skip to main | skip to sidebar
13 commenti

Disinformatico radio, un po’ di podcast e argomenti in arretrato

Nella puntata di venerdì scorso (4/10) del Disinformatico di Rete Tre (podcast qui) ho parlato dei seguenti argomenti:

  • Antibufala: il lago Natron che pietrifica gli animali che lo toccano! Circola su Facebook e sui blog la notizia che in Tanzania c'è un lago in cui gli uccelli si pietrificano. Si chiama lago Natron ed è diventato improvvisamente oggetto di attenzione da parte degli internauti per via di una serie di fotografie impressionanti che ritraggono animali apparentemente pietrificati di colpo nel mezzo di un movimento. Indovinate un po': è una bufala (dettagli).
  • Dieci anni di Martedì delle Pezze: il “Patch Tuesday”. Oggi (8 ottobre) Microsoft rilascia otto aggiornamenti di sicurezza, che riguardano Windows, Internet Explorer, .NET, Office, SharePoint e Silverlight. Almeno una di queste falle viene già sfruttata attivamente su Internet dai criminali informatici, per cui non è il caso di tentennare sull'aggiornamento. Il rilascio degli aggiornamenti coincide con il decimo anniversario del cosiddetto “patch Tuesday”, letteralmente il “martedì delle pezze (o delle patch)” (dettagli).
  • Adobe, sottratte password e carte di credito di quasi 3 milioni di clienti. Se usate Flash o Acrobat o una delle tante tecnologie marchiate Adobe onnipresenti nei computer e dei dispositivi digital di oggi, per esempio tramite i servizi Creative Cloud, tenetevi forte. Adobe Systems Inc. è stata violata da intrusi informatici che hanno sottratto il codice sorgente di molti dei suoi prodotti e quasi tre milioni di password e coordinate di carte di credito (nomi, numeri e date di scadenza) dei suoi clienti (dettagli).
  • Twitter va in Borsa e rivela i propri numeri. Twitter ha pubblicato i dettagli del proprio piano di quotazione in Borsa, rendendo pubbliche molte informazioni sulle proprie attività e dimensioni che prima erano riservate e stimate soltanto indirettamente dagli esperti. Il “social network” (più propriamente piattaforma di microblogging) dichiara alle autorità statunitensi di avere circa 218 milioni di utenti attivi mensili (49 negli USA, 169 nel resto del mondo) e di gestire oltre mezzo miliardo di tweet al giorno (dettagli).
  • Flutter comanda il computer senza toccarlo. Comandare il computer con i gesti, senza toccarlo, sembra una cosa da film di fantascienza, ma oggi potete provare quest'ebbrezza non solo con alcuni televisori ma anche con il vostro computer grazie a Flutter: un'applicazione che usa la webcam di un PC Windows o di un computer con Mac OS X per riconoscere i gesti e usarli per comandare le altre applicazioni (dettagli).


Nella puntata del 27 settembre (podcast) invece ho toccato questi temi:

  • Facebook permette di correggere i post, ma non dimentica. Senza troppa fanfara Facebook ha attivato una funzione che farà piacere ai pignoli dell'ortografia e chi si pente facilmente di quello che scrive: ora è possibile modificare e correggere i post dopo che sono stati pubblicati. Prima questa possibilità di modifica esisteva soltanto nei commenti (dettagli).
  • Apple, iOS7 aggiornato ma blocco tastiera ancora scavalcabile. Apple ha pubblicato un aggiornamento di iOS 7 che corregge due falle che permettevano di scavalcare la password di protezione e visualizzare o condividere foto e fare telefonate. Ma rimane ancora una caratteristica di iOS 7 che permette di aggirare la password di protezione: non è una falla in senso stretto, ma una funzione del telefonino (dettagli).
  • La mappa aggiornata dei rischi in Rete. I rischi su Internet si evolvono e cambiano in continuazione: un rapporto appena pubblicato dalla società di sicurezza F-Secure fa il punto della situazione delle minacce informatiche nei primi mesi del 2013. Java al primo posto, ma anche bizzarrie: estrazione di Bitcoin e attacchi tramite font (dettagli).

Ho parlato anche del quindicesimo compleanno di Google e della scelta di Popular Science di abolire i commenti perché sono inefficienti e inutili (con dimostrazione scientifica) e influenzano eccessivamente la percezione degli articoli.


