skip to main | skip to sidebar
4 commenti

Stazione Spaziale: di nuovo acqua nella tuta, ma niente pericolo

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alla gentile donazione di “remo.ian*” ed è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Se vi piace, potete incoraggiarmi a scrivere ancora.

Due astronauti, Terry Virts e Butch Wilmore, oggi hanno effettuato una passeggiata spaziale per preparare la Stazione all'arrivo di nuovi componenti e per fare manutenzione al braccio robotico Canadarm 2, comandato per l'occasione da Samantha Cristoforetti. L'attività extraveicolare ha regalato delle immagini bellissime in diretta streaming dallo spazio.







Al momento del rientro a bordo, sempre gestito da Sam, c'è stata anche un po' di concitazione perché nel casco di Terry Virts si stava accumulando dell'acqua, come era accaduto nel 2013 a Luca Parmitano, anche se in misura molto minore.

Potete rivedere gli eventi nei video qui sotto da 2:49:50 in poi, quando Sam aziona il meccanismo di sblocco del portello stagno. A 2:50:33, Sam riferisce dell'acqua nel casco e dice di non vedere nulla di drammatico. Dal Controllo Missione ordinano di procedere normalmente ma di dare priorità alla svestizione di Virts. Virts viene assistito e ispezionato da Sam. A 2:58:30 arriva Anton Shkaplerov a dare una mano.


Broadcast live streaming video on Ustream

La parte restante dei soccorsi è all'inizio del video qui sotto.


Broadcast live streaming video on Ustream

Queste sono alcune immagini catturate dalla diretta.

00:02:40. Terry viene inquadrato da vicino: sorride e fa segno di stare bene.



Terry soffia sull'acqua che riveste la parte frontale del suo casco, in modo da farla increspare e farle riflettere la luce: questo la rende visibile alla telecamera e permette di quantificarla. GENIO.



00:05:57. Sam e Anton tolgono il casco a Terry.



00:06:35. Sam ispeziona il casco e riferisce che è bagnato d'acqua fredda: dato importante per capire da dove proviene l'acqua.



00:08:00. Sam documenta fotograficamente l'acqua nel casco. Il comandante, Butch Wilmore, è ancora sigillato nella propria tuta e aspetta pazientemente.



00:23:10. Anton usa una siringa per raccogliere campioni dell'acqua dal casco e poi la fa oscillare per raccoglierla nel fondo della siringa e quantificarla. Sono circa 15 millilitri.

00:24:26. Terry dice che l'acqua aveva un “sapore chimico”, per cui non proviene dalla riserva d'acqua da bere che c'è nella tuta, ma da qualche componente dell'impianto refrigerante della tuta.

È davvero notevole la tecnica atletica di Sam per sfilare Terry dalla tuta (00:28:00): semplice, efficace ed energica, anche se comporta mettere i piedi addosso al collega. In tutti questi anni è la prima volta che la vedo usare:


Adesso stanno tutti bene: resta da decidere che fare per la prossima passeggiata, che si dovrebbe svolgere questa domenica ma che a questo punto rischia di slittare.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (4)
Io invece è la prima volta che vedo\sento tossire un astronauta. Lo ha fatto durante l'EVA e poi subito dopo essere rientrato a bordo dopo essersi sfilato il casco.
Non credo sia normale "ammalarsi" a bordo della Stazione, a meno che non sia stata una reazione alle sostanze chimiche con le quali vengono trattati i visori (antiappannanti) e l'acqua di raffreddamento (antifungini ed antimicrobici)...
Cosa ne pensi Paolo?

---Alex
Quando vedo la MIA bandiera sulla spalla di questa fantastica donna, vado in estasi (cit: Calboni)!
Mi chiedo se gli stronauti non abbiano qualche, anche minima, vertigine quando vanno all'esterno della ISS.

Anche se il cervello sa di trovarsi in condizioni di microgravità, uscire e vedere che sotto i piedi c'è il vuoto e, molto più sotto, la superficie terrestre, l'istinto ha solitamente "un'opinione" differente che deriva da ciò che si vede.
Brava Sam ! Piedi sull' anello rigido dei "pantaloni", mani che tengono la parte superiore, un colpo secco e via: Terry è libero. Diventerà procedura standard, ci scommetto.