala fissa. Non esiste per esempio, che io sappia, una velocita' di stallo, non si applica il teorema di Zukhovsky, l'efficienza e' piu' elevata etc. Il paradosso del calabrone - sebbene si tratti di un caso particolare - lo dimostra, cosi' come l'efficienza straordinaria degli uccelli. L'ornitottero rappresenta molto probabilmente il futuro dell'aviazione perche' c'e' un potenziale enorme da sfruttare.
mi "accontento" di vedere come tira su le gambe... manco fosse yuri chechi...
bufala.
Ho trovato 5 validi motivi per cui quel video è falso:
1) Come vola un'aquila: http://tinyurl.com/7uch98n
2) Come vola un pellicano: http://tinyurl.com/7lctx4y
3) Come vola una gazza: http://tinyurl.com/8682k2s
4) Come vola una libellula: http://tinyurl.com/7x8jc3p
5) Come vola una vespa: http://tinyurl.com/7ad8a2o
Se fate bene attenzione nessuno di questi animali, presi come esempio per le loro differenti dimensioni, si limita a battere le ali in su e in giù come nel video. Gli uccelli piegano le ali quando le portano verso l'alto, gli insetti le ruotano. In entrambi i casi il risultato è quello di esporre all'aria una superficie maggiore quando si abbassa l'ala rispetto a quando la si alza, comportando una spinta netta verso l'alto, che va a contrastare la gravità. Sbattere semplicemente delle ali su e giù, come nel filmato, non potrebbe sollevare da terra nemmeno un moscerino.
La cosa strana sono le gambe: ma come fa a mettersi in posizione orizzontale senza avere un piano di appoggio? Quest'uomo mentre usa i pettorali e i deltoidi per agitare le braccia (oltre i muscoli delle braccia) riesce a contrarre gli addominali in maniera perfettamente naturale per porsi in orizzontale... e poi ci vola anche!!! Io credo che manco Iuri Chechi ci riuscirebbe...
Provate a farlo se vi ci riesce....
Il famoso Olandese Volante

ROFL!!! :D
PS sbaglierò di sicuro ma secondo me è la classica bufala... Vuoi fare una prova? Prova ad agitare le braccia come fa lui per 5 minuti. Anche senza avere un'ala attaccata. Poi mi dici dopo quanti secondi schianti... Si fa una fatica bestia non mi sembra molto robusto... Ci vuole un rapporto spinta peso positivo... è per questo che gli uccelli hanno le ossa cave...
Il momento in cui si stacca da terra mi sembra fintisssimo...mah...
Guardate bene il video. Tra le gambe ha una vela, una specie di tuta alare. Quindi le gambe stanno su per aerodinamica, e fungono da piani di coda.

Questo non vuol dire che il video non sia un fake, ma comunque le gambe non stanno su per sola forza degli addominali.

Altra cosa: il paragone con l'ornitottero di Toronto non si pone. Qulelo è il primo volo spinto interamente da un uomo. In questo caso invece l'uomo come spinta dà solo la corsa iniziale e poi il salto. Le ali sono alimentate da motori elettrici, e si muovono seguendo il moto delle braccia per mezzo dei sensori di moto della Wii (questo almeno c'è scritto nel suo sito).
Sembra abbia fatto molta fatica... L'uomo non è fatto per volare... :-)

