skip to main | skip to sidebar
5 commenti

“Pearl Harbor digitale” ieri? No, semplicemente sfiga multipla

C'è stato un certo panico in Rete ieri: la Borsa di New York ha sospeso di colpo le contrattazioni, la United Airlines ha sospeso tutti i voli e il sito del Wall Street Journal dava un messaggio d'errore che indicava problemi gravi.

Tre eventi di questo genere nello stesso giorno hanno istintivamente fatto sospettare che si trattasse di un attacco informatico coordinato, magari legato agli eventi di Hacking Team, ma a quanto risulta si è trattato semplicemente di una vistosa concentrazione di sfortuna. Nel giro di un paio d'ore United e WSJ.com sono tornati online; la compagnia aerea ha spiegato che si è trattato di un problema di connettività causato da un router difettoso. La Borsa di New York ci ha messo invece quasi quattro ore a tornare attiva e si vocifera che il problema sia stato causato da un aggiornamento software difettoso.

La Casa Bianca, il Dipartimento per la Sicurezza Nazionale e la Borsa hanno pubblicato dichiarazioni per chiarire che non si trattava di eventi causati da qualche ipotetico attacco informatico.

Come è possibile che questi eventi siano avvenuti tutti e tre lo stesso giorno? La spiegazione è semplice: le reti informatiche vanno in tilt piuttosto spesso, ma quando capita a una sola non ci facciamo caso. Se tre di questi tilt avvengono quasi contemporaneamente, la cosa ci colpisce e ci resta impressa: fa parte dei nostri istinti di riconoscimento degli schemi, che quando lavorano su basi fragili sfociano nel complottismo. Ma in realtà in una distribuzione casuale di eventi scollegati prima o poi è inevitabile che due o più di questi eventi avvengano contemporaneamente; anzi, sarebbe strano il contrario, e la probabilità di queste coincidenze può anche essere calcolata. Che è più matematicamente prode di me può infatti cimentarsi con una distribuzione poissoniana.


Fonti aggiuntive: Ars Technica.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (5)
Concordo con la tua analisi. Anche io ho pensato, almeno inizialmente, che poteva esserci una probabilità che i 3 eventi fossero collegati e personalmente non ci trovo nulla di male. Anche gli incidenti aerei capitano e quando il primo aereo colpì una delle torri gemelle nel 2001 tutti pensarono ad un incidente. Quando si schiantò il 2° aereo tutti cominciarono a pensare a qualcosa di programmato. Quello che voglio dire è che quando ci sono eventi del genere è giusto allertarsi. L'importante è poi capirne le reali cause
Ovviamente i TG hanno fatto allarmismo.
E hanno parlato anche di HT: in particolare il TG5 è riuscito a farli apparire povere vittime di un attacco di non si sa bene che terroristi.
cosa ne pensi di questo tweet postato a borsa chiusa e senza nessun avvisaglia dei problemi che avrebbe manifestato alla riapertura?

https://twitter.com/YourAnonNews/status/618626955433349120

Unknown,

interessante, ma potrebbe anche essere un tweet generico che augurava guai a Wall Street e ora col senno di poi interpretiamo come allusione al crash della rete dell'NYSE.
Un amico per nulla complottista ha fatto pero' caso ai problemi della borsa di Tokyo e il black-out a Wall Street. Se Wall Street avesse avuto vantaggi a impedire le contrattazioni causa i problemi della Cina, ecco che un falso problema informatico puo' essere una bella carta da giocare. NOn mi intendo di borsa, quindi non so dire se e' plausibile l'ipotesi del vantaggio.