Cerca nel blog

2008/04/14

Radio: Wikipedia per principianti alle 12:55

Due parole su Wikipedia alla radio svizzera


Ho registrato per la Rete Uno della RSI (radio svizzera di lingua italiana) una breve chiacchierata molto introduttiva su Wikipedia, sulle sue particolarità e sulla sua affidabilità. Andrà in onda oggi alle 12.55 circa. Se vi interessa, è ascoltabile anche in streaming e sarà scaricabile come podcast (nella sezione Consulenze).

25 commenti:

Melina2811 ha detto...

Pensa che scoprii Wikipedia perchè avevo le figlie che ci facevano le ricerche, ma di fatto io ne sconoscevo l'esistenza fino a due anni fa. Maria

Rado il Figo ha detto...

Io se avessi dei figli vieterei assolutamente di usare Wiki (specie quella italiana) per fare ricerche, data la sua conclamata inaffidabilità.

Anzi, la userei come esempio per insegnare loro a diffidare di prendere per oro colato quello che si trova in internet, in particolare quando si tratta di "fonti non originali".

Salvatore ha detto...

Bisogna fare molta attenzione, spesso ci scrivono inesattezze anche grossolane, anche se le voci "sospette" sono quasi sempre regolarmente segnalate.

C'è da dire comunque che l'encliclopedia inglese è molto più curata e dettagliata di quella italiana.

Paolo Attivissimo ha detto...

data la sua conclamata inaffidabilità...spesso ci scrivono inesattezze anche grossolane...

Ehm... Ma se le notate, sistematele, no? E' proprio questo lo spirito di Wikipedia. In un'enciclopedia tradizionale, se vedi un errore non puoi correggerlo. Qui sì. Criticare senza agire, quando viene data la possibilità di agire, mi sembra poco costruttivo.

Metal ha detto...

Concordo con Paolo, Wiki è uno strumento potentesissimo in grado di portare la libera conoscenza a chiunque tramite internet e si basa proprio sulla condivisione delle informazioni fra utenti a mio avviso. Le inesattezze e gli errori ci sono e può succedere ma se condividiamo il tutti lo stesso fine (ovvero di dare libero accesso alle informazioni e cultura a tutti) lo si può modificare, correggere, aggiornare ed arricchire!!

psionic ha detto...

No no... ormai abbiamo capito che rado preferisce custodire gelosamente gli errori che trova in wikipedia, in modo da poterne ostentare l'inaffidabilita' ogniqualvolta se ne presenti l'occasione.

In ogni caso, senza dubbio, Wikipedia in inglese e' la migliore tra tutte, e, data la sempre maggiore diffusione della lingua, vale la pena consultare primariamente quella, cosi' oltre ad "acculturarsi", ci si impratichisce anche, indirettamente, con la lingua inglese.

E, per la cronaca, gli errori ci sono anche nelle costose e ingombranti enciclopedie cartacee. E quelli no, non si possono correggere.

sgerwk ha detto...

Ma l'etichetta "Apparizione mistica" su questo post a cosa e' dovuta? Wikipedia piace anche a me, pero' addirittura "mistica"!

Paolo Attivissimo ha detto...

"Apparizione mistica" è l'etichetta autoironica che uso per indicare le mie capatine in TV o alla radio.

OrboVeggente ha detto...

i wiki progetti, checché se ne dica, hanno di fatto rivoluzionato il concetto di "reperimento informazioni".
Nessuno sano di mente si indebiterà più per comprare un'enciclopedia in TOT volumi, per quanto "prestigiosa" e "aggiornatissima" sia.
Concordo però con la maggior parte degli utenti. La Wiki da controllare (E DA INTEGRARE CON ALTRE RICERCHE in quanto mai fidarsi di una "voce" sola) è sicuramente quella in inglese.

Rado il Figo ha detto...

"Ehm... Ma se le notate, sistematele, no? E' proprio questo lo spirito di Wikipedia. In un'enciclopedia tradizionale, se vedi un errore non puoi correggerlo. Qui sì. Criticare senza agire, quando viene data la possibilità di agire, mi sembra poco costruttivo."

Come già ampiamente detto altre volte anche in questi lidi, ci ho anche provato, inutilmente. Anzi: alla fine i solerti amministratori censuravano le mie voci "originali" perché "scritte troppo bene" e lasciavano errori grossolani nella stessa pagina (vedi Italia 90). Oppure lasciavano che il classico "genio" mi correggesse "Paesi Bassi" con "Olanda".

