skip to main | skip to sidebar
109 commenti

Iphone 4, custodia gratis per tutti

Steve Jobs parla della ricezione dell'iPhone 4


Breve nota sulla conferenza stampa di ieri: Apple darà una custodia gratis ai proprietari di iPhone 4 allo scopo di affrontare il problema di attenuazione del segnale che si manifesta quando il telefonino viene impugnato toccandone il bordo inferiore sinistro.

Jobs ha ribadito che il problema riguarda anche altri telefonini (ha mostrato video di un Blackberry Bold 9700 e di un HTC Droid Eris che subivano la stessa attenuazione) e ha ammesso che Apple era al corrente della questione: (“Sapevamo che se lo si teneva in un certo modo, le barre sarebbero scese un po' come in qualsiasi smartphone. E non pensavamo che sarebbe stato un grande problema.”). Ha citato anche alcuni dati interessanti sulla percentuale di resi e di chiamate interrotte dei vari modelli di iPhone, che trovate su Macworld.

L'offerta della custodia gratis vale per chiunque compri un iPhone 4 entro il 30 settembre e per chi l'ha già comprato. Chi invece ha già acquistato una custodia da Apple riceverà un rimborso. Niente rimborsi per chi ha acquistato custodie non di Apple.

In alternativa, gli acquirenti di iPhone 4 potranno restituire entro 30 giorni il telefonino e avere un rimborso integrale; i loro eventuali contratti telefonici associati all'iPhone 4 verranno sciolti.

È stato inoltre rilasciato iOS 4.0.1, l'aggiornamento del proprio sistema operativo per dispositivi mobili. Anandtech lo analizza in dettaglio.

Per quanto riguarda il problema con il sensore di prossimità che sbaglia a rilevare quando l'iPhone 4 è a contatto con il viso e non disattiva lo schermo tattile quando dovrebbe, Jobs ha detto che Apple ci sta lavorando e la correzione sarà inclusa nel prossimo aggiornamento del software.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (109)
Peccato che le custodie dell'iPhone non includano della birra! %)
Beh, direi una soluzione più che corretta. O la custodia gratis o il rimborso integrale del telefono.

Dimostrazione, a mio modesto avviso, di un'ottima politica commerciale e della serietà dell'azienda.
E' stato anche messo in musica! http://www.youtube.com/watch?v=VKIcaejkpD4
@Stupidocane
Si, ma dopo che hanno cercato di convincervi che eravate voi* a tenerlo in mano in modo sbagliato, dopo che vi hanno venduto le custiodie, dopo che hanno tentato di fare un aggiustamento "cosmetico" al problema con l'aggiornamento software, e dopo che Consumer Reports ne ha sconsigliato l'acquisto.
E suppongo sia stato questo uno dei motivi per cui la politica è improvvisamente cambiata...

* "voi" che l'avete acquistato, in generale...
Come avevo detto (e sperato) Apple ha snocciolato i numeri (0.55% degli utenti ha telefonato al supporto per problemi di ricezione o di antenna).

Tutti gli smartphone hanno questi problemi, dimostrato.

VAPORWARE. Tanto rumore per nulla.
@ fabrix

Hai ragione su tutto. Ma credo anche sia una buona soluzione di compromesso per ovviare alle magagne riscontrate.

Teniamo sempre conto che si sta parlando di una delle maggiori società statunitensi quotate in borsa. Se non avessero posto rimedio alla situazione, le azioni avrebbero subito una sensibile riduzione di prezzo.

Cosa peraltro verificatasi in questi giorni.

P.S. nel thread precedente sono stato definito uno yobnaf, quindi non proprio un sostenitore dei prodotti Apple. Ma so anche essere obiettivo e dò atto ad Apple di aver reagito con serietà.

(Aspetto Acca al varco del do accentato... sgnaf sgnaf)
Vabbuò è già un bel passo avanti il fatto che Apple abbia ammesso il problema e che abbia messo una toppa.
Bisogna vedere se non usciranno altri problemi con questo dannato iPhone.
La soluzione proposta da Apple mi pare la più ragionevole soprattutto per quanto riguarda la proposta di rimborso integrale. La custodia a loro costerà se è tanto un paio di dollari, ma comunque è un dato positivo che la propongano gratis.

Quello che invece non ho tollerato (e mi sono stupito del fatto che Paolo non lo sottolineasse) è il confronto con gli altri smartphone:

Il problema delle antenne di Iphone4 è almeno in teoria enormemente più grande di qualsiasi altro telefono, questo perchè la mano non offre una semplice schermatura, ma proprio un ponte tra due antenne!! Un telefono normale che non abbia questo difetto dovrà perdere il segnale quanto Iphone con la custodia, non come Iphone senza!!

Per questo ritengo che le foto riportate sul sito siano una bufala pazzesca, non per niente non hanno postato filmati come hanno fatto i vari utenti per Apple, ma si sono limitati a due foto del terminale una con tante tacche e una con poche, direi che è MOOLTO povera come prova.
Da utilizzatore di Bold 9700 posso solo dire che quando prende poco, 4 chiamate su 10 saltano. Di solito basta spostarsi per riprendere a parlare. Ma non ho mai fatto caso ai problemi d'impugnatura. D'ora in avanti presterò attenzione anche a questo.

Sono curioso di vedere se droppa le callate...
Per Bugfixer

Come avevo detto (e sperato) Apple ha snocciolato i numeri (0.55% degli utenti ha telefonato al supporto per problemi di ricezione o di antenna).

Tutti gli smartphone hanno questi problemi, dimostrato.

VAPORWARE. Tanto rumore per nulla.


Qualcuno aveva già anticipato il dato nella discusione all'articolo precedente. Ma i dati vanno anche inseriti nel contesto.
Innanzitutto, la citazione completa:

«According to Jobs, only 0.55 percent of all iPhone customers have called the company’s AppleCare service with an antenna issue. (The company did not provide figures on the percentage of iPhone customers who sought out help from the Genius Bar service at Apple’s retail outlets.) Jobs also noted that the AT&T’s return rate for the iPhone 4 was 1.7 percent...»

1) I dati dello 0,55% e dell'1,7% provengono da Steve Jobs stesso, anche se il secondo gli è stato fornito da AT&T: non ci sono fatture o rendiconti contabili ufficiali, né ci si aspettava che fossero mostrati, perché un telefonino non è un'automobile con pericolosi difetti di fabbricazione, che per legge va ritirata dal mercato per la riparazione, e le cui cifre vengono giocoforza rese note. È un fatto, però, che bisogna fidarsi della sua parola. Saranno davvero rispettivamente lo 0,55% e l'1,7%?

2) L'iPhone 4 era in vendita solo da 23 giorni. Anche se le percentuali dello 0,55% e dell'1,7% paioni risibili, per un prodotto di quella fascia in vendita da soli 23 giorni non è da prendere sottogamba: il cliente negli Usa ha, credo, 6 mesi per la restituzione di un prodotto difettoso. Un bilancio più equilibrato andrebbe fatto nell'arco dei primi sei-sette mesi.

3) Se Steve Jobs davvero ritenesse il problema inconsistente e creato ad arte da alcuni siti di test, avrebbe usato ben altre parole alla conferenza stampa. Ha le spalle abbastanza larghe per controbattere a chiunque.

