skip to main | skip to sidebar
60 commenti

La vostra prossima suoneria? Createla con le onde gravitazionali

L’articolo è stato aggiornato dopo la pubblicazione iniziale. Ultimo aggiornamento: 2016/02/13 01:00.

Ieri è stato il grande giorno della scoperta delle onde gravitazionali. Una rivoluzione straordinaria per l’astronomia, che ora ha un canale di esplorazione aggiuntivo oltre alla luce, alle onde radio e ai raggi X già usati dai rispettivi tipi di telescopio per sondare il cosmo. Ma a qualcuno è venuta spontanea la solita, inevitabile domanda: in pratica, questa scoperta cosa cambia?

La risposta seria è che è raro che la ricerca di punta porti a risultati pratici immediati, ma lo fa quasi sempre a lungo termine. Per esempio, i raggi X sembravano una bizzarria fino a quando ci si è resi conto che potevano essere usati per la medicina e la chirurgia e le radiografie non sono diventate subito un'abitudine. Le reazioni nucleari sembravano inutili curiosità fino a quando il mondo ha scoperto con orrore che una singola bomba atomica aveva distrutto la città di Hiroshima. E così via.

Ma la risposta meno seria è che stavolta c'è davvero un risultato pratico subito pronto: la suoneria più cool dell'universo. Ieri, infatti, è stata presentata la conversione in suono dell’onda gravitazionale captata. Eccola:


È un suono inquietante e suggestivo, specialmente se si considera la sua origine straordinaria: due lontanissimi buchi neri, corpi celesti alla cui gravità non sfugge neppure la luce, ciascuno trenta volte più massiccio del nostro Sole, che si sono scontrati e fusi insieme un miliardo e trecento milioni di anni fa, liberando in un istante cinquanta volte più potenza di tutte le stelle nell’universo osservabile e creando un’onda che corre fra le stelle da oltre un miliardo di anni, piegando lo spazio e il tempo, ossia la struttura stessa dell’universo, al suo passaggio.

Convertite questo video in un file audio e usatelo come suoneria. Così quando vi chiederanno che cos’è, potrete rispondere con disinvoltura che è il suono dello scontro stellare più potente mai registrato, o se preferite di due stelle giganti che s’accoppiano fino a diventare una cosa sola.

Non vi convince? Troppo nerd? È sempre meglio di quel petulante e onnipresente fischiettìo che si usa di solito per annunciare l’arrivo di un messaggio.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (60)
Una domanda: che tu sappia è stato accelerato o rallentato? Oppure l'onda gravitazionale aveva proprio quelle frequenze?
Bella idea ma la suoneria deve essere fastidiosa, se no non la noto nel baccano. Avevo il decollo del Tardis, ma non spiccava, anche se faceva alzare un sacco di sopracciglia ;-)
Giusto una precisazione: ieri alla presentazione ufficiale hanno detto che la collisione ha liberato 50 volte la potenza di tutte le stelle dell'universo, e non l'energia. Proprio perche' la durata e' stata cortissima. Se non ricordo male, per quanto riguarda l'energia, ha detto che e' l'equivalente dell'energia necessaria per disintegrare tre masse solari.
Io la manderei a Google, affinché la metta di default come suoneria dei messaggi nelle prossime versioni di Android. Concordo con te: la suoneria di default "merlo ubriaco" mi sta facendo venir voglia di tirar fuori un AK-47 e mitragliare senza pietà tutti i cellulari di coloro che sono troppo pigri per cambiare la suoneria di default.
Domanda da perfetto ignorante: ma come abbiamo potuto ricevere un "suono" da un buco nero che trattiene addirittura la luce?
Bhé per fortuna le reazioni nucleari vengono utilizzate anche per qualcosa di costruttivo, non solo per le bombe ;)
Fatto. Avevo giusto bisogno di essere guardata ancora più strano dai colleghi. :)
@Michele/ENERGIA

Ipotesi da perfetto ignorante:

forse l'onda va dall'estremo verso l'origine, e coincidentalmente ha un raggio di due miliardi di anni luce.