E non dimenticherei mai di ricordare le due "regole auree" di Wiki: vale quello che pensa la maggioranza, anche se è sbagliato,e non si devono usare termini tecnici, altrimenti creano confusione.

Alla fine se per loro va bene così, contenti loro. Ma che non mi si venga a dire che Wiki sia considerabile minimamente affidabile, per carità di Dio.

Il problema è che purtroppo quando si parla di Wiki in certi ambienti è tale e quale parlare coi complottari. Stessi ragionamenti e sicumera. Anche qui ci sono stati utenti che hanno posto la seguente domanda: "ma secondo te vale più quello che pensa 1 miliardo di persone o quello che dicono 10.000 esperti.". Ma ti posso anche raccontare un aneddoto personale. A calcetto stavamo "disquisendo" sul Mondiale per Club e, in particolare, quali fossero i club che dovevano giocare lo spareggio per i quarti di finale, con due diverse ipotesi. Chiamati a "dimostrare" quanto asserito, i miei "opponenti" si sono presentati con la videata di Wikipedia, ovviamente sbagliata. Al che ho "risposto" mostrando loro il regolamento della competizione scaricabile dal sito della FIFA, che mi dava ragione. Risultato? Sorrisetti di compatimento, tutti graniticamente fermi nella loro posizione, errata, perchè "è il tuo regolamento ad essere sbagliato. Wiki non sbaglia mai! Se fosse sbagliato già sarebbe stato corretto, non ti pare?"

Superfluo, credo, ogni commento ulteriore.

OrboVeggente ha detto...

rado:
Superfluo, credo, ogni commento ulteriore.

Tranne uno: è vergognoso.
Quindi, primo esempio che mi viene in mente, quando sarà morta la maggior parte delle persone che "sanno davvero" com'è andato un certo evento, la maggioranza spingerà il resto del mondo a considerare "pura verità documentata" quella che oggi è opinione di minoranza senza voglia di approfondire...

Per fortuna è tutto in divenire, e Google sta lanciando un servizio molto più innovativo e potente...

boh, è sempre delicato mettere il "sapere" nelle mani della maggioranza.
Immagino le voci "libertà" e "umanità" scritte da un tedesco o un italiano degli anni '30... O da un sovietico degli anni '50.

Paolo Attivissimo ha detto...

Rado, forse me lo hai già detto: gli edit erano fatti come utente identificato (con una login) o anonimamente?

Potrei portare il tuo caso di fronte a un po' di altri wikipediani e vedere cosa ne viene fuori.

Anonimo ha detto...

orboveggente, togliti il dubbio.. attacca la tv e attendi :DDDD

Stefano Bubu ha detto...

Wikipedia è uno strumento grandioso, un po' meno lo sono i Wikipediani: saccenti e chiusi a riccio sulle loro posizioni.
Anche per il NPOV ci sarebbe da ridire parecchio.

axlman ha detto...

@ Stefano Bubu

Perché, hai mai visto uno strumento che decide da solo come usarsi? Ovvio xhe l'utilità di uno strumento risieda nell'abilità e preparazione e competenza di chi lo usa.

Rado il Figo ha detto...

Paolo, ti ringrazio ma per me Wiki è un capitolo chiuso.

Comunque i miei interventi erano sempre stati non anonimi, e fra l'altro uso sempre lo stesso "soprannome" in rete. Aanzi col primissimo ero stato giustamente redarguito (in quanto non avevo rispettato le regole di Wiki) perché avevo lasciato la mia firma sotto la voce che avevo inserito. Ma quello non era un problema (nel senso che avevo sbagliato io, per cui era giusto che venissi ripreso). I problemi sono iniziati quando sono capitato sotto le grinfie di un amministratore invidioso ed in palese malafede, che mi ha cancellato in toto un mio intervento senza alcuna motivazione credibile. Dato che il suo attacco diretto seguiva quello sistematico del classico genio che mi correggeva "Paesi Bassi" con "Olanda", senza che nessun amministratore intervenisse, e considerato che nella pagina ove era stato rimosso il mio intervento erano presenti due colossali errori (di cui rimasto lì finché in questa stessa sede non l'ho portato ad esempio),avevo provveduto a rispondergli colle giuste parole del caso (al contrario tuo io non ho pazienza quando sono attaccato senza motivo) dando a questo "bel tomo" la possibilità di sospendermi formalmente anche a ragione, da Wiki. Ma la sua malafede era conclamata, dato che oltre alle maleparole usate avevo fatto una controprova che aveva dato ragione ai miei sospetti.

