skip to main | skip to sidebar
31 commenti

Antibufala: attenzione ai negozi dei cinesi

Come fanno i negozi cinesi ad avere prezzi così bassi? Semplice: espiantano e rivendono gli organi delle clienti


Ricevo moltissime segnalazioni del ritorno di questo allarme, che in realtà è una classica leggenda metropolitana:

ATTENZIONE AI NEGOZI DEI CINESI...

Non scrivo per 'sentito dire' o letto sul giornale.. la cosa è capitata ad un'amica di famiglia alcuni giorni fa :

va col marito a vedere negozi, entra da sola in un negozio di cinesi (il marito stava finendo la sigaretta di fuori), quando il marito entra pochissimi minuti dopo gli dicono "non è entrata nessuna ragazza qui dentro" glielo richiede e continuano a negare, chiama immediatamente il 113 che trovandosi in un paese di fuori Roma sono arrivati subito, rientrato coi militari hanno ancora negato, quando i carabinieri perquisiscono il negozio entrano nel piano di sotto (con entrata non visibile ovviamente) hanno trovato questa giovane donna coi capelli già rasati e narcotizzata in stato di incoscienza; l'avrebbero portata via di lì a poco. (c'è stato l'arresto di questi esseri immondi ovviamente).

ATTENZIONE quindi, i prezzi così bassi nascondono in realtà riciclaggio e SOPRATTUTTO come in questo caso TRAFFICO D'ORGANI quindi a maggior rischio persone giovani, penso che anche coi bambini non si facciano scrupoli..
BOICOTTIAMOLI

diffondete questa storia è assolutamente vera e riscontrabile dai verbali dell'Arma.

Ho saputo di questo accaduto ieri e lo dirò a chiunque conosco.


Chi segue il Servizio Antibufala da qualche tempo avrà già notato i segni classici della leggenda metropolitana: nessun riferimento di datazione ma soltanto parole come "ieri" o "alcuni giorni fa" che restano valide in eterno e rendono sempre fresco l'allarme; nessun riferimento specifico a luoghi ("un paese fuori Roma"), né nomi di persone.

La conferma che si tratti di una leggenda arriva non solo dalla poca plausibilità della vicenda, ma anche dal fatto che storie analoghe vengono raccontate da anni con riferimento a varie città italiane (Leggendemetropolitane.net ne parla a proposito di un panico scatenato nel catanese, finito persino sui giornali, e di un altro caso a Bari): questo implicherebbe sparizioni di massa, che non passerebbero certo inosservate, eppure non c'è nessun allarme da parte delle forze dell'ordine.

Ma allora, se è così ovvio che si tratta di una bufala (risalente alla seconda metà degli anni Ottanta, secondo lo studioso Paolo Toselli), perché viene propagata? Perché come ogni bufala di successo, fa leva sulle nostre paure inconfessabili del diverso e dello straniero: così radicate e istintive da scavalcare il raziocinio e il buon senso. Non sembra un caso che l'appello si concluda non con un "denunciamoli", ma con un ben più blando "boicottiamoli".
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (31)
Mi ha detto mio cuggino
che una volta in discoteca
ha conosciuto una tipa
che però poi non si ricorda più niente
e alla fine si è svegliato in un fosso
tutto bagnato che gli mancava un rene,
mio cuggino mio cuggino.

:-)
Mio Dio, ma come si fa a credere a cose del genere? Insomma, c'e' un limite a tutto!

Non ho parole
la cosa più spaventosa, è che certamente questa mail è stata messa in giro da un commerciante che temeva per il proprio giro di affari: si chiama concorrenza scorretta, è pure punita dalla legge.
A quando l'eliminazione fisica del concorrente?
si certo certo.. e c'è gente che ancora ci crede!
in realtà il sistema è un pò diverso.
riescono a vendere prodotti a prezzi così bassi perchè gran parte della merce che arriva loro è illegale.
facendo un esempio, su un paio di forbicine che costano, all'origine, diciamo un euro.
il commerciante che le importa dovrà pagare 50 cent di tasse, e le venderà a due euro per avere 50 cent di guadagno.
il commerciante cinese (e scusate la generalizzazione), aggirando le tasse, potrà invece venderle a un euro e trenta. settanta centesimi in meno.

giusto per dirne una, negli ultimi tre mesi a capodichino hanno sequestrato quasi quattro quintali di generi alimentari provenienti dalla cina, mentre i sequestri di capi di abbigliamento ecc sono all'ordine del giorno.
nieth, ma appunto.
Se proprio si vuole fare una campagna contro i negozianti cinesi (a parte il discorso della "concorrenza sleale"), perche' non addurre motivazioni valide, o quantomeno sensate?
Se gira una email dicendo "boicottiamo i negozianti cinesi, vendono a meno ed uccidono la concorrenza perche' importano illegalmente", puo' essere anche sensata, e, scusate il pregiudizio, magari anche vera.

