skip to main | skip to sidebar
338 commenti (ultimi)

Il raggio della morte di Marconi (seconda parte)

Raggio energetico ecologico occultato dal Vaticano, risponde l'autore dell'articolo sul Giornale


Questo articolo vi arriva grazie alle gentili donazioni di "masdeca" e "therunner".

Mi ha contattato Rino Di Stefano, autore dell'articolo "Il raggio che produce energia. Gratis" pubblicato dal Giornale in prima pagina il 6 luglio scorso e discusso in questo mio articolo. Mi ha chiesto di non pubblicare il contenuto del nostro scambio di mail e rispetto la sua richiesta. Mi ha però dato il permesso di segnalare le scansioni del "contratto" e della "relazione tecnico-scientifica" che Di Stefano cita come documenti nel suo articolo.

Scaricateli ed esaminateli: garantisco che ne vale la pena. Ci sono alcuni passaggi che saranno di indubbio interesse per i fisici che leggono questo blog. Eccone uno:

"Il processo attuato dalle apparecchiature ZAVBO è una scoperta scientifica che apre nuovi e sereni orizzonti ecologici, perché permette di realizzare LA TRASFORMAZIONE DELLA MATERIA IN ENERGIA. OGNI MATERIA ESISTENTE SUL PIANETA TERRA, ed in qualsivoglia quantità determinata, può essere IONIZZATA dall'apposita macchina ZAVBO. Ed è accertato e verificato che nel tempo della ionizzazione si PRODUCE UNA ENORME QUANTITA' DI ENERGIA ASSOLUTAMENTE PULITA".

Un altro:

"... i programmi ZAVBO sono capaci di smaltire completamente, IONIZZANDOLI, tutti i tipi di scorie e di rifiuti, di qualsiasi genere, radioattivi o tossici... E' quindi possibile ionizzare ed eliminare tutte le scorie radioattive, quelle tossiche, gli olii esausti, il piombo delle batterie, i rifiusi solidi urbani, gli escrementi dei suini, ecc. ecc."

Intanto vi propongo i dettagliatissimi schemi delle centrali energetiche super-ecologiche che vengono presentati nella "relazione tecnico-scientifica".


Se ci saranno ulteriori sviluppi del dibattito con Di Stefano, li segnalerò qui.

Intanto vi propongo una chicca: ricordate il mio liveblogging dal convegno ufologico di Lugano, in cui mi proibirono di mostrarvi le immagini del documentario della Rai dedicato al plurialienorapito Zanfretta? Ora ve le potete godere in tutto il loro splendore trash anni Ottanta qui. Sì, sul sito di Rino Di Stefano.

Aggiornamento (23:20): un lettore, Simone.G, mi segnala un fatto curioso. Di Stefano, nel suo articolo sul Giornale, dice che i documenti che ha visto erano "strettamente riservati", in particolare "la relazione tecnico-scientifica che il 25 ottobre 1997 la Fondazione Internazionale Pace e Crescita ha fatto avere soltanto agli addetti ai lavori". Allora come mai nei forum di Peacelink se ne parla a gennaio del 2001? Ecco la schermata:


Di Stefano ha inoltre reso pubblico un altro documento: la Relazione illustrativa della Fondazione Inrernazionale Pace e Crescita. Contiene altre perle, come questa: "L'apparecchio, infatti, è in grado di produrre ed emettere sino a notevoli distanza anti-atomi di qualsiasi elemento esistente sul nostro pianeta che, diretti contro una massa costituita da atomi della stessa natura ma di "segno" opposto, la disgregano ionizzandola senza provocare alcuna reazione nucleare.."
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (338)
Ora ve le potete godere in tutto il loro splendore trash anni Settanta qui.

Il trash anni Settanta non si tocca!!! :-D
C'è dentro anche Pink Flamingos di Waters, con l'ineguagliata Divine, e altri film del genere, ad esempio Polyester, che però appartiene al decennio successivo.
Ma forse il termine qui sta a indicare il contenuto, e non la categoria estetica: in italiano corrente, si taccerebbe di pattume.
E' bello notare come il suono di alcune parole inducano ad un potere quasi sovrannaturale: "ionizzare", sto giornalista si è fatto una cultura di Daitarn 3 e Ufo Robot al posto della fisica di base.
ecco, ora è tutto chiaro. Scemi noi a non capirlo prima!
Beh, dai.... 100 milioni di dollari americani (di cui 85 per le macchine ZAVBO) sono un affarone: non ci compri nemmeno 50 tram con quella cifra!

Potrei mettere in commercio la mia tecnologia ad olio di mozzarella concentrato, magari è un po' meno efficiente di questa ma la vendo a molto meno: diciamo che mi accontento di 10 milioni di dollari.

Accreditati su un conto nel Liechtestein, grazie. :D
Ahahahahahah i progetti!!! Ahahahah
A me sembra un modo piuttosto fantasioso per propagandare gli inceneritori. Il mito che bruciando i rifiuti si crei energia e calore, in Italia chiamata termovalorizzazione.
In realtà bruciare i rifiuti è piuttosto stupido, vi sono molte materie che potrebbero essere convenientemente riciclate.
Ad esempio bruciata della plastica è necessario estrarre nuovo petrolio per produrne altra mentre se riciclata...
Ma forse sto esagerando e vedendo un complotto affaristico-lobbistico in una semplice favola.
Certo che pubblicata in prima pagina, poi si lamentano se non si comprano più i quotidiani.
non ci posso credere, è sconcertante che un giornalista possa abboccare a cose simili
@pippolillo

non è un inceneritore perché è scritto chiaramente che non brucia ossigeno, non produce scarti

la cosa più bella è quando dice che il raggio può attraversare materie, anche biologiche, senza colpo ferire

del nome di Marconi comunque non ne ho trovata traccia, voi sì?
In pratica, ha aggiunto deliri a quelli già esposti. Siamo messi bene siamo...
Ma allora è convinto????? Ossignur....
Pink Flamingos di Waters, con l'ineguagliata Divine

brrr, mi vengono i brividi a ripensare a certe cose. Quello si che è un film (ma è possibile che il ricordo sia legato indissolubilmente al 'cane'?)

Riguardo ai 'documenti scientifici' non c'è niente da dire, a parte il fatto che c'è qualcuno che crede ancora che se una cosa è scritta è vera, in un'epoca in cui si falsificano pure i filmati.
Io non sarò un fisico, ma quelli del progetto mi sembrano semplicemente vaneggiamenti. Possibile che un giornalista possa prendere sul serio delle fesserie simili e pubblicarle senza nemmeno consultare un esperto? Sarà perché gli esperti sono al servizio del NWO...
comunque per dimensionare la questione, Di Stefano crede alle storie di Zanfretta, ci ha anche scritto un libro
Il relatore doveva capirne di fisica per chiamare "ionizzazione" l'annichilazione tra materia ed anti-materia! Caspita che fisicone!

E poi me lo voglio proprio vedere un impianto in cui si annichilano tonnelate di rifiuti con tonnellate di anti-rifiuti....sai che fuochi d'artificio!! Per la cronaca, la reazione di 1 kg di antimateria, con 1 kg di materia produce 1,8×10^17 J di energia, vale a dire pari a quella di oltre 3.000 bombe atomiche di Hiroshima. 2 Kili di spazzatura! Moltiplicate per le centinaia di migliaia di tonnellate di spazzatura che si dovrebbero annichilare, e ditemi voi come diavolo potrebbero lavorare questi impianti. Ma per favoreee!!!!
@enrico

il problema più grande è trovare gli anti-spazzini che portano l'antimmondizia al centro di trasformazione...
@theDrakkar

...e delle loro anti-pensioni ne vogliamo parlare? Per come sta messa l'INPS....pure quelle ci mancano! :-))

Io mi vado a fare un anti-pizza va....

Ciao!
wow come nel film envy, dove ben stiller e jack black facevano sparire la cacca di cane con uno spray!
ops....un'anti-pizza...pardon
anche a te quando senti parlare di antimateria ti viene lo schiribizzo di mettere anti davanti a tutto? io non posso quasi farne a meno :-)

anzi

anti:-)
Cavolo, una laurea in fisica (la mia) buttata alle ortiche. Come ho fatto a non capire che bastava ionizzare i rifiuti per ricavare energia?!

La cosa drammatica, comunque, è che ci sono moltissimi che credono a queste panzane semplicemente perché non sanno cosa significa ionizzare e non hanno nemmeno una vaga idea di cosa sia un atomo.

Ho un attacco di sconforto...
ci sono moltissimi che credono a queste panzane semplicemente perché non sanno cosa significa ionizzare

non è una gran giustificazione, ci sono asciugacapelli ionizzanti, ionizzatori d'aria eccetera e nessuno di questi apparecchi funziona da solo, anzi maledetti vogliono essere attaccati alle prese di corrente..

ergo è idiozia non ignoranza
Accademia dei Pedanti

Il trash anni Settanta non si tocca!!! :-D
C'è dentro anche Pink Flamingos di Waters, con l'ineguagliata Divine, e altri film del genere, ad esempio Polyester, che però appartiene al decennio successivo.
Ma forse il termine qui sta a indicare il contenuto, e non la categoria estetica: in italiano corrente, si taccerebbe di pattume.


No... i film da mezzanotte NOOOO!!!

E come non ricordare, seppur del 1988, la versione cinematografica di Hair Spray con Divine nella parte della mamma? Altro che Johntra(Volta) en travesti.
Costruitemi una torre di ionizzazione sul terrazzino della mia stanza. Vi prego!!! La voglio!!!
non siam mica del Vaticano noi

o sì?

colleghi, ma nello SMOM c'è anche il Vaticano? non ricordo
Cito testualmente dalla relazione.

Detti raggi non interferiscono nei sistemi di trasmissione, ne alterano le comunicazioni

Non è che il resto sia più comprensibile o meglio scritto (da laureata in lettere, posso dare giudizi solo su quanto di mia competenza).

Accademia... dove sei???
Pesco a caso un appunto tra i milioni che possono essere fatti ad una simile panzana: per trasformare la materia in energia si deve usare un procedimento che si chiama annichilazione, secondo i pochi ricordi che ho di fisica delle particelle. In tutto l'articolo, invece, si continua a parlare di ionizzazione, che e' un processo infinitamente piu' semplice da realizzare (per dire, in un tubo al neon acceso il gas viene ionizzato dalla scarica innescata) e che consiste banalmente nel dare carica elettrica agli atomi modificandone il numero di elettroni, ovviamente apportando energia, non ricavandone (o meglio, tornando a bilancio nullo quando quando la carica e' riequilibrata).

Credo basti questo per capire che chi ne scrive (e chi disegna alberelli) non ha la piu' pallida idea di cio' di cui sta parlando.
Detti raggi non interferiscono nei sistemi di trasmissione, ne alterano le comunicazioni

significa che tale radiazione non interferisce con le apparecchiature di telecomunicazione (sistemi di trasmissione), ma solo con il contenuto (la comunicazione)

o no? =D
˙ɐɹɹǝʇ ɐp ıʇɐʌǝןǝɹd ıʇʇǝƃƃo ıɔıןdɯǝs uoɔ ıʇuɐʇıqɐ ıןƃ oɔɔɐɔs oʇʇos ɐʌǝuǝʇ ǝɹʇsǝɹɹǝʇ oʇıpuɐq un ǝ ıʇɐıɔsǝʌoɹ ouɐɹǝ ıʇʇǝɯnɟ ı ınɔ uı ɐıɹǝʇɐɯıʇuɐ ıp ɐʇǝuɐıd un uoɔ 'ouıןodoʇ ıp ɐıɹoʇs ɐun ɐpɹoɔıɹ ıɯ
ora non te ne vai fino a che non mi dici come si chiama il software per scrivere al rovescio :)
ʍı[ɾosoʇɟ ɯoɾd
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Per L'economa domestica

Cito testualmente dalla relazione.