Se è vero spero che lo mettano in vendita presto!
@pgc

Si, è chiaro, non è la stessa cosa di un kite o un parapendio, ma era per fare un confronto a spanne...
Perche` la persona che riprende con la telecamera rimane lontana alla partenza e all'atterraggio? Non ha senso se non per mascherare l'editing... Fake!
Ma state scherzando?? Ma come potete pensare che quelle ali generino sufficiente portanza. E poi battendo le ali così le spinte verso il basso e verso l'alto si annullano, e il corpo precipiterebbe immediatamente. E come si può pensare che l'uomo riesca stare orizzontale mentre batte le ali: ma qualcuno ha idea dello sforzo che richiederebbe?
Ma io proprio non do neanche il beneficio del dubbio. E' un fake a livello infantile. Neanche da prendere in considerazione.
Fake!
Se è un falso, ha richiesto molto tempo, investimenti, preparazione. Chiaramente una volta smascherato tutta la credibilità acquisita dal sito verrebbe cancellata. Il video non è così spettacolare come vari falsi che si trovano in rete. Non capisco bene quale sarebbe il movente.
Mah, a me il video sembra falso, se non altro per le sfocature nei momenti "topici".
Però ho fatto un giro sul sito, ed è strutturato in maniera convincente, a partire dai motorini elettrici e dai sensori della WII. Ci sono poi anche le interviste in TV e sui giornali, ma guarda caso i filmati non sono stati presi in diretta TV.
Anche i filmati dei test sono apparentemente fatti male (sfocature, sovraesposizione o luce diffusa, mai riprese chiare).
Però c'è sicuramente un grande lavoro dietro: costruzione del sito, filmati, le persone che fanno parte del progetto.
Propendo per il falso, ma deve esserci sicuramente qualche cosa dietro, sarebbe un progetto più complesso della maggior parte delle campagne virali.
Forse è un gruppo di studenti che vuole dimostrare qualcosa (tesi di laurea sui mezzi di comunicazione?), oppure potrebbe essere qualche altro esperimento sociale?

@pgc: hai citato il "paradosso del calabrone", lo sai che è un falso storico risalente a quasi un secolo fa?
In questo videoDell'ingegnere a 1:50 il pilota pronto a spiccare il volo esce dall'inquadratura, e quando lo rivediamo i movimenti delle ali sono poco naturali, come se fosse un modello generato al computer. Inoltre, nel video del volo qua sopra, si nota che non esiste nessun sostegno per le gambe. Decolla con le gambe penzoloni, e poi per il resto del volo le mantiene orizzontali senza nessun sostegno? Mah... i voto per il fake.
E naturalmente su La Repubblica on-line viene presentato come un fatto assodato...
Se invece fosse vero, anche costringendo a una fatica bestia, anche se funzionasse per pochi metri, sarebbe una nuova frontiera per la Wii.
Dopo una rapida ricerca ho trovato il parco: si tratta del westbroekpark di Den Haag(l'aia) in questa posizione http://g.co/maps/xzwgx
Sono riconoscibili, sul lato est del laghetto, le case( visibili in una foto di panoramio qui http://tinyurl.com/6r8x7l5 , che si intravvedono per una frazione di secondo quando la telecamera si muove a destra al decollo a 00:25 e sfocate anche all'atterraggio).
Detto ciò, è possibile misurare in 200 metri la distanza tra la strada perpendicolare alle loro spalle(che non appare mai nel video e quindi possiamo usare come "linea di partenza immaginaria") e la statua in fondo alla curva(che lui non raggiunge nel video) vicino al rosarium wokrestaurant.
Infine, cronometro alla mano, si prende il tempo da quando inizia a correre al decollo a quando finisce di correre all'atterraggio e otteniamo 41 secondi(circa, è il famoso calcolo spannometrico).
Quindi, viste le premesse, possiamo calcolare la velocità di volo in 4,87 mt/s costanti.
A questo punto passo la palla a chi conosce meglio di me il volo e chiedo: è possibile mantenere una velocità pari a quella di corsa senza perdere energia con un'ala di questo tipo?
(a naso, direi di no)
Come si fa a definire questo chiaro falso "ben realizzato"? Movimenti, tagli, ombre non coincidenti, soggettiva scollegata...
All in sul fake...
Non ci credo ma...

Preciso, anche per me è un bel fotomontaggio, ma prima di escluderlo a priori faccio delle considerazioni.

1) il volo, in tutto, durerà si e no 30 secndi (si stacca a 00:30 ed atterra circa ad 01:00) circa da quando si stacca da terra all'atterraggio.

2) tra le gambe ha una superficie alare, una specie di vela, che fa da coda. Quindi come superficie aerodinamica le sostiene nel momento della planata.

3) vola per lo più dritto, ed ad un altezza che, a mio parere, non supera gli 8 metri (sia la telecamera sul casco che quelle a terra tendono ad appiattire l'immagine tanto da farlo sembrare più in alto di quel che è.

4)"Batte" le ali solo per staccarsi da terra e raggiungere la quota, dopo di che non fa altro che planare.

5) non "batte" proprio le ali, ma crea una spinta verso il basso quando queste sono in portanza, e quindi, grazie al sostegno dell'aria sotto le ali si alza di quota, ma i motori spingono solo in basso, nulla di più.

