Cerca nel blog

2017/02/27

No, la sonda Voyager non è stata “hackerata dagli alieni”

Questo articolo vi arriva gratuitamente e senza pubblicità grazie alle donazioni dei lettori. Se vi piace, potete farne una anche voi per incoraggiarmi a scrivere ancora.

Sono di fretta e questa “notizia” non merita più di cinque minuti del vostro tempo, per cui la faccio molto breve: sta circolando da alcuni giorni su vari siti, non solo di ufologi ma anche di giornalismo convenzionale, come per esempio Blasting News (a firma di Massimo Fenris, che viene presentato come “esperto di cronaca” [copia su Archive.is]), l’asserzione che la sonda Voyager 2 sarebbe stata “hackerata dagli alieni” e avrebbe “trasmesso in una lingua sconosciuta”.

Prima di tutto la notizia è vecchia: risale almeno a ottobre scorso, quando ne parlavano siti di delirio fufologico come Disclose.tv [copia su Archive.is].

Inoltre il “portale Physics Astronomy” citato come fonte della notizia è un sito di fufologi che ospita qualunque idiozia pseudoscientifica. Questo portale linka delle dichiarazioni attribuite a “Kevin Baines della NASA”, ma il link porta a una pagina che non contiene le dichiarazioni in questione. Lo “scienziato tedesco Hartwig Hausdorf” citato come ulteriore fonte da Physics Astronomy è in realtà un autore di libri pseudoscientifici che spaziano dall’ufologia alla telepatia. Insomma, dichiarazioni inventate di sana pianta e fonti completamente inattendibili.

Ma da dove scaturisce un’idea così bizzarra come quella degli alieni che “hackerano” una sonda spaziale? Dall’incompetenza e dal bisogno morboso di giustificare ogni cosa con gli alieni invece di sforzarsi di imparare a conoscere le cose tecniche di cui gli “esperti di cronaca” scrivono.

Specificamente, come dice Physics Astronomy, scaturisce da un annuncio della NASA risalente addirittura al 2010: l’ente spaziale comunicò pubblicamente che c’era stato un problema tecnico con la memoria della sonda Voyager 2, che aveva invertito un solo bit. Questo errore comportava che la sonda inviasse verso Terra i propri dati scientifici in un formato errato (altro che “lingua sconosciuta”). I tecnici della NASA hanno inviato alla sonda una correzione e tutto è tornato alla normalità. Tutto qui. La fantasia dei fufologi ha fatto il resto e poi i giornalisti che copiaincollano senza verificare o farsi domande hanno pompato la panzana.

Per fare un paragone, è come se durante una telefonata cellulare sentissimo un gracchiettìo improvviso e decidessimo che non può essere stata un’interferenza momentanea o un calo di segnale, ma dev’essere stato senz’altro un extraterrestre di Zeta Reticuli che voleva comunicare personalmente con noi, e poi lo scrivessimo sul giornale.

11 commenti:

rico ha detto...

Ho avuto già a che dire con Blasting News per il fatto che mi oscurano la lettura con un avviso anti-adblock.
Gli ho fatto presente che non uso un adblock ma un anti-tracciamento, vedo le pubblicità che rispettano la privacy.
Risposta evasiva: Lo facciamo anche nel tuo interesse. Io non credo.

Max ha detto...

Ma questi pseudo-giornalisti ci sono o ci fanno ? E i direttori che avvallano simili idiozie ? mah....

Luca Bandini ha detto...

In realtà Voyager è stata effettivamente "hackerata dagli alieni"... non la sonda però, ma la trasmissione di Giacobbo!

E secondo me, la cosa è accaduta ben prima del 2010!

Mars4ever ha detto...

Mi ricorda tanto i casi delle figure strane su Marte in mezzo alle rocce viste dai rover, il mega vascello nel lato opposto della Luna, il disco volante vicina a Sirio in google sky... da cinquant'anni la NASA scopre alieni ovunque, vuole tenere segreta la cosa ma pubblica sempre le prove. Ma quanto sono sbadati!

Nicola Colotti ha detto...

Grazie Paolo per la rapidità. Citazione doverosa nella puntata di Millevoci di Rete Uno RSI questa mattina:http://www.rsi.ch/rete-uno/programmi/intrattenimento/millevoci/Le-nuove-sette-meraviglie-del-cosmo-8714665.html

Paolo Alberton ha detto...

Bell'articolo :)

Stupidocane ha detto...

Uhm... Zeta Reticuli... non credi che sia ora di aggiornare anche le battute, in modo che non si pensi proprio neanche di striscio a dei bizzarri personaggi sanremesi?

Abbiamo un sistema planetario nuovo di zecca. Usiamolo.

:)

Crazy ha detto...

Vuoi dire che hanno patchato da remoto un computer distante millanta fantastiliardi di miglia.....

WOW!

cheo ha detto...

Peccato però...sarebbe stato fighissimo! Una sonda hackerata dagli alieni che ci sfidano a pong!

CimPy ha detto...

"Ma da dove scaturisce un’idea così bizzarra come quella degli alieni che “hackerano” una sonda spaziale? Dall’incompetenza e dal bisogno morboso di giustificare ogni cosa con gli alieni"

Più semplice: click baiting, che di sola aria fritta marziana non si vive

p ha detto...

Che poi, per inciso, quelli di Zeta Reticuli mi rovinano buona parte delle telefonate. Soprattutto quelle viva voce in auto. Maledetti!