Detti raggi non interferiscono nei sistemi di trasmissione, ne alterano le comunicazioni

Non è che il resto sia più comprensibile o meglio scritto (da laureata in lettere, posso dare giudizi solo su quanto di mia competenza).

Accademia... dove sei???


Ma vai pure a leggerti la relazione? Lo ha detto Paolo Attivissimo, è puro genere trash. Almeno nel finale di uno dei film citati Divine a modo suo faceva pulizia: un rifiuto solido spariva. Magari i giornalisti si potessero raccattare da terra così facilmente...
La cosa più vagamente simile (no, ok simile è un parolone, diciamo che è solo un'associazione di idee) a questa roba che io conosca è la torcia al plasma per lo smaltimento dei rifiuti. Ma ovviamente non c'entra nulla con la "ionizzazione" che fa sparire la materia.
Comunque questa sarebbe una "relazione tecnica"? Se provassi a produrre una roba del genere con il più scalcinato dei clienti... beh, sarebbe l'ultima della mia carriera
@Accademia
Io l'ho pure letta. Ma facevo bene a fidarmi di Paolo...
Comunque IL GIORNALE come quasi tutti i giornali cartacei prende un finanziamento pubblico da tutti noi. Mi sembra che l'unico che non li prenda sia IL FATTO QUOTIDIANO.
C'è questa puntata di Report del 2006 dal titolo "il finanziamento quotidiano" che analizzava la questione.
Pertanto mettetevi il cuore in pace, anche se non comprate questa robaccia li finanziate lo stesso.
A me la seconda parte della descrizione (beh in realtà quasi tutto, se si eccettua la frase "produce una enorme quantità di energia") ricorda la descrizione di inceneritori con tecnologia al plasma, ovvero inceneritori con temperature di funzionamento molto elevate (7000-13000°C) che permettono, apportando (e non ovviamente generando) molta più energia, di creare reazioni di combustione più rapide e con meno residui tossici o incombusti. Il plasma è un gas ionizzato e da qui potrebbe essere nata la confusione.
ah, e ovviamente anche la torcia al plasma di cui al commento sopra ha bisogno di essere "attaccata alla presa della corrente"
C'è una impressionante rassomiglianza, nello stile e nei contenuti, con le cose che dice Schietti. E, più in generale, con quello che dicono tutti gli "scienziati pazzi" di cui è sempre stato pieno il mondo.

Ma non è per questo che scrivo. E' per dire che questo vezzo sempre più ricorrente di chiedere di non pubblicare la corrispondenza privata è indice di una vigliaccheria spaventosa. Vigliaccheria tanto più inaccettabile quando si tratta di personaggio, che facendosi forte della (discutibile) autorità del suo giornale, quando c'è da intortare il pubblico sparandogli notizie palesemente false, dell'usare il proprio nome firmando gli articoli scrupoli non se ne fa di certo.
mi riferivo al mio commento di sopra (#33) ma ho visto che airone76 ha scritto la stessa cosa...
Gran bella persona Di Stefano!
Ecco perché me lo ricordavo…
http://www.rinodistefano.com/it/info/annozero.php
Per chi non l'avesse intuito… era ironico!
:D
Piu' uno crede alle ca*zate che pubblica, e piu' sembrano ca*zate...

Mamma mia che pena...
Ammetterà Di Stefano di aver preso un granchio e pubblicherà una rettifica? Boh, chissà se suoi lettori bazzicano da queste part...
Da qualche giorno, in Paradiso, Marconi lo chiamano "Trottolino"
@gian

suoi lettori

?!? non credo esistano
airone76 #36
A me la seconda parte della descrizione (beh in realtà quasi tutto, se si eccettua la frase "produce una enorme quantità di energia") ricorda la descrizione di inceneritori con tecnologia al plasma


Infatti.

C'è da aggiungere che gli inceneritori con tecnologia al plasma sono la soluzione finale per lo smaltimento dei rifiuti esclusi quelli radioattivi: così mi spiegò, alla fine degli anni '90, un ingegnere che si occupava di questi impianti.
Aggiunse che sarebbero occorsi molti anni per una diffusione su larga scala, a causa dei problemi tecnici e di costi da risolvere.
Lo... lo schema :D Mi ricorda l'aereo con le emorroidi di Straker :D
dalla tua definizione deduco che le tue "emorroidi" sono simili: ho il dispiacere di informarti che le emorroidi non sono così e che quindi devi urgentemente farti vedere da un proctologo...
Qualche anno fa giocavo ad un gioco di ruolo on-line ambientato nell'universo di Star Trek, con spiegazioni piene di "tecnobubbole" avevo trovato un modo per fare fuoco con i siluri fotonici da un Bird of Prey klingon con il dispositivo di occultamento inserito (così come si è visto in Star Trek VI).
Ho usato meno paroloni pseudiscientifici ed il mio discorso era più coerente della "relazione tecnico-scientifica"
LOL
" ho il dispiacere di informarti che le emorroidi non sono così"

Prova a IONIZZARTI il deretano prima di essere così categorico :D
LOL
Aha! Mi ricordo, a proposito di quell'articolo, anche la spiegazione a corredo, del tipo " ovviamente l'aereo non può essere decollato già munito di quell'appendice, che ovviamente deve essersi congiunta al velivolo durante il volo".

Che a me suona tipo:

"Ora non voglia che tu crede io pazzu sciruccato: io capiscia che carrellu moltu più corta de cistone pusteriora e gratta su pista, perché iu no cretinu, iu intelligentu e perspicaciu, io geumetér!"
non credo sia così il dialetto sanremese O_O
E' il gergo dei cavernicoli: "si piscia troppa fori de vaso poi homo sapiente me mazza , ma iu cretinu e piscia lu stessu" :D

Tralaltro nella mia vita ho avuto a che fare con un cretino integrale che aveva fattezze cranico-facciali incredibilmente simili a quelle di Straker.

Coincidenze?

Noi di Boyager pensiamo che vada rivalutata la frenologia in chiave moderna :)
tu lo sai che le teorie di Lombroso erano vere ma gliele abbiamo ridicolizzate noi dello SMOM o meglio i nostri colleghi del diciottesimo secolo?
"tu lo sai che le teorie di Lombroso erano vere ma gliele abbiamo ridicolizzate noi dello SMOM o meglio i nostri colleghi del diciottesimo secolo?"

Sì lo so, purtroppo con Hahnemann abbiamo avuto minor fortuna.

In ogni caso, penso che i commenti sotto al terrazzino siano più o meno di questo tenore: "Waoah! Straker ci ha fatto venire l'unghia al belìno!"
In ogni caso, penso che i commenti sotto al terrazzino siano più o meno di questo tenore:

mio dio parlano così anche i truzzi di Barriera di Milano

l'ho sempre detto io che la Liguria occidentale è tutt'uno col Piemonte

:)
Il video di Zanfrettaaaaaaaaaaaaaaaaaa.
Che mito.

Non avrei mai pensato di poter rivedere la perla seconda soltanto a Turist Ömer Uzay Yolunda.

Spettacoloso!
ciao, io ho un dottorato in fisica, ed e' piu' o meno da questo pomeriggio che mi contorco negli spasmi convulsi della risata. Seriamente, c'e' piu' fisica in un romanzo di Dan Brown (il che e' tutto dire) che in questa scemenza. Ne' si puo' "perdonare" l'alacre giornalista con il beneficio dell' "aver preso un granchio". Queste sono cretinate belle e buone, al di fuori di qualunque logica e senso. Prima di dover "verificare" le fonti, un giornalista dovrebbe sincerarsi di poterle "capire": altrimenti che torni alla cronaca rosa.
@alessandro

forse può interessarti anche questa discussione:

http://attivissimo.blogspot.com/2010/07/borghezio-vuole-desecretare-le-info.html
Sono felice!
Temevo che certe mie fantasticherie gelosamente celate per non farmi passare per pazzo fossero una mia deviazione.
Ora vedo che
1) c'è chi mi batte alla grande
2) lo mette per iscritto (belle le firme però..)
3) c'è qualcun altro che recupera quanto ai punti 1 e 2
4) il soggetto attivo del punto 3 ci guadagna pure uno stipendio nel fare ciò!
Ragazzi, questi sì che sono EFFETTI SPECIALI! :-(
Repubblica, nel 1984, indagava su una truffa circa un raggio della morte e una forma d'energia pulita a costo 0. Direi che è la stessa storia.

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1984/11/27/tredici-miliardi-per-mercanti-armi-con.html
Qui siamo di fronte a un esempio chiarissimo di *antimateria grigia*.
E non mi riferisco solo ha chi ha scritto quelle scemenze da film di fantascienza di serie C, ma soprattutto a chi gliele ha fatte pubblicare in prima pagina.
la "rappresentazione del progetto" è una villa con piscina?
santiddio...
secondo me è anche interessante ricordare che si tratta di una vecchia truffa già rigirata in tutte le maniere possibili da un tipico gruppo di faccendieri legati alla destra e alla monarchia

http://ricerca.repubblica.it/repubblica/archivio/repubblica/1984/11/27/tredici-miliardi-per-mercanti-armi-con.html
ops, non ho visto che era già presente poco sopra, pardon
Questa E' Disinformazione con la V maiuscola!

Da ANNI noi in Facoltà utilizziamo la macchina ZABOV, e con OTTIMI risultati!

Ricordo la classe dell' Asilo di fronte a noi, che venne a farci una consulenza per la progettazione dell' intera centrale, ridisegnandola a colori riempiendo gli spazi appositamente numerati!

E' un errore di sbaglio dire che la centrale non funziona, gli anticosi si ionizzano, e viene prodotta energia in quantità tali che dobbiamo stoccarla in antibidoni.

L' unico problema è l' antipuzza, ma ci stiamo lavorando!!!

Vi assicuro che il nostro team d' esperti (Giacobb, DeCan e il Professor McSarcazz) sta studiando assieme ad esperti pescatori coreani il modo di eliminare questi inconvenienti.

a Presto!!!!!!!

Vostro
Antonello Stocazzo Ph.D
Magnifico e AntiProtonico Rettore della
Libera Università di Stocazzo
(Sede Legale a Vergate sul Membro)
Per Riccardo (D.O.C.)

Ma non è per questo che scrivo. E' per dire che questo vezzo sempre più ricorrente di chiedere di non pubblicare la corrispondenza privata è indice di una vigliaccheria spaventosa.

Ma no, perché? Un giornalista che scrive a un altro giornalista può chiedergli di mantenere il segreto professionale. Non ci vedo alcuna gravità.

Vigliaccheria tanto più inaccettabile quando si tratta di personaggio, che facendosi forte della (discutibile) autorità del suo giornale, quando c'è da intortare il pubblico sparandogli notizie palesemente false, dell'usare il proprio nome firmando gli articoli scrupoli non se ne fa di certo.

Non è che per il fatto che uno scrive quotidianamente su un giornale cessa di avere una vita privata.
Dopodiché tutti noi ci chiediamo che utilità abbia scrivere in privato a un weblog che stronca un articolo, e impedire la divulgazione del proprio pensiero. Una rettifica che non rettifica? Un tentativo di far cambiare opinione? Boh...
Per Faber

C'è da aggiungere che gli inceneritori con tecnologia al plasma sono la soluzione finale per lo smaltimento dei rifiuti...

Non so se è voluto, e non avrei voluto invocare la legge di Godwin: sottolineo che l'accostamento fra incenerimento e soluzione finale è quantomeno infelice. :-)
Ma come neppure una volta si usa il termine "quantistico"?
Dilettanti!!!
Per Pippolillo

Comunque IL GIORNALE come quasi tutti i giornali cartacei prende un finanziamento pubblico da tutti noi. Mi sembra che l'unico che non li prenda sia IL FATTO QUOTIDIANO.