Ma cosi', dai... continuo a domandarmi se questo tipo di email in realta' non siano parte di un esperimento psicologico sull'insensatezza dei comportamenti umani, acutizzata dalla tecnologia.

In ogni caso, a proposito di negozi e negozianti cinesi, dalle mie parti ce ne sono un sacco... non ci ho mai visto nessuno dentro.
Ma come fanno?!?
Psionic: pare che in realta' molti di questi negozi vengano usati solo come esposizioni per vendita all'ingrosso: la merce viene poi ritirata in magazzini fuori citta'. Mi sembra una spiegazione plausibile, se non altro piu' di quella degli organi.
Io ho capito subito che si trattava di una bufala: vado spesso in un negozio di cinesi, e mi capita di essere solo con la commessa, eppure non mi hanno mai narcotizzato.

Siccome sono un superfigo e i miei organi sono perfetti e sono in splendida forma ho intuito che doveva essere per forza una balla!!! Confesso che un po' all'inizio c'ero rimasto male: e se i cinesi mi avessero scartato? Ingrati!

Scherzi a parte, se nel 2008 dobbiamo ancora leggere certe str... upidaggini, siamo proprio messi male! Il mondo é già abbastanza cattivo di suo, e ci sono abbastanza criminali da combattere, senza bisogno di inventare un bel niente!
Lo scarso costo degli articoli cinesi sta veramente in altri 2 motivi:
1) la scarsa qualità dei prodotti (ma a questa ci siamo abituati, tanto da lidl la gente compra perché non gliene frega niente della qualità, in pochi ci vanno perché altrove non se lo possono permettere)
2) in cina la manodopera non costa un ca.... E agli imprenditori occidentali va bene così, perché non vengono battuti sulla qualità, e dato che il loro prodotto viene copiato, aumenta il suo valore di mercato (è una legge economica che fanno studiare anche alle superiori, ma non tutti fanno economia politica...)
No tremendo

Nessuna legge strana.

La stragrande maggioranza delle cose di "gran marca" che normalmente acquistiamo provengono da Cina e dintorni.

In molti casi li paghiamo semplicemente un centinaio di volte il loro costo di produzione.

E siamo contenti cosi: ci basta sapere che il famoso tizio o la fighissima tizia li usano abitualmente e torniamo a casa felici.

La Cina non e' solo bassa qualita'. Di sicuro e' sempre basso costo e sfruttamento della popolazione.

Cose ottime per gli imprenditori "nostrani" molto avvezzi a chiudere un occhio su queste cose.
@IlTremendo

La gente che và alla lidl perchè non può permettersi di andare altrove è poca?
Scusa in che mondo vivi?

Lo stipendio medio varia fra 800 e 1.300 euro netti al mese. Toglilene come minimo 400 per le bollette, 100 di benzina, 100 si spese condominiali, 50 per farmaci. Per essere ottisti e considerando che la persona abbia una casa di propietà.

A queto andrebbero aggiunte cosuccie come vestiti, scarpe, ecc.

Se esci dai circuiti lidl\pennymarket i prezzi sono più che quadruplicati. Considerando poi che nel 90% dei casi la qualità è identica, ma paghi il "brand".

Idem per l'abbigliamento. Vedere gente pagare 300/400 euro scarpe prodotte in cina per si e no 15 euro (trasporto incluso) solo per il "marchio" fà ridere.
Non sembra un caso che l'appello si concluda non con un "denunciamoli", ma con un ben più blando "boicottiamoli".