O forse, come oggetti che galleggiano sulla superficie dell'acqua nelle onde in mare aperto, non si muove affatto.
Beh, i raggi X sono stati scoperti nel 1895, e già nel 1896 erano impiegati per radiografare fratture e curare tumori.
Un risultato pratico immediato questa scoperta lo avrà sicuramente: quello di far aumentare in maniera esponenziale le flatulenze mentali di complottisti e sciroccati vari.
Prepariamoci all'onda d'urto in arrivo con una sufficiente scorta di pop-corn.
ma no ragazzi. Hanno preso il segnale che si vede nella foto qui sopra e l'hanno trasformato convenzionalmente in un segnale audio con stessa frequenza e ampiezza, mi pare accelerando, se non ricordo male, altrimenti risultava sub-sonico.
@Michele: non hai capito cosa sono le onde gravitazionali e qual è l'evento catastrofico che ha generato il breve segnale che hanno rilevato con gli interferometri. Prova a guardare nel canale YT di link4universe, spiega tutto molto bene.

@Massimiliano: esatto, e se ho fatto bene i conti si tratta di 5*10^47 joule!!
@Pgc

Cioè quello che sentiamo qui è ± il codice fiscale dell'evento.

Come disse Tibor Fisher, rifacendosi a Socrate: "Ad ogni nuova cosa che imparo sento crescere la mia ignoranza."
Io sono completamente ignorante in materia ,sono portata più verso materie umanistiche :)..ma grazie a te e alla prima volta che ho letto i commenti su Interstellar ti seguo ..
Accidenti Paolo, da come lo hai scritto, dopo l'esempio fatto dei raggi X, sembrerebbe che tu voglia dire che fortunatamente grazie alle reazioni nucleari abbiamo potuto distruggere Hiroshima!
Io modificherei questa frase infelice, se ne è accorto anche Giskard Reventlov:

"Le reazioni nucleari sembravano inutili curiosità fino a quando una bomba atomica ha distrutto la città di Hiroshima"
Concordo con te: la suoneria di default "merlo ubriaco" mi sta facendo venir voglia di tirar fuori un AK-47

"Non stimo la strada che porta la folla or qui or lì; odio anche l’amante da tutti amato; né da una fontana monumentale io bevo; aborro le cose del volgo."

Al di là delle citazioni classiche, parrà strano, viste le frequenze, ma il merlo ubriaco è una suoneria che anche gli ipoudenti sentono senza troppe difficoltà.
l'hanno trasformato convenzionalmente in un segnale audio con stessa frequenza e ampiezza,

Quindi c'è molto di arbitrario, giusto?
Se non vogliamo dire arbitrario, che ha un'aura negativa, diciamo artistico.
@Mars4ever: il tuo risultato non mi torna. Abbiamo una massa totale di 62 masse solari, al netto delle 3 masse solari emesse dopo l'urto sotto forma di energia. Vedi

http://www.lescienze.it/news/2016/02/11/news/onde_grativazionali_annuncio_rilevazione_ligo_virgo-2966574/

Una massa solare vale, secondo Wolfram Alpha, 1.988435*10^30 kg, e i due oggetti si avvicinano alla velocità della luce. Per cui
1/2*62*1.988435*10^30*299792458^2 = 5.54*10^48 J.
Mi è scappato un errore. La velocità dichiarata sul sito di Le Scienze è di 150000 km/s. Quindi la formula precedente dà come risultato 1.38*10^48 J. Inoltre l'energia prodotta vale 3*M*c^2 = 5.36*10^47 J,
dove M è la massa del Sole e c la velocità della luce.
Massimiliano, Claudio,

obiezioni accolte, ho riformulato le frasi incriminate. Grazie.
Per la prima volta ho una suoneria a gravitoni. Quando mi chiama qualcuno, vedo il telefono che tenta di fondersi con la sua custodia, e poi col tavolo :)
@Michele/ENERGIA:

non abbiamo ricevuto un suono, ma un'onda gravitazionale. L'onda che abbiamo rilevato (debolissima) non è stata originata dal buco nero, ma dalla collisione di due buchi neri, cioè prima dell'orizzonte degli eventi (oltre il quale non si 'torna'). Tieni conto però che anche i buchi neri, in realtà, emettono delle particelle, la radiazione di Hawking. Quindi non sono del tutto 'neri'.
in realtà ci si può porre la domanda: se un'onda gravitazionale a frequenze 20-20.000 Hz e abbastanza intensa passasse vicino alla Terra, la avvertiremmo acusticamente?

