Cerca nel blog

2008/04/19

20/4: ci vediamo a Villasanta?

Stasera all'Astracon 2008 si parla di fantascienza: per prevedere il futuro, o per prevenirlo


L'Astracon 2008, festival dedicato alla fantascienza italiana, mi ha incautamente invitato a partecipare alla conferenza finale, che si terrà stasera alle 21 al CineTeatro Astrolabio in via Mameli 8 a Villasanta (Monza), insieme ad Alan D. Altieri, Gabriele Rossi e Silvio Sosio. Il tema è "Oltre la singolarità, il postumanismo": come dice Fantascienza.com, si tratta di "fantascienza e prospettive future della tecnologia: transumanismo, postumanismo, singolarità, connettività neurale e realtà aumentata".

L'idea di potenziare il corpo umano e la mente usando la tecnologia risale ai tempi della mitologia, ma solo ora stiamo iniziando a realizzarla. Nel bene o nel male? Finiremo per perdere l'essenza della nostra umanità se avremo memorie perfette o corpi che non invecchiano? Quanta di questa tecnologia è già fra noi, dagli apparecchi acustici ai pacemaker ai seni di silicone? Sareste disposti a farvi impiantare una porta USB o un ricetrasmettitore Bluetooth, se vi permettesse di comandare il computer con il pensiero o di scrivere senza muovere le mani, ma semplicemente pensando di muovere le mani sulla tastiera?

Vi propongo sul tema un paio di spunti: una dimostrazione (non priva di inciampi) di un esoscheletro che consente all'operatore di sollevare grandi pesi senza sforzo e con un'interazione molto naturale e un'interazione estremamente naturale con l'universo per me ostico di Second Life, comandato tramite i movimenti del corpo. Viene quasi voglia di rivisitare Second Life, con un gadget del genere.

19 commenti:

Stepan Mussorgsky ha detto...

"Sareste disposti a farvi impiantare una porta USB o un ricetrasmettitore Bluetooth, se vi permettesse di comandare il computer con il pensiero o di scrivere senza muovere le mani, ma semplicemente pensando di muovere le mani sulla tastiera?"

Beh per amore della sperimentazione lo potrei anche fare, ma sarei veramente disposto a farlo se potessi interfacciarmi con un ambiente operativo progettato per essere comandato dal pensiero. Non mi impianterei nemmeno un transistor per poter comandare Windows o Mac OS o Linux :D

L'esoscheletro è una figata pazzesca e funziona già molto bene. Anche se io lo vedrei applicato bene più in campo civile/logistico che in campo strettamente militare, anche perchè c'è da tener presente che l'esoscheletro è alimentato via cavo da una fonte energetioca esterna all'esoscheletro, quindi è adatto per una postazione di lavoro fissa e spazialmente circoscritta.

Nel video della BBC si mixa realtà con fantascienza e questo aspetto sfugge: immaginatevi cosa vorrebbe dire "motorizzare" l'esoscheletro: diverrebbe pesantissimo e perderebbe la sua agilità.Oppure servirebbero 2 km di prolunga :D

Non mi ha invece entusiasmato per niente il sistema di controllo di Second Life: non lo trovo molto "naturale" e poi sarebbe estremamente faticoso per sessioni prolungate nel metamondo.

Trovo molto più interessante l'idea del "ponte ologrammi", ripresa qualche giorno fa anche da un articolo di Punto Informatico ( qui ").

Anche se l'idea di combinare più nastri trasportatori per ottenere una piattaforma è perlomeno bizzarra.

Molto più promettente usare una sfera , anche se l'ideale sarebbe posizionare la persona sopra e non dentro una sfera molto grande, diciamo di almeno 40 metri di diametro, in una stanza cilindrica (o meglio ancora semisferica!) sulla cui parete viene visualizzato il mondo virtuale e dove una serie di telecamere 3d fa muovere la sferona sotto i piedi della persona e fa cambiare il paesaggio proiettato sulle pareti. Ma questa per ora rimane fantascienza, anche per i costi astronomici che servirebbero per realizzare un sistema del genere :D

blu-flame ha detto...