4) Ammettere che c'è un problema è un atto di onestà; ma per ragioni di immagine nessun imprenditore vorrebbe mai mostrarsi onesto in questi frangenti. :-)
Va bene la soluzione proposta (custodia gratis o rimborso integrale), però ben gli sta. "Sapevamo, ma non credevamo fosse un problema"? Io dico che iPhone 5 uscirà con custodia integrata! :D
Apple sarebbe stata ancor più seria se avesse offerto la custodia gratis almeno finché venderanno iPhone pensati male e realizzati di conseguenza (almeno per quanto riguarda l'antenna), invece che solo fino a una data del tutto arbitraria.

Come se dopo il 30 settembre, se non rimettono mano al progetto e alla produzione, cambiando l'antenna, gli iPhone smetteranno miracolosamente di avere problemi di ricezione in certe condizioni e la custodia non sarà più necessaria.
Credo che il concetto che ha portato alla scelta di una data arbitraria entro cui godere dell'"offerta" sia.: fino ad ora gli acquirenti erano inconsapevoli del difetto e magari lo saranno ancora per un po', ma fra 2 mesi la voce si sarà diffusa abbastanza per poter dire che chi acquista l'iphone 4 lo fa conoscendo il difetto, per cui si accolla le spese per coprirlo.
Almeno credo.
Comunque, a mio parere l'idea di mostrare lo stesso difetto in altri prodotti simili è un autogol abbastanza netto, perchè prima si fa passare l'iphone come qualcosa di totalmente diverso e rivoluzionario rispetto alla concorrenza, poi invece si comunica implicitamente "hey, l'iphone è come tutti gli altri, te lo dice pure Steve Jobs!".
Comunque condivido i pareri sull'inconsistenza delle "prove" contro i concorrenti.
Accademia dei pedanti ♂:
Saranno davvero rispettivamente lo 0,55% e l'1,7%?

Apple è una società per azioni. Di fronte a un'affermazione pubblica, qualunque azionista (e non) può denunciare immediatamente l'azienda per falso. Vediamo in quanti lo fanno.

Peraltro, quando i dati non ti soddisfano e sospetti dunque che possano essere falsi, ti comporti come la volpe che guarda l'uva troppo in alto e conclude che è acerba. Si chiama dissonanza cognitiva.

Un bilancio più equilibrato andrebbe fatto nell'arco dei primi sei-sette mesi.

Giusto. I dati per sostenere una tesi si possono portare da subito e invece quelli per confutarla devono aspettare sei mesi. Ancora una volta i dati non ti soddisfano, quindi in qualche modo devono essere sbagliati. Volpe, uva, l'uva è acerba. Dissonanza cognitiva.

Se Steve Jobs davvero ritenesse il problema inconsistente e creato ad arte da alcuni siti di test, avrebbe usato ben altre parole alla conferenza stampa. Ha le spalle abbastanza larghe per controbattere a chiunque.

Come è stato abbondantemente anticipato, quello che Jobs ha fatto e detto non riguarda la realtà, ma la percezione della realtà, perché ieri non era vendita, bensì marketing. La realtà sta in quell'1,7 percento e gli esemplari venduti sono tre milioni, quindi un campione ben sufficiente a tirare conclusioni. Ah, certo, che sono tre milioni l'ha detto Jobs, sarà vero? E se avesse mentito?
Eccellente esercizio di debunking. Apple pubblica periodicamente, per legge, descrizioni capillari della propria attività. Leggerne magari almeno una?
Axlman:
Come se dopo il 30 settembre, se non rimettono mano al progetto e alla produzione, cambiando l'antenna, gli iPhone smetteranno miracolosamente di avere problemi di ricezione in certe condizioni e la custodia non sarà più necessaria.

Il 30 settembre i siti scandalistici parleranno di altro (gli scandali funzionano meglio da freschi) e gli stessi iPhone di adesso continueranno a vendersi come adesso. È marketing: riguarda la percezione della realtà. In autunno a essere sulla bocca di tutti sarà qualcos'altro e una cosa normalissima della produzione di massa, cioè una percentuale minima di utenze problematiche, sarà tornata normalissima. O credi che la concorrenza funzioni al 100% e nessun utente di telefoni non Apple abbia mai un problema?
Tanto lo so che il 30 settembre troverò un articolo qui, sul Disinformatico riguardo l'iPhone 4.

S'intitolerà: "iPhone 4. Ancora problemi".
Paolo, per giocare, a marzo provo a fare una telefonata dal banco reception della Deepcon con l'iPhone 4 (senza custodia che tanto sono destro) se riesco a parlare (là è già tanto prendere la linea ma cerchiamo l'usabilità) tu e il Conte (sparing partner su FB) offrite un caffè a me, altrimenti io a voi.

Da parte mia è puro azzardo perchè non ho ancora provato il telefono, che dite?
@bluled:
Quello che invece non ho tollerato è il confronto con gli altri smartphone. Per questo ritengo che le foto riportate sul sito siano una bufala pazzesca, non per niente non hanno postato filmati come hanno fatto i vari utenti per Apple, ma si sono limitati a due foto del terminale una con tante tacche e una con poche, direi che è MOOLTO povera come prova.

negli Stati Uniti non è illegale fare questo tipo di confronti, nemmeno nella pubblicità. tuttora, non è illegale nemmeno in Italia, se il confronto è riproducibile da tutti: servirebbe qualcuno che possegga un BlackBerry Bold 9700, od un HTC Droid Eris, od un Samsung Omnia II, che testimoni la veridicità delle prove Apple. =)

@usafree
Io dico che iPhone 5 uscirà con custodia integrata!
urca, no dai.. ci sarà almeno un iPhone 4.5 prima.. xD

@lux
Il 30 settembre i siti scandalistici parleranno di altro (gli scandali funzionano meglio da freschi) e gli stessi iPhone di adesso continueranno a vendersi come adesso. È marketing: riguarda la percezione della realtà. In autunno a essere sulla bocca di tutti sarà qualcos'altro e una cosa normalissima della produzione di massa, cioè una percentuale minima di utenze problematiche, sarà tornata normalissima.

no, non è Marketing. perché, se una persona normale compra un televisore che non riceve perfettamente i canali, aspetta 6 mesi prima di consegnarlo al produttore, o lo fa il prima possibile? e milioni di altri acquirenti, che hanno comprato il televisore (che presenta ancora lo stesso difetto) come lui nei mesi a seguire, non farebbero altrettanto? =/
bluled:
Per questo ritengo che le foto riportate sul sito siano una bufala pazzesca, non per niente non hanno postato filmati come hanno fatto i vari utenti per Apple, ma si sono limitati a due foto del terminale una con tante tacche e una con poche, direi che è MOOLTO povera come prova.

Peccato che nella presentazione di Steve Jobs, visibile da chiunque su Internet, ci sia il video di tutto. E che sul sito ci siano i filmati.
Per lux

Saranno davvero rispettivamente lo 0,55% e l'1,7%?

Apple è una società per azioni. Di fronte a un'affermazione pubblica, qualunque azionista (e non) può denunciare immediatamente l'azienda per falso. Vediamo in quanti lo fanno.