La risposta credo sia si. Nel senso che non sentiremmo l'onda, ma sentiremmo probabilmente le vibrazioni generate dal suo transito attraverso la terra (e forse attraverso l'atmosfera). Non ho idea di cosa sentiremmo, ma probabilmente sarebbe qualcosa di simile ad un tuono...
@pgc:
>in realtà ci si può porre la domanda: se un'onda gravitazionale a frequenze 20-20.000 Hz >e abbastanza intensa passasse vicino alla Terra, la avvertiremmo acusticamente?

Non credo: la Terra è continuamente attraversata da onde gravitazionali e soltanto oggi siamo riusciti a rilevarne una (con due interferometri precisissimi si sono registrate delle onde durate neppure un secondo da 30 a 250 Hz). Una cosa del genere non si sentirebbe neppure in una cattedrale di notte, non riuscirebbe a muovere abbastanza aria.
Mi dispiace ma le onde gravitazionali sono una bufala e Einstein era un truffatore. Se volete farvi quattro risate leggete qui siamo al delirio puro XD https://www.facebook.com/Signoraggio.it/posts/957498064298514
Non capisco.

A quanto capisco la collisione di questi due buchi neri avvenuta un miliardo di anni fà ha suscitato un'onda che si sta propagando a 150'000 km/s, ed è passata per il nostro pianeta attraversandolo in meno di un decimo di secondo... "Subito dopo" che si è messo via le chiavi inglesi con cui si è costruito gli strumenti per rilevarla...

Poi mi pare di capire che l'evento in questione è stato una giaguarata parecchio cospicua, roba che non capita tutti i giorni.

Significa che se lo strumento non fosse stato pronto l'11/02/2016 ce la saremmo persa?
Puffo,
la velocità di propagazione delle onde gravitazionali SE si prende per buona la Relatività Generale, "deve" essere pari a c=300.000 km/s. La velocità cui ti riferisci è quella dei buchi neri immediatamente prima della loro coalescenza, valutata dai dati ottenuti.

Va notato che vi sono stati vari tentativi di MISURA diretta della velocità di propagazione delle onde gravitazionali. Una di esse (Fomalont & Kiptchin, 2006) usando un certo effetto di "ritardo" nei satelliti gioviani. Un'altra misura (Blas & al. 2016) deriva proprio dalla misura di LIGO. Entrambe sembrnao compatibili con la previsione che le onde gravitazionali debbano propagarsi a velocità c.

Si, se LIGO non fosse stato in funzione l'evento GW150915 l'avremmo perso, ma visto che la cosa è avvenuta nei primi mesi di funzionamento di LIGO, è PROBABILE che questi fenomeni così rari non siano... Ricordo inoltre che ogni volta si accede ad un metodo di misura diverso, si scopre sistematicamente che c'è tutto un mondo di fenomeni di cui non si sospettava l'esistenza, il famoso "unknown unknown". In altre parole, noi cerchiamo certe forme d'onda, ma nessuno può dire con certezza che non ve ne siano altre che passnao inosservate perchè ignote. Per adesso.
@Pgc

Ho capito.

Scusa se te lo faccio notare, e proprio io che in queste cose son fortissimo pecatore con una c ma...

"sembrnao" ?
"passnao" ?

Lo faccio notare perché, quali che siano i motivi per cui hai sbagliato a scrivere queste parole (E immaginando che tu abbia voluto rispondermi mentre eri impegnato con calcoli ben più importanti, mi scuso per il disturbo e ti ringrazio per la solerzia) fa sembrare che questa onda, passando, abbia avuto su di te l'effetto che avrebbe l'Hadouken se esistesse.
Sono daccordo con te pgc, mi pare ragionevole proprio tutto ciò che dici.
Probabilmente sono fenomeni abbastanza frequenti e noi abbiamo acceso la "radio" proprio poco prima dell'inizio di quelle trasmissioni, abbastanza frequenti, relativamente parlando.