Queste sono solo osservazioni che faccio vedendo il video, se fosse vero, sarebbe una bella cosa, ma non credo lo sia, troppe cose mi fanno pensare più facilmente al fake che a qualcosa di vero, nella speranza di sbagliarmi
sembra un falso, anche se fatto molto bene. Le ali nel momento del volo sembrano flaccide e non gonfie e il movimento del corpo umano sembra innaturale. Ho molto dubbi.
Discussione su Hacker News: http://news.ycombinator.com/item?id=3732385

Moltissimi lettori indicano inconsistenze nel video che fanno pensare a un fake di ottima qualità.
Apparentemente i numeri che ho usato al commento #7 non sono troppo lontani dalla realta': "According to Smeets’ calculations, he needed approximately 2,000 Watts of continuous power to support his roughly 180-pound frame and 40-pound wing pack. His arms could only really provide 5 percent of that, so the rest would have to come from motors. His arms and pecs would basically serve to guide the device and to flap the wings." (da qui).

Non discuto che possa essere un falso. Anzi, e' probabile che che lo sia, ma almeno convincetevi che:

1. un ornitottero puo' essere MOLTO piu' efficente di un aereo ad ala fissa. Per questo e' una tecnologia interessante.
2. il tizio non sostiene di volare grazie alla potenza delle braccia, ma grazie ad attuatori elettromeccanici comandati da un sistema che "interpreta" il movimento delle braccia (vedi citazione sopra).
3. il volo e' durato 60 sec ("When he landed after the 60-second flight") non 5 minuti. E l'ascensione una ventina dis sec al massimo. Quindi e' ragionevole pensare che abbia sbattuto le braccia per quel periodo di tempo senza stancarsi troppo.

A me quello che riesce difficile da credere e' che riesca con una meccanica cosi' semplice a dare la quantita' giusta di thrust e di portanza per salire di quota cosi' rapidamente. Ma in effetti se si guarda al progetto c'e' un tenditore trasversale che impone una certa torsione al movimento simile a quello delle ali.

Per quanto riguarda il rapporto tra l'area delle ali e il peso, una replica scala 1:2 di un Quetzalcoatlus del peso di 80 kg, con un wingspan di 11 m, volo' negli anni '80. L'uccello "vero" a quanto pare volava pur pesando oltre 200 kg e avendo un wingspan di 21 m. Quindi - in teoria - sarebbe possibile costruire un ornitottero con queste dimensioni. Il problema e' capire se questo tizio c'e' riuscito.

Ripeto, a scanso di equivoci, che ci sono diversi elementi che non tornano. Primo fa tutte la meccanica che sembra troppo semplice per fornire la giusta quantita' di thrust, solidita' meccanica e portanza. Poi vari elementi del filmato, come fatto notare da Paolo e in molti elementi.

saluti

p.s. Se risulta che era un falso, non dite per favore "hai visto? Avevamo ragione noi" :) Tutti o quasi qui sono dubbiosi, ma se lo si sostiene per la ragione sbagliata e' come dire che avevi ragione dopo che hai scommesso che veniva croce lanciando una moneta per aria... O come sostenere che ovviamente gli aeromobili piu' pesanti dell'aria non saranno mai piu' efficienti di quelli piu' leggeri...
Brother Fang: "3) vola per lo più dritto, ed ad un altezza che, a mio parere, non supera gli 8 metri".

A giudicare dall'altezza degli alberi, io piuttosto direi che vola almeno a 30 metri di quota. Questo e' uno degli elementi piu' controversi secondo me...
Non resta che costruire uno schiacciamosche gigante...
Di volo, aerodinamica e portanza non so nulla. Sono però da abbastanza tempo nel capo della comunicazione digitale per riconoscere un effetto speciale. Già al secondo 19, l'attacco del lungo piano sequenza con la rincorsa, l'immagine del protagonista è di sintesi. I tre attori attorno distraggono e danno credibilità alla scena ma si possono notare tutti i difetti tipici di questo tipo di composizioni : ombre troppo nette sull'ala e non sempre coerenti, la resa della stoffa dell'ala è troppo riflettente ( effetto "plastica" classico di molte immagini di sintesi ) e non coerente con quello che si vede nelle immagini reali. l'uomo a sinistra della scena è chiaramente posto dietro l'ala ma quando corre per allontanarsi fa una traiettoria che dovrebbe portarlo ad attraversare l'ala ( questo forse è il difetto maggiore di tutto il filmato, le ombre e gli altri particolari possono essere anche discutibili e soggettivi ma un personaggio che compenetra qualcosa è un sintomo univoco di composizione della scena )