E secondo me Il fatto quotidiano farà la stessa fine de La voce diretto da Indro Montanelli, a cui Travaglio collaborò con dedizione. O, se preferisci, la stessa fine de L'occhio di Maurizio Costanzo (ammesso che se lo ricordi qualcuno oltre me). Rimarrà solo il sito web.
Purtroppo, senza uno straccio di relazione tecnica relativa all'apparecchiatura (indicata sotto il nome "Zavbo"), tutte le parole e le energie che si stanno spendendo soddisfano solo l'ambito delle mere congetture (e restano quindi da confermare o confutare). La relazione tecnica riprodotta è relativa ad un complesso edile ed è relazionata alla costruzione di un'opera di ingegneria civile.
Infatti, scrivendo genericamente di fantomatici raggi non si prova la loro esistenza.
Di base, senza documenti e prove, tutte le meraviglie descritte sono fantascienza pura alla stregua degli UFO sulla Terra.
@Accademia dei pedanti ♂
E secondo me Il fatto quotidiano farà la stessa fine de La voce diretto da Indro Montanelli, a cui Travaglio collaborò con dedizione

"La Voce", putroppo, aveva sponsor, aveva finanziatori. Quindi, aveva padroni.
Il Fatto Quotidiano, invece, vive di abbonamenti e di vendite in edicola, e quindi ha UN solo padrone: I LETTORI.
E ci sono: PRIMA ANCORA che uscisse in edicola, ha venduto oltre 60mila abbonamenti "cartacei" ed altri 90mila in formato PDF. A "SCATOLA CHIUSA". Oltre alle vendite in edicola, che si allargano di giorno in giorno (lo so, perche' controllo sempre quali edicole lo ritirano, e TUTTI mi dicono che la richiesta e' tanta).

L'Italia non è morta del tutto, per fortuna. Qualche giornalista SERIO c'e' ancora. Padellaro, Travaglio, Attivissimo ed altri ancora.
E, per fortuna, c'e' anche -ancora- FAME di informazione VERA. ;)
@ ST....O
Da ANNI noi in Facoltà utilizziamo la macchina ZABOV, e con OTTIMI risultati!
e te credo! ZABOV è un concentrato di energia.

http://www.zabovmoccia.it/ita/index.php
@L'Accademia dei pedanti

L'occhio !!! Tu ti ricordi de "L'occhio"! Ai tempi fu uno dei casi in cui sono stato orgoglioso di essere italiano: un simil-SUN o simil-Bild costretto a chiudere, quasi subito, per mancanza di lettori. Ripensandoci tutto poteva essere dovuto al fatto che i nostri quotidiani "seri" fornivano già una sufficente dose di notizie spazzatura e il mio orgoglio è scemato.

"La Voce" era un giornale bruttino e vendeva poco pur se diretto da Montanelli, invece "Il Fatto" vende parecchio ed ha un'interessante politica di distribuzione che ne ottimizza i costi: non credo chiuderà a breve.
Purtroppo non condivido l'entusiasmo di tanti al riguardo: è comunque un giornale di parte, anche lì capita che scrivano freak svalvolati (Massimo Fini) e persino interviste addomesticate pro amici (Luttazzi).Certo nell'attuale panorama desolante italiano è comunque un'esperimento interessante: io non temo che chiuda, temo che si Repubblichizzi. Spero di sbagliarmi...
Per Infinity

E secondo me Il fatto quotidiano farà la stessa fine de La voce diretto da Indro Montanelli, a cui Travaglio collaborò con dedizione

"La Voce", putroppo, aveva sponsor, aveva finanziatori. Quindi, aveva padroni.
Il Fatto Quotidiano, invece, vive di abbonamenti e di vendite in edicola, e quindi ha UN solo padrone: I LETTORI.


Nessun giornale nel XXI secolo può permettersi di vivere senza finanziamenti e senza pubblicità. Vedi ad esempio, dal primo numero, a pagina 6, in basso.
Per Bera

L'occhio !!! Tu ti ricordi de "L'occhio"! Ai tempi fu uno dei casi in cui sono stato orgoglioso di essere italiano: un simil-SUN o simil-Bild costretto a chiudere, quasi subito, per mancanza di lettori.

Come impostazione era simil Sun e simil Bild, hai ragione. Ma nel Sun ci sono giornalmente palate di... deiezioni lanciate contro questo o quello, feroci pettegolezzi su personaggi e fenomeni vari: sono cose che costano, e L'Occhio non poteva permetterseli, da ciò che ricordo. Si è trattato di un esperimento di celebrare nozze sontuose coi fichi secchi.

Ripensandoci tutto poteva essere dovuto al fatto che i nostri quotidiani "seri" fornivano già una sufficente

Sufficiente.

dose di notizie spazzatura e il mio orgoglio è scemato.

Un giornale scandalistico c'era già: La notte. Nella stessa città della casa editrice de L'occhio: Milano

"La Voce" era un giornale bruttino e vendeva poco pur se diretto da Montanelli, invece "Il Fatto" vende parecchio ed ha un'interessante politica di distribuzione che ne ottimizza i costi: non credo chiuderà a breve.

Mai lasciarsi entusiasmare dai numeri di vendita e di abbonati iniziali. Anche L'occhio all'avvio non andò mica così male. Poi, col tempo...

Certo nell'attuale panorama desolante italiano è comunque un'esperimento

Un esperimento.

interessante: io non temo che chiuda, temo che si Repubblichizzi. Spero di sbagliarmi...

Un altro esperimento più recente di giornalismo popolare e simil militante fu Il telegiornale, quello che aveva come "garante del lettore" Antonio Di Pietro (e infatti c'era la sua fotina come logo, sotto il titolo) e diretto da Gigi Vesigna. Durò due mesi.
"L'apparecchio, infatti, è in grado di produrre ed emettere sino a notevoli distanza anti-atomi di qualsiasi elemento esistente sul nostro pianeta che, diretti contro una massa costituita da atomi della stessa natura ma di "segno" opposto, la disgregano ionizzandola senza provocare alcuna reazione nucleare.."

Accidenti! La mia laurea in medicina è inutile! Per colpa di Marconi non potrò mai più fare delle PET! Ah, ma per fortuna il vaticano ha insabbiato tutto, a chi serve l'annichilazione?
@L'accademia dei Pedanti

La Notte aveva un grosso pregio che L'occhio non aveva: prestava molta atttenzione alla cronaca locale milanese. I potenziali lettori,
a cui si rivolgevano questo tipo di giornali, hanno molto più interesse per le notizie riguardanti il loro comune o la cronaca nera locale che non per la striscia di Gaza o il rimpasto di governo.E' un fatto molto sottovalutato soprattuto ultimamente (forse per i costi), questo fa la fortuna qui nell'alto milanese/Brianza di tutta una serie di giornali locali che escono una-due volte a settimana
PS
Grazie delle correzioni grammaticali! (PPS risposta ufficiale e di circostanza in realtà sto cercando ciocche di tuoi capelli per riti Voodoo :-) )
Che cosa vi aspettavate da un aedo di Scajola? E' evidente che le leggi della fisica operano a sua insaputa...
A me sembra che le cose dichiarate vadano contro quello che di fisica si insegna anche alle medie.

Ionizzare ha a che fare con gli elettroni e lo può fare anche un comodo elettrodomestico.
La disgregazione del nucleo produce energia nucleare (sta nel nome). Apprezzabile che si sia messo in gioco contattandoti, ma questo non lo rende meno credulone.

Poi è anche possibile che davvero siano state rivoluzionate le basi della fisica ed una setta che comanda il mondo cerca a tutti i costi di nasconderlo... :p
Ma Di Stefano che mestiere fa? Il boccalone bufalistico? -.-'
@ Accademia

Sì. Ho letto la relazione dalla prima all'ultima lettera. Il mio animo di prof frustrata dal NON insegnamento avrebbe desiderato esprimere al lato del testo il proprio disgusto totale (sarebbe bastato solamente quello per l'italiano astruso della relazione).
Ci sarà una terza parte dove ci verrà rivelato che furono insabbiati contatti tra Marconi, Spongebob e lo zio del cugino di Pietro Gambadilegno per creare un cilindro dal quale potessero nascere infiniti conigli in carne ed ossa alla media di un coniglio al minuto?

La aspetto con ansia!
IlTester ha commentato:
Possibile che un giornalista possa prendere sul serio delle fesserie simili e pubblicarle senza nemmeno consultare un esperto? Sarà perché gli esperti sono al servizio del NWO...

Cito dall'articolo:
"Il «raggio della morte», infatti, pur essendo stato concepito teoricamente negli anni Trenta, avrebbe trovato la sua base scientifica soltanto tra il 1958 e il 1960. Il condizionale è d'obbligo in quanto riportiamo delle notizie scritte, ma non confermate dalla scienza ufficiale.

Magari li ha anche consultati, ma sono esponenti della scienza ufficiale, e per definizione non attendibili. Ragiona così questa gente, giusto?


theDRaKKaR ha commentato:
non siam mica del Vaticano noi
o sì?
colleghi, ma nello SMOM c'è anche il Vaticano? non ricordo


Cerrrrto che c'è!
Anzi, possiamo affermare che lo SMOM è il Vaticano. Vedi lo schema disegnato dal "ricercatore indipendente" (qui l'articolo).
A volte mi vien quasi da dire a Straker grazie di esistere (quasi eh).

Oramai mi sembra di poter affermare che oltre alla godwinizzazione delle discussioni esiste anche la strakerizzazione.

Michele.
@theDRaKKaR #15

Sto ancora ridendo! :D
Ma la TV al Plasma puo' essere riconvertita a ionizzatore di rifiuti ?

Puo magari ionizzare anche i contenuti ?
Saranno state anche trash, ma le sigle e le musiche di quelle trasmisioni erano un'altra cosa rispetto a quelle di adesso...
le sigle e le musiche di quelle trasmisioni erano un'altra cosa rispetto a quelle di adesso...

Facile. Hai notato che hanno preso interi blocchi dalla colonna sonora di 2001: Odissea nello spazio?
Segnalo il link qui sotto. A parte il titolo ad effetto, l'articolo mi pare equilibrato nello spiegare come è nata la storia del "raggio della morte", parla di coincidenze ingigantite da voci popolari e spiega che queste nascevano da aspettative nazionalistiche di potenza che si nutrivano del mito del genio di Marconi. L'articolo è del 1972.
http://www.leradiodisophie.it/Download/Marconi-Mussolini.pdf
@accademia

Non è che per il fatto che uno scrive quotidianamente su un giornale cessa di avere una vita privata.

Non credo che gli abbia scritto per raccontargli i fatti suoi: credo che gli abbia scritto in relazione alla vicenda. Quindi non vedo il nesso con la vita privata.

Penso piuttosto che l'individuo, smascherato da un pubblico un po' meno ignorante di quello che abitualmente lo legge, non abbia il coraggio di sostenere la sua tesi (e come potrebbe?), né la dignità per ammettere di aver imbrogliato i suoi lettori.

E ho le mie buone ragioni per essere duro: anni fa ho toccato con mano il caso di un mio amico, la cui vita è stata letteralmente distrutta da una giornalistucola imbecille e supponente che, per fare lo scoop, ha fatto esattamente ciò di cui stiamo parlando. Ovvero, senza capirci nulla, ha infarcito un articolo di giornale di fesserie. E il suo direttore, avvoltoio pure lui, le ha pubblicate. Solo che quella volta, purtroppo, ne andava della vita di un uomo.
Insomma (perdonate l'italiano un po' aulico): la macchina co'gl'ioni.
:)
Vedi lo schema disegnato dal "ricercatore indipendente"
Non ci posso credere: a parte che quello schema comprende praticamente ogni istituzione esistente al mondo, ma davvero qualcuno è cotto a tal punto da spendere ore del proprio tempo a stilare una tale scemenza? ARGH.
Tornando IT: è la solita variante sul tema "energia gratis per tutti" che ultimamente va sempre più di moda e che stranamente attira gente anche fuori dalle file dei complottisti (noto infatti che video a riguardo vengono condivisi sempre più spesso su FB anche da gente che non ha avuto niente a che fare con scie chimiche &co).
Sarà che il tema dell'energia diventa sempre più di attualità...
ma davvero qualcuno è cotto a tal punto da spendere ore del proprio tempo a stilare una tale scemenza?

per favore abbiate rispetto per i "ricercatori indipendenti"......................
Cosa mi sono perso...
per favore abbiate rispetto per i "ricercatori indipendenti"......................
Ritiro tutto, scusami!