Nel frattempo vedo che c'è stata, mentre scrivevi, un'altra ondata gravitazionale, e 2 picchi di energia hanno creato un interferenza, uno scombussolamento letterale simil brasiliano che si nota con netta evidenza nei: "sembrnao" e "passnao".
Non mi sono passati inosservati, però questo ho come l'impressione che non sia un fenomeno nuovo ... ^_^
Forse è inutile indagare, per adesso.
Ora che ci penso, parlare di m/s ha senso perché siam ciechi e sordi ad un bel po' di dimensioni, ma due particelle che viaggiano a velocità c e si scontrano, si scontrano nel momento in cui sono generate, indipendentemente dalla distanza che han coperto.

Questo lo so persino io.
Nessun commento pero' ha risolto una mia grandissima curiosità; cosa sarebbe successo alla terra se l'onda gravitazionale non si fosse originata ad 1,3 miliardi di anni luce, ma un po' più prossima ad essa (es 10, 100, 1000 anni luce) ?
frangrav,

Se un evento come GW150914 avvenisse "dall'altra parte della Galassia" - 50.000 anni luce invece di 1 miliardo - l'onda gravitazionale sarebbe 8.000 miliardi di volte più intensa. Questo causerebbe comunque un accorciamento di un braccio di LIGO di 32 micron (se non ho sbagliato i conti...). Non poco. La contrazione attuale è pari ad una frazione di diametro atomico, ma neanche nulla di percepibile.

Freeman Dyson (si, quello della sfera di Dyson...) negli anni 60 si fece i conti relativi all'impatto di un'onda gravitazionale sulla Terra. Il risultato che ottenne fu che le onde gravitazionali trasferiscono una quantità marginale di energia alla materia. Per questo si propagano senza problemi a distanze enormi.

Infine, una coppia di ricercatori qualche anni fa, sulle orme di quello che scrisse Dyson, fece un tentativo di rilevare la presenza di onde gravitazionali tra il rumore sismico di tutti i sismografi della rete mondiale. Non trovarono nulla ma determinarono quello che, fino a pochi giorni fa, era uno dei migliori limiti superiori all'energia delle onde gravitazionali.

Insomma, a meno che non capitasse qua dietro le onde gravitazionali non potrebbero fare granché. Ma dato che in genere parte dell'energia viene emessa sul campo elettromagnetico, sarebbe un casotto per tutti: proprio oggi a Jodrell Bank sentivo che è stato rilevato un gamma ray burst di potenza superiore alle attese dal satellite FERMI, in direzione del fenomeno 0.4 sec più tardi. Date le incertezze non è facile stabilire una correlazione certa tra i due eventi, ma se così fosse sapremmo con molta maggiore precisione dove GW150914 è avvenuto e che c'è qualcosa di sbagliato nei modelli.

[img]http://blogs-images.forbes.com/briankoberlein/files/2016/02/GRB-1200x395.png[/img]

(a sinistra la distribuzione probabilistica della posizione di GW e a destra del GRB osservato dal satellite FERMI. Separazione temporale: 0.4 sec. In genere si osserva un solo GRB al giorno...)
> Terra (non "terra")
> un po' più prossima al buco nero o all'origine (non "ad essa", non all'onda stessa!)

Curiosone frangrav, lo azzardo io che non sono un fisico teorico: forse non avrebbe causato nulla di significativo se l'origine di quell'evento, quel brevissimo ma intenso picco di energia, fosse stato a circa 100 anni luce, ma probabilmente anche meno, a venti anni luce o 10.
Sarebbe invece assai più preoccupante avere costantemente nelle vicinanze del sistema solare un corpo così, un buco nero, anche se non molto grande come quello.
Dico genericamente vicinanze, senza esprimere un numero preciso, perché allora bisognerebbe considerare il gioco di altre variabili come la direzione di spostamento, l'arco temporale preso in esame, etc, etc.
-----
Ho scritto questo prima di vedere che prima di me ha detto la sua pgc.
@pgc
"le onde gravitazionali trasferiscono una quantità marginale di energia alla materia."

Però non dovrebbero.

quando si definisce due scatole di collisione in un videogioco, e si decide che non interferiscono fra di loro, qualunque intensità si programmi per l'una o l'altra, non interferiranno mai.