Operazione virale o tesi di laurea... di sicuro è una messinscena.
Il link alla conferma di Repubblica

http://video.repubblica.it/spettacoli-e-cultura/l-ingegnere-che-voleva-essere-un-uccello/90901/89294
aggiungerei... segni di ruote proprio in traiettoria dell'atterraggio.. boh
Dubbio, o perlomeno sicuramente due riprese in momenti diversi, l'inizio e i suoi commenti "affannati" alla fine, se notate quando lo inquadrano all'inizio mentre un suo compagno accende la fotocamera sul casco, sopra agli spallacci stile zaino ha delle altre fibie larghe simili a quelle usate per le cinture di sicurezza, mentre parla alla fine del video, queste fibie in più non ci sono....
Una pedanteria anatomica: i muscoli che servono per tirar su le gambe in quel modo non sono gli addominali ma i dorsali.
Possiedo una GoPro, decisamente non si accende come fa il tipo all'inizio. Almeno quella fase è una recita bella e buona.
Beh, direi proprio che è un "Olandese Volante" :)

Anche io credo sia un falso per i vostri stessi dubbi.
Se e' cosi' difficile tenere distese le gambe per meno di 1 minuto (senza considerare che ci sia un qualcosa in cui inserire i piedi nella coda), mi spiegate come fa questo tizio? Notare che all'atterraggio e' in grado di muoversi liberamente.
Il mio nickname inizia con "Van" che suona olandese, il Van Fanel dei cartoni animati ha le ali... sono anch'io un Olandese Volante!
Se vi serve ho un'altra informazione:
Sul database del WHOIS, il dominio humanbirdwings.net risulta registrato a SoHosted, una società di hosting olandese, in data "2012-02-27 15:07:02"
Ho notato che nelle riprese dalla camera sul casco, nelle prime si vede chiaramente una parte del casco, nelle ultime, verso l'atterraggio, il casco sparisce.

Poi, la velocità di take off ripresa dal lato, sembra incompatibile con quella di rincorsa ripresa da dietro.

Poi, ancora la velocità di take off mi sembra troppo bassa per poter permettere una portanza dei pantaloni alari in così poco spazio, ovvero da quando ci sono gli alberi a fare da riferimento a quando non ci sono. Sembra decollare quasi in verticale come una sorta di Nosferatu, salvo poi accelerare a velocità "di portanza" non appena superati i riferimenti al suolo.

Poi, incongruenza apparente tra la quota raggiunta dall'inquadratura da dietro e quella incriminata (senza la parte di caschetto). Sembra sia almeno il doppio.

Oltre agli stacchi e le sfocature ad hoc, naturalmente.

IMHO
@pgc
[quote-"pgc"]Se e' cosi' difficile tenere distese le gambe per meno di 1 minuto (senza considerare che ci sia un qualcosa in cui inserire i piedi nella coda), mi spiegate come fa questo tizio? Notare che all'atterraggio e' in grado di muoversi liberamente. [/quote]

Come dicevo sopra, con un calcolo spannometrico si può stimare la velocità dell'"olandese volante" in(siamo buoni e arrotondiamo in eccesso) 5 metri al secondo pari a 18 km/h.

Jetman nel grand canyon ha tenuto una velocità media pari a 125 mph, pari a 55,8 metri al secondo, ovverosia 201 km/h.

Se proprio vuoi una risposta alla tua domanda, a 201 km/h hai una leggerissima corrente d'aria che ti aiuta a tenere su le gambe, per non parlare di un pò di inerzia che certo aiuta.
"A 201 km/h c'è una leggerissima corrente d'aria"? E che ho, il collo di cartapesta quando vado in moto? :)
http://gizmodo.com/5895235/cgi-experts-say-flying-bird-man-is-fake
Skyborgsyn:

hai ragione, ma ci sono dei momenti in cui il tizio rallenta, per esempio quando cambia direzione, e le gambe rimangono su...
Nel link fornito da Baglio - grazie! sono un appassionato di aviazione e vorrei proprio che fosse vero - ci sono molte cose interessanti, ma anche una marea di c****te. Per esempio "employee 2 (also a pilot)" (meno male che e' anche un pilota...) non ha capito che usa un motore. Employee 9 non ha notato invece che l'unica porzione ripresa dalla camera in volo e' mentre sta in quota, quando NON sbatteva le ali (loro potrebbero dire "proprio perche' le altre sono troppo mosse per utilizzarle".