Superato l'ingiusto ancorché legale bando, mi è stato teso un tranello (non so come definirlo tale): in pratica mi accusano di aver inserito una voce relativa ai cognomi italiani avendola copiata da un'altra fonte. Convinto che avessero preso un abbaglio (può capitare) rispondo di controllare meglio, dato che: a) non pubblico mai commenti anonimi (la voce era stata inserita così e coll'ID che era il mio, pare); b) dell'argomento non so nulla di nulla.
La risposta non si fa attendere: in pratica era una scusa solo per entrare nella mia pagina utente e "scoprire" che avevo avuto problemi coll'amministratore di cui sopra. Segue "soffiata" a questo il quale incarica un suo collega di sospendermi un'altra volta. Guarda caso dopo che avevo iniziato a correggere i pacchiani errori contenuti nella voce sul Mondiale per Club.

A questo punto, dopo che avevo cercato per vie "interne" di sapere come rimuovere tali tristi figuri da amministratori da Wiki, dato che danneggiavano solo la sua posizione, e non avendo ottenuto alcuna risposta, ho comunicato la mia intenzione di andarmene. D'altronde se a loro va bene così, che si tengano amministratori del genere che censurano e sospendono chi corregge gli errori presenti. Buon pro li faccia.

Ad onor del vero io risulto tutt'ora utente abilitato, ma solo "de jure", perché "de facto" non ho più alcuna intenzione di proseguire la mia collaborazione in tale ambito. E sono ancora contenuti tutti quello che ho scritto, e mi è stato scritto (eccetto il primissimo messaggio contro di me, cancellato una volta che si era chiarito l'equivoco da cui era nato), per cui chiunque può verificare quanto sto riportando.

Questo per dire che seguo e apprezzo moltissimo il tuo modo di "indagare", uguale metodologia che applico anch'io seppur nel ristretto e più semplice (come reperibilità di fonti originali) del calcio e dei suoi regolamenti (in particolare dei tornei), e mi dispiace molto che spesso uso come "fonte" Wiki italiana, che tutto è tranne che affidabile.

Replicante Cattivo ha detto...

Intendiamoci: Wikipedia non va preso per oro colato, ma è comunque un ottimo mezzo per farsi un'idea sull'argomento. Se devo informarmi su qualcosa che non conosco per nulla, wikipedia è la prima pagina in cui vado, perchè generalmente è scritta in modo chiaro e sintetico (più di un sito ufficiale). E' ovvio che se sto facendo una ricerca seria e ho bisogno di dati certi e dimostrati, non userò mai Wikipedia per una biografia o per recuperare numeri e percentuali. Ma e invece voglio solo avere un'infarinatura o un quadro generale allora vado su Wiki.
Per dire: se io, per curiosità, volessi sapere cos'è la fisica quantistica, che cos'è il miocardio, o chi era Schopenhauer, e di tutti questi argomenti non so nulla, piuttosto che finire su un sito didattico che mi dice tutto per filo e per segno -causandomi la noia o il disorientamento- vado su Wikipedia dove troverò una sorta di bigino, con tutti i vantaggi e limitazioni del caso. A quel punto cosa importa sapere se le cifre non sono esatte? Solitamente in questi tipi di argomenti è difficile trovare delle grandi castronerie, perchè c'è sempre qualcuno pronto a correggere.
Quindi, sapendo come utilizzarlo, wikipedia è un ottimo strumento,
Del resto anche google vi dà spesso risultati falsi, però non lo criticate per questo, vero? E prima di Wikipedia, quante volte eravate costretti a cercare tra i risultati utili prima di travare le informazioni che volevate? Almeno ora, c'è sempre la Wiki-pagina tra i primi 3-4 risultati.