Mi stupirei parecchio se, programmando un videogioco, il computer mi dicesse: "questa potenza è talmente cospicua che travalica l'incommensurabilità dell'iterazione."

Pgc, Claudio Costerni, grazie mille per aver appagato la mia curiosità; ero convinto che la contrazione/espansione dello spazio-tempo a distanza "ravvicinata" sarebbe stata ben più rilevante e che quindi corpi solidi e rocciosi non avrebbero sopportato la deformazione frantumandosi :-)
Claudio Costerni: "prossima ad essa" intendevo alla Terra, non all'onda..... :-)
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
@Claudio,

> Terra (non "terra")
> un po' più prossima al buco nero o all'origine (non "ad essa", non all'onda stessa!)

E' facile, e a volte pure divertente, far notare agli altri gli errori tipografici che fanno, ma facendolo anche per i più banali e comprensibili (stiamo parlando di commenti all'articolo, non del testo di un articolo) si rischia semplicemente di diventare "grammar nazi" e soprattutto di sviare l'attenzione. Infatti nessuno si è accorto che per esempio l'evento era GW150914, e non ...15 come ho scritto (il numero è sempicemente la data in cui è avvenuto).

E a proposito: "un interferenza" si scrive con l'apostrofo... - vedi commento 29... :)
Hai fatto bene ad evidenziarlo pi gi ci, vedi?
Grazie davvero.
Non sapevo che in quella sigla la parte numerica è una data, ma mi ero chiesto che significato abbia.
Ora però non capisco il significato logico di questa tua puntualizzazione fatta nel commento n°37:

"l'evento era GW150914, e non ...15 come ho scritto"

Cosa?! ��
Tu hai scritto:
GW150915 nel commento n°27 e
GW150914 nel commento n°32.
La sigla corretta è GW150915?
Giusto?

L'espressione "grammar nazi" non l'avevo mai vista né sentita.
Però davvero leggendo gli insopportabili strafalcioni, le distrazioni, le frequenti stupidaggini compositive che si trovano in ogni dove nel web, specchio di chi scrive, non solo commenti, e non qui in questa oasi nel deserto, fortunatamente, per quel poco che ho visto finora, spesso mi fanno perdere la pazienza e mi indispongono non poco.

Perchè, mi chiedo io, non rileggere sempre ciò che si è appena scritto (certamente, anche un commento, perché no?) e correggere prima di inviare?!
Troppo fatica, troppo tempo da perdere?
Non ne vale la pena, non importa?
Allora, per il mio modo di vedere, è meglio non scrivere affatto, per il rispetto di chi ti legge.
La perfezione non esiste, ovviamente, una svista, spesso originata dalla fretta e/o da un ottuso correttore automatico, ogni tanto può capitare, ma oltre un certo limite, diventa inaccettabile e fastidioso.
Questo è il mio pensiero.

Per quel tuo post, certamente non fastidioso, ho voluto solo evidenziare la cosa in modo divertente, spero di esserci riuscito.
Non credo che questo possa sviare l'attenzione sul tema, anzi può talvolta contribuire ad animarlo.
Invece la svista, l'errore di battitura, la svia a me che leggo il testo e che cerco di capire, anche da questo aspetto, l'attendibilità dello scrivente, commento di un lettore o articolo che sia, non importa.
Nel tuo caso non mi aveva certamente creato sentimenti guerrafondai, anzi!

Oibò ... dove ho messo il bazuca?
... il bazooka!!
> si rischia semplicemente di diventare "grammar nazi" e soprattutto di sviare l'attenzione.

Dicevi le stesse cose anche al povero Accademia.
Puffo
Io quella cosa lì non l'ho mai saputa. Me la spieghi please?
@Paolo Alberton

Nel programmare un videogioco devi definire i proiettili e i bersagli. Se non specifichi cosa succede in una collisione, il proiettile passa attraverso il bersaglio come se il bersaglio non esistesse. In questa situazione il parametro del danno del proiettile è del tutto irrilevante, 10pf, 100pf, 100000000000000000000000000000000000000000000000000pf sono la stessa cosa.

Un programmatore potrebbe decidere di usare fattori particolarmente cicciotti per testare la cosa o per cercare errori più in fretta.