Sante parole...
Della serie: "ah, io ho fatto la mia parte diffondendo la notizia, ad agire ci penserà qualcun altro"
@lilaiel: si, come no. e poi vanno a giro con macchine da 20.000€ o il cell ultima generazione, i vestiti firmati etc.
ma tu credi ancora a quello che dice studio aperto?
Poi, oh, se è il tuo caso, non lo so, ma di gente che si lamenta perché tutto costa troppo, oppure le tasse sono troppo alte ne conosco a bizzeffe.
Salvo che poi si comprano macchine da 25.000€.
"fa leva sulle nostre paure inconfessabili del diverso e dello straniero" cioè sul nostro razzismo.

tremendo molte persone che si comprano le macchine da 25 mila euro e più lo fa pagando fior di cambiali. io ne conosco qualcuno
@jean lafitte: chi veramente non arriva a fine mese, non si può nemmeno permettere di mantenere la macchina da 25.000€. chi se la compra con le cambiali, potrebbe tranquillamente comprarsi una utilitaria che costa 18.000€ meno.
e con 18.000€ all'anno, una famiglia di 4 persone ci va avanti decentemente, se non si mette a sperperare. con casa propria, ma la casa prima di essere abitata va acquistata, e pagata tramite mutuo. quindi il discorso non cambia.
@iltremendo

Guarda non sò dove vivi ma nella rica Lombardia il 90% della gente si veste al mercato, ha la'uto che se è nuova costa al massimo 15.000 (presa col finanziamento), ha il cellulare che se lo ha pagato 200 @€ è tanto, ecc...

Le persone di cui parli tu sono la minoranza di figli di commercianti, piccoli imprenditori e quadri. Permettimi di dirlo non guadagno 800/1.000 euro al mese ma più del doppio.

Poi qualche deficente che fà la fame per prendersi lo status symbol c'è, ma non sono certo la maggioranza del paese. Come dicevo se snto uno che si lamento del caro-vita e poi ha ai piedi le scarpina da 300 E di footlocker (che ne varrano si e no 10) mi girano assai. Ma di solito è gente che non ha veri problemi e uno stipendio da 1.300 in sù.

Io con 1.000 euro al mese ci devo campare e ti dico che faccio molta fatica ad arrivare a fine mese.
Ho un vecchio 6680, la mia auto è una vecchia polo del 95, faccio la spesa al lidl perchè se non arrivo a fine mese, etc.
Il cellulare sta morendo e la tv pure, e io tiro già moccoli perchè non ho i soldi sull'unghia per comprarli nuovi e ben poca voglia di far rate per pagarli.
per restare in tema:
al porto di Napoli hanno sequestrato stamattina 40000 pezzi (cosmetici e prodotti vari) provenienti dalla cina, contraffatti o cmq non in regola.
erano nascosti in un container.
avrebbero fruttato circa 150mila euro.
@iilaiel: Io vivo in versilia e qua c'è tanta gente che spende soldi che non ha, soprattutto chi lavora nell'edilizia, e poi ogni tanto si ritrova con l'acqua alla gola.
Vedo passare il doppio di suv targati mercedes e bmw, quindi nemmeno quelli da 25.000€, che di 600.
E poi sento lamentarsi che non si arriva alla fine del mese.
Ma chi si lamenta? sempre quelli con macchine da 25.000€, cell umts, etc.
Qua chi non arriva alla fine del mese lo riconosci perché non si lamenta.
Ma nessuno di rende conto che spesso la maggior qualità dei prodotti di marca è solo millantato; io compro il prodotto X dal cinese, che se vogliamo è grezzo e dura poco, ma lo pago molto meno rispetto quello di marca, la cui qualità, se fosse realmente proporzionale al prezzo dovrebbe essere superlativa e durarmi in eterno, invece ben che vada mi dura poco di più della chincaglieria cinese, e se volessimo guardare la qualità persino il primo scemo che passa per strada saprebbe suggerire un prodotto con caratteristiche più idonee all'uso.

