skip to main | skip to sidebar
14 commenti

Un litro d’olio vegetale inquina un milione di litri d’acqua?

Non buttate l'olio vegetale nel lavandino!


Sta circolando un appello a sfondo ecologico che sta suscitando curiosità e perplessità: siamo davvero tutti colpevoli di inquinare un milione di litri d'acqua ogni volta che buttiamo via l'olio della frittura?

Ecco il testo dell'appello:

URGENTE E' BENE SAPERLO PER LA TUA SALUTE E LA SALUTE DEL TUO MONDO

Sapete dove buttare l'olio della padella dopo una frittura fatta in casa?

Sebbene non si facciano molte fritture, quando le facciamo, buttiamo l'olio usato nel lavandino della cucina o in qualche scarico, vero? Questo è uno dei maggiori errori che possiamo commettere. Perchè lo facciamo? Semplicemente perchè non c'è nessuno che ci spieghi come farlo in forma adeguata.

Il meglio che possiamo fare è ASPETTARE CHE SI RAFFREDDI e collocare l'olio usato in alcune di queste bottiglie di plastica, o barattoli di vetro,chiuderli e metterli nella spazzatura.

UN LITRO DI OLIO CONTAMINA CIRCA UN MILIONE DI LITRI D'ACQUA, quantità sufficiente per il consumo di acqua di una persona per 14 anni.

Se tu scegli di inviare questo ai tuoi amici, l'ambiente ti sarà molto riconoscente.


Una volta tanto, un appello circolante in Rete ha un fondamento di verità: purtroppo il fatto che sia condito da informazioni di contorno fasulle lo può rendere poco credibile, ma comunque il suo messaggio di fondo è valido.

E' infatti falso che un litro d'olio vegetale inquina un milione di litri d'acqua, ma lo rende non potabile, per una questione di gusto, e può formare una pellicola che ostacola l'ossigenazione dell'acqua nei fiumi e nei laghi; ma e lo fa soltanto se arriva direttamente in falda, senza passare da alcun depuratore, come segnala per esempio questa società specializzata nello smaltimento di rifiuti.

E' però vero che l'olio va smaltito senza versarlo nel lavandino: intasa infatti le tubature e causa problemi anche ai depuratori più sofisticati. Il metodo corretto di smaltimento è collocarlo in un contenitore e portarlo allo smaltimento differenziato oppure, a seconda dei paesi, riporlo nella spazzatura tradizionale.

Va ricordato, inoltre, che l'olio vegetale può essere riciclato per creare sapone e biodiesel.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi.
Siate civili e verrete pubblicati, qualunque sia la vostra opinione: gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE: l'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo sito. Ciò significa che per poterla visualizzare senza problemi dovete assicurarvi che il vostro browser (tramite l'azione di qualche estensione, tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o altri programmi di protezione (antimalware, tipo Kaspersky) non la blocchino per qualche motivo e inoltre che sia permesso accettare i cookie da terze parti.
Commenti
Commenti (14)
E se l'olio invece di essere versato nel lavandino è versato nel wc? Il canale di smaltimento (e quindi l'effetto) è lo stesso?
mi sa proprio di sì charlie...entrambi i flussi finiscono nella medesima fognatura, non c'è una fogna dedicata per i cessi, non che io sappia almeno qui in Italia.

Nè esiste una raccolta differenziata per l'olio della frittura, che sarebbe più scomoda delle già esistenti raccolte per l'umido, la plastica, la carta, il vetro e l'alluminio...immagina che goduria un contenitore, mettiamo pure da un litro, che contenga il vario oliazzo rancido delle fritture, dai sofficini alle patatine, dai bastoncini al fritto misto... per carità, in nome della tutela ambientale spero ci arriveremo, ma se lo visualizzo nella mia mente quando lo apro per versarci il contenuto della friggitrice...BLUARGH! :D
Solo per dire che qui in provincia di Venezia la raccolta di olio alimentare usato viene fatta già da un paio d'anni... quindi qualche timido segnale di progresso in questo senso si vede!
uhmmm
ma e' cosi' difficile separare l'olio dall'acqua? Considerato che non si mescolano...