Non ho detto che siano falsi. Incompleti magari, perché se la conferenza stampa era ieri, non so se erano aggiornati alla mezzanotte del giorno prima. Piccolezze, in ogni caso.
Sai, per denunciare una società per azioni come Apple per falso ci vuole qualche prova, e forse nemmeno conviene cercarla per questioni che agli azionisti importano fino a un certo punto. Se vuoi raccontarci la barzelletta che i dati sciorinati dai CEO di società americani sono sempre veritieri, accomodati.

Peraltro, quando i dati non ti soddisfano e sospetti dunque che possano essere falsi, ti comporti come la volpe che guarda l'uva troppo in alto e conclude che è acerba. Si chiama dissonanza cognitiva.

Lux, te l'ho già detto e te lo ripeto: devi smettere di fare colazione con yoghurt al limone concentrato: rimani acido tutto il giorno e la gente ti evita.

Io ho espresso dubbi sulle percentuali dichiarate da Apple. Siccome non vivo sulla Luna, so che a volte capita che non dicano tutta la verità. Poi, se arriverà una conferma con dati documentati sui primi 23 giorni, tanto meglio: il mio era un dubbio infondato. Io qui discuto pacificamente, non mi viene in tasca nulla se i dati sono leggeremente addolciti.

Un bilancio più equilibrato andrebbe fatto nell'arco dei primi sei-sette mesi.

Giusto. I dati per sostenere una tesi si possono portare da subito e invece quelli per confutarla devono aspettare sei mesi.


No. Perché i dati dicano veramente quello per cui sono stati presentati, devono essere riferiti a un periodo di analisi che tenga conto del diritto di recesso da parte dell'acquirente di sei mesi. Non intendo dire sia sbagliato diffondere i dati provvisori, del resto quelli ci sono ora, quelli si rendono pubblici: va puntualizzato che i primi 23 giorni non sono necessariamente rappresentativi del primo semestre per quanto riguarda le restituzioni. E io questo ho fatto.

Ancora una volta i dati non ti soddisfano, quindi in qualche modo devono essere sbagliati. Volpe, uva, l'uva è acerba. Dissonanza cognitiva.

No, ripeto, rileggi.

Come è stato abbondantemente anticipato, quello che Jobs ha fatto e detto non riguarda la realtà, ma la percezione della realtà, perché ieri non era vendita, bensì marketing.

Il marketing si fa anche smentendo notizie tendenziose con una battuta o facendo di necessità virtù, non devo certo insegnarlo io a Steve Jobs. Evidentemente, ha valutato che uno scontro frontale non se lo poteva permettere nemmeno lui: ammettere che il problema è piccolo piccolo è comunque diverso da dire che non esiste affatto.

La realtà sta in quell'1,7 percento e gli esemplari venduti sono tre milioni, quindi un campione ben sufficiente a tirare conclusioni. Ah, certo, che sono tre milioni l'ha detto Jobs, sarà vero? E se avesse mentito?

Ancora questi dati di vendita. Che palle. Lo vuoi capire o no che qui nessuno sta parlando del successo dell'iPhone, ma dei problemi tecnici incontrati dagli utenti iPhone? Riesci a tenere separati i due concetti?

Eccellente esercizio di debunking. Apple pubblica periodicamente, per legge, descrizioni capillari della propria attività. Leggerne magari almeno una?

Dammi un link, e giudicherò se per parlare di un problema tecnico mi può servire leggere i rapporti societari delle Apple Inc. Magari sì, ma a naso mi pare un po' strano.
Avviso ai naviganti

Causa manifesto e pervicace attaccamento ai propri ideali, si consiglia prudenza nell'approcciare la fregata lux.
Ben venga la politica del rimborso e delle custodie gratis, ma l'argomentazione del "succede anche con gli altri" è da prima asilo dato che nessuno si era lamentato così apertamente di quei modelli come dell'iphone.Criticare poi i siti che denunciano i difetti del prodotto apple è semplicemente ridicolo.
Alessandro:
Servirebbe qualcuno che possegga un BlackBerry Bold 9700, od un HTC Droid Eris, od un Samsung Omnia II, che testimoni la veridicità delle prove Apple.

Fammi capire: nessuno in questo forum ha un iPhone 4 in mano per testimoniare la veridicità dei test apparsi su Internet, ma nessuno li mette in discussione. Mentre quello che mostra Apple invece va convalidato, altrimenti potrebbe essere falso (mentre quello che è stato postato finora è vero per definizione). Ci sto, purché la persona che convalida abbia a disposizione diciassette camere anecoiche.

no, non è Marketing. perché, se una persona normale compra un televisore che non riceve perfettamente i canali, aspetta 6 mesi prima di consegnarlo al produttore, o lo fa il prima possibile?

Lo fa il prima possibile. Nelle prime tre settimane di vendita, tre milioni di apparecchi venduti, i reclami riguardano l'1,7 percento degli apparecchi. Se stai contraddicendo chi scriveva che bisogna aspettare sei mesi per farsi un giudizio, sono perfettamente d'accordo con te.
teus scrive: Ben venga la politica del rimborso e delle custodie gratis, ma l'argomentazione del "succede anche con gli altri" è da prima asilo dato che nessuno si era lamentato così apertamente di quei modelli come dell'iphone. Criticare poi i siti che denunciano i difetti del prodotto apple è semplicemente ridicolo.

ma infatti. come se un difetto di prodotto comune alla categoria, giustificasse il difetto del proprio prodotto..
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
A me i sostenitori sempre e comunque di Apple continuano a sembrare una branca di cerebrolesi.

Apple ha fatto il minimo sindacale per evitare contraccolpi. Meno di così non poteva fare. No, non poteva non riconoscere il problema: la borsa l'avrebbe penalizzata.

E come al solito Apple non ha perso l'occasione per sviare l'attenzione tirando merda sulla concorrenza, con dei test fuorvianti (prendo i cellulari che hanno l'antenna posizionata dove mi fa comodo e trovo l'impugnatura che più rompe loro le palle - ho provato con il mio Touch Pro e... zero tacche di perdita di segnale! magia!).

Il problema del reality distorsion field non è chi lo fa, ma i cerebrolesi che ci cascano.

Detto questo preciso: Apple fa buoni prodotti (e non è l'unica), Apple fa minchiate (e non è l'unica), Apple fa alla grande i cazzi suoi e "ama i suoi clienti" solo in virtù del profitto che ne trae (come tutte le aziende quotate in borsa). Punto.
Per Alessandro

negli Stati Uniti non è illegale fare questo tipo di confronti, nemmeno nella pubblicità. tuttora, non è illegale nemmeno in Italia, se il confronto è riproducibile da tutti:

Ma sei sicuro? Io ho sempre saputo che la pubblicità comparativa è vietata in Italia. Il che non significa che non si possano fare test comparativi e renderli pubblicicon la metodologia utilizzata per i test, ma questa è libertà di stampa.
l'avevo detto io che era tutto un bluff, alla fine si è risolto tutto.

cmq ragazzi che caldo. fortuna voi che state al nord dove al massimo avrete 25 C di giorno! qui a Roma si schiatta di caldo.

anche Paolo lo invidio. ho sentito che in Svizzera di questo periodo al massimo sono 13 C di giorno.
Ooh, noemiventiciquenne... e quella denuncia? La fai o lanci la mano per poi nascondere il sasso?
Il Dlgs n. 67/2000 dovrebbe aver aperto la strada alla pubblicità comparativa in Italia il fatto che a dieci anni nessuno se ne sia praticamente accorto dovrebbe far riflettere.
Teus:
Ben venga la politica del rimborso e delle custodie gratis, ma l'argomentazione del "succede anche con gli altri" è da prima asilo dato che nessuno si era lamentato così apertamente di quei modelli come dell'iphone.

