skip to main | skip to sidebar
12 commenti

Antibufala: a settembre un asteroide colpirà la Terra!

L'articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2015/08/29 11:45. 

“A settembre un asteroide colpirà la terra. E l’umanità si estinguerà” titola Libero Quotidiano. Lo ribadisce Affaritaliani: “Asteroide colpirà la Terra a settembre. Gli esperti: tsunami e migliaia di morti”. Ci aspetta dunque un brutto rientro dalle vacanze? Possiamo dar fondo ai nostri risparmi perché tanto a settembre moriremo tutti?

Parrebbe di sì, se si considera che la notizia non è pubblicata da blogger catastrofisti anonimi: Affaritaliani e Libero Quotidiano sono testate giornalistiche regolari e registrate, con tanto di direttori responsabili, con tutti i doveri che questo comporta. Questo fatto ha messo parecchio in allarme chi s'informa tramite Internet, anche perché vengono specificate le fonti scientifiche dell'imminente fine del mondo e vengono fatte delle date precise: “L'allarme è dei ricercatori dell'Università di Southampton, Inghilterra” scrive infatti Affaritaliani, aggiungendo che “Secondo alcuni scienziati tra il 22 e il 28 settembre di quest'anno un asteroide enorme colpirà la Terra. Paura sui social, anche se la Nasa tenta di smentire”.

Niente panico. Libero Quotidiano dice che la sua fonte è “il sito leggo.it che riprende il periodico ‘Metro’” (notizia di terza mano, insomma) e che comunque la fonte originale è “un gruppo di teorici del complotto... a seguito di alcuni studi sulla Bibbia”. Non c'è nessun avvistamento astronomico, insomma: solo le congetture di un gruppetto di persone che usa impropriamente la Bibbia come se fosse un manuale d'astronomia e tenta di prevedere la data della fine del mondo con calcoli astrusi. Ricordate com'è andata all'ultimo che ci ha provato, il reverendo americano Harold Camping? Milioni di dollari spesi per annunciare la fine del mondo per il 21 maggio 2011, che poi non è arrivata? Appunto.

La pseudonotizia è riportata anche da altri giornali, come il britannico Mirror, che però mette in chiaro subito nel titolo che si tratta di congetture di complottisti.

Ma che c'entrano i ricercatori dell'Università di Southampton? Di uno viene fatto persino il nome: Clemens Rumpf. Non è un nome inventato, perché c'è davvero un Clemens Rumpf a quell'Università. Ma non ha affatto previsto un impatto di un asteroide per settembre: ha semplicemente pubblicato un articolo tecnico nel quale evidenzia quali sono le zone del mondo che, in caso di un eventuale impatto, subirebbero le maggiori conseguenze. Fra queste zone ci sono quelle costiere, che subirebbero l'effetto devastante di uno tsunami.

Nell'articolo tecnico manca qualunque previsione nefasta per il 22 o 28 settembre o per i giorni fra queste due date (notate che Affaritaliani attribuisce la data ad “alcuni scienziati”, senza farne i nomi; un classico sintomo di poca attendibilità). I giornalisti a caccia di titoli attira-clic hanno usato questo articolo tecnico come spunto per imbastire un annuncio da paura. Perché, si sa, la paura fa novanta. E fa fare novantamila clic che portano incassi pubblicitari.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (12)
INsomma è "libero", che contende al giornale e al fatto quotidiani il titolo di PEGGIOR quotidiano italiano.
QUALSIASI notiza da loro pubblicata è FALSA fino a prova contraria (e QUASI SEMPRE la prova contraria non arriva)
Secondo alcuni scienziati tra il 22 e il 28 settembre di quest'anno un asteroide enorme colpirà la Terra. Paura sui social, anche se la Nasa tenta di smentire”

L'intervallo tra il 22 e il 28 settembre da cosa dipende? Dal traffico?
@ Mikhail Lanart-Hastur come puoi dubitare di una testata che fa titoli tipo:
Violante Placido da svenire. Tette al vento poi si slacciale mutandine. Bum! Si vede proprio tutto (anche la patonza)
Viva la feta, ecco la biondissima greca che fa girare la testa all'Europa
Ciao Paolo come darti torto... 5 giorni fa ho pubblicato anche io un articolo a mia firma su Blastingnews sul falso allarme estinzione da asteroide, per combattere questa balla. Circa meno quasi avevo fatto le tue stesse considerazioni.

http://it.blastingnews.com/cronaca/2015/07/falso-allarme-su-internet-a-settembre-la-terra-sara-distrutta-da-un-asteroide-gigante-00467059.html

Io speriamo che me la cavo :D
E con la Paura si governa!!!
Quindi se il pirla di turno chiama la stazione e dice che c'è una bomba se lo pigliano gli fanno un culo così

se una testata nazionale dice che moriremo tutti va bene

Io continuo a sostenere con tutte le mie forze che vada introdotto il reato di disinformazione. Con punizioni severe.
tra il 22 e il 28 settembre? va bene, almeno farò le ferie agli inzi di settembre in santa pace
Non capisco perché i giornalettisti scrivono queste notizie infondate, quando gli Elio e Le Storie Tese è da anni che dicono che c'è il buco nero super massiccio con le "pulci gigantesche provenienti dal futuro/Che non amano la luce preferiscono lo scuro"
@Fx
Io continuo a sostenere con tutte le mie forze che vada introdotto il reato di disinformazione. Con punizioni severe.

In questo caso specifico si prefigurerebbe il reato di procurato allarme, ma se leggi i commenti ti accorgi subito che non c'è bisogno di smuovere la magistratura: con quest'articolo "geniale" il "giornale" su è perso il 50 % dei lettori: il danno se l'è fatto da solo.
Fra l'altro la NASA non aveva smentito ufficialmente questa "notizia"?
Bisognerebbe davvero licenziare e proibire a certe persone di parlare e soprattutto di scrivere articoli! Non che "eh va beh è Libero si sà..." NO! Scusate ma io sebbene sia a favore della libertà di parola sono assolutamente contraria a chi usa la parola per mentire e far comprare la propria merce -_-
Non si potrebbe parlare, in questo caso, di un vero e proprio reato di procurato allarme?