Ci sono pero' altre prove molto furbe: come on, it's a fake...

Peccato.
Il video del primo test potrebbe essere vero. Un saltino del genere lo fai anche con un deltaplano da volo libero. Corri un po' tenendolo picchiato, poi cabri, ti stacchi, e per inerzia fai pochi metri.
Infatti in quel video i pochi metri di volo li fa ad ali ferme.
Il resto per me é un falso.
La salita troppo ripida e veloce. Anche l'atterraggio sembra più da paracadute che da mezzo con le ali.
PGC anche se é un ala battente il profilo avrà sempre una velocità di stallo.
Un mezzo simile non può avere un efficenza elevata... Se ne avesse 10 ( ma sono moltoooo generoso) e ali e pilota pesassero insieme 80 kg, servirebbero 10 kg di trazione per mantenere il volo livellato. Ma c'é di mezzo l'efficenza del sistema che trasforma il lavoro delle braccia o delle batterie in trazione.
Gizmodo riporta una analisi che avevo già letto su Google+ : poco prima del "volo", la telecamera inquadra il terreno e poi l'ala ... solo che, fermo immagine alla mano, il disegno dell'ala è leggermente cambiato (manca un quadrato nero) : da quel momento è tutto CGI.
Date un'occhiata a come volano le "scimmie" del film Il Mago di OZ

http://www.youtube.com/watch?v=SESI19h4wDo

E ditemi se mi sto sbagliando di molto...
La mia opinione, per quello che può valere ( ho una certa esperienza di riprese e montaggio video, è che si tratti di un fake. Come già detto da molti, il video sembra girato in vari spezzoni e poi assemblato in modo che sembri reale, che poi è come l'avrei girato e montato io se avessi voluto ricreare una cosa del genere. In realtà la "soggettiva" del casco pare girata in un secondo momento, sembra che ci sia addirittura più sole. Potrebbe essere solo un'impressione errata dovuta alla differenza delle due telecamere, quella sul casco e quella a terra, ma nel filmato si vede che, subito dopo il momento dello stacco in volo, nell'inquadratura di lato, le ombre degli alberi arrivano da dietro , mentre nella soggettiva in volo le ombre arrivano da sinistra.
E poi perchè non lasciare un unico piano sequenza del volo, sovrapponenedo in un riquadro la visuale della soggettiva in volo, sempre senza stacchi?
"PGC anche se é un ala battente il profilo avrà sempre una velocità di stallo."

certamente. Ma per gli ornitotteri il concetto di velocita' di stallo del profilo d'ala non ha molta importanza. E' proprio da questa confusione che nacque l'idea (sbagliata) che alcuni insetti non possono volare.

Spero di non avere capito male almeno.
Non so quanta CGI ci sia o meno.
Devo trovare un riferimento, ma mi ricordo di un parco dove facevano parapendio trainando le persone con un cavo d'acciao (stesso principio usato al mare quando trainano con una barca). A mio parere potrebbe avere avuto un aiutino, trainato magari da un fuoristrada che potrebbe anche aver lasciato le tracce che si vedono su prato nel filmato...
Trovato: guardate cosa si inventano a Stoccolma per fare parapendio dove non hanno montagne...

http://www.youtube.com/watch?v=KdypQSDYxOc

Io li ho visti di persona anni fa, quando avevo visitato la città, dallla torre della televisione che si vede sullo sfondo all'inizio del filmato.
Wired ha fatto ricerche su questo Jarno:

http://www.wired.com/wiredscience/2012/03/human-bird-wings-hoax/

Fake anche il suo CV.
Segnalo che Da canale YouTube du HOAXKiller è disponibile una prima analisi che confermerebbe il falso:

http://www.youtube.com/watch?v=6MnI_hYkBZA
Caspita, ho lasciato il precedente commento come se fossi di origine portoghese... -_-'
della serie Se-fosse-vero, alcune incongruenze a favore del fake:
-se fosse vero io, sarebbe uno sballo indescrivibile, e non vedrei l'ora di rifarlo?
(e ri-riprenderlo di nuovo)
ma niente di ciò..