Le altre marche fanno ascolti minori. I siti che vivono di pubblicità vendono più pubblicità quando parlano di Apple, quindi parlano di Apple appena possono e, se hanno un granello di sabbia, hanno interesse a farlo diventare un macigno.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
@ lux

Guarda che quelle cifre -sono-, effettivamente, incomplete.

Lo 0,55% delle persone ha telefonato all'assistenza per problemi all'antenna. Ok. Quanti non lo hanno fatto? Tenendo conto che:

1) non è un problema che impedisce completamente l'uso di iPhone4
2) è un problema la cui incidenza varia a seconda della potenza del segnale
3) gli acquirenti della prima ora (quelli che fanno la fila di notte) sono effettivamente per la maggior parte grandi affezionati e "fanboy" (come per tutti i prodotti di grande successo) che acquistano più per immagine che per necessità.
4) i clienti, anche quelli con problemi seri, spesso l'assistenza non la chiamano proprio (anche le automobili richiamate per guasti che pregiudiano la sicurezza hanno una notevole percentuale di esemplari che non tornano per il richiamo - e sono targate e richiamate una a una, non devono aspettare che il cliente si lamenti!).

Pensi davvero che Jobs avrebbe tenuto una conferenza stampa in cui a) ammette il problema e b) offre una custodia di gomma gratis a tutti fino al 30 Settembre, se il problema avesse riguardato davvero solo lo 0,55% dei telefoni?
Secondo avviso ai naviganti:

L'utente lux non sa essere obbiettivo. Al massimo diaframma. E' inutile tentare di ragionarci. Non vuole.
Non è vero che succede su qualsiasi smartphone, tanto che c'era poteva dire che anche il problema del sensore capita in qualsiasi smartphone.

I siti scandalistici cosa centrano? Non si parla delle foto di Jobs nudo.

Non trovo che questo sia un grande difetto, per un altro telefono non ne avrebbe parlato praticamente nessuno, ma questo è il prezzo che deve pagare Jobs per la sua politica fin ora gli era andata bene e ne ha presi tutti i vantaggi, gridare allo scandalo perchè il suo stesso gioco per una volta gli si è ritorto contro è proprio da ciechi fanboy.
@Lux:
Citandoti qui il macigno se proprio vuoi è stato trasformato in montagna! ciò non toglie che di macigno si trattasse.Il problema non sembra casuale tutti gli utenti iphone 4 che impugnano il telefono in quel modo perdono campo.
Tra l'altro il famoso fix alla 4.0.1 bloccava i telefoni fino a ieri http://www.ilportalinux.it/laggiornamento-ad-iphoneos-401-brikka-dispositivi
Claudio
A me i sostenitori sempre e comunque di Apple continuano a sembrare una branca di cerebrolesi.


E piantala! Stavolta non sono incluso nell'insieme ma la tua simpatica affermazione resta pesante anche con l'IMHO sottinteso. Non sei meno troll di quelli a cui ti contrapponi.
@Accademia dei Pedanti
come Teus ha scritto: Il Dlgs n. 67/2000 dovrebbe aver aperto la strada alla pubblicità comparativa in Italia il fatto che a dieci anni nessuno se ne sia praticamente accorto dovrebbe far riflettere.
tuttavia, precisando, è legale solo se il confronto è riproducibile da tutti, e le informazioni sono effettivamente in grado di essere reperite da tutti.
un esempio: la pubblicità di Tele2, che confronta i propri prezzi con quelli di Telecom (che possono essere verificati da tutti).
se non v'è veridicità con quello che viene espresso, su una qualsiasi segnalazione, il Garante può verificare ed eventualmente porre sanzioni e/o far rimuovere il messaggio pubblicitario.

@Lux
Alessandro:
Fammi capire: nessuno in questo forum ha un iPhone 4 in mano per testimoniare la veridicità dei test apparsi su Internet, ma nessuno li mette in discussione. Mentre quello che mostra Apple invece va convalidato, altrimenti potrebbe essere falso (mentre quello che è stato postato finora è vero per definizione).

intendevo dire che non si può prender per oro colato le dimostrazioni di una società che ha tutto l'interesse di difendere il proprio prodotto, mostrando (seppure infantilmente, come notato da Teus) che il difetto è comune anche ad altri produttori.

no, non è Marketing. perché, se una persona normale compra un televisore che non riceve Lo fa il prima possibile. Nelle prime tre settimane di vendita, tre milioni di apparecchi venduti, i reclami riguardano l'1,7 percento degli apparecchi. Se stai contraddicendo chi scriveva che bisogna aspettare sei mesi per farsi un giudizio, sono perfettamente d'accordo con te.

esatto. se il difetto di prodotto è riscontrabile sin dall'inizio, e l'azienda è worldwide-known e da sempre sotto i riflettori, come Apple (a cui, diciamolo, ci piace stare sotto i riflettori), la dimensione temporale per una reazione/spiegazione è minima. nel Marketing (quello vero) si parla di 6/7 giorni. dopodiché, se non v'è reazione entro una settimana, sono cazzi amari.

@noemi85:
scherzi? ci son 37 gradi qua a Legnano (MI)! ahò, se mooree.. :O
Non sono un esperto di diritto USA in tema di pubblicità comparativa, ma ricordo uno spot pepsi con delle formiche che l'avrebbero preferita a coca-cola ritenuta inaccettabile perchè l'evento non era riproducibile o comunque provato.
Per Alessandro

come Teus ha scritto: Il Dlgs n. 67/2000 dovrebbe aver aperto la strada alla pubblicità comparativa in Italia il fatto che a dieci anni nessuno se ne sia praticamente accorto dovrebbe far riflettere.
tuttavia, precisando, è legale solo se il confronto è riproducibile da tutti, e le informazioni sono effettivamente in grado di essere reperite da tutti.
un esempio: la pubblicità di Tele2, che confronta i propri prezzi con quelli di Telecom (che possono essere verificati da tutti).


Con le due limitazioni che hai elencato, l'unica comparazione è sui prezzi all'utente a parità di servizio erogato. Capirai che utilità :-(

Ad esempio, par di capire che non è possibile in una pubblicità di detersivo fare pubblicità comparativa sul potere detergente (ammesso sia misurabile, non sono un grande esperto), perché il test lo possono fare solo laboratori specializzati. Una automobile non può fare la pubblcitá comparativa basata sui consumi medi al chilometro, perché sono prove che possono fare solo quelli con le attrezzature di Quattroruote. È così?
Errata corrige: fare pubblicità comparativa
@Teus
Non sono un esperto di diritto USA in tema di pubblicità comparativa, ma ricordo uno spot pepsi con delle formiche che l'avrebbero preferita a coca-cola ritenuta inaccettabile perchè l'evento non era riproducibile o comunque provato.

strano, perché hanno fatto anche di peggio. :p

tra l'altro, ho trovato una vignetta simpatica (tratta dalla Piccola Guida per il Consumatore alla Pubblicità Ingannevole e Comparativa dell'Autorità Garante), che riproduce un problema come quello di Apple. xD
La mia memoria non è assolutamente infallibile ma forse un dei pochi spot italiani veramente comparativi che abbia mai visto era proprio di un detersivo rispetto a due diretti concorrenti, con tanto di citazione dei marchi "nemici".
@lux:
> Fammi capire: nessuno in questo forum ha un iPhone 4 in mano per testimoniare la veridicità dei test apparsi su Internet, ma nessuno li mette in discussione. Mentre quello che mostra Apple invece va convalidato, altrimenti potrebbe essere falso (mentre quello che è stato postato finora è vero per definizione).