I problemi di wikipedia sono:
- i vandali: persone che non hanno un cacchio da fare e vengono a rompere le balle solo per divertirsi e lasciare un segno del loro passaggio (rimane tutto in cronologia). E' assurdo che per postare in un blog devi registrarti, mentre su wiki puoi farlo liberamente: in questo modo, se uno ha IP variabile è praticamente libero di fare quello che vuole;
- i fissati: gente che quando provi a fare una correzione o un'aggiunta, te la cancellano con le scuse più puerili, magari perchè la pagina l'hanno scritta loro. Inoltre sono persone che sicome "Wikipedia dice che..." non sono per niente elastici. Ad esempio, wikipedia sconsiglia di inserire una sezione con le curiosità (su un gruppo, un personaggio, un film) per evitare che diventi un'accozzaglia di scemenze e inutilità. Ma talvolta in queste sezioni ci sono anche scritte cose interessanti e divertenti, che sono pur sempre un "di più" rispetto alle notizie più rilevanti. Ebbene, ci sarà sempre il "fissato" che dirà "le cuViosità non vanno inseVite" e ficca il cartello di avviso, anche se magari in passato era stato stabilito che quelle curiosità erano legittime e interessanti. Se per caso gli togli l'avviso, lui si incazza e lo rimette, parte la war-edit e si perde un sacco di tempo. Se poi lui è un utente anziano, prima o poi state tranquilli che l'avrà vinta.
- la questione "enciclopedicità": tante pagine che vengono messe in discussione perchè secondo qualcuno non sono enciclopediche. Ma in alcuni casi si sfiora il ridicolo. Ad esempio, i conduttori de tg hanno una scheda, ma gli inviati no. Tempo fa è stata cancellata (senza nemmeno discuterne) la pagina di Alessandra Rolla, inviata di Studio Aperto. Ok, la pagina era decisamente cattiva e irrisoria, ma il fatto è che il capoccione di turno l'ha cancellata non per le cose scritte, ma perchè era considerata "inutile". Giustamente vorrei poter sapere chi sono i personaggi che ogni giorno danno le notizie(anche in tono negativo: vorrei sapere che studi hanno fatto, che esperienza hanno, se sono novellini o gente con un bel curriculum). Mi sta bene vedere che nessuno ha ancora scritto la loro scheda; un po' meno vedere che è stata cancellata perchè ritenuta inutile.

Poi sapete che esiste una regola per cui un cantante diventa enciclopedico solo se ha realizzato due album? Quindi in teoria la pagina di Jeff Buckley andrebbe cancellata... Perchè un cantante che si è esibito al festival di Sanremo una sola volta dovrebbe essere ritenuta non enciclopedica? Che sia un esordiente o che fosse già semi-famoso, nel momento in cui partecipa ad un evento visto da alcuni milioni di persone, entra a far parte della storia musicale italiana, anche se poi diventa una meteora. E poi scusate: se io volessi documentarmi su un cantante meteora (e magari sapere che fine hanno fatto) mi infastidisce non trovare anche solo una brevissima pagna di informazioni.

Però provate a fare una ricerca sui pokemon; trovate TUTTO sull'argomento, roba che manco il loro creatore sapeva. Eppure quella roba è considerata enciclopedica.

Antonio ha detto...

Personalmente ho trovato una tale quantità di cretinate su wikipedia da non considerarla assolutamente attendibile. Ci sono persone che non hanno nessuna competenza eppure scrivono e si permettono di cancellare una tua modifica solo perché li hai corretti. Mi spiace ma ho poco tempo da perdere in guerre inutili...

Replicante Cattivo ha detto...

Se qualcuno frequentasse un corso di laurea in filosofia, Wikipedia sarebbe un tema molto interessante per una tesi sul concetto di libertà.

La libertà assoluta è un bene? E' giusto limitarla per far sì che tutti possono esercitarla allo stesso modo?

Rado il Figo ha detto...

Ancora una volta mi trovo praticamente allineato col pensiero di Replicante Cattivo (a proposito: novità sul "cane ucciso per arte"? a me l'organizzazione animalista non ha mai risposto alle mail, finché ci ho rinunciato).

In effetti quello che fa saltare la mosca al naso è che simili "fenomeni" di Wikipedia (italiana, sulle altre versioni non posso esprimermi), come nel mio caso, sono pure amministratori, una sorta di casta di intoccabili che si autoprotegge.

Non ho toccato l'argomento ma spaziando su altre voci ho letto discussioni incredibili ed interminabili su utenti che si accapigliavano in quanto uno aveva scritto "attore noto" e l'altro gli aveva cancellato "noto" perché non esprimeva un punto di vista neutrale (classica scusa dietro la quale i suddetti amministratori intoccabili si nascondono quando non sanno come giustificare le loro malefatte. Un po' come il "comportamento antirivoluzionario" di sovietica memoria).

