skip to main | skip to sidebar
67 commenti

“Voyager” e la “base aliena” sulla cometa

Questo articolo vi arriva grazie alla gentile donazione di “belmer*” e “rincewin*”.

Nella puntata di Voyager andata in onda ieri e visibile qui (per chi ha un indirizzo IP italiano o sa come ottenerne uno) c'è una perfetta dimostrazione di come lavora la redazione di quel programma.

A 1:37:20 viene mostrata l''immagine che vedete qui accanto. La voce fuori campo dice testualmente che “Il 25 novembre 2014 è stata diffusa dal Washington Post una strana fotografia. Il fotografo in questione è la sonda Rosetta, in una missione spaziale sviluppata dall'Agenzia Spaziale Europea, l'ESA. A dieci anni dalla sua partenza dal nostro pianeta, Rosetta avrebbe fotografato sulla cometa 67P Churyumov-Gerasimenko i resti di una base aliena. La notizia sarebbe stata rubata alla NASA da un hacker, che l'avrebbe poi diffusa.”

Notate che Voyager attribuisce inequivocabilmente la notizia a una fonte seria e autorevole come il Washington Post, dandole quindi un'autenticità al di sopra di ogni dubbio. Il resto della notizia viene proposto con una vera e propria insalata dubitativa di sarebbe e di avrebbe, ma l'attribuzione al Post è presentata come un dato di fatto assoluto e indubbio.

Ma si tratta di una bufala: il Washington Post non ha affatto pubblicato quell'immagine, che è un fotomontaggio proveniente non dal Post, ma da una pagina Facebook che si spaccia per il Post e si chiama in realtà Breakingnews99. Inoltre la “base aliena” è in realtà semplicemente la pianta del parco del palazzo di Sanssouci, in Germania:

Credit: Wikipedia.
E questo, secondo quanto mostrato dalla redazione di Voyager, sarebbe il modo in cui il Washington Post impagina le notizie (con tanto di errori grammaticali, visto che snapshot è singolare e reveal è plurale):


Ci ho messo meno di cinque minuti a trovare la fonte della foto taroccata e la corrispondenza con il parco di Sanssouci, anche perché la storia era già sbufalata parzialmente in Rete sin dal 25 novembre scorso sul sito satirico Rebubblica, oltretutto in italiano. E io sono semplicemente un giornalista che lavora da solo, senza accesso a risorse particolari: mentre Voyager, non dimentichiamolo, è una trasmissione della RAI, pagata dal canone e dotata di una redazione di stipendiati.

Non chiedetemi come è possibile che una redazione della RAI arrivi a mandare in onda una bufala così palese. Chiedetelo a Giacobbo. Educatamente, ma chiedetelo. I soldi del canone che gli pagano lo stipendio (e lo pagano alla sua redazione) sono i vostri.
Invia un commento
I commenti non appaiono subito, devono essere tutti approvati da un moderatore. Lo so, è scomodo, ma è necessario per tenere lontani scocciatori, spammer, troll e stupidi: siate civili e verrete pubblicati qualunque sia la vostra opinione; gli incivili di qualsiasi orientamento non verranno pubblicati, se non per mostrare il loro squallore.
Inviando un commento date il vostro consenso alla sua pubblicazione, qui o altrove.
Maggiori informazioni riguardanti regole e utilizzo dei commenti sono reperibili nella sezione apposita.
NOTA BENE. L'area sottostante per l'invio dei commenti non è contenuta in questa pagina ma è un iframe, cioè una finestra su una pagina di Blogger esterna a questo blog. Ciò significa che dovete assicurarvi che non venga bloccata da estensioni del vostro browser (tipo quelle che eliminano le pubblicità) e/o da altri programmi di protezione antimalware (tipo Kaspersky). Inoltre è necessario che sia permesso accettare i cookie da terze parti (informativa sulla privacy a riguardo).
Commenti
Commenti (67)
Beh? Gli alieni sono segretamente atterrati a Sanssouci coperti dal complottone del NWO, gli è piaciuta la villetta e se ne sono fatti una uguale... che c'è di strano?
"I soldi del canone che gli pagano lo stipendio (a lui e alla sua redazione) sono i vostri."