Boh.... e poi se non c'e' una raccolta differenziata di olio, mi viene da pensare che buttare una bottiglia di plastica piena di olio nel rifiuto secco non riciclabile, possa fare ancora piu' casino...
Ma, per carita', io non so bene come funzioni lo smaltimento o il ricicaggio dei rifiuti, ne la depurazione delle acque nere.
Sono solo ragionamenti a spanne...
Ad ogni modo fare una raccolta dell'olio in contenitori o bottiglie per poi gettarlo nella spazzatura tradizionale non mi sembra una cosa molto intelligente...
Dorebbero esserci contenitori appositi per uno smaltimento adeguato (se non sbaglio) e comunque come al solito in Italia siamo ancora piuttosto indietro su ste cose.
Nella rete fognaria esistono gli impianti di sgrassaggio e disoleazione...se funzionano.
Il Veneto, Treviso in testa seguita da Salzano è primatista italiana per riciclaggio di spazzatura.

Una recente legge passata pressochè inosservata impone a tutti i comuni la separazione della rete fognaria da mista a nera +a bianca.
La bianca rimane così nella vecchia rete fognaria che dopo 50 anni andrebbe sostituita, adempiendo così alla richiesta dei verdi che l'acqua sia distrivuita nel territorio e non raccolta dai tetti e portata in pochi singoli posti (tecnica giapponese).
Viene invece costruita una nuova rete di acqua nera per ovviare ai problemi di: sconnessione delle tubature, tubature in alcuni casi di cemento-amianto, incrostazioni merdose che ostruiscono i tubi.
Non è che l'ignoto autore si cOnfonde con l'olio minerale, visto che quello sì può inquinare migliaia di litri d'acqua..?
Per quanto riguarda il versarlo nel lavandino o nel water, credo dipenda dal tipo di impianto di scarico della casa. Se come la mia ha le fosse biologiche chiuse e separate tra acque grigie e nere, direi che ciò che biodegrada i nostri escrementi se la possa cavare anche con dell'olio vegetale.
(Altrimenti potrebbe essere riutilizzato, come consiglia qualche filmato su Youtube, filtrandolo e poi usandolo come sostitutivo del diesel... non oso pensare a cosa faccia al motore.)
Non che sia un esperto in rifiutologia, però:

1) non è vero che ciò che riesce a biodegradare i reflui, riesca a biodegradare anche l'olio vegetale. I batteri e l'olio fanno a pugni, non per niente un metodo tradizionale (noto a tutti...) per conservare gli alimenti è proprio quello di immergerli nell'olio. Per la stessa ragione, se si effettua il compostaggio domestico della frazione umida, bisogna cercare di limitare il più possibile la quantità di grassi nel cumulo, dato che ostacolano la degradazione;

2) dalle mie parti (Brianza) la raccolta dell'olio fritto si fa da moltissimi anni (direi almeno 10), però ho l'impressione che pochi partecipino;

3) l'idea di metterlo in bottiglie di plastica e gettarlo nella frazione secca non l'avevo mai sentita, ma in effetti non mi sembra malaccio (è forse uno dei mali minori): l'olio è un ottimo combustibile, e se la destinazione del secco è l'inceneritore, semplicemente si vanno a ridurre un po' (poco) le quantità di metano/petrolio impiegate.

Ovviamente la strada migliore sarebbe proprio quella della raccolta differenziata per destinarlo alla saponificazione (volendo non dovrebbe essere troppo difficile effettuarla anche in casa) o alla produzione di biocombustibili.

Ciao!
Anche la cacca è altamente inquinante, tuttavia continuiamo a buttarla nelle fognature. Per questo nel costo dell’acqua potabile paghiamo un supplemento per la depurazione. Nessuno infatti si sognerebbe di farla in un sacchetto e di buttarla nell’organico. Specialmente la diarrea!

La bottiglia dell’olio fritto direi di non buttarla assolutamente nella spazzatura: se si rompesse farebbe un gran casino!

Negli olii esausti non si può mettere, perché non si mescolano gli oli vegetali con quelli minerali.

In qualunque altro tipo di rifiuti non sarebbe al suo posto, quindi finchè pago il depuratore l’olio di cucina lo butto nel lavandino.

Gli americani, che hanno gli scarichi di cucina più larghi dei nostri, hanno sotto il lavandino un apparecchio che si chiama trituratore; loro non raccolgono nemmeno l’umido, lo smaltiscono giù per il tubo, come la cacca!