Questa sera grazie alla segnalazione di Paolo attivissimo mi sono diretto al festival di fantascienza che si teneva a villaSanta.

Mi sono detto: leggo gli scritti di Paolo da una vita, ci siamo scambiati anche delle e-mail, mi è capitato di vederlo in video, sarebbe una cosa carina interagire dal vero con una persona che mi sembra, a sproposito, di conoscere da tempo...

Avevo letto solo qualcosa riguardo all' astracon e sembrava una cosa carina.

Arrivo sul luogo del delitto e trovo davanti all'unica porta aperta da tizi che stanno chiacchierando, li saluto e loro in risposta grugniscono continuando a chiacchierare per i fatti loro.
Chiedo di gentilmente di passare visto che tutti cartelli, in realta' una mezza dozzina di fotocopie A4, indicano grandi cose in quella direzione, la porta ostruita dalla loro presenza, mi butto spedito seguendo i messaggi di altri cartelli.
Mi ritrovo in uno scantinato male illuminato con altri due tomi che stanno chiacchierando. Mi guardo in giro non vedo niente, passo l'altra porta non c'è nulla, torno all'aperto.
Giro attorno alla struttura, nel grande cortile, mi mi convinco di essere al posto giusto poiché è pieno di volantini che inneggiano codesta cosa e l'unica apertura possibile rimane quella dello scantinato.

Torno di gran carriera nel bugigattolo, cerco di capire dove possa tenersi una conferenza degna di questo nome, le mostre che sono indicate dai cartelli appiccicati con nastro adesivo sui muri. Non trovo nulla.
I due che sono nella scantinato molto gentilmente mi comunicano che tutto quello che c'era come mostre e similari è stato smantellato per la gioia di coloro i quali vengono a vedere la conferenza.

L'apertura era al piano terra di fianco a quella in cui sono entrato la porta veniva ermeticamente chiusa per via dell'eventuale freddo e non mi è passato neanche nell'anticamera del cervello che una porta in cui l'anta sinistra e' bloccata da una scrivania con un tizio che gioca con un pc portatile e quella destra dalla schiena di una persona appoggiata dall'interno potesse essere un'apertura per accedere ad una sala conferenze. Nessun cartello nessuna indicazione conferiva a quella povera porta un'importanza di qualche tipo. Pareva la luce di un corridoio.

Ho già perso 20 minuti, la conferenza avrebbe dovuto partire alle ore 21 e, complice un mio ritardo ormai erano le 21.30. Ma tanto non e' iniziata, la gente cazzeggia e scarpina.
Mi fiondo dentro, l'ambiente e' alquanto squallido, tipo oratorio per intenderci, quattro tavolini con appoggiato sopra lo stesso libro qualche quadretto simpatico di astronavi e compagnia bella attaccati al muro.

Entro nella sala conferenze: siamo ben lontani da qualsiasi tipo di inizio, una persona sul palco ha l'aria di essersi persa, un personaggio scrive dediche sulle copertine, quattro sfigati, una ragazza carina e due convinti fanno il pieno. i 3/4 dei presenti sono letteralmente svaccati sulle sedie.
Mi dico che sebbene siamo solo in una ventina fra relatori e pubblico potrebbe essere una bellissima riunione tra la tarallucci e vino tra squinternati.
A rompere l'incantesimo della riunione di famiglia, o ecumenica se preferite l'oratorio, e' il giungere di un tizio che mi fa notare di non aver sborsato l'obolo obbligatorio alla biglietteria...

E' come sentire il pickup graffiare il disco.

ragazzi mi dispiace per una riunione in pizzeria o poco di più non reputo di dover pagare nessun biglietto, non ho chiesto neppure il prezzo, prendo le mie scarpe e le porto fuori da quel luogo alle 2140 quando l'unica cosa che sembrava in programma poteva essere al massimo una partita di ping-pong.

che ci siano dei peones siamo tutti d'accordo ma sinceramente per pagare un biglietto ci vogliono delle regole, si chiama professionalità.