Se immettesse:
100000000000000000000000000000000000000000000000010pf
ed alla collisione il computer restituisse che il bersaglio perde 10pf perchè, come on, si può essere non definiti solo fino ad un certo punto... scopriremmo che possono esserci migliaia di cose che ignoravamo potessero succedere.
Claudio Costerni, a volte si commette lo svarione ortografico non per ignoranza o per pigrizia, ma semplicemente perche' non si rilegge il testo appena scritto con la dovuta attenzione. E questo perche' spesso tua moglie ti chiama perche' e' pronto, perche' un figlio ha bisogno di una mano per i compiti, perche' squilla il telefono, perche' suona il citofono....
Evitare di correggere l'errore sul web e' una delle pochissime regole della netiquette (se non erro e' la regola n. 11, anche se ammetto che c'e' gente che non ha ancora compreso l'uso dell'acca) , esattamente come non si scrive il testo in maiuscolo.
Altrimenti si corre il rischio di passare per "grammar-nazi", esattamente come ha detto Pgc.
Grazie ancora per la risposta; potro' fare il figo con gli amici, adesso che so cosa rispondere sulle onde gravitazionali... :-)
Martinobri, fila subito a confessarti! Non si nomina il nome di Accademia invano!

Solo allaperto!
Soprattutto, Paolo Alberton, se per ogni errore di battitura si puo essere ripresi (e, in certi casi ridicolizzati, come avveniva su questo forum proprio ad opera di un certo innominabile personaggio...) passa la voglia di scrivere, perché molti non hanno sfortunatamente il tempo di stare 10 minuti a rileggere quello che hanno scritto per evitare anche i più piccoli errori.

Sono d'accordo che esistono persone veramente trascurate nella scrittura, e che sia bene farglielo notare. Ma se OGNI anche microscopico errore viene rilevato, si finisce a parlare solo di questo... con il risultato che i contenuti diventano spesso irrilevanti. La regola della netiquette indicata da frangrav è stata scritta proprio per evitare il proliferare di infinite discussioni su questi dettagli.

Senza risentimento, anche perché certamente sia te che Puffo l'avete fatto in modo cortese e non sprezzante, ma insisto perché mi piacerebbe tanto che ci si dedicasse a CAPIRE e DISCUTERE di Scienza, o ad aggiungere INDORMAZIONI utili ed interessanti, piuttosto che disseminare note che non servono a molto visto che tutti sanno che si scrive "sembrano" e non "sembrnao", e il tempo è quello che è per tutti (senza contare le difficoltà legate alle tastiere, alla vista, etc...).

E senza contare che anche tu - come ho già fatto notare (ma sembrerebbe che non l'hai notato= - hai fatto un errore anche piu' grave, dimenticando un apostrofo tra "un" e "interferenza" nel tuo commento #29. Ma è normale. E' veramente difficile fare zero errori, e questo per motivi legati alla fisiologia della percezione umana, come dimostrato da numerosi studi.

C'è una palese differenza insomma tra ignoranza della grammatica, trascuratezza e banali "typo". A volte il confine appare labile, ma più raramente di quello che molti vogliono far credere. Io ti/vi invito a capire che se si fa una domanda ed un poveraccio spende parte del suo tempo a rispondervi, fargli notare piccoli, banali errori è spiacevole. Nulla di grave, per carità, ma fuori luogo.
@Pgc

Chiedo scusa anche se non son stato menzionato, la mia intenzione non era di riprendere errori di battitura che in qualunque altra circostanza non noto nemmeno, ma scherzare sul fatto che errori simili in quell'intervento in particolare fan sembrare che l'onda gravitazionale sia passata per gli istituti di ricerca come Jessica Rabbit.
ma no puffo. Mi è chiaro, ci mancherebbe! ;)
Be', visto che affrontiamo le cose con una certa "scientificità", ecco un articolo che spiega perché è così facile trovare gli errori tipografici altrui e così difficile notare i nostri (come dimostrato reciprocamente dal mio "sembrnao" e dal "un interferenza" di Alberton).

http://www.wired.com/2014/08/wuwt-typos/

Il problema è che UNO scrive, ma TANTI leggono, quindi si rischia la proliferazione di commenti sugli errori altrui.