Ritornando al nostro olio, come pensi che venga trattato quando arriva in discarica?

1) Diluito con solventi e gettato nel depuratore = fatica inutile a differenziarlo.

2) Infilato in bidoni di ferro e stivato in un deposito = l’olio fritto è acido e presto corroderà il ferro.

3) Bruciato in un inceneritore = effetto padella bruciata moltiplicato xmila vote.

4) Mischiato con cemento e usato per produrre manufatti per l’edilizia (fantascienza) = betoniera antiaderente (e mattoni puzzolenti).

5) Smaltito “all’italiana” in maniera illecita = meglio buttarlo nelle fogne.

Infine: la minestra avanzata, il brodo di cottura, eccetera, sono da considerare alla stregua dell’olio?

Contengono anch’essi grassi animali e vegetali emulsionati che potrebbero inquinare l’acqua!
La mia risposta all'amico che mi aveva inviato la mail fu più o meno così: perchè fare preferenza per i ratti terricoli piuttosto che quelli di fogna?
Perchè la differenza sta tutta qui: mettere l'olio imbottigliato nel cassonetto vuol dire mandarlo ai topi di discarica piuttosto che a quelli di fogna.
Ok vada anche per la raccolta dell'olio, ma buttarlo nella spazzatura, non mi sembra una buona idea, perchè andrebbe comunque perso. Piuttosto, mi piae l'idea di riutilizzarlo, ma come faccio a sapere le ditte più vicine a me? Non sarebbe meglio organizzare una raccolta casa per casa, tipo una volta a settimana, oppure una raccolta presso centri come supermercati e centri commerciali?
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ma veramente nessuno ha la raccolta degli olii esausti?

Nelle eco-piazzole del mio comune (Udine) c'è lo spazio di raccolta sia per gli olii minerali sia per quelli vegetali.
Non ho idea di cosa ne facciano ma mi sembra la soluzione migliore..
Paolo Attivissimo wrote:
"E' infatti falso che un litro d'olio vegetale inquina un milione di litri d'acqua, ma lo rende non potabile, per una questione di gusto"

L' appello dice contaminare, non inquinare, per cui se è vero (cosa tutta da dimostrare) che rende non potabile non dice il falso.

Inoltre la fonte citata mi pare un tantinello di parte e non mi pare si faccia riferimento ad alcuno studio controllabile (manca la fonte originale da cui esca questo milione di litri).

Per di più non mi convince.

Prendendo un millitro di olio usato di frittura e miscelandolo a 1000 litri d' acqua, qualcuno è in grado di percepire una differenza di sapore &/o di odore?
Direi proprio di no.

Ma non vi chiedo di credermi.
Potete verificare di persona.
Bastano due bottiglie da un litro, due siringhe, olio da frittura usato ed un rubinetto con acqua potabile.
Riempite le due bottiglie con acqua del rubinetto.
Con la prima siringa prendere un millilitro di olio usato per fritture (meglio se di pesce, non mi piace vincere facile) metterlo nella prima bottiglia e scuotere per dieci minuti.
Con la seconda siringa prendere a questo punto un millilitro dell' emulsione ottenuta, metterlo nella seconda bottiglia e scuotere per dieci minuti. (rif. Il piccolo omeopata)
Verificare che il sapore del contenuto della seconda bottiglia è identico a acqua del rubinetto.
Non venitemi a dire "secondo me si sente" se non avete fatto la prova.
Io l' ho fatta (con olio di una sola frittura però, non friggo mai due volte con lo stesso olio: il sapore ne risente).

Una vesione dotata di qualche tipo di ufficialità era presente nel 2008 su un sito della polizia elvetica ma ora non esiste più anche se parte di quel documento è possibile trovarla sul sito del Cantone dei Grigioni all' indirizzo http://www.gr.ch/DE/institutionen/verwaltung/ekud/anu/dokumentation/Merkbltter/2008/bm020i_PSO.pdf.
Da notare che in questo caso si parla di oli minerali, e non vegetali.
Molto più credibile.
Questo articolo sulla stessa linea: oli minerali, non vegetali.
http://www.ilb2b.it/node/3417

Ciao

Carson