-se fosse vero, ci sarebbero anche altri montaggi del video in maniera più estesa,a riprova del vero..
inoltre dei 'colleghi' nessuno che fa foto / altre riprese..
anche perchè sarebbe storico/da Guinness!
ma niente di ciò..che gente modesta...

-se fosse vero,
voi, senza arrivare ad essere ingegneri, non avreste pensato un pochino alla sicurezza, magari con una squadra di pronto soccorso già sul posto o altro?
o quantomeno qualcosa di pronto dove sorvolao (tipo rete) pronta per attutire la caduta..
ma niente di ciò..che Ing.coraggioso!

-se fosse vero, la planata finale sarebbe dovuta essere più lunga e con ali più orizzontali, mica quasi verticali come si vede,
roba da schiantarsi in picchiata!

inoltre...
che ne pensate che nell'inquadratura iniziale si vede l'imbragatura addossata in maniera un pò troppo blanda per trasmettere in maniera efficace un movimento portante come un battito di braccia alle ali..

giudizio: Fake!
A me il video non convince.

Come hanno già detto in molti:
-Perché non sovrapporre il video della telecamera posizionata sul casco al video fatto da terra?
-Perché c'è stato bisogno di montare il filmato?
-Com'è possibile che dopo pochi secondi che si stacca da terra può tranquillamente smettere di battere le ali e planare?
-Per l'atterraggio non è stato posizionato niente per attutire un eventuale caduta? Come mai?
-Perché il video è in molte parti sfocato e/o poco definito? (vedi i contorni degli alberi)
-Cosa ci fanno quelle strisce sul prato?

In ogni caso, come ha già detto Paolo, è inutile arrovellarsi: se Smeets ha davvero compiuto l'impresa, non ha che da ripeterla in condizioni controllate.
Ornitottero?

Quanti ricordi...
CHe il video sia falso è evidente per i commenti posti sopra. Anche senza tirar fuori le più corrette equazioni di fisica o dell'aerodinamica, è palese il fatto che non basti un deltaplano "ad ala mobile" per alzare in decollo verticale un uomo e tutta la struttura annessa e connessa.

Sono più che certo che si tratta del classico marketing virale, forse per sponsorizzare l'ingegnere con le sue creazioni. In fondo in periodo di crisi si fà di tutto per catturare clienti o posti di lavoro...
Ciò che mi domando io è: ha senso anche solo porsi il problema di sbufalare una simile baggianata? Di fronte ad assurdità simili vale la pena realizzare accurate analisi del filmato incriminato? Se vedeste il filmato di un uomo che con un braccio solleva una casa, vi mettereste a studiare il girato per capire se è stato realizzato effettivamente in CGI?

Qui, anche solo applicando un po' di fisica generale, la cosa non è molto diversa. A certi livelli non dovrebbe bastare il buon senso? In altre parole, la verifica è davvero sempre auspicabile? Soprattutto considerando che gli autori dei fake è proprio questo che vogliono da noi?
Io credo che l'approccio corretto sia quello di Paolo: ovvero "vieni qui e rifaccelo davanti". Altrimenti è un falso.
quelle ali lì !!!
effetto venturi, questo sconosciuto...
- se fosse vero
rima di tentare di decollare in piano sarei andato su una collina, avrei decollato come un deltaplano. Poi - magari in un test successivo - avrei verificato cosa accade quando si metteva a sbattere le ali. Dopodiche' avrei lavorato sulla meccanica fino a quando tutto era al meglio. A quel punto avrei fatto un volo di qualche metro o al traino. Come fecero i fratelli Wright per esempio... Solo a quel punto mi sarei avventurato a quella quota rischiando un guasto meccanico e la morte sicura.