Arrivato a casa, cioè ora, sono andato su siti ufficiali di questa manifestazione scoprendo che il biglietto della giornata di oggi e sarebbe stato di € 10 così come di tutti i giorni e solo per la sera e per la conferenza finale sette euro.

Ora per quanto bello, devo ancora vederlo e quindi non mi sbilancio, la proiezione di DARK RESURRECTION, scaricabile gratuitamente, non può costare come la visione di STAR WARS originale.

Così come una riunione di amici, per di più sponsorizzata da ben SETTE aziende non può avere un biglietto d'ingresso.

Oppure non ho capito che i relatori fantasmagorici in un tempo record ci fanno vedere le stelle.

Oppure non ho capito la convenCION parte molto lentamente perche' termina alle 3 di notte...

Sono contento di abitare a pochi chilometri ,5, dal luogo incriminato altrimenti la mia incazzatura sarebbe stata notevole.

Paolo Attivissimo ha detto...

Ciao Blu-flame,

mi dispiace della tua disavventura: spero ci saranno altre occasioni meno infelici.

Come ospite, non ero al corrente degli aspetti economici (non sapevo ci fosse un biglietto d'ingresso) e viste le dimensioni del festival capisco benissimo il tuo punto di vista.

Se sei arrivato intorno alle 21.30, fra l'altro, probabilmente mi hai incrociato sulla porta d'ingresso: ero fuori a salutare degli agenti della CIA-- ehm, degli amici.

Francesco Sblendorio ha detto...

Secondo me "blu-flame" ha sbagliato posto.

Io sono arrivato alle 21.30 (i problemi che ho avuto erano dovuti... ehm... alla personale mancanza di senso di orientamento), e tizi che autografavano copertine non ne ho visti. Gente svaccata sulle sedie non ce n'era, anche perché non c'erano sedie ma poltrone.

Inoltre una volta all'ingresso, mi è bastato chiedere dov'era l'incontro in cui partecipava Paolo Attivissimo. Né ho pagato nulla, né mi è stato chiesto nulla, né alcuno mi ha redarguito per questo.

Bluflame, secondo me eri da un'altra parte.

Leonardo Salvaggio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Leonardo Salvaggio ha detto...

Secondo me, invece, Blu-flame era nel posto giusto. La descrizione corrisponde: porta mezza chiusa da un tavolo, nessuna indicazione esauriente...

Però anche io, come Francesco, non ho pagato nulla e nessuno mi ha chiesto di farlo. Boh..?

OrboVeggente ha detto...

L'idea di potenziare il corpo umano e la mente usando la tecnologia risale ai tempi della mitologia, ma solo ora stiamo iniziando a realizzarla. Nel bene o nel male?

Nel bene, direi, dato che sono 50 anni che interventi chirurgici di "completamento" migliorano la vita delle persone.

Finiremo per perdere l'essenza della nostra umanità se avremo memorie perfette o corpi che non invecchiano?

Sicuramente sì. Già oggi la "vita reale" è solo una delle possibili vite.


Quanta di questa tecnologia è già fra noi, dagli apparecchi acustici ai pacemaker ai seni di silicone?

Sempre di più e sempre meglio.
Secondo Guglielmo Cancelli tra pochi anni avremo i potenziatori sensoriali, gratuiti grazie alle pubblicità personalizzate che ci arrivano direttamente nei "sensi".

Sareste disposti a farvi impiantare una porta USB o un ricetrasmettitore Bluetooth, se vi permettesse di comandare il computer con il pensiero o di scrivere senza muovere le mani, ma semplicemente pensando di muovere le mani sulla tastiera?

Anche no.
Dipende dal vantaggio rispetto l'invasività

blu-flame ha detto...

X Paolo
Non volevo darti qualsivoglia responsabilita', visto che il tuo contributo e' esterno e la tua informativa e' giustamente "io saro' la", ma sottolineare in caso le stesse entita' organizzassero altre "cose" a cio' che si potrebbe andare incontro.