Anzi, no. :)
Non capisco perché fare tutto 'sto casino per ionizzare i rifiuti tossici e radioattivi quando basterebbe buttarci dentro una Biowashball...

OT: avete visto la puntata speciale di Mistero e Studio Aperto sugli ufo con l'intervista a Zecharia Sitchin? Sitchin ha raccontato tra le altre cose che gli alieni Anunnaki sono arrivati sulla Terra perché stavano perdendo l'atmosfera e ha parlato di uno scudo che protegge l'atmosfera... Popo Lucas ha notato che c'è una corrispondenza con la trama di Balle spaziali ;D
http://asabese.altervista.org/misteri/atmosfera-nibiru.htm
la cosa più bella è quando dice che il raggio può attraversare materie, anche biologiche, senza colpo ferire

Ecco cosa mi ricorda, è la trama di un fumetto di Topolino del 1993!
Topolino deve proteggere una macchina che emette una radiofrequenza che disintegra gli oggetti facendoli svanire nel nulla, ma è innocuo per gli esseri viventi.
Alla fine si scopre che è una grande truffa e lui c'è cascato!
comunque per dimensionare la questione, Di Stefano crede alle storie di Zanfretta, ci ha anche scritto un libro

Anche Cialtrobbo scrive libri, ma non crede a quello che scrive. Forse.
@fb:
wow come nel film envy, dove ben stiller e jack black facevano sparire la cacca di cane con uno spray!

Memorabile la scena del corteo con lo slogan: "Do-ve va la mer-da? Voglia-mo saperlo! Do-ve va la mer-da? Voglia-mo saperlo!"
Anche Cialtrobbo scrive libri, ma non crede a quello che scrive. Forse.

la questione è dibattuta :D
a chi serve l'annichilazione?

A Dan Brown per far saltare il Vaticano!
maledetto Papa paracadutista! o era il camerlengo? non ricordo più
la questione è dibattuta :D

Nel frattempo vado in pelletteria a comprarmi una cintura fotonica!
Ma sarà ionizzata?
Nel frattempo vado in pelletteria a comprarmi una cintura fotonica!
Ma sarà ionizzata?

Non si possono ionizzare i fotoni! Oppure sì? Non c'era quello studio di quel tale la cui sorella aveva a che fare con la donna delle pulizie di Einstein... Mah, forse dobbiamo chiedere a Di Stefano
Credo che l'autore dell'articolo avesse leggermente ecceduto nel bere. Come chimico mi rifiuto di credere a simili panzane.
Mah, questo Di Stefano potrà anche essere in buona fede, ma mi pare che non distingua un antiprotone da un ufo... certi argomenti richiedono almeno un'infarinatura di Fisica a livello di scuola media superiore, giusto per avere presenti a grandi linee i principi fondamentali e riconoscere "a pelle" o almeno con una breve ricerca su Google o Wikipedia le castronerie più macroscopiche.

Beninteso: non che mi aspettassi granché da una testata che pur di sputtanare gli avversari politici pubblica non-notizie o panzane inventate di sana pianta...
Beninteso: non che mi aspettassi granché da una testata che pur di sputtanare gli avversari politici pubblica non-notizie o panzane inventate di sana pianta...

in un flame precedente abbiamo dimostrato che anche la verginale e evangelica La Repubblica ha pubblicato non-notizie o panzane inventate di sana pianta pur di sputtanare gli avversari politici ed è stata anche condannata più volte

la questione verteva ormai su una ipotetica classifica delinquenziale e sui suoi vertici, piuttosto che sull'attribuzione di patenti di onestà e disonestà..
Per theDRaKKaR

in un flame precedente abbiamo dimostrato che anche la verginale e evangelica La Repubblica ha pubblicato non-notizie o panzane inventate di sana pianta pur di sputtanare gli avversari politici ed è stata anche condannata più volte

Eh sì. E mi spiace non essere intervenuto, all'epoca ero molto parco con i commenti. :-|

la questione verteva ormai su una ipotetica classifica delinquenziale e sui suoi vertici, piuttosto che sull'attribuzione di patenti di onestà e disonestà..

E se ben ricordo la conclusione era che uno studio comparativo non era possibile, perché non tutti tribunali d'Italia hanno i dati delle testate condannate per diffamazione, e nemmeno della percentuale di assoluzioni sul totale di querele. Peccato. Il "borsino valori" delle condanne sarebbe molto più interessante dell'indice Nasdaq o del Big Mac.
Per Riccardo (D.O.C.)

Scusa se rispondo in ritardo.

Non è che per il fatto che uno scrive quotidianamente su un giornale cessa di avere una vita privata.

Non credo che gli abbia scritto per raccontargli i fatti suoi: credo che gli abbia scritto in relazione alla vicenda. Quindi non vedo il nesso con la vita privata.


Se sceglie di effettuare una comunicazione in privato, è giusto che il contenuto della comunicazione rimanga privato. Immagino che Di Stefano sappia che esiste uno spazio dei commenti qui, ed escludo abbia difficoltà a rispondere dalle colonne del Giornale. Avrà valutato, e deciso per una missiva chiarificatrice al solo autore dell'articolo.

Non vorrei leggere fra le righe del tuo intervento un'istigazione a svelare il contenuto dell'e-mail. Paolo Attivissimo ha già preso posizione contro questa pratica qui. Nel corso dei commenti, è emerso che la divulgazione di una e-mail privata senza il consenso dell'interessato non è reato, ma è sicuramente un atto in malafede.

Penso piuttosto che l'individuo, smascherato da un pubblico un po' meno ignorante di quello che abitualmente lo legge, non abbia il coraggio di sostenere la sua tesi (e come potrebbe?), né la dignità per ammettere di aver imbrogliato i suoi lettori.

Mah, qui di individui che hanno avuto il coraggio di sostenere tesi anche più assurde, e basate sul vuoto pneumatico, ne abbiamo visti più di uno. Non so se hai seguito lo scambio di pareri fra Paolo Attivissimo e Tom Bosco, il direttore di Nexus, a proposito di scie chimiche. Il giornalista Rino Di Stefano mi pare sulla stessa lunghezza d'onda...

E ho le mie buone ragioni per essere duro: anni fa ho toccato con mano il caso di un mio amico, la cui vita è stata letteralmente distrutta da una giornalistucola imbecille e supponente che, per fare lo scoop, ha fatto esattamente ciò di cui stiamo parlando. Ovvero, senza capirci nulla, ha infarcito un articolo di giornale di fesserie. E il suo direttore, avvoltoio pure lui, le ha pubblicate. Solo che quella volta, purtroppo, ne andava della vita di un uomo.

E forse ho anche capito di che caso si tratta (mi interesso di orrori giornalistici da molti anni). Ma non ritengo opportuno rivangare una vicenda di circa vent'anni fa, quindi non lo citerò.
Non vorrei leggere fra le righe del tuo intervento un'istigazione a svelare il contenuto dell'e-mail.
Cosa vuoi che me ne importi? Non credo proprio che abbia nulla di interessante da dire, e la sua bella figura di palta il giornalista la ha già fatta.

Se sceglie di effettuare una comunicazione in privato, è giusto che il contenuto della comunicazione rimanga privato.
Certo, difatti io non stavo stigmatizzando il comportamento di Paolo, ma quello di Di Stefano.

Mah, qui di individui che hanno avuto il coraggio di sostenere tesi anche più assurde
Veramente anche Tom Bosco (qualcuno mi corregga se sbaglio) si è squagliato come neve al sole quando ha capito che la sua tesi qui era insostenibile.

E forse ho anche capito di che caso si tratta
No, è successo nel 2002.

Piuttosto, ho visto che il "Corriere" oggi pubblica un'intervista a Paolo, corredata da un elenco di siti e blog seri, compreso (e ciò mi sembra molto importante) quello di Wewee. Questa è una buona notizia, che farà rosicare parecchia gente...
Riccardo,

Veramente anche Tom Bosco (qualcuno mi corregga se sbaglio) si è squagliato come neve al sole quando ha capito che la sua tesi qui era insostenibile.

In realtà sono io che gli devo ancora una replica. Ci siamo sentiti in questi mesi, lui diceva che sarebbero stati raccolti prossimamente dei dati importanti, non ho più saputo niente e nel frattempo mi sono dedicato ad altro. Cercherò di riprendere il dibattito appena posso.


il "Corriere" oggi pubblica un'intervista a Paolo, corredata da un elenco di siti e blog seri

Mi manderesti una foto/scansione? Grazie!

compreso (e ciò mi sembra molto importante) quello di Wewee. Questa è una buona notizia, che farà rosicare parecchia gente...

Scherzi? La incorniceranno come prova che io comando i media succubi dei Rettiliani :-)
Non ci credo. Non solo questo raggio ionizzante sarebbe in grado di eliminare scorie nucleari...ma addirittura gli scrementi dei suini!!
Per DyVe

Non ci credo. Non solo questo raggio ionizzante sarebbe in grado di eliminare scorie nucleari...ma addirittura gli scrementi dei suini!!

Anni fa, il ministro dell'agricoltura, ministero oggi abolito, venne convocato presso una fabbrica semisconosciuta per la presentazione di un'invenzione molto promettente: un sistema che trasforma la cacca in burro.
Il ministro entra nello stabilimento, e il Carugati, l'imprenditore con la tipica parlantina dell'uomo che si è fatto da sé, gli magnifica i presupposti della scoperta scientifica: «Signor ministro lo saprà già, la cacca è una materia grassa, contiene anche vitamine e minerali, e quindi si tratta solo di capire come farla tornare materia commestibile. Noi, ci siamo riusciti!».
Col ministro entrano nel primo capannone, dove si trovano i laureati in chimica che hanno effettuato le analisi del prodotto finito: «Può chiedere loro quello che vuole, i particolari, le tecniche: ho qui le analisi, il burro prodotto con questo procedimento ha le stesse proprietà organolettiche e nutritive del burro prodotto da latte vaccino».
Poi entrano in un altro capannone, somigliante a una grande cucina: «Anche qui, se vuole può domandare ai nostri cuochi e pasticcieri se hanno trovato differenza col burro tradizionale e quello prodotto da noi. La consistenza, il peso, il comportamento in cottura e in frittura è assolutamente identico al burro tradizionale. Provare per credere!».
Finiscono il giro, e sono ormai presso l'uscita; grandi strette di mano da parte del ministro, complimenti infiniti, promesse di interessamento presso il governo. Il ministro infine chiede di assaggiarlo di persona. Prendono una fetta di pane, lo imburrano, voilà signor ministro: «Ma sa di cacca!!!» esclama disgustato.
«Eh» fa l'imprenditore Carugati «questo è l'unico inconveniente che proprio non siamo riusciti a eliminare...».

La vecchia barzelletta è scipita. Però, se la si legge avendo presente certe uscite di gruppi ecologici ricchi di slogan ma poveri di conoscenze tecnologiche, come il boicottaggio delle auto elettriche, fa capire certi atteggiamenti semplicistici da parte di chi, sulla carta, propone soluzioni miracolose all'inquinamento globale e alla fame nel mondo.
il "Corriere" oggi pubblica un'intervista a Paolo, corredata da un elenco di siti e blog seri

Mi manderesti una foto/scansione? Grazie!