Mi pare che ci sia un po' di differenza tra i test fatti sull'iPhone da soggetti indipendenti e quelli fatti dalla stessa Apple su prodotti Blackberry e HTC.
Spero che i smartphone di RIM e HTC abbiano veramente quel tipo di problema, altrimenti vedo guai giudiziari molto seri per Jobs!
che bello quando i link non mi funzionano -___- che figura da niubbo.

comunque, filmato Pepsi vs. Cola: http://www.youtube.com/watch?v=lf6UNxusGDI

vignetta simpa: http://yfrog.com/jkconfrontoprodottij

@Accademia dei Pedanti
Con le due limitazioni che hai elencato, l'unica comparazione è sui prezzi all'utente a parità di servizio erogato. Capirai che utilità.
Ad esempio, par di capire che non è possibile in una pubblicità di detersivo fare pubblicità comparativa sul potere detergente (ammesso sia misurabile, non sono un grande esperto), perché il test lo possono fare solo laboratori specializzati. Una automobile non può fare la pubblcitá comparativa basata sui consumi medi al chilometro, perché sono prove che possono fare solo quelli con le attrezzature di Quattroruote. È così?


innanzitutto, è bene differenziare dall'idea di pubblicità comparativa statunitense, da quella europea. negli USA, vi sono vere e proprie battaglie tra concorrenti: vedi Pepsi vs. Cola, ma capita anche BMW vs. Audi e così via.
in Europa, si è un po' prudenti, anche perché una feroce battaglia american-style, porterebbe ad un innalzamento dei costi e all'aggravarsi della battaglia concorrenziale.

riprendo l'articolo 3bis del dlgs n.74/92:
In particolare, la pubblicità comparativa è lecita se è fatta tra prodotti
concorrenti, se non inganna i consumatori, anche attraverso la confusione tra i
prodotti, se le sue affermazioni concernono caratteristiche essenziali, pertinenti e
comunque verificabili
, se non è fatta all’unico scopo di screditare il concorrente.


ebbene, se esistono strumenti con cui è possibile misurare il potere detergente di un detersivo, od attrezzature come quelle di Quattroruote (che se le ha, le ha comprate da qualche parte), allora è possibile giustificare la propria pubblicità comparativa.
tieni presente che, comunque, non è solo il consumatore che subisce il danno da pubblicità comparativa ingannevole, ma -soprattutto- il concorrente leso, che (teoricamente) è disposto ad investire in strumenti che verifichino la veridicità delle affermazioni nella pubblicità.
Non ho trovato alcun riferimento allo spot comparativo dei detersivi...quindi potrebbe anche non essere mai esistito.Per quanto riguarda la strategia apple in questo pasticcio penso fosse anche l'unica attuabile, in quanto un ritiro sarebbe corrisposto ad una sostituzione degli apparecchi essendo irriparabili.
Alessandro ha commentato

innanzitutto, è bene differenziare dall'idea di pubblicità comparativa statunitense, da quella europea. negli USA, vi sono vere e proprie battaglie tra concorrenti: vedi Pepsi vs. Cola, ma capita anche BMW vs. Audi e così via.

Un esempio di battaglia tra concorrenti che fece sorridere all'epoca:

Battaglia pubblicitaria tra BMW, Audi, Subaru e Bentley

:)
Dal sito anecoico linkato da lux:

"Apple has invested more than $100 million building its advanced antenna design and test labs. Our engineers have logged thousands of hours designing and testing iPhone 4 in these state-of-the-art facilities."

Risultato? Impugna l'iPhone con la sinistra e cade la linea.

90 minuti di applausi sarcastici :D
@ Alessandro: Toh. Non sono l'unica legnanese qui dentro. Bello!
Ok Laura, tu sei la Mabilia, Alessandro è il Giovanni...ci manca solo la Teresa, c'è un terzo legnanese all'ascolto? :D
Usa Free, mi chiami Mabilia perchè dai per scontato che Alessandro abbia almeno 20 anni più di me? ;D
"Usa Free, mi chiami Mabilia perchè dai per scontato che Alessandro abbia almeno 20 anni più di me? ;D"

Sì, e che porti ridicoli baffi a manubrio :D
Segnalo questo post di MyNokiaBlog http://tinyurl.com/2w8tx7k (in inglese) che mi pare interessante e divertente principalmente per tre punti:
1) Dimostra che anche il Nokia N900 ha problemi di antenna, sopratutto se si tiene schiacciato il pulsante "accensione" durante la chiamata. Sto ancora ridendo per la genialità della presa in giro :P
2) C'è una risposta di Nokia sul fatto che in effetti le antenne non sono perfette, bisogna dunque tenere conto del comportamento umano e reagire di conseguenza...
3) Le provocazioni finali sono in puro stile Apple su questa questione, ne traduco una giusto per i lettori che non capiscono l'inglese:
"Hey, hai bruciato la pizza?"
"Nessuno è perfetto, 3 milioni di pizze vengono bruciate ogni giorno. I faccio pizze fantastiche. Bruschetta gratis?"
> Non sono un esperto di diritto USA in tema di pubblicità comparativa, ma ricordo uno spot pepsi con delle formiche che l'avrebbero preferita a coca-cola ritenuta inaccettabile perchè l'evento non era riproducibile o comunque provato.

Mi sfugge una cosa: perchè stiamo parlando di pubblicità comparativa? Quella dell'Apple non era assolutamente una pubblicità comparativa ma la denuncia di supposti difetti di prodotti della concorrenza.
Jobs non ha detto qualcosa tipo "Il nostro iPhone è migliore del prodotto X o Y per questo e quest'altro motivo" ma piuttosto "Il nostro iPhone ha un difetto simile ai prodotti X e Y". E' come se un responsabile della Toyota avesse pubblicamente detto che anche la VW Polo e la Citroen C3 hanno problemi al pedale dell'acceleratore!
Per Doduz

Mi sfugge una cosa: perchè stiamo parlando di pubblicità comparativa? Quella dell'Apple non era assolutamente una pubblicità comparativa ma la denuncia di supposti difetti di prodotti della concorrenza.
Jobs non ha detto qualcosa tipo "Il nostro iPhone è migliore del prodotto X o Y per questo e quest'altro motivo" ma piuttosto "Il nostro iPhone ha un difetto simile ai prodotti X e Y". E' come se un responsabile della Toyota avesse pubblicamente detto che anche la VW Polo e la Citroen C3 hanno problemi al pedale dell'acceleratore!