Nella puntata del 20 settembre (scaricabile qui) ho inoltre parlato di queste cose:

  • Antibufala: alieni nella stratosfera! “Trovate 'alghe aliene' su un pallone sonda ad alta quota” annunciano vari siti dedicati all'ufologia e anche testate giornalistiche come Panorama e i britannici Telegraph e Independent. Indovinate come stanno realmente le cose (dettagli).
  • Debutta iOS 7, confusione e bachi: meglio aspettare. Server stracarichi, attese estenuanti e qualche baco per chi non sa pazientare e vuole subito l'ultima novità di Apple (dettagli).
  • Falla grave in Internet Explorer, pronto l'aggiornamento urgente. Un evento piuttosto raro: Microsoft rilascia un aggiornamento per IE al di fuori delle scadenze standard, perché c'è da rattoppare una falla che viene già sfruttata attivamente dai criminali informatici (dettagli).
  • Uomo si finge Justin Bieber su Internet, seduce minorenni alla webcam. Condannato a 14 anni di carcere un uomo che convinceva ragazzi e ragazze molto giovani a spogliarsi davanti alla webam fingendo di essere una celebrità. La vile tecnica di un ricatto progressivo (dettagli).
  • Lavorare gratis su documenti Office sui tablet con QuickOffice. Editare sul tablet o telefonino i documenti Microsoft Office senza pagare per il software è diventato più facile (dettagli).
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (13)
"Falla grave in Internet Explorer, pronto l'aggiornamento urgente" domandina.... ma se io ho windows 8 ed ho disinstallato internet explorer mediante l'apposito menù sono al sicuro?
Una volta ho visto un documentario, se non sbaglio proprio del lago Natron (di sicuro, su un lago con caratteristiche analoghe). È vero, i fenicotteri ci tornano regolarmente nonostante tutto (non ci abitano in permanenza), quindi qualche notevole vantaggio evolutivo ad abitare lì devono averlo. Ma i loro pulcini, se hanno la sfortuna di nascere lì e non di arrivarci già a una certa età, è frequente che muoiano. Succede che i sali gli si depositano attorno alle caviglie, formando pesanti anelli che agli adulti non causano problemi ma a loro impediscono in breve tempo di camminare, stare dietro agli adulti, nutrirsi eccetera. Era piuttosto penoso, vederli.
Sul lago Natron, non è forse il caso, proprio in virtù delle spiegazioni che dai tu stesso, di dire che è una semi-bufala? Stavolta infatti qualcosa di vero c'è. Essere ricoperti di sale - e nel contempo disidratati - in fondo significa essere ricoperti da un minerale, e quindi "pietrificare"... ed è vero che un animale può morire per il contatto con il lago, per via della sostanza "tossica e caustica" e delle temperature... per cui tutta la parte di bufala sta più che altro nel concetto di "istantaneamente", ma una parte di verità c'è, mentre il concetto di "bufala" tout court lascerebbe pensare che "è tutto clamorosamente falso e inventato" (è quello che ho pensato io inizialmente leggendo la tua frase "è una bufala").
@ Unknown

L'ho visto anch'io. Porelli i piccolini...
a me al momento Facebook non consente ancora di editare i commenti nemmeno sul web. A qualcuno si? L'implementazione avviene in tempi diversi forse per paesi o utenti diversi?
Chissà se avessero letto del lago Nyos...
errrata: intendevo i post, non i commenti...
Corrrige
@pgc, è un'opzione implementata da tempo su ogni account Facebook. Hai provato a passare il cursore sul bordino destro del tuo commento pubblicato? Dovrebbe apparirti un'iconcina a forma di matita e poi, in overlay, le opzioni "Modifica..." ed "Elimina...". Qui uno screenshot: http://oi44.tinypic.com/156so0n.jpg
Ops, ho letto ora che intendevi i post! In tal caso, stesso passaggio di cursore sul tuo post pubblicato, ti appare l'icona "v", clicchi e scegli "Modifica...". Screenshot: http://oi44.tinypic.com/2j3heyv.jpg :)
Tutte le volte che sento parlare di controllare qualcosa con i gesti senza toccarlo mi viene in mente il capitolo 12 di "Guida galattica per gli autostoppisti", da cui cito:

Per anni le radio erano state sintonizzate premendo bottoni e girando manopole; poi, quando la tecnologia si era perfezionata, i comandi erano diventati sensibili al tocco. Bastava sfiorare i pannelli con le dita, ed era fatta. Adesso, addirittura, ci si limitava ad agitare la mano in direzione dei componenti: e si sperava. Naturalmente questo faceva sì che si risparmiassero molto i muscoli, ma costringeva anche a stare seduti spasmodicamente immobili, se si voleva mantenere la radio sintonizzata su un certo programma.
Ciao a tutti

mi sono sempre chiesto.. ma non e' illegale "conservare" i dati delle carte di credito dei clienti? Pensavo di si' ma forse mi sbaglio.. dato che lo fanno praticamente tutti i siti di e-commerce...
Conservarli no, non è illegale. Diffonderli lo è. Ad ogni modo viene conservato solo il numero, il nome dell'intestatario e la data di scadenza, il CVV viene richiesto e inviato ogni volta a chi gestisce la transazione. Questo non è mai il negozio, ci sono delle aziende specializzate (o a volte le banche) che non conservano nemmeno loro i codici ma si limitano a verificarli usando dei computer speciali che gli vengono forniti (in cassaforte e inaccessibili) dai gestori delle CC,