Non credo che Riccardo (D.O.C.) si riferisse a questo, ma la giornalista Eva Perasso, che recentemente è stata presa in giro proprio qui, in un articolo sulle falle di iTunes ha incluso anche un link al Disinformatico:

http://www.corriere.it/scienze_e_tecnologie/10_luglio_07/itunes-account-violati-eva-perasso_d9674522-89a1-11df-9331-00144f02aabe.shtml
(il link parte da "anche in lingua italiana").
La storia si ripete... magari fosse tutto vero.
Guardate cosa hanno già scritto, grazie Google per questo fantastico servizio.

http://books.google.it/books?id=WTUH9Pe4j54C&pg=PA18&dq=Guglielmo+Marconi+raggio&hl=it&ei=Wgg6TJKROY6FOPjWyLkP&sa=X&oi=book_result&ct=result&resnum=4&ved=0CDUQ6AEwAw#v=onepage&q=Guglielmo%20Marconi%20raggio&f=false
Per Cata1do

La storia si ripete... magari fosse tutto vero.
Guardate cosa hanno già scritto, grazie Google per questo fantastico servizio.


Interessante. Dimostra che molto spesso, per non dire quasi sempre, le bufale si riciclano, magari insaporite con nuove spezie, anche a distanza di quasi un secolo. :-)
Io non so se qualcuno ha avuto occasione di dare un'occhiata al sito del Di Stefano, in particolare alla pagina dedicata a questo articolo "altamente scientifico"
http://www.rinodistefano.com/it/articoli/il-raggio-della-morte.php

In fondo all'articolo trovate un "disclaimer" dove il Di Stefano dà bellamente degli STUPIDI a tutti i lettori che hanno protestato nei commenti, sul sito de Il Giornali.
Colpevoli a suo dire di aver messo in dubbio la sua serietà.

Tant'è che per dimostrarla, il Di Stefano ha deciso di sentire anche l'"altra campana", chiedendo un parere all'INFN, ma DOPO aver pubblicato l'articolo monnezza. Hai capito come si fa ad essere seri? Prima si pubblica un articolo fandonia, poi si chiede il parere degli esperti...
Complimenti davvero.

Mi piace la mossa di chiedere il parere agli esperti, che sarà un sonoro pernacchio, DOPO aver pubblicato DUE articoli, di cui uno su un sito che è di una bruttezza disarmante, fatto in barba ad ogni regola di buon gusto e di usabilità.
Mi piace la mossa di chiedere il parere agli esperti, che sarà un sonoro pernacchio, DOPO aver pubblicato DUE articoli, di cui uno su un sito che è di una bruttezza disarmante, fatto in barba ad ogni regola di buon gusto e di usabilità.
Ma tu, oltre ad estasiarti di fronte all'inarrivabile bellezza di quel sito, hai anche letto quello che c'era scritto?
Non ho parole. Da domani mi metto a vendere bottigliette di antimateria su eBay. Sicuramente ci faccio un sacco di soldi.
Leggerlo? No, dopo due righe di quei colori che paiono presi di peso da Galaga http://tinyurl.com/266vjw2 m'è venuto mal di testa.
'sto giornalista sta proprio ai prodotti vegetali da fine pasto, voglio riportare per intero la sua invettiva contro chi gli ha detto che ha scritto un mucchio di stronzate:

AI LETTORI

Confucio, celebre filosofo cinese, diceva che prima di scrivere bisogna sedersi, raccogliere le idee, rifletterci sopra e quindi pensare a come esporre il proprio pensiero. Poi, finalmente, si può cominciare a mettere nero su bianco quanto intendiamo comunicare per iscritto. Ciò vale tanto per i professionisti della penna, come il sottoscritto, quanto per chiunque altro. Ma molti, purtroppo, non seguono i saggi consigli di Confucio. Anzi, si mettono di fronte ad un foglio di carta (o a un video) e tirano giù qualunque cosa passi loro per la testa. Ne sono un buon esempio certi lettori del “Giornale” che in questi giorni, dopo aver letto il mio articolo sull’energia, hanno preso d’assalto il sito Internet del quotidiano, gridando allo scandalo per quello che avevano letto. Visto che quanto avevo scritto non corrispondeva a quanto loro sapevano, semplicemente non poteva essere vero. Ovviamente non tutti sono stati così avventati, molti altri si sono incuriositi e hanno chiesto chiarimenti. Ma è ai primi che adesso voglio rivolgermi. Le accuse più frequenti sono state “scemenze, cazzate, non si possono scrivere cose di questo tipo, sono tutti si dice”, eccetera. Nessuno di questi signori si è domandato, invece, perché un autorevole quotidiano nazionale come “Il Giornale” abbia pubblicato un articolo di questo tipo. La verità è che tutto quanto è stato detto nell’articolo in questione, viene da un’ampia documentazione originale della “misteriosa” Fondazione Internazionale Pace e Crescita di Vaduz, nel Liechtenstein. Per la precisione da 30 documenti autentici (relazioni tecnico-scientifiche, piani industriali, relazioni illustrative, planimetrie), per un totale di 86 pagine. Nessun “si dice” o presunte illazioni, ma soltanto la fedele trascrizione di quanto è scritto in quei documenti. Ciò, però, non significa che io, come giornalista, o “Il Giornale” stesso, abbiamo sposato e avallato quelle notizie. Riportare dei fatti non vuol dire affatto assumersene la paternità. Siamo cronisti e, in quanto tali, portiamo a conoscenza dei lettori le notizie che riteniamo più interessanti e curiose. Ma ci limitiamo a riportarle, non certo a inventarcele e farle nostre. E il caso della Fondazione, come chiunque può notare, è davvero strano e insolito. Tanto più che la Fondazione non è il parto di una fantasia malata, bensì pura realtà.
Mi devo invece scusare per un paio di refusi contenuti nel pezzo. E mi riferisco a Pio XII invece di Pio XI e alle tre parole che sono saltate vicino al nome di Moro: la frase giusta era “il Presidente del Consiglio Nazionale della Dc, Aldo Moro”. Per il resto, tutto era come doveva essere.
Ovviamente, dopo aver pubblicato questo pezzo, era doveroso sentire l’altra campana, quella della scienza ufficiale. A questo riguardo, vi comunico che ho provveduto personalmente a portare la documentazione scientifica, relativa alla Fondazione Internazionale Pace e Crescita, all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare affinché la esamini e ne esprima un giudizio. Quando avrò il risultato, sarà mia premura renderlo pubblico.
Con questo spero di aver dissipato ogni dubbio circa la mia personale serietà e quella del “Giornale” che ha ospitato l’articolo. “Giornale”, per inciso, nel quale ho trascorso 26 anni della mia vita professionale e con il quale continuo ad essere legato con un contratto di collaborazione in esclusiva.
Se poi ci sarà qualcuno che, nonostante tutto, vorrà continuare a scrivere sciocchezze nei miei confronti, si accomodi pure. Come dicevano gli antichi greci, contro la stupidità neanche gli Dei possono nulla. Figurarsi i giornalisti, compresi quelli che si sforzano di essere sempre seri e corretti.

R.D.S.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Scusate riposto perché ho commesso un numero imbarazzante di errori :(

Andrea ha commentato:

Io non so se qualcuno ha avuto occasione di dare un'occhiata al sito del Di Stefano, in particolare alla pagina dedicata a questo articolo "altamente scientifico"
http://www.rinodistefano.com/it/articoli/il-raggio-della-morte.php


Ho dato un occhiata al sito di Di Stefano e ho scoperto alcune cose interessanti:

Nei documenti postati da Di Stefano come prova appare un numero di telefono intestato a una persona residente in Svizzera.

Cercando informazioni su quella persona nel sito 123people.ch salta all'occhio un indirizzo e-mail un po' bizzarro che rimanda a questo sito a sfondo religioso:

http://www.mariadinazareth.it

Fin qui niente di male ma curiosando un po' ho trovato questa pagina:

http://www.mariadinazareth.it/haarp.htm

Articolo interessante (per i complottisti) e in cui non poteva mancare il mitico raggio della morte:

Quando Tesla morì, l’8 gennaio 1943, gli agenti dell’FBI diedero la caccia a tutti i suoi progetti, su cui si favoleggiò a lungo. D’altra parte lo stesso Tesla aveva parlato persino di raggi della morte, efficaci fino a 320 km di distanza.

Ecco quali sono le fonti affidabili di Di Stefano ;)
madonna (è il caso di dirlo) quanto mi piace questa investigazione collettiva che ogni tanto avviene sulle pagine del Disinformatico

una miscela di brain storming, mente collettiva, condivisione etica, ricerca scientifica e pedante correzione (forse ho dimenticato qualcosa)

in altre parole "una putenza mostruosa" (detta alla Abatantuono di Eccezzziunale... veramente)

:)
Con questo spero di aver dissipato ogni dubbio circa la mia personale serietà e quella del “Giornale” che ha ospitato l’articolo. “Giornale”, per inciso, nel quale ho trascorso 26 anni della mia vita professionale e con il quale continuo ad essere legato con un contratto di collaborazione in esclusiva.

Questa qui è da premio oscar. Per forza ha "l'esclusiva" con Il Giornale, e dove altro lo prendono? Su Repubblica no, vista la provenienza eccessivamente pro Berlusconi, negli altri giornali i produttori di spazzatura sono già saturi...
con il quale continuo ad essere legato con un contratto di collaborazione in esclusiva

perdonatemi la battutaccia: siamo a cavallo, basta che Il Giornale non lo pubblica più e ce lo siamo levato di torno :D
Paolo, magari le email no ma il cellulare del suo pusher si puo' avere?

Ecchecccavolo...

Massi, ionizziamo per bene gli atomi radioattivi, cosi' poi schizzano per ogni dove!

Saluti
Michele
seriamente... (anche se è l'ultima delle cose da fare davanti a questa baggianate)

assumiamo che il tutto sia vero.
la relazione è un ridicolo pezzo di carta lo so, ma facciamo finta che sia vero.

1. è normale che l'85% del costo di un impianto, siano i diritti. neppure la siae si sogna di far pagar tanto. 100 milioni di dollari è il costo effettivo (per smaltire 500m3 di qualsiasi cosa al giorno), di cui 85 milioni solo per il know how.
sembra un po' come quando ti sventolano davanti un foglio dove c'è scritto che con 10.000 euro ti possono togliere il malocchio, tu dici che forse è un po' troppo e puff, il prezzo magicamente scende a una cifra che ti strangola ma a cui arrivi...

2. assumiamo che TUTTA la materia che si trova nel magico punto di focalizzazione del raggiooo (uhhh... paura eh?) diventi energia
ma questo raggio, con che energia viene creato?
qual'è il rapporto energia generata / energia consumata.

per gioco potremmo tutti scrivere una relazione su una invenzione innovativa, con tanto di cronistoria (quanto è bella quella parte, rende tutto così vero!).
poi dobbiamo solo trovare un giornalista boccalone.
di stefano è già preso. giacobbo è troppo impegnato.
proverò al maurizio costanzo. azz, quello è chiuso.

INSALATA DI MATEMATICAAAAAAAAA
Io non sono un fisico, ma quel poco che ho letto della relazione e del contratto mi hanno fatto ribaltare dal ridere....
Cmq, non dimentichiamo che Il Grionale è quello che ha mentito sapendo di mentire sul signor Boffo (che per l'articolo de Il Giornale ha dato le dimissioni) per poi confessare 3 mesi dopo che erano tutte palle...
Se è questa la serietà del giornalismo...
Scusate, devo andare a ionizzare in bagno.
Per capire il valore professionale di questo "giornalista", basta vedere che ha scritto la biografia di Scajola, quello di "Biagi è un rompicoglioni" e "Se dovessi acclarare che la mia abitazione fosse stata pagata da altri senza saperne io il motivo"...
Si commenta da solo. Ufo e sviolinate ai politici.
Per capire il valore professionale di questo "giornalista", basta vedere che ha scritto la biografia di Scajola, quello di "Biagi è un rompicoglioni" e "Se dovessi acclarare che la mia abitazione fosse stata pagata da altri senza saperne io il motivo"...
Si commenta da solo. Ufo e sviolinate ai politici.
Signor Di Stefano, signor Di Stefano, un grande scoop per lei! Ho trovato i diari manoscritti segreti di Mussolini, Stalin e Ho Chi Minh! Con tanto di cronistoria e verifica delle fonti (mi dia 10 minuti e poi controlli su wikipedia).
Li pubblichiamo e POI chiediamo un parere a storici e grafologi, ovviamente.
Dato per buono che l'articolo è una panzana colossale e che l'autore dell'articolo ne è il suo degno redattore, cerchiamo di capire qualcosa di più sulle fonti di tale storia. Ho provato a fare ricerche sulla "gola profonda" di questa storia e cioè il sig. Enrico M. Remondini, custode dei famosi "documenti segreti" della Fondazione. Premettiamo che il Remondini dell'articolo è genovese, come il giornalista Di Stefano (che siano vecchi compagni di burle?...). Premesso, inoltre, che in Italia il secondo nome è abbastanza raro e ancor più raro è indicarne l'iniziale nella propria firma, e che più raro ancora è trovare due persone nella stessa città con lo stesso nome, stessa iniziale del secondo nome, stesso cognome e che indichino entrambi l'iniziale del secondo nome nella firma, io direi che il nostro "super testimone" sia proprio l'operoso organizzatore di "Cappelle per l'Adorazione Eucaristica Perpetua" che si trova nel seguente documento (notare che il numero di rete fissa è di Genova e prendete nota anche del cellulare) e che mantiene il seguente sito per le stesse finalità (il numero di cellulare è lo stesso di quello del primo documento).

