skip to main | skip to sidebar
0 commenti

Asteroide ci colpirà nel 2032? Niente panico

Questo articolo era stato pubblicato inizialmente il 18/10/2013 sul sito della Rete Tre della Radiotelevisione Svizzera, dove attualmente non è più disponibile. Viene ripubblicato qui per mantenerlo a disposizione per la consultazione.


Se una testata autorevole come Time lancia un titolo che dice “Questo asteroide gigante potrebbe colpire la Terra entro vent'anni”, il brivido di panico è un po' più giustificato di quando lo annuncia, come capita spesso, qualche blog catastrofista.

L'asteroide in questione è un macigno di circa 400 metri di diametro, denominato 2013 TV135, che è stato scoperto dieci giorni fa da un gruppo di astronomi dell'Ucraina. La scoperta è stata confermata da altri cinque gruppi di astronomi in vari paesi del mondo. La data d'impatto prevista è il 26 agosto 2032 e l'esplosione sarebbe equivalente a 50 delle bombe atomiche più grandi mai fatte esplodere: circa 2500 megatoni.

È il caso di correre verso le colline? Di costruirsi un rifugio nel cuore di una montagna nell'Himalaya? Parrebbe di sì, fino al momento in cui si legge tutto l'annuncio della rivista statunitense e si scopre che “gli scienziati non sono certi che il pianetino colpirà davvero la Terra”.

Se poi si va a leggere una fonte tecnica, come il comunicato stampa della NASA sulla stessa notizia, salta fuori che quel “non sono certi che colpirà” è in realtà un “sono praticamente sicuri che non colpirà”. Le probabilità calcolate dalla NASA sono infatti attualmente una su 63.000, e si prevede che diminuiranno ulteriormente man mano che verranno raccolti dati sulla traiettoria dell'oggetto.

Don Yeomans, responsabile del Near-Earth Object Program Office della NASA a Pasadena, in California, ha dichiarato che “l'attuale probabilità di un mancato impatto è circa il 99,998%”. Sonni tranquilli, dunque, ma con un pensiero grato a chi sorveglia il cielo e magari uno meno grato a chi fa allarmismi ingannevoli.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).