in vero problema è che nella società consumistica, una volta saturato un mercato, ti creano ad hoc nuovi bisogni per garantirsi nuove entrate di guadano, ma dopo aver creato il bisogno col piffero che ti creano anche un prodotto idoneo, la qualità del prodotti è generalmente quella appena sufficiente per essere idonea all'uso e te la fanno strapagare. quindi se i cinesi servono per metterla un tantino nel posto a questo sistema demenziale, ben vengano i cinesi e ben venga la concorrenza sleale,
Beh... diciamo che la qualità dipende grandemente dal produttore, per i prodotti di marca. Ci sono marche buone ed altre meno. La caratteristica distintiva dei prodotti che compri sulle bancarelle dei cinesi è che costano sì una stupidaggine, ma ovviamente ottieni quello che paghi: quindi se compri un qualcosa a uno/due Euro, è chiaro che si scasserà dopo poco tempo. Cosa pretendi, la botte piena e la moglie ubriaca?
non tutti gli stipendi sono alti come dice ilialel...
Poi inizia a metterci un mutuo (il mio è di 750€), le bollette il mangiare e già ti sei fatto fuori 1500 € senza aver fatto altro, senza uscire la sera o mangiare fuori neanche una volta...

Il fatto è che molto spesso la gente si crea una marea di falsi bisogni che fanno spendere soldi per cose che non servono assolutamente a niente o di cui si potrebbe fare tranquillamente a meno

se poi aggiungi che per le aziende non sei un essere umano ma un CONSUMATORE
ovvero qualcuno che deve comprare i loro prodotti e non rompere troppo le scatole...

Quanti comprano roba di qualità (di qualità non di marca...) perchè così invece di durargli 1 mese gli dura 10 anni?
Non abbiamo più questa mentalità e forse se l'avessimo crollerebbe tutto il nostro sistema economico (non so se poi così male...)
Paese che vai leggenda che trovi...
Bello il tuo blog ;-)
Se fosse vera questa cavolata, allora a quest'ora dovrebbero avermi tagliuzzata almeno un centinaio di volte... Ops, mi sa che sono ancora intera :oD
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Scusate, ho cancellato per errore un commento:


claudio1973:

Scovata questa sera stessa su facebook... si, è incredibile ma queste cose ancora girano.
Già, sto linkando questo articolo su molte bacheche in questi giorni... questa non-tizia sta ritornando alla ribalta.... :/
Lo hai saputo ieri di quale anno?
io non ho mai creduto a queste storie, però ieri ero a fare shopping e un negozio di cinesi dove vado sempre era chiuso. Una ragazza di cui mi fido ciecamente e che abita lì in zona mi ha detto che era chiuso esattamente per il motivo spiegato in questa cosiddetta "bufala", ora vedrò se scriveranno qualcosa sui giornali locali ...
@ Grace S.

Fai prima a chiedere alla ragazza di cui ti fidi ciecamente da chi l'ha saputo. Scommetto un euro contro un fagiolo che l'avrà saputo da un'altra persona di cui lei si fida ciecamente, che a sua volta l'ha saputo da suo cuGGino al quale gliel'ha detto una signora che andava a fare la spesa in un negozio lì vicino dove ha origliato una conversazione di due signore nel negozio che ne parlavano, le quali l'hanno saputo da un'amica che conosce un "cinese" (che in realtà è sudcoreano) il quale l'ha letto su Facebook...

Già che ci sei, controlla se ha ancora tutti e due i reni e la milza. :)
@Grace S

posso confermare che le vietnamite usano reggiseni imbottiti.
Non avrebbero motivo di farlo se fosse vero che rubano le tette alle italiane per installarsele con colla vinilica.

Ah, venerdì è morto il signor Lin ahn.
Purtroppo ieri non son potuto andare al funerale e non so dire se era buono o se sapeva di osso.

tornando a bomba, ho aiutato il signor do phun due volte nel trasloco del suo negozio, sempre perchè il giro di affari si allargava, il signor tong è stato assimilato dal signor do phun e lo ho aiutato a chiudere il negozio, per aprire un magazzino condiviso con la signora xian che lavora vicino al ristorante che pochi sanno appartenere al signor trang, che ha comprato un' opzione sul ristorante del signor dao wu, il quale intende aprire un kebab bar insieme alla signora urumki (lei viene dalla Mongolia)

I "cinesi" muovono il culo, non si perdono dietro a cazzate e si rendono conto che la pretesa di sedersi sotto un albero e raccogliere i fichi che cascano abbastanza vicino non è realistica per vivere tranquilli.

Ma in fondo credo che i "Loose P...unch" questo lo sappiano, solo non sopportano l'idea di vedere qualcuno che risolve i propri problemi con l'olio di gomito.
Sentita oggi (09/09/2013). Con in aggiunta la giustificazione che la storia non sarebbe uscita sui giornali perché "le indagini sono ancora in corso"