Pare che queste cappelle non siano una invenzione del Remondini, e non sono in grado di dire se si tratti di una cosa seria (per i credenti) o di altro, per cui mi astengo dal dare giudizi morali. Quello che però mi puzza, è che mentre nel citato sito ufficiale di tale movimento, il materiale disponibile per le adorazioni pare sia tutta roba scaricabile gratuitamente on line, nel manifesto di Remondini citato sopra, al punto 12, sotto-punto 1, si parla di materiale un po' più "materiale" (libri, cassette audio e video) che sarebbero disponibili solo tramite un "Missionario del Santissimo Sacramento" e che dubito si tratti di roba gratis.

Considerando poi l'affanno e la precisione con cui il Remondini riesce a catturare potenziali adoratori perpetui (leggete il terzo commento), non vorrei che il nostro fervente non sia, in realtà, un venditore di santini. Facendo il whois del sito adoremus.it, si scopre, poi, che esso è registrato a nome della onlus davide.it, fondata dal sacerdote Don Ilario Rolle per combattere la pedofilia, anche tramite un filtro internet prodotto dall'associazione. Tuttavia, Don Ilario Rolle, il dicembre scorso è stato condannato a 3 anni e 8 mesi per un bacio ad un bambino ritenuto dalla procura un atto di violenza sessuale. Lungi da me trarre conclusioni, tutto ciò probabilmente non significa nulla. Ma sono dati che ho trovato.

(...segue)
(...segue)

Ripeto, non ho nulla contro la religione o chi pratichi tale tipo di adorazione, ma porsi domande è lecito ed il mercimonio di articoli religiosi in un contesto di "fervente adorazione" è sempre un po' sospetto. Anche su linkedin esiste un Enrico M. Remondini di Genova che come attività indica il settore "Beni di consumo" (...libri e cassette audio e video di consumo?....).

Tutto il contorno di questa storia, poi, è piena di riferimenti religiosi:

- se leggete la prima pagina della Relazione illustrativa della Fondazione Inrernazionale Pace e Crescita citata da Paolo Attivissimo, noterete che lo stile è "vagamente" mistico

- nell'articolo di Di Stefano, si legge che la fondazione "...non si sarebbe limitata a proteggere gli scienziati cristiani in fuga...", ed inoltre si indica il Vaticano come il confidente ed il protettore degli scienziati, nonché come promotore dell'istituzione della Fondazione

- l'altro testimone oculare degli esperimenti con il raggio, è il fisico Piero Pasolini, (conoscente di Zichichi, altro fervente cattolico) del quale si trova una biografia dalla quale si evince che anch'egli fosse un fervente credente.

Naturalmente, tutti questi riferimenti non provano nulla, ma sono elementi da tenere in considerazione.
Paolo,
direi che Riccardo parlava di queste pagine:

http://www.corriere.it/salute/10_luglio_11/teoria-grande-complotto_5a5d289c-8ca2-11df-bfcf-00144f02aabe.shtml

http://www.corriere.it/salute/10_luglio_11/siti_per_informarsi_40a647d0-8cca-11df-bfcf-00144f02aabe.shtml
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Ma chi e' questo Rino di Stefano? E' meglio del Panerai e dei suoi firewall modello cipolla.
E secondo me Il fatto quotidiano farà la stessa fine de La voce diretto da Indro Montanelli, a cui Travaglio collaborò con dedizione. O, se preferisci, la stessa fine de L'occhio di Maurizio Costanzo (ammesso che se lo ricordi qualcuno oltre me). Rimarrà solo il sito web.

Ricordo l'Occhio (ne leggemmo un numero in famiglia e subito lo cestinammo come immane porcheria) e pure l'Eco di Padova (che "voce di popolo" voleva più venduto e migliore de il Mattino: fatto sta che il primo chiuse subito e il secondo è tutt'ora in edicola).

Quanto a FQ, ho avuto il privilegio di leggermi atto costitutivo e statuto e devo dire che Travaglio ci deve credere nell'operazione e nel suo successo.

p.s.: "mah" coll'acca finale?
Per Rado il Figo

p.s.: "mah" coll'acca finale?

Sì. Il dizionario Hoepli la mette a lemma. Il vocabolario Treccani la registra come variante di "ma", senza considerarla errore.
Nessuno ha mai visto una leggendaria lettera, simile alle vecchie catene di S.Antonio cartacee (ma senza il "mandala a 10 persone" in fondo!), contenente un fantomatico "progetto" di macchina del moto perpetuo? Sono certo di averne vista una copia quando frequentavo Ingegneria, e forse un'altra ancora prima, arrivata da chissà dove. Il "progetto" citato da Di Stefano mi pare uscito dalla stessa mente bacata!

@theDRaKKaR:
in altre parole "una putenza mostruosa" (detta alla Abatantuono di Eccezzziunale... veramente)

Non farti sentire da Di Stefano, se no pensa che sia una nuova fonte di energia!!!
@van fanel

Ci ho un vago ricordo... ma è sfumato in quello della catena delle "figurine drogate"; dopo adeguato uso, ovviamente.
OcirnE:
Premettiamo che il Remondini dell'articolo è genovese, come il giornalista Di Stefano

Imbarazzante.
Molto imbarazzante.

Paolo Attivissimo:
Intanto vi propongo una chicca: ricordate il mio liveblogging dal convegno ufologico di Lugano, in cui mi proibirono di mostrarvi le immagini del documentario della Rai dedicato al plurialienorapito Zanfretta? Ora ve le potete godere in tutto il loro splendore trash anni Ottanta qui. Sì, sul sito di Rino Di Stefano.

Ricordo anche che il già citato film InvaXön si apre con un montaggio di varie intervite a Zanfretta. La migliore è quella con Cecchi Paone che lo prende per i fondelli!
Comunque Rino Di Stefano ci era nella puntata di Mistero dedicata a Zanfretta di qualche tempo fa (ci era ancora Ruggeri)
eSSSe:
Ma chi e' questo Rino di Stefano? E' meglio del Panerai e dei suoi firewall modello cipolla

E non dimenticare Turani e i suoi bovini texani con le antenne al posto delle corna. Tra i tre è una bella lotta!

@theDRaKKaR:
Ci ho un vago ricordo... ma è sfumato in quello della catena delle "figurine drogate"; dopo adeguato uso, ovviamente.

Quella delle figurine drogate non l'ho mai vista "scritta", solo sentita a a voce. Mentre questa del moto perpetuo era una vera e propria lettera che arrivava per posta, adesso non ricordo esattamente il contenuto... Anzi forse non c'era nemmeno un testo, solo dei disegni...
Mai capito se fosse un semplice scherzo o un pazzo che credeva davvero di aver inventato la macchina del moto perpetuo...
OT (scusate, non so dove postarlo, ma visto che parliamo di bufale...)
Vi ricordate di ICE? ( vedi qui e qui).
Adesso c'è questa:

Questa è una raccomandazione della Croce Rossa in tutto il mondo:
Il personale delle ambulanze ed i medici di emergenza che intervengonno negli incidenti stradali rilevano che le persone colpite hanno un telefono cellulare.
Tuttavia, al momento d'intervenire, spesso non riescono a capire qual é la persona da contattare con urgenza, nella lunga lista telefonica del cellulare.

A tal fine, la Croce Rossa ha lanciato l'idea che tutte le persone devono aggiungere alla lista dei contatti il numero telefonico della persona da contattare in caso di emergenza.

Per comodità, questo dovrebbe essere fatto come segue: inserire la voce di memoria del telefono cellulare a AA Emergency, quindi il numero di telefono da contattare. (Le lettere sono AA quindi questo contatto appare sempre come primo nella lista dei contatti).

E 'semplice, non costa nulla e può aiutare le persone che prestano assistenza.

Se sei d'accordo con questa proposta, inoltra questo messaggio a tutti i tuoi amici, parenti e conoscenti.

Si tratta semplicemente di un altro dato da annotare sul tuo cellulare e può essere molto importante.

Per favore, non distruggere questa e-mail e inoltrala.


Chissà perché però queste query non trovano niente:
http://www.google.it/search?&q=%22AA+Emergency%22+site%3Awww.cri.it
http://www.google.it/search?&q=%22AAEmergency%22+site%3Awww.cri.it
http://www.google.it/search?q=%22AA+Emergency%22+site%3Awww.icrc.org
http://www.google.it/search?q=%22AAEmergency%22+site%3Awww.icrc.org

Ma non basta, c'è un allegato.
è un PPS.
Mi viene la tentazione di cancellarlo.
Invece...
Apro l'allegato, e...
....TERRORE!
Una vecchia bufala, e anche di quelle pericolose!

Il summary del PPS dice Title = "La canzone" (quale canzone?!?!?), Subject = "Emmesse", Author = "Delfa Nmar Sfvar" (?!?!)

le disgrazie non vengono mai sole... ma nemmeno le bufale!
p.s. veramente l'ho trovata qui:
http://www.cruzrojacozumel.org/news.html
ma se è vero perché non lo trovo nel sito della Croce Rossa Internazionale?
@Van Fanel

Il problema con ICE e simili è che i telefonini hanno quasi sempre una password di protezione e senza quella accedere alla rubrica non è così semplice ;)

Ps. oltretutto non è molto legale leggere la rubrica senza il consenso esplicito del proprietario.
oltretutto non è molto legale leggere la rubrica senza il consenso esplicito del proprietario

neanche tagliarmi le vesti con le forbicione ma "lo fanno" :)
@motogio: vero! il sistema del pezzo di carta secondo me è tecnologicamente superiore ;)

Ma il mio dubbio non è sull'effettiva utilità dell'ICE o dell'AA Emergency nella rubrica. Il mio dubbio è: è vero che è la Croce Rossa a suggerire "AA Emergency" o è una bufala?
E qui pongo la domanda a Paolo, anch'egli giornalista:

"Perchè l'Ordine dei giornalisti, una volta verificato che il soggetto in questione ha violato il codice deontologico pubblicando notizie palesemente false e disinformatorie, non agisce escludendolo dalla professione?"