Ora, giunti alla conclusione che e' sicuramente un falso, resta da capire perche' l'ha fatto. Non sembra uno stupido e del lavoro comunque e'stato fatto, per cui non capisco a che scopo giocarsi la reputazione con una ridicola truffa del genere. Uno scherzo? Il tentativo di trovare sponsor?

pgc
Pare che l'autore stesso abbia ammesso che è un falso:

http://techcrunch.com/2012/03/21/a-big-ole-avian-hoax/
Segnalo che lui stesso poco fa ha smentito il tutto. http://gizmodo.com/5895638/flying-bird-man-admits-flying-bird-man-is-fake++here-he-is

Peccato.
@ PGC ho scritto velocità di stallo erroneamente e violando uno dei miei dogmi.
Intendevo angolo di stallo o meglio ancora angolo critico.
Se sbatti semplicemente le ali su e giù... Il profilo stalla. Devi svergolarle durante il movimento per consentire al profilo di restare all'interno di un angolo d'incidenza utile.

La velocità di stallo é un parametro che varia e dal punto di vista tecnico quasi sbagliato.
http://www.foxnews.com/scitech/2012/03/22/dutch-artist-admits-faking-viral-human-bird-wings-video/
@hubert

Che cosa c'entra l'effetto venturi? Spero tu non ti riferisca alla storiella, purtroppo riportata anche su qualche manuale ministeriale, che il profilo alare si comporta come fosse la metà di un tubo di venturi.
Perché quella spiegazione li la NASA la inserisce nelle tre teorie sbagliate della portanza.
http://www.grc.nasa.gov/WWW/k-12/airplane/wrong3.html

Chiedo scusa se ho spezzato il post. Il link sopra é dove la NASA spiega perché quella del venturi é una teoria sbagliata.
Ciao Paolo!
Dall'Olanda ti confermo che è una bufala!

La confessione ieri sera in TV:

The human birdman Jarno Smeets is in fact Dutch filmmaker and animator Floris Kaayk, who developed the eight-month project as an experiment to see how online media works, he told chat show De Wereld Draaijt Door
Salve. Ormai si è già sparsa la notizia dell'ammissione del fake da parte dello stesso protagonista del video:

http://www.popsci.com/technology/article/2012-03/self-powered-flying-dutchman-fake-right-down-his-name

...che non si chiama nemmeno Jarno Smeets, bensì Floris Kaayk, e che si definisce esperto di CGI con attestati in animazione.
Fine.
http://www.wired.com/wiredscience/2012/03/birdman-admits-hoax/
Ha ammesso che è un fake in tv.
Orbene, prendiamo atto che Floris Kaayk ha reso omaggio ad Andy Warhol.

Addio e grazie per tutto il pesce...

Avanti il prossimo!

:D
[quote-"pgc"-"/2012/03/video-un-uomo-vola-battendo-le-ali.html#c7223882508907636214"]
E' proprio da questa confusione che nacque l'idea (sbagliata) che alcuni insetti non possono volare. [/quote]

La storiella de "gli scienziati dicono che le api non possono volare" è un mito.
Tempo fa avevo fatto qualche ricerca per curiosità personale. A quanto mi risulta, la storia nacque con una frase riportata nell'introduzione di un un libro di entomologia francese del 1934, "Le Vol Des Insects" di August Magnan (Hermann and Cle, Paris, 1934). Da lì, come ogni leggenda metropolitana, l'affermazione è stata attribuita prima a Prandtl, poi ad Ackerett e poi addirittura a Mach e altri aerodinamici famosi, per poi diventare un collettivo "gli scienziati dicono che gli insetti non possono volare".
Avevo anche una fotocopia di un vecchio articolo di John McMaster sull'argomento (l'origine del mito dell'ape che non può volare), ma non so che fine abbia fatto.

Qui c'è qualche riferimento:
http://www.math.niu.edu/~rusin/known-math/98/bees

E stranamente Wikipedia (inglese) riporta correttamente la frase di Magnan, alla voce "bombi":
http://en.wikipedia.org/wiki/Bumble_bee

Probabilmente, come giustamente dici tu, Magnan e l'assistente avevano applicato le equazioni nell'approssimazione per un fluido incompressibile non-viscoso che si utilizzavano all'epoca per il calcolo aerodinamico all'ala di un bombo, ignorando che il numero di Reynolds dell'ala del bombo è incompatibile con questa approssimazione.
[quote-"MarcoTogni.it"-"/2012/03/video-un-uomo-vola-battendo-le-ali.html#c903376268410558379"]
Segnalo che lui stesso poco fa ha smentito il tutto. http://gizmodo.com/5895638/flying-bird-man-admits-flying-bird-man-is-fake++here-he-is

Peccato.
[/quote]

E spiega anche perché era così elaborato:
un progetto durato 8 mesi per dimostrare come si possa raccontare una buona storia attraverso un blog (e parecchia gente ci era cascata, bastava leggere i commenti sul suo blog, o su Google+).