Lasciamoli perdere gli errori innocui. Datemi retta. Distraggono e basta. E li notano tutti (quelli degli altri, non i propri).
Va bene p ed anche g ed anche c, ho capito.
Dora inpoi faro finta d nn vedere gli svarioni altrui e mi concentrèro solo sui miei e soprattutto su
"INDORMAZIONI utili ed interessanti"
che sono la koda + impertinante.

Promesso, sempre che io rieschi a capirle, non sono cozi studiato io.
Pero ... mi viene inamente adeso
... ki è ke aveva detto: se mi sbaglio voi mi corrigerete?



Mah, deve essere stato uno sciocco perditempo senz'altro!
Meglio cosi.

Evitare di correggere l'errore sul web e' una delle pochissime regole della netiquette

Regola da cambiare, direi. Perchè astratta: est modus in rebus.
Se è pedante, non va bene. Se si fa per farsi la guerra, non va bene.
Se è correzione fraterna, va bene. Se è cortese, è un gesto di cortesia (ripetizione voluta).
E poi ricordo bene che uno di voi scriveva molto peggio prima che Acca cominciasse a farglielo notare. In modo eccessivo, certo, ma qualche risultato l'ha ottenuto.
Non è possibile correggersi prima di inviare? E dove siete, sotto le bombe? Sul Titanic che affonda? Se il vostro testo viene inviato una mezz'ora più tardi la Terra non smetterà di ruotare per questo.

Dissento in toto dall'idea di abbassare la guardia su queste cose.
Tanto per dire, se qualcuno mi facesse notare che ho appena scritto "perché" con l'accento sbagliato, non reagirei piccato e offeso nel mio sapere scientifico o umanistico: ringrazierei e mi annoterei di ripassare la teoria degli accenti, che ahimè non mi hanno mai insegnato.
Sono totalmente d'accordo, daccordo, di accordo con te martinobri # 48, 49.
La penso uguaglio.
Ok, mi arrendo.

p.s. al mio commento #44 intendevo Claudio Costerni, non Paolo Alberton - scusate entrambi.
Decisione saggia, appena in tempo!
Non trovavo il kabooza e stavo per innescare i missili nucleici ed i nucleotidi, l'hai scampata bella PalermoGenovaCatanzaro!
Ora che ti sei arreso regnerà la pace nel mondo disinformatico, in armonia con il tuo ispirato, grazioso, lovable nickname.
Martinobri, hai appena scritto "perché" con l'accento sbagliato.

Ciapà sü!

;)
Ciapa non ciapà, obviously.

Correttore del telefono che apprende il mio dialetto... dove andremo a finire?
No, no, Stupidocane, martinobri lo ha scritto giusto nel #50.
Si scrive proprio così: perché
Puffolotti
Ho capito il ragionamento che condivido e che, vagamente, masticavo già un poco. Per me è una vittoria ;) ma anche una piccola sconfitta perché, in fin dei conti, non sono riuscito a collegarci la battuta fin da subito :P

pgc
Ahah non preoccuparti, pensa che d'impulso volevo scriverti subito chiedendo a cosa ti riferissi. Ma dal pc non vedo più lo spazio per i commenti, così ho impugnato il cellulare. Nel farlo ho continuato a leggere, appunto, e magicamente ho trovato la spuegazione.
Ma non nel commento 49...
Daaaaaaaahh ahahah spiegazione*
Errore visto mentre stavo sfiorando "Pubblica" :D
@Paolo Alberton

In effetti il paragone con la scena di Jessica Rabbit mi rende di più l'idea, rispetto all'hadouken.

Il posto di lavoro di PGC, quando arrivano onde nuove o anomalie not-caotiche mi viene facile immaginarmelo così...

https://www.youtube.com/watch?v=toXvPriEZtQ

Solo che al posto di Jessica, loro scrutano oscilloscopi, cososcopi, telepsicrometri, infra-telescopi e tutto l'armamentario tale per cui noi profani in questo articolo sentiamo un timido "Blip" che è quasi un: "scusate se esisto" laddove loro sentono Diana cacciatrice (O Urano il titano, a seconda dei gusti) che canta "Why don't you do right" tirandoli per la cravatta.