Perchè non lo fa?
Esiste inoltre qualche codice di legge che viene violato nel momento in cui un giornale o un giornalista pubblicano trojate spacciandole per vere?
van fanel,

Ma il mio dubbio non è sull'effettiva utilità dell'ICE o dell'AA Emergency nella rubrica. Il mio dubbio è: è vero che è la Croce Rossa a suggerire "AA Emergency" o è una bufala?
none
Va beh, nel frattempo rispondo a mio cugino che mi ha inoltrato la catena dicendogli della bufala dell'infarto... sperando che anche lui non mi risponda nel "solito modo" che tutti voi ben conoscete....
p.s. sì, è davvero mio cugino, non è "mio cuGGino"!
Relazione (poco) tecnica scientifica:
"un sistema innovativo che agisce sui campi magnetici di coesione della sostanza trattata invertendone la polarizzazione"

La coesione della materia e' dovuta a campi elettrici, non magnetici. In numerosi laboratori di fisica si fanno esperimenti con campi magnetici fino a 20 Tesla (un milione di volte piu' intensi del campo magnetico terrestre); macchine per risonanza magnetic nucleare usano campi dell'ordine di 2 Tesla. In nessun caso le molecole delle sostanze sottoposte a tali campi "si respingono fra loro producendo calore", senza lasciare cenere o gas.
Senza contare che se anche il processo fosse in grado di produrre calore e alzare la temperatura fino a "25000 °C", la materia non sparisce magicamente senza lasciare ceneri o gas. Esplosioni termonucleari (quelle basate su fusione nucleare), raggiungono temperature piu', ma lasciano tracce.

E per gli anglofoni: "Invert the polarity of the neutron flow!"
A questo riguardo, vi comunico che ho provveduto personalmente a portare la documentazione scientifica, relativa alla Fondazione Internazionale Pace e Crescita, all’Istituto Nazionale di Fisica Nucleare affinché la esamini e ne esprima un giudizio.

Chissà come staranno ridendo!
papageno,

"And don't forget: DON'T CROSS THE STREAMS!" :D
Per Van Fanel

Ma il mio dubbio non è sull'effettiva utilità dell'ICE o dell'AA Emergency nella rubrica. Il mio dubbio è: è vero che è la Croce Rossa a suggerire "AA Emergency" o è una bufala?

Male non fa, ma non è una raccomandazione ufficiale. Vedi qui:
http://attivissimo.blogspot.com/2007/03/ice-per-le-emergenze-non-un-consiglio.html
Per Verzasoft

E qui pongo la domanda a Paolo, anch'egli giornalista:

"Perchè l'Ordine dei giornalisti, una volta verificato che il soggetto in questione ha violato il codice deontologico pubblicando notizie palesemente false e disinformatorie, non agisce escludendolo dalla professione?"

Perchè non lo fa?


Sorvolando sul "disinformatorie", licenza poetica, rispondo in vece di Paolo: perché l'ordine dei giornalisti non serve più a nulla, ammesso sia mai servito a qualcosa. Non si ha il coraggio di abolirlo per ragioni affettive, e a causa delle troppe poltrone che salterebbero.

Esiste inoltre qualche codice di legge che viene violato nel momento in cui un giornale o un giornalista pubblicano trojate spacciandole per vere?

No. E io non sarei così manicheo con i fornitori di notizie. Un mondo dell'informazione senza panzane è come il gioco del poker senza bluff: se ne perde l'aroma e il gusto.

Nella garanzia della libertà di stampa e di espressione c'è posto sia per Famiglia cristiana sia per Le ore; per Il Fatto quotidiano, e per Cronaca vera. Il problema è che spesso si trovano contenuti da Ore su Famiglia cristiana, e notizie da Cronaca vera sul Fatto quotidiano!
Accademia dei pedanti ♂ :

Male non fa, ma non è una raccomandazione ufficiale. Vedi qui:
http://attivissimo.blogspot.com/2007/03/ice-per-le-emergenze-non-un-consiglio.html


Ma di ICE lo so già, non hai visto che avevo già linkato due articoli di Paolo?
Anche se ha i suoi sostenitori:
http://www.crimilano.it/ice.htm
(ma la Croce Rossa di Milano non parla a nome della Croce Rossa di tutto il mondo).

è "AA Emergency" che è una "novità", e nell'appello viene presentata come ufficiale, addirittura "una raccomandazione della Croce Rossa in tutto il mondo" cosa di cui dubito. Poi il finale "Per favore, non distruggere questa e-mail e inoltrala" da catena di S.Antonio rende il tutto ancora più irritante.
Accademia,

la tua posizione ha perfettamente senso.

Solo, mi dispiace che così facendo si lascia strada libera a un degrado del livello culturale che secondo me non porterà a nulla di buono.

Invece di produrre gente forte e sensata che farà progredire la società in cui mi trovo, otteniamo qualcosa-complottisti e creduloni d'ogni sorta.
In percentuali preoccupanti (almeno qui in giro, e secondo me è già il meglio ottenibile).
Sì. Il dizionario Hoepli la mette a lemma. Il vocabolario Treccani la registra come variante di "ma", senza considerarla errore.

Ah, be'! Ormai credo che s'avalli di tutto, da consigliari a famigliari, da gli anche per le: basta trovarlo scritto da qualche parte e vale (d'altronde è la regola base di Uicchipedia).

Una volta ho trovato anche: "È tutto vero, noh?"

p.s.: il titolo completo era "Le Ore della Settimana" e si presentava come "settimanale di cronaca del costume".
Rado, sicuro che famigliare sia sbagliato?
Diciamo che è sbagliato tanto quanto consigliare - nel senso di consiliare. Il romanzo della Ginzburg era noto per il suo titolo (e citato come "controprova").

Anzi, mi viene pure il sospetto è consigliare come consiliare sia ormai accettato perché supera i controlli automatici di videoscrittura.
@Rado il Figo:
basta trovarlo scritto da qualche parte e vale (d'altronde è la regola base di Uicchipedia)

Vedo che non perdi occasione di lanciare la tua frecciatina contro Wiki. Sembri Zret ;-)
Mi sono letto tutta la documentazione. Ebbene, il contenuto si può sintetizzare in: NULLA, ZERO.

Non c'è nessuna informazione che possa anche solo minimamente far capire (al di là dell'uso improprio di termini scientifici) su cosa si basi la scoperta, nessun documento che certifichi che le prove descritte (molto sommariamente) siano state effettivamente fatte.

Da un punto di vista societario non va meglio. Abbiamo una società che viene fondata con un capitale pari ad un conto in banca di una persona benestante, non svolge nessuna attività documentata, non produce nessun oggetto esaminabile, foto, relazioni tecniche vere, solo qualche pagina di descrizioni che chiunque con un'infarinatura di fantascienza potrebbe scrivere. Non produce redditi, e firma contratti ma si tira indietro appena si tratta di realizzarli. Dà incarico al dott. Remondini (che afferma di non aver mai visto nulla di concreto, si è fidato delle cose che si vedono qui) di cercare di stipulare contratti, ma senza nessun impegno per la ditta. Nessun onorario, solo una commissione del 2%.

Quindi non capisco proprio cosa dovrebbero giudicare gli esperti dell'INFN. La versione della non-notizia sarà "anche all'INFN sono rimasti stupiti, senza parole, non han saputo rispondermi"?

Un buon giornalista inoltre cercherebbe di verificare i numerosi riferimenti a persone e fatti realmente accaduti. I clienti della ditta cosa dicono? Si può visitare un impianto? O sono clienti solo nel senso che

Per esempio l'inchiesta sul traffico d'armi del giudice Carlo Palermo è veramente il coperchio sollevato di un pentolone torbidissimo, ma esistono prove dell'esistenza di un "raggio della morte"? Si può intervistarlo? Chiaramente io no, ma forse Di Stefano sì.

Da quel che ho visto la questione ha un fondo di verita'. Qui Paolo Cipriani, un giornalista di Lotta Continua, riporta che il giudice Palermo interrogò un trafficante che cercò di piazzare in Italia il "raggio della morte". Naturalmente non si sa se furono effettuate dimostrazioni, e con che esiti, ma guarda caso anche qui la cosa finì in una bolla di sapone. Certo non era "alla base di un intricato traffico d’armi", il traffico riguardava aerei, elicotteri, missili, carri armati, e pure coca. Non stupisce nessuno che un trafficante abbia cercato di vendere aria fritta a qualche governo.
perchè nelle etichette hai messo "ufologia"?
cosa c'entra?
@W.B.:
C'è il tag "ufologia" perché nell'articolo Paolo segnala che sul sito di Di Stefano si trova il documentario RAI su Zanfretta.
@ Van Fanel
Imbarazzante.
Molto imbarazzante.


che intendi dire esattamente?

@Comoretto

...Da quel che ho visto la questione ha un fondo di verita'....

Più che di un "fondo di verità" io parlerei di riferimenti sparsi ad alcuni fatti reali, buttati là come specchietti per le allodole tanto per dare una parvenza di realtà, ma completamente slegati dal nocciolo della questione "raggio della morte". Ad esempio, si parla di Marconi e delle sue ricerche sulle onde elettromagnetiche (vero) ma cosa diavolo c'entra questo col raggio di antimateria?. Si parla del prof. Clementel che nel '73 fu chiamato a presiedere l'allora CNEN (vero) ma cosa c'entra questo con il fatto che egli avrebbe condotto esperimenti col raggio?. L'allora giudice Carlo Palermo condusse l'inchiesta sul traffico d'armi, interrogò politici e anche il colonnello dei servizi segreti Massimo Pugliese, che fu condannato a 2 anni e 8 mesi (vero) ma cosa c'entra questo col fatto che il traffico d'armi avrebbe riguardato il fantomatico raggio?, del quale, guarda caso, non c'è traccia alcuna?

E poi anche i dati "scientifici" riportati nell'articolo si smentiscono da soli.
A te Gianni, che sei un fisico come me, vorrei chiedere cortesemente una cosa: hai letto la parte dell'articolo che parla degli esperimenti di Clementel? Hai provato a fare i conti? Io, assumendo che il raggio annichilasse tutta la materia che irraggiava, ho trovato che da quei 4 esperimenti si sarebbe dovuta sprigionare una energia pari a 240 bombe atomiche come quella di Hiroshima. Se fossero stati fatti davvero quegli esperimenti, possibile che nel '73 in Italia siano esplose 240 bombe atomiche e nessuno se ne sia accorto?! (Puoi provare a fare anche tu il conto? :-)) )
@Enrico

era una allusione calunniosa alla Bufalino, qua impariamo alla svelta che ti credi :D
Vedo che non perdi occasione di lanciare la tua frecciatina contro Wiki. Sembri Zret ;-)

Be', da quando ho scoperto che hanno aperto una pagina su polipo Paul e si sono fatti una marea di seghe mentali per togliere quelle sulle vittime del terrorismo...

era una allusione calunniosa alla Bufalino, qua impariamo alla svelta che ti credi :D
A proposito, ho letto da qualche parte ultimamente che è stato chiamato dai magistrati riguardo alle accuse rivolte in tale filmato.
Per Verzasoft

Solo, mi dispiace che così facendo si lascia strada libera a un degrado del livello culturale che secondo me non porterà a nulla di buono.

Il degrado del livello culturale è in atto da anni, ma non per colpa del Giornale. Quando a una tv di Stato vanno regolarmente astrologi e fattucchiere di ogni sorta a fare previsioni sull'anno nuovo, anche se gratis, non me la sento di biasimare l'editore (privato) di un quotidiano perché fa lo stesso, aumentando la dose.

Leggo che i docenti delle superiori in Italia sono fra i meno pagati, e che da quasi un ventennio la scuola italiana è flagellata dal fenomeno del precariato: uno studente può avere nel corso dei cinque anni di studio ben cinque insegnanti diversi per ogni materia, tutti e cinque precari, e quindi non necessariamente motivati a svolgere al meglio il proprio lavoro; mi chiedo cosa esca da scuole gestite così. Giovani diplomati che leggeranno Il giornale, probabilmente; certo non Il nuovo cimento B, non lo capirebbero mai, e non per colpa loro. :-(
Francamente mi sfugge una cosa: se sei precario, non sei motivato a fare bene il tuo lavoro ché sai di perderlo a stretto giro di posta; se hai il posto fisso sicuro, ugualmente non sei motivato ché tanto non ti licenzieranno mai. Mi chiedo allora quale sia la situazione ideale per gl'insegnanti...
Il bello è che, anche con la preparazione fornita da una laurea in fisica, non c'è veramente modo di ribattere alle affermazioni fantastiche contenute in tali documenti.
Sono talmente prive di basi logiche che si può solo cestinare in toto la discussione. Non esistono "dettagli" da controbattere...