Inoltre si è preso i complimenti della Industrial Light and Magic, quindi il suo curriculum è improvvisamente diventato più pesante.

Se è riuscito a insegnare a qualche pollo a non credere a tutte le belle storie che legge su internet, e ne ha tratto un onesto guadagno, ha tutta la mia stima :)
Ciao Paolo, ti prego osservare attentamente la scena dove gli amici si allontanano dalle ali poco prima che lui inizi a correre, tra 0'17" e 0'21", dove le ombre sulla tela sono palesemente posticce.

Nello stesso frangente, il ragazzo sull'estrema sinistra rispetto a chi vede il video urta la punta della vela passandogli attraverso.

Inoltre l'ombra dell'uomo volante letteralmente scompare a 0'32". In quello stesso momento si vedono i ritagli intorno alle spalle dell'amico.

Nell'articolo di wired viene studiato se lo "shake" di fondo è naturale o meno, ma non vi sono dubbi sul fatto che le riprese siano originali (con shake ovviamente naturali) e che il motion tracking sia stato usato per applicare l'uomo volante. Basta guardarsi due tutorial di after effects sull'applicazione di oggetti sullo sfondo.


Parliamo piuttosto di questo:
http://www.youtube.com/watch?v=0E77j1imdhQ&feature=player_embedded
A quanto pare trattasi di video virale

http://punto-informatico.it/3489150/PI/Brevi/olandese-volante-confessione-una-bufala.aspx
Pare un fake:

http://revolver.nl/index.php?page=newsdetail&CID=2144
Quanto ci metterà qualche complottista a dire che in realtà il geniale inventore e la sua invenzione sono stati affossati dalle multinazionali del trasporto aereo?
Quanto ci metterà qualche complottista a dire che in realtà il geniale inventore e la sua invenzione sono stati affossati dalle multinazionali del trasporto aereo?

Un complottista qualsiasi lo ha già probabilmente detto da qualche parte nel mondo, solo che noi ancora non ne siamo venuti a conoscenza.
Quando ci avvicineremo anche solo lontanamente a questo... sará giá un successo :)

Flying with the fastest birds on the planet: Peregrine Falcon & Gos Hawk - Animal Camera - BBC

http://www.youtube.com/watch?v=p-_RHRAzUHM&feature=player_embedded
Bellissimo video, con le sue ali sbrindolente da "vedete un po' se non potevo farle meglio" e che sbatticchiano appena appena, giusto per dare l'impressione che. Un deltaplanista avrebbe riso tanto; io, purtroppo, ho volato solo in parapendio e non me lo posso permettere.
Però mi sono divertito. Grazie, un saluto.
Banditore (www.banditore.ilcannocchiale.it)
[quote-"SirEdward"-"/2012/03/video-un-uomo-vola-battendo-le-ali.html#c6914399669945449025"]
Un complottista qualsiasi lo ha già probabilmente detto da qualche parte nel mondo, solo che noi ancora non ne siamo venuti a conoscenza.
[/quote]

Già, si potrebbe definire una legge empirica sullo stile della Legge di Godwin.
Tutte frottole. Lo hanno costretto i servizi segreti a dichiarare che era un falso. C'è di mezzo la CIA perchè è un loro progetto segreto e hanno paura che poi i terroristi arrivino volando. Del resto hanno già bloccato invenzioni come l'automobile ad acqua, il motore Perendev e il moto perpetuo.
Bisogna che la gente apra gli occhi e riconosca i complotti. D'altra parte per costringere un inventore a rinnegare il proprio lavoro si possono usare tutte le armi del ricatto e con gli interessi economici in gioco la pressione esercitata sarà stata immensa.

P.S. Quanto scommettete che qualcuno dei complottisti lo passa pensare davvero ?
Dai si vedeva che era falso, alla prima ripresa di quando sbatte le ali appena staccato da terra, il corpo compie sobbalzi poco conformi alle leggi della fisica.