Esatto. Ma se la cosa negli Usa è ammessa, e ovviamente se risponde al vero, non ci sarebbe nulla di male. Alessandro sostiene che lo è, malgrado consideri l'iniziativa egualmente meschina.
@Doduz e Accademia dei Pedanti
Mi sfugge una cosa: perchè stiamo parlando di pubblicità comparativa? Quella dell'Apple non era assolutamente una pubblicità comparativa ma la denuncia di supposti difetti di prodotti della concorrenza.
Jobs non ha detto qualcosa tipo "Il nostro iPhone è migliore del prodotto X o Y per questo e quest'altro motivo" ma piuttosto "Il nostro iPhone ha un difetto simile ai prodotti X e Y". E' come se un responsabile della Toyota avesse pubblicamente detto che anche la VW Polo e la Citroen C3 hanno problemi al pedale dell'acceleratore!


guarda, secondo il Diritto Europeo (e credo che quello Americano non sia troppo dissimile), il pubblicare dimostrazioni di funzionamento di prodotti della concorrenza e dei propri prodotti, sul proprio sito Internet ufficiale, è pubblicità comparativa. per la verità, siamo al limite delle sottigliezze legislative. cerco di spiegarlo in parole semplici:
1) Apple non ha dichiarato apertamente che il proprio prodotto sia migliore degli altri, MA ha dichiarato che il proprio prodotto ha lo stesso problema di altri, CIOE' è come se Apple dica: il mio prodotto, riguardo al funzionamento dell'antenna, è simile a quello dei concorrenti, anch'essi non esenti da difetti.
2) il sito Internet della società ente produttrice è, tuttora, considerato mezzo di comunicazione di massa alla stregua della pubblicità televisiva, pertanto è sottoposto alle leggi vigenti. se quei confronti fossero stati pubblicati su un blog non ufficiale od un qualsiasi giornale online, non sarebbero classificabili come pubblicità (a meno che non avvenga attraverso una transazione economica).

@Laura e Usa-Free
errrr.. a dir la verità, per quanto ne sarei onorato, non sono proprio di Legnano. :p
stamattina passavo per Corso Italia ed ho notato la temperatura esposta su un cartello luminoso. ecco perché ho detto Legnano.. in realtà sono un fiero abitante d'Olcella. però i Musazzi mi piacciono. ^___^
@Accademia dei Pedanti
Esatto. Ma se la cosa negli Usa è ammessa, e ovviamente se risponde al vero, non ci sarebbe nulla di male. Alessandro sostiene che lo è, malgrado consideri l'iniziativa egualmente meschina.

assolutamente. che sia ammessa o meno, è una cosa che, personalmente, io non avrei mai fatto: non solo Apple fa la figura di quello che sputa per terra e che si giustifica con il "tanto lo fanno tutti!", ma anche di quelli per cui un difetto di fabbricazione del prodotto (perché così è) sia talmente normale, da non sussistere alcun problema di sorta. quindi, chissenefrega dei 51.000 iPhone 4 che non beccano il segnale se impugnati con la mano sinitra, tanto ne ho altrettanti 2.949.000 che, secondo i MIEI dati, funzionano.
E con questo finisco l'OT. Alessandro, meglio ancora, abito ad Arconate al confine con Olcella...
@Doduz:
Rispetto la tua opinione, ma come ha già fatto Alessandro mi permetto di dire che comparare ha come sinonimo confrontare o raffrontare, se quindi metti di fianco al tuo prodotto quello dei concorrenti per qualsiasi motivo o fine stai facendo una comparazione.
non era più semplice dirlo subito: "si il problema esiste", invece di fare credere che la colpa è degli utenti cosi imbecilli da non sapere tenere in mano il telefono?
Il problema (pubblicità comparativa o meno) è che Apple non ha citato, correggetemi se sbaglio, test di laboratorio e/o fonti autorevoli/indipendenti riguardo ai malfunzionamenti in ricezione da parte dei prodotti di HTC, RIM, Nokia etc.
Quando si fanno affermazioni del genere a quei livelli (è un mercato di parecchi miliardi di dollari, con possibili danni in proporzione) bisogna essere certi di non dire fesserie o cose avventate o non dimostrabili riguardo ai prodotti della concorrenza.
Infatti! è stato uno spettacolo penoso secondo il mio modesto parere... potevano far vedere come un telefono nokia non avrebbe preso campo se fosse stato messo in una gabbia di Faraday e seppellito in 4 metri di cemento, ma questo ha poco in comune con il problema di ricezione dell'iphone.
Scusate, ma se io compro l'iPhone 4 dopo il 30 settembre? Devo comprare a spese mie il bumper?
Mi sembra comunque che l'offerta di Apple sia onesta e corretta.
Fino al 30 settembre ha senso perché gli iphonisti non aspettano :-)
Come sempre in queste faccende siamo un po' al delirio. Jobs ha ammesso il difetto e allora il difetto coinvolgeva poche persone. Allora non è un difetto? :-)

Inoltre, penoso il "lo fanno anche gli altri". Sicuri che Steve Jobs non abbia parentele italiane? Perché di solito siamo noi italiani a dire queste cose.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Per quanto possa essere d'aiuto, io ho un iPhone 4. Dalla mia esperienza diretta con questo telefono, posso affermare che tutti questi problemi sono, nella realtà dei fatti, inesistenti.
Non ho mai perso una chiamata, non ho mai azzerato il segnale con la "mano", e non ho mai avuto il mess "Cerco.." dove invece il campo c'era.
Quindi, adesso io non so com'è effettivamente la rete americana, ma quella dove vivo io (Giappone), non mi crea nessunissimo problema.
Ho parlato anche con diverse persone in Italia (che per un motivo o per un altro, hanno avuto la possibilità di comprarlo prima dei tempi previsti), e anche loro hanno affermato che succede SOLO in bassissima presenza di segnale e se davvero copri il telefono con tutta la mano, in una posizione altamente innaturale. Alla luce di ciò, direi che se nessuno ne avesse parlato, nessuno si sarebbe accorto di nulla, tanto è irrisorio il "problema" (parlo della mia di esperienza, sia chiaro).
Da tutta questa storia, ho ricavato una custodia gratis, che altrimenti non avrei comprato. Benissimo così.
In tutto questo fiorire di "problema risolto" parlando di una soluzione ad un problema che qualcuno dice inesistente e qualcuno dice gravissimo, mi sembra che nessuno discuta più sull'assurdità della corsa al gadget tecnologico che mi sembra il vero motivo per cui discutiamo di impugnature di smartphone. Non per fare il Savonarola, ma se un attimo ci fermassimo a riflettere sull'assurdità di alcuni nostri acquisti il quadro tragicomico della situazione sarebbe finalmente molto più chiaro.

Dico questo in una nazione dove chiunque piange miseria, parla di non arrivare a fine mese, se la prende col governo (qualunque sia) perchè a breve finiremo come la Grecia (ammesso di sapere cosa significhi).

Io vorrei solo capire in che Italia vivo. Nell'Italia dove ogni 3 mesi faccio la fila per spendere 500 euro in un nuovo giocattolino hi-tech, o in un'Italia in cui fra 3 mesi rischio di diventare ospite della caritas?