"L'apparecchio, infatti, è in grado di produrre ed emettere sino a notevoli distanza anti-atomi di qualsiasi elemento esistente sul nostro pianeta che, diretti contro una massa costituita da atomi della stessa natura ma di "segno" opposto, la disgregano ionizzandola senza provocare alcuna reazione nucleare.."

A me suona come:
Tarapìa tapiòco! Prematurata la supercazzola o scherziamo?

Voi cosa rispondereste?
Per Rado il Figo

Sì. Il dizionario Hoepli la mette a lemma. Il vocabolario Treccani la registra come variante di "ma", senza considerarla errore.

Ah, be'! Ormai credo che s'avalli di tutto,


Se vado in biblioteca, fotocopio un dizionario di epoca fascista che riporta "mah" con l'h finale, e ne metto la scansione online, riesco a farti ritirare quel borioso "ormai"?


da consigliari a famigliari,

Hai delle prove che famigliare e consigliare (aggettivo) non sono mai apparsi nella lingua italiana scritta prima del Novecento, e che la grafia precedentemente è sempre stata familiare e consiliare?


da gli anche per le: basta trovarlo scritto da qualche parte e vale (d'altronde è la regola base di Uicchipedia).

Povero Aldo Duro, autore del Vocabolario Treccani: accostato a una masnada di nullafacenti insipienti armati solo del loro entusiasmo per le nuove tecnologie, e perché? Solo per aver riportato come accettabile ma, interiezione, con l'h finale. Si rivolterà nella tomba, se non è stato cremato.


p.s.: il titolo completo era "Le Ore della Settimana" e si presentava come "settimanale di cronaca del costume".

Hai ragione, lo avevo dimenticato. Riscrivere la frase col titolo completo renderebbe ancora meglio il mio esempio :-).
Se vado in biblioteca, fotocopio un dizionario di epoca fascista che riporta "mah" con l'h finale, e ne metto la scansione online, riesco a farti ritirare quel borioso "ormai"?

No, perché non è borioso, semmai sfiduciato. :-)

Hai delle prove che famigliare e consigliare (aggettivo) non sono mai apparsi nella lingua italiana scritta prima del Novecento, e che la grafia precedentemente è sempre stata familiare e consiliare?

Non ho bisogno di prove: mi fido ciecamente che si possano trovare consigliare e famigliare, come a me mi e gli/li/le/loro.

accostato a una masnada di nullafacenti insipienti armati solo del loro entusiasmo per le nuove tecnologie

senti, senti che definizione data ai uicchipediani.

p.s.: fra l'altro mi chiedo se le pubblicano ancora, nonostante la concorrenza dei vari you porn e dvd a prezzi stracciati vari. Ai miei tempi c'erano Le Ore (della Settimana), Men, SuperMen, Caballero, SuperSex (I-fix tchen tchen!) che dovevi andare a procurare in edicola, altro che le generazioni d'oggi coi filmatini già bell'e visibili anonimamente su internet. ;-)
A me suona come:
Tarapìa tapiòco! Prematurata la supercazzola o scherziamo?

Voi cosa rispondereste?


Che hanno vinto un premio del valore di 25.000,00 antieuro.
@theDrakkar

"era una allusione calunniosa alla Bufalino, qua impariamo alla svelta che ti credi :D"

comincio a dubitare dei miei neuroni :-) ....continuo a non afferrare...forse Van Fanel si riferiva al fatto che anche lui (Van Fanel) è genovese (si vede dal profilo blogger)? o che Remondini si chiama Enrico come me? o semplicemente che è imbarazzante che Remondini sia genovese come Di Stefano? mumble mumble...
per come l'ho capito io era della seria "compagni di merende"
@ Alessio

"..A me suona come:
Tarapìa tapiòco! Prematurata la supercazzola o scherziamo?..."

Sia chiaro, l'antimateria esiste, l'annichilazione materia-antimateria esiste, produce energia pulita, ed è vero che non è una reazione nucleare. In alcuni acceleratori, sono stati prodotti atomi di anti-idrogeno. Ma tutto ciò è una cosa, mentre andare in giro con un cannone, dotato di manopolina regolabile con la quale scegliamo quale anti-atomo produrre (come facciamo davanti alla macchina del caffé quando scegliamo caffè, cioccolata o cappuccino) quanti produrne e dove produrli, beh, questo e tutto un altro paio di maniche. Il salto tecnologico è talmente enorme che la storiella di Remondini fa ridere i polli. Ci sono, poi, altre oggettive assurdità nei dettagli tecnici, come l'uso dell'annichilazione per distruggere i rifiuti che ho commentato sopra. Insomma, come si è detto, è un racconto di fantascienza e di fantapolitica, più adatto a Topolino, all'editrice Urania che ad un quotidiano.
@ theDrakkar

ah ecco...come ipotizzavo nel commento....compagni di burle adolescenziali... :D

@Rado il figo

"..A proposito, ho letto da qualche parte ultimamente che è stato chiamato dai magistrati riguardo alle accuse rivolte in tale filmato..."

chi Remondini? ti ricordi dove? posta i link se li trovi. Di quale filmato parli?
ma non Remondini, Bufalino! :)
Quella dei francobolli girò alle medie come ciclostilato, letto dal bidello!!!

@ Rado il Figo

Io non li conosco i giornali di cui stai parlando...
Quasi quasi faccio leggere il delirio a qualche fisico dell'INFN (qui abbondano, nel paesello ci sono più fisici dell'INFN che panettieri) e riprendo le espressioni del volto durante la lettura.
cross-trolling: faglielo leggere a Teodorani...
Per Gianni Comoretto

I clienti della ditta cosa dicono? Si può visitare un impianto? O sono clienti solo nel senso che

Ma qui c'è una frase interrotta da accadimenti esterni! Non so se per un intervento dall'alto, sai, i poteri forti, oppure una banale telefonata.
La completo io: "O sono clienti solo nel senso che pagano per la fornitura di energia elettrica dal pattume?".
Spero di avere indovinato.
sicuramente l'hanno sparaflashato mentre stava scrivendo..

ora non ricordo nemmeno che esiste il blog di Paolo Attivissimo

:(
Per Rado il Figo

Francamente mi sfugge una cosa: se sei precario, non sei motivato a fare bene il tuo lavoro ché sai di perderlo a stretto giro di posta; se hai il posto fisso sicuro, ugualmente non sei motivato ché tanto non ti licenzieranno mai. Mi chiedo allora quale sia la situazione ideale per gl'insegnanti...

Be', non generalizziamo, un docente che ha avuto la stessa classe dal primo fino al quinto anno ci tiene, anche solo per orgoglio personale, che all'esame di Stato siano tutti promossi e facciano un figurone.

La soluzione è come avviene in Francia (e credo in altri posti): gli insegnanti che fanno carriera. Esistono concorsi per passare a livello superiore, arrivati al quale hanno la possibilità di insegnare per meno ore percependo lo stesso stipendio. Oppure, se ho ben capito, insegnare come prima e percepire uno stipendio più alto.
Come nella carriera in aziende private, lo scatto di carriera è subordinato al raggiungimento di alcuni obiettivi (numero di alunni difficili recuperati, media dei voti alti...). Non chiedermi di più, l'ho letto vari anni fa.
@Rado il Figo

Io poi non trascurerei il fatto che, accanto ai docenti nullafacenti di cui si discute, c'è anche un numero molto più alto di quanto si pensi di persone che insegnano per passione. Sono persone capaci di scrivere frasi come queste: Conoscere persone così, che ancora credono nella scuola e nel suo valore e che impegnano se stessi senza guardare l'orologio per offrire ai ragazzi le migliori opportunità di formazione, fa venire voglia di continuare a lavorare e a sperare!. (click qui per il testo completo).
Da quando ho iniziato a collaborare a un progetto con i docenti di tutti gli ordini di scuole mi sono reso conto che di gente così ce n'è tanta, e finché ce ne sarà, la scuola non potrà essere distrutta.
Ironia della sorte, il vulcanico personaggio che ha messo in moto il progetto di cui parlo porta lo stesso cognome dell'innominabile duo sanremasco... No, caro zret, nomen non omen proprio per niente.
comunque è molto interessante la "relazione tecnico-scientifica": in particolare nel passaggio in cui afferma che un nanosecondo equivale a un milionesimo di secondo. Mamma mia. E questa roba sarebbe stata scritta sa un esperto?
Senza andare a scomodare i fisici, vorrei far notare che nei romanzi della serie "Occidente" di Mario Farneti (letteratura "ucronica", racconti di un universo parallelo nel quale l'Italia fascista non si allea con Hitler, sopravvive alla WW2 e diventa una superpotenza) compare già un "raggio della morte" in dotazione alle truppe di Mussolini, vera e prorpia "arma segreta".

http://www.alfredolissoni.net/farne3.htm

Altro che "documenti segreti": questo "raggio della morte" (e altre varianti) sembrano essere un tropo abbastanza diffuso nell'immaginario di alcuni nostalgici (c'è poi tutto un filone ufologico che immagina che l'Italia fascista o la Germania nazista fossero entrate in possesso di tecnologia aliena...).
E qui pongo la domanda a Paolo, anch'egli giornalista:

"Perchè l'Ordine dei giornalisti, una volta verificato che il soggetto in questione ha violato il codice deontologico pubblicando notizie palesemente false e disinformatorie, non agisce escludendolo dalla professione?"


Opinione personale: perché vista la quantità di notizie palesemente false e panzane che pubblicano i giornalisti, sarebbe una strage.


Esiste inoltre qualche codice di legge che viene violato nel momento in cui un giornale o un giornalista pubblicano trojate spacciandole per vere?

Non so se esiste il reato di mera pubblicazione di falsa notizia, ma di solito una notizia falsa tende a danneggiare/diffamare qualcuno/qualcosa e quindi scatta la querela. Se poi causa allarme presso le autorità, scatta il caso del procurato allarme.
perchè nelle etichette hai messo "ufologia"?

Perché Di Stefano è l'autore del libro e dei testi del "documentario" Rai sul caso Zanfretta.
@Rado e Accademia: per favore, per l'ennesima volta, piantatela di generalizzare e di insultare in blocco tutti i wikpediani (che si chiamano wikipediani e non uicchipediani). Accademia, ritira per favore quell'offensivo "masnada di nullafacenti insipienti": ho già detto mille volte che non tutti i wikipediani sono uguali.
Specialmente, Rado, non tutti i wikipediani sono come quelli che ti hanno bannato. Continua pure a credere che siano tutti come loro, se vuoi, ma secondo me ti sbagli.
Fine dell'OT antiwikipediano.
in questo blog sembra serpeggiare una disistima di Wikipedia. Mi sembra eccessiva e ingiustificata e il tono delle invettive risulta spesso sprezzantemente spocchioso.

La wiki è stata una novità molto importante nel mondo della comunicazione, una giusta evoluzione dei forum e delle "knowledge base". Sminuirla nella sua totalità per errori o incompletezze è poco corretto. Lo spirito della wiki è esattamente il contrario. Ci sono inesattezze? Chi le trova può correggerle, proponendo cambiamenti e comiciare a discuterne.

Inoltre anche nei testi tradizionali sono presenti errori e imprecisioni.
Pensate che "a pagamento" sia necessariamente migliore? Non sempre è cosi.
La wiki, i creative commons, l'open source sono piccole rivoluzioni nel nostro mondo, criticarle per il puro gusto di farlo è un atteggiamento poco costruttivo.
Sicuramente Wikipedia è stata una grande innovazione ed altrettanto indubbiamente tra i volontari che se ne occupano ci sono collaboratori validissimi.
Io ho smesso di collaborare perchè mi sono trovato di fronte a gente che purtroppo rifiuta le discussioni ed impone le proprie idee.
E per scrivere questa fesseria ha snobbato l'apertura della nuova centrale ad idrogeno di Fusina (VE)????
Riconsidererei la scelta di carriera...