Comunque pensavo di essere l'unico ad avere dubbi su Wiki: mi fa piacere vedere che ci sia qualcun altro.

Replicante Cattivo ha detto...

OT
Rado, per la faccenda del cane: poche settimane fa l'appello è tornato a girare tramite i bulletin di myspace, stavolta corredato con tutte le foto...che sono le stesse 4 foto che c'erano un anno fa: quelle di un cane denutrito e malconcio, ma non più denutrito e malconcio di un qualunque cane randagio che puoi trovare per le strade di una città. Anzi, in una foto pareva pure bello sveglio, non certo come un cane prossimo alla morte, ma come un cane malconcio che aveva finalmente trovato un po' di cibo. Comunque l'organizzazione (ma questo già ai tempi della discussione)ha bollato con una sonora VITTORIA la loro missione: infatti nonostante la petizione parlasse di far punire Vargas per l'assassinio di un cane, ora l'importante era che gli fosse vietata la partecipazione alla mostra dell'anno successivo (anche se ovviamente il divieto è arrivato indipendentemente dal risultato della loro petizione on line).
Come ho già detto: sarebbe come se io facessi girare un appello in cui chiedo la castrazione chimica per un pedofilo, ma poi esulto perchè al tizio in questione hanno semplicemente impedito di mettere piede in un asilo da qui all'anno prossimo. Se io sono convinto che lui sia pedofilo non posso certo considerare una vittoria. Se invece dicessi che mi va bene così, vuol dire che pure io ho lanciato un accusa pesantissima senza averne le prove: ed è così che si sono comportati quelli dell'associazione (e tutti quelli che hanno inoltrato l'appello)
Ma intanto questa notizia sta tornando a girare e non escludo che tra un po' cambieranno pure le date per "aggiornarla".

Fine OT

Rado il Figo ha detto...

OT

Quindi nessuna novità. Ero fermo anch'io ai tuoi dati, eccetto che la notizia fosse ricicciata fuori in tempi recenti.

L'ultima volta che ho risposto qui gli "irriducibili" mi avevano fornito la "prova" delle loro asserzioni: nella petizione da firmare si parlava di Vargas che aveva "solo" maltrattato il cane, ma non che l'avesse ucciso. Insomma: all'inizio la notizia è che Vargas ha ucciso un cane e bisogna firmare la petizione, poi quando si pone qualche dubbio si viene tacciati che è vera la notizia perché l'hanno copiata a destra e manca (anche se la famosa smentita via internet di Vargas non si è mai reperita in originale) ed alla fine la prova è che... la petizione non parlava di un cane ucciso!!

Ed il bello che gli "irriducibili" erano convinti di avere sempre avuto ragione, quando invece alla fine si sono tirati la zappa sui piedi da soli!!

fine OT

Replicante Cattivo ha detto...

Rado (e qui finiamo l'OT)
Ci sono dei nuovi commenti, forse proprio perchè la mail è tornata a girare. Mi piace molto il commento di Caoswonderland, che anzi chiede i link delle testimonianze dirette che -ops- non si trovano!!!

Gli altri invece dicono tutti la stessa cosa:
-"si vede chiaramente che il cane è denutrito e maltrattato" e non capiscono che questo accadeva PRIMA di essere messo in mostra, e questo per loro dimostrerebbe che non gli fosse stato dato a mangiare (come se tu prendessi un barbone, lo fai mangiare al ristorante e ti aspetti che alla fine del pasto sia pulito, lavato e col fisico in forma)
- "non l'avrà ucciso, ma comunque l'ha maltrattato". Della serie: tu sei colpevole in ogni caso, non importa quale sia la tua colpa.
- la petizione è utile, anche se non serve a niente, quindi io la firmo lo stesso...
- "e comunque sia la notizia è stata ufficializzata.ricordo telegiornali e giornali che scrivevano pagine e pagine su sta cosa." AHAHAHAHAHAHAHAHAHAH -__-'

Interessante il commento di Angela: mette in dubbio tutte le parole dell'artista. Libera di farlo: ma a quel punto perchè, se non per mero pregiudizio?

Ci vediamo di là...

Anonimo ha detto...

@replicante cattivo
OT
ci vediamo di là spero tu non intendessi all'altro mondo :D :D :D

Rado il Figo ha detto...

OT

Guido, e che diamine!! Lasciami fare le opportune grattatine di rito.

:-))