Datemi una mano a capire, sinceramente faccio fatica.
ECCO IL VIDEO CHE DIMOSTRA CHE IPHONE 4 FUNZIONA!
QUINDI CHI VUOLE COMPRARLO PUO' FARLO SENZA PENSARCI TROPPO.
http://www.youtube.com/watch?v=0KUxbDmHbRQ
ECCO IL VIDEO CHE DIMOSTRA CHE IPHONE 4 FUNZIONA!
QUINDI CHI VUOLE COMPRARLO PUO' FARLO SENZA PENSARCI TROPPO.
http://www.youtube.com/watch?v=0KUxbDmHbRQ
Spammer a go go, eh?!
Per Franci

Io vorrei solo capire in che Italia vivo. Nell'Italia dove ogni 3 mesi faccio la fila per spendere 500 euro in un nuovo giocattolino hi-tech, o in un'Italia in cui fra 3 mesi rischio di diventare ospite della caritas?

Una cosa non esclude l'altra. Hai mai visto l'episodio "Che vitaccia" del film I mostri, nel quale il povero baraccato romano con moglie e figli a carico spende tutti gli spiccioli per andare allo stadio? Ecco. Succedeva nell'anno 1963.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
dicevo...

quanto casino per un telefonino..
@Accademia: La pubblicità comparativa è fattibile ma, se non sbaglio (e a questo punto dovrò chiedere a un collega che si occupa di pubblicità Above-the-line) non nei termini fattibili negli USA. Ovvero qui per legge non potremo mai vedere gli spot CocaCola vs Pepsi, piuttosto "mio prodotto" vs "altri prodotti analoghi in genere". Però occupandomi di Below-the-line (per gli amici: pubblicità sul punto vendita e non spot o annunci stampa) non lo so. Vi posso dire che sicuramente posso confrontare una caratteristica del prodotto pubblicizzato con quella di altri sempre dello stesso produttore. In pratica: posso dire che questa lavatrice della XXX consuma il 10% in meno delle precedenti lavatrici XXX di pari categoria.

Dire, da parte di Jobs, che il problema riguarda ANCHE gli altri telefoni è semplicemente sviare l'attenzione.

Tra l'altro al TG3 hanno fatto un servizio sulla cosa, accennando vagamente a "un problema del nuovo iPhone", dicendo che "il tenebroso(!) Jobs ha già pronta una soluzione" segue pausa e biografia sintetica del vecchio Stevie. Punto. Fine servizio. Nessun dettaglio sul "problema" nè sulla "soluzione".
@ǚşå÷₣ŗẻễ io quasi legnanese, va bene lo stesso?
gadget per tutti!
"@ǚşå÷₣ŗẻễ io quasi legnanese, va bene lo stesso?"

Ok, Mousse é la Teresa e il trio é completo! :D

I Legnanesi mi piacciono perché parlano un dialetto che capisco e fanno delle battute che solo chi capisce il dialetto della zona può apprezzare pienamente.

Senza mettere in diiscussione il genio napoletano, ma per me é arabo! :D

La vedo come una riscossa: "vi siete beati perché noi polentoni non potevamo apprezzarvi? Tié, beccatevi il nostro dialetto e provate il disagio dell'incomunicabilità!" :D
Credo che a molti abbia dato un certo fastidio non tanto il baco del telefonino ma l'atteggiamento di Mr. Jobs:

1. Non c'è nessun difetto, sono solo chiacchiere da bar, l'Iphone funziona perfettamente e poi noi siamo dei fighi, se parlano male dei nostri prodotti è solo per invidia.

2. In effetti c'è un problema nel software, per la precisione nell'indicazione delle tacche del campo, l'antenna non centra è una balla dei media, ma noi siamo fighi e vi risolviamo tutto col solito aggiornamento.

3. In effetti tenendo il telefono in un certo modo cade la connessione, colpa dell'antenna, basta tenerlo in mano diversamente da come lo tengono tutti del resto noi siamo più fighi,
e poi capita solo su certi apparecchi non su tutti, se ne accorto solo l'1% deigli utenti e ne abbiamo venduti a camionate.

4. Va bene, se proprio insistete con questa faccenda del difetto basta che ci mettete un guscio di gomma per evitare di toccare i bordi, 30$ perchè è figo anche quello.

5. Non se ne può più con questa storia, ok è colpa dell'antenna lo sapevamo fin dall'inizio, ma in fondo è lo stesso difetto che hanno anche tutti gli altri smartphone quindi perchè rompete le scatole? Comunque per dimostrarvi quanto siamo fighi il guscio ve lo regaliamo (mica in eterno) e se proprio dovete esagerare potete anche darci indietro il telefono e vi rimborsiamo i soldi.
Colgo l'occasione per ricordare alla stampa che noi siamo più fighi.

Direi un pessimo modo di gestire la faccenda ma è solo una mia opinione.
Per RobyX®

2. In effetti c'è un problema nel software, per la precisione nell'indicazione delle tacche del campo, l'antenna non centra

C'entra.

3. In effetti tenendo il telefono in un certo modo cade la connessione, colpa dell'antenna, basta tenerlo in mano diversamente da come lo tengono tutti del resto noi siamo più fighi,
e poi capita solo su certi apparecchi non su tutti, se ne accorto solo l'1%


Se n'è accorto.
@ ǚşå÷₣ŗẻễ: per chi parla francese il dialetto di Legnano non è così difficile. Un po' ne deriva, e ci assomiglia parecchio.

@ Mousse: Ora non resta che trovarci con Alessandro e il trio dei "povercrist" (storico spettacolo dei legnanesi) può andare in scena!
la pubblicità comparativa in italia esiste da anni, ecco un'esempio sull'acqua: http://www.santanna.it/Images/campagne_comparativa.jpg
Per Kuda -VC

la pubblicità comparativa in italia esiste da anni, ecco un'esempio sull'acqua: http://www.santanna.it/Images/campagne_comparativa.jpg

Un esempio.
Certo che se la nuova legge permette di comparare le tariffe a parità di minutaggio di chiamata, come per le compagnie telefoniche, e il contenuto di sali delle acque in bottiglia, come qui, lo credo bene che sia stata utilizzata pochissimo. Ma che noia mortale!
Io vorrei sottolineare alcune strane coincidenze... Apple sapeva della forte attenuazione del segnale. Apple stranamente ha cannato la formula per calcolare la ricezione e ha dovuto fixarla perchè forniva più campo di quello reale. Apple ha regalato le custodie.

Sarà tutto un caso?
' è é ò à , ; : .

Pedante fattici una supposta gigante.
Per RobyX®

' è é ò à , ; : .

Pedante fattici una supposta gigante.


... quanto ad argomenti sei alla frutta.
Accenti e apostrofi Pedante, esiste qualche altro argomento di cui si possa discutere con te? Ecco appunto, mica è colpa mia.
Per RobyX®

Accenti e apostrofi Pedante, esiste qualche altro argomento di cui si possa discutere con te? Ecco appunto, mica è colpa mia.

Ce ne sono molti, invece: uno, due, e tre. E potrei continuare.

Se però nel tuo personalissimo dizionario "discutere" significa "lanciare contumelie", allora no, parliamo lingue diverse. Ma non solo noi due: anche il molti commentatori, stanne certo, non apprezza le tue volgarità.
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Errata corrige: anche molti commentatori, stanne certo, non apprezzano
Argomenti interessanti Pedante, peccato che qui si parli di Iphone e in ogni caso ignoreresti comunque qualsiasi post per concentrarti sugli accenti.
Per quanto riguarda le "contumelie" mi limito a replicare alla tua arroganza, posso capire che per te correggere gli errori di ortografia possa essere una ragione di vita ma questo non significa che il resto del globo debba perderci il sonno, posso assicurarti che molti commentatori non apprezzano nemmeno i tuoi ridicoli attacchi di spocchia.
Buona domenica.
Per RobyX®

...in ogni caso ignoreresti comunque qualsiasi post per concentrarti sugli accenti.