Mi dispiace di non averti notato.



X francesco.
Le poltrone sono rosse (a memoria) disposte ad anfiteatro.
con le spalle al palco il firmaiolo era ad ore 1.30.

ad ore 10, svaccatissima su 2 file, vi era una ragazza belloccia con piu' buchi sui jeans che tessuto.

la porta delle mostre e' a dx.

i tavolini erano a sx sul corridoio in fondo al quale una ragazza serviva al bar.

Perche' dovrei dire stupidate?

Forse ero appena andato via: anche se non avevo risposto alla richiesta di soldi il fumo dalle orecchie e la mia espressione devono aver fatto capire che non era piu' il caso: vi erano piu' organizzatori che pubblico.

Francesco Sblendorio ha detto...

Uè sì, ok, c'eri :)

Ho detto che secondo me no perché, una volta arrivato all'astrolabio ho subito trovato la sala, ché i tarallucci e vino non li ho percepiti, non ho pagato nulla, non mi hanno detto niente e perché in effetti sì, la ragazza con i jeans a rete era stravaccata, ma non mi pare rappresentasse i 3/4 dell'uditorio.

Tutto qui

OrboVeggente ha detto...

ad ore 10, svaccatissima su 2 file, vi era una ragazza belloccia con piu' buchi sui jeans che tessuto.

Cara ragazza, questo è un appello per te!
Il mio CSGEC (Centro Studi per Guardoni ed Erotomani Compulsivi) ha bisogno di completare una serie di profili a fini statistici.

blu-flame ha detto...

CSGEC..
ECCOMI!, dove devo venire? ci sono anche PROVE PRATICHE? Voglio sottopormi a degli esami per Erotomani....



X francesco: essendo una ventina la frazione e' 1/20.... smetti di dubitare.

OrboVeggente ha detto...

blu-flame:
CSGEC..
ECCOMI!, dove devo venire? ci sono anche PROVE PRATICHE? Voglio sottopormi a degli esami per Erotomani....


Si, aiutiamo i falsi ipovedenti a riconoscere forme e profili femminili con il tatto o in altro modo sconcio.
La sezione "M.Morta" aiuta invece anche i normovedenti.

Figura Quattro ha detto...

per questo 10 euro li pagherei :D

44rivax ha detto...

evviva!

Finalmente riesco a mettere un commento senza subire dei problemi!

Evviva!

Darione ha detto...

Ma porcaccia la miseriaccia...
Solo oggi ho letto questo (21/4).
Mio caro Paolo, dare gli avvisi con un po' piu' di anticipo no, eh?
Io sono qua a 4 km e mi sono perso l'occasione di stringerti la mano. Uffa!
Io a Villasanta ci lavoro pure.
Uffa!!!

Paolo Attivissimo ha detto...

dare gli avvisi con un po' piu' di anticipo no, eh?

Gli appuntamenti sono nella colonna di destra del blog da parecchio tempo. Posterò anche qualche preavviso negli articoli, così finisce negli RSS.

Dan ha detto...

Come al solito, i giapponesi sono più avanti di tutti gli altri...
in confronto a quello, l'apparecchio americano sembra una Ford T. Il modello giapponese addirittura è già autonomo, figuriamoci dotandolo di migliori batterie o fuel cell poi.
(Tra parentesi, non vorrei affettare giudizi, ma notate anche la differenza degli approcci: quello americano è un progetto dell'esercito pensato per i soldati, mentre quello giapponese è rivolto a persone normali e impieghi più ordinari...)

Darione ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Darione ha detto...

Rifo...
Che senso ha un tuo post del tipo "ci vediamo stasera"?
Chi lo legge ormai non ha più speranza di raggiungerti. Tanto vale fare "ci siamo visti mezz'ora fa? No? Cipperimerlo."
Va bene la colonna di destra, perfetta. Ma il tuo post fuori tempo mi fa incazzare a morte.