Ti informo che l'errore ripetuto due volte al commento n° 80 riguardava gli apostrofi. L'accento di "n'è" non lo conto.

posso capire che per te correggere gli errori di ortografia possa essere una ragione di vita ma questo non significa che il resto del globo debba perderci il sonno,

Infatti tu non ci perdi il sonno: tu perdi la ragione in un secondo, segno che l'ortografia non la conosci davvero: fosse una banale distrazione non reagiresti così.

posso assicurarti che molti commentatori non apprezzano nemmeno i tuoi ridicoli attacchi di spocchia.

Da qual pulpito...
@Kuda-VC e Accademia dei Pedanti
la pubblicità comparativa in italia esiste da anni
Certo che se la nuova legge permette di comparare le tariffe a parità di minutaggio di chiamata, come per le compagnie telefoniche, e il contenuto di sali delle acque in bottiglia, come qui, lo credo bene che sia stata utilizzata pochissimo. Ma che noia mortale!

esiste da anni, ma non è seriamente presa in considerazione, sia per motivi economici che per paura di ritorsioni che porterebbero all'autoerosione competitiva.
mi spiego: nella cultura Americana/Anglosassone, la pubblicità competitiva è quasi "attesa". difatti, le battaglie pubblicitarie Pepsi vs. Coca Cola sono memorabili.. il pubblico quasi se le aspetta, come in una sorta di serial televisivo, di fatto le "puntate" sono una celebrazione della creatività.
in Europa e nella sua legislazione (da cui quella italiana ha preso spunto), vi sono limiti severi di comportamento che, sì, rendono la pubblicità comparativa poco "divertente", ma anche più incentrata sulle qualità intrinseche del prodotto (cioé gli aspetti di qualità, funzionamento, proprietà utili, etc.) che sulle qualità estrinseche (cioé l'immagine della marca, lo status symbol, etc.).
oltretutto, prendiamone atto, una selvaggia pubblicità comparativa, in Italia, sarebbe oltremodo lesiva per tutte le parti in causa (produttori, consumatori ed altri stakeholders), sconvolgendo lo status quo che tanto piace alle nostre imprese multinazionali. =/

tra l'altro, la pubblicità dell'acqua Sant'Anna postata da Kuda-VC, se ricordo bene, è già la versione finale post-avvertimento dell'Autorità Garante: la versione originale era stata bloccata perché ingannevole.


@Laura
per chi parla francese il dialetto di Legnano non è così difficile. Un po' ne deriva, e ci assomiglia parecchio.

incredibile, ma verissimo.
anni fa, in vacanza a Parigi, me la cavai grazie alla mia conoscenza del dialetto locale .____. roba che sembra una barzelletta.
Oh mamma, mi sono immaginato la tua scena, però in dialetto novarese:

"Sciùr, ca ma scüsa: par i Sciamp Elisé, ndua devi ndà?" :D
@usa: oh, dei. Il novarese è un ibrido tra lombardo e piemontese. ^^;; non pensavo che una roba del genere funzionasse :o
"Il novarese è un ibrido tra lombardo e piemontese"

Oh yes :D

"non pensavo che una roba del genere funzionasse"

Eppur si muove. :O
Rim ha anche risposto ad Apple: http://erictric.com/2010/07/17/rim-responds-to-apples-use-of-blackberry-bold-9700-in-iphone-4-press-conference/
In effetti, letto come commentato qui, la Apple ci fa una figura peggiore di quello che avevo letto sui giornali. "L'errore c'è, ma ce l'hanno tutti" è una scusante veramente del piffero...

Ribadisco, almeno l'infallibilità papale di Steve Jobs è tramontata...può ammettere che i suoi prodotti hanno "problemi come i prodotti realizzati da aziende terrene e non ultraterrene come la sua, aha" :P (sarcasmo)
Ti segnalo un commento sull'Iphone di Vittorio Zucconi, melista da una vita, ma che quando si tratta di dirle a Stefanino non si fa scrupoli:
http://zucconi.blogautore.repubblica.it/2010/07/15/limpero-del-mele/

Saluti
Michele
@Hanmar: e Zucconi non perde occasione per parlare male ANCHE del governo italiano. Non fosse stato per quella caduta di stile del finale, potrei dire che condivido a pieno la lamentela.
@Mousse:
> Zucconi non perde occasione per parlare male ANCHE del governo italiano.

A Zuc gli manca tanto (parlare male di) Giorgio Camminatore Cespuglio...
La risposta di RIM non si è fatta attendere
RIM risponde per le RIM
Fonte : http://www.ilsoftware.it/articoli.asp?id=6429

E' molto irritata la reazione di Mike Lazaridis, Ceo di Research in Motion, dopo le dichiarazioni di venerdì sera, nel corso della conferenza stampa di Steve Jobs.

Riferendosi ai problemi riscontrati sugli iPhone 4, Jobs li aveva minimizzati, sostenendo anche Rim con il BlackBerry Bold 9700 e il Droid di Htc mostravano gli stessi difetti.

Dichiarazione inaccettabile per Lazaridis, che nelle ore successive ha diramato una nota, firmata insieme al Co-Ceo Jim Balsillie.
"Chiamare in causa Rim in questo frangente - si legge nella nota - è un tentativo deliberato da parte di Apple di distogliere l'attenzione dalla sua difficile situazione e di confondere il pubblico rispetto ai problemi di progettazione dell'antenna".

Rim, continua Lazaridis, da oltre 20 anni progetta dispositivi wireless con prestazioni radio efficienti: "in questi 20 anni abbiamo sempre evitato di adottare un modello progettuale simile a quello adottato da Apple nell'iPhone, scegliendo soluzioni alternative che riducono il rischio di perdita di chiamate, soprattutto in aree con scarsa copertura. E una cosa certa è che i clienti Rim non devono utilizzare cover sui loro BlackBerry per mantenere la connessione".

Secca la conclusione: "Apple dovrebbe assumersi le proprie responsabilità invece di coinvolgere Rim o altri in sistuazioni che riguardano solo ed esclusivamente lei".
http://zucconi.blogautore.repubblica.it/2010/07/15/limpero-del-mele/

L'impero del Mele? Plagio, plagio! Ha copiato la mia battuta stupida :-)
Per Turz

L'impero del Mele? Plagio, plagio! Ha copiato la mia battuta stupida :-)

Se lo può far Daniele Luttazzi...
Questa storia di Rim e Nokia (si pure lei, che pur non chiamata in causa direttamente è stata la prima a rilasciare una dichiarazione: fonte engadget http://tinyurl.com/386mhcu) che controbattono al piagnucolio di Jobs, mi ricorda molto il duo Iachetti-Greggio, quando alla fine del servizio, ciondolano la testa in un diniego accusatorio.

La versione italica del facepalming. Il noskifating.
Comunque ecco l'anteprima dell'iPhone 5 :-D
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Segnalo che il tecnico responsabile dell'antenna dell'iPhone, Mark Papermaster, è stato licenziato (oppure, alcuni suggeriscono in forma dubitativa, si è dimesso).