No more! :D
il mistero dei misteri

https://www.youtube.com/watch?feature=player_detailpage&v=WsdEP8wwrIc#t=496
AHAHAH ma è bellissima questa! Ma c'è anche chi si beve storie del genere? Fra l'altro pure ad un occhio inesperto salterebbe immediatamente all'occhio l'incongruenza fra la risoluzione della cometa e quella della presunta base. Eddai, bisogna essere proprio bifolchi per ingoiare pure questa!
P.s.: gran bel parco e stupenda la cittadina di Potsdam vicina, consiglio caldamente la visita a chi ha occasione di andare a Berlino ;)
E' il Sanssouci che è stato fatto dagli alieni è rettangolare, senz'altro è allineato con qualcosa e assomiglia a un eliporto :-)
eh be..Crozza Docet! :D
Tanto c'è l'ordine dei giornalisti che vigila (risate in sala).
E poi ci sono milioni di lobotomizzati che continuano a seguire le trasmissioni tv, perchè "se lo dicono in tele vuol dire che è vero (come se la tv fosse fatta da superuomini). E non parlo di adolescenti, mi riferisco a gente adulta che ragiona in questo modo, a cui andrebbe tolto il diritto al voto e ogni altra sorta di libertà di scelta che abbia a che fare con il paese.
La televisione: un mezzo di comunicazione con potenzialità educative immense, ridotto ad una accozzaglia di cazzate siderali per fare soldi. Ha ragione Marcello Macchia con il suo "Italiano medio"... viviamo in un paese di rincoglioniti.
Ho appena chiesto alla redazione di Voyager spiegazioni!!!! speriamo che mi rispondano :D
Quindi dici che bisognerebbe scrivere a Giacobbo esordendo con un formale "Gent.mo Dott." invece con un più opportuno e romanescamente adeguato: " 'A cazzarooo!!!!" ? Allora non gli scrivo.
Ieri sera sono capitato su Voyager proprio in quel momento, giuro! Per poco non mi strozzavo con l'acqua minerale!
Coincidenze? Spero proprio di sì! O_o
Sfortunatamente non esiste un modo legale per non pagare il canone RAI. E comunque non pagare il canone RAI non è la soluzione migliore per non vedere più programmi spazzatura come questo.
esiste un modo legale per non pagare il canone, basta non avere apparecchi televisivi. No, il computer, il cellulare o il tablet non contano (per ora).
Ma perche' si permette a programmi (parola MOLTO grossa) come voyager di esistere?
Paolo io ci lavoro in Rai anche se dietro le quinte e spero che tu modifichi il messaggio perché insultare così Giacobbo e il lavoro di un'intera redazione è passibile di denuncia.
Il link diretto al filmato in questione:
http://creativemedia2.rai.it/Italy/podcastmhp/replaytv/raidue/sera/3395422_800.mp4
Che gastrite. Soldi pubblici non solo sprecati, ma resi dannosi perché si concretizzano nella diffusione della non-cultura del "mi bevo tutto, acriticamente". Questo "giornalismo", oltre a essere spazzatura ridicola, è infatti il seme della stupidità globale. Nel mentre, giovani ricercatori (e immagino anche giovani giornalisti capaci) vengono lasciati a casa perché non ci sono i soldi. Ma vaff.............
Facendo zapping sono caduto per caso nel momento in cui parlavano di Samantha Cristoforetti, con un tempo di reazione di un giaguaro ho cambiato prima di perdere i sensi e restarci secco.
Non sapevo che avessero continuato raccontare balle di quella risma.
Comunque, segnalato alla redazione di voyager, alla rai e all'ordine dei giornalisti, purtroppo dubito che facciano qualche cosa, il programma si descrive sul proprio sito:

Voyager non è un programma scientifico, non è un format di storia, non è una trasmissione di archeologia: è un insieme di domande a caccia di risposte. Diffidiamo tanto di chi pensa che tutto sia un mistero quanto di chi crede che tutto sia stato spiegato.

Si nasconde dietro l'enorme paravento del "divulgazionismo" che in italia vuol dire "sparacazzatismo"
@nicolaferrani

eh?
Ho il sospetto che il discorso sul canone sia una bufala (ricorrente, come ogni bufala): Kazzenger ha, purtroppo, un certo seguito, col quale è probabile che raccolga abbastanza introiti pubblicitari da pagare per le spese della trasmissione e pure avere un margine di guadagno.
Come in altri casi sospendere la trasmissione sarebbe probabilmente un costo e non un risparmio.

Detto questo non credo che un'azienda pubblica dovrebbe usare strumenti così immorali per raccogliere fondi (e avrei qualche dubbio anche per quelle private, ma probabilmente la libertà di espressione è più importante), anche se aggredirei prima le lotterie e il "lotto alle otto".
Più che il farlocco riferimento ai "soldi nostri" sarebbe meglio scrivere di smettere di far cassa raccontando balle puerili agli ingenui.
Nicola,

insultare così Giacobbo e il lavoro di un'intera redazione è passibile di denuncia.

Mi dici dove ho insultato Giacobbo?

Io ho presentato i fatti. Se i fatti dimostrano che Giacobbo e/o la sua redazione hanno trasmesso una bufala, non sto insultando: sto documentando quello che hanno fatto Giacobbo e/o la redazione.

Se adesso scrivere che uno ha detto una fesseria è insultarlo, allora abbiamo un problema.

No, non modificherò il messaggio. Ho esposto i fatti. Se qualcuno mi vuole denunciare perché ritiene che esporre i fatti sia un reato, si accomodi.
Ho inviato una mail domandando come mai un giornalista autonomo abbia scoperto che era una bufala in 5 e senza ore di lavoro in terre selvagge. Avrei voluto aggiungere in calce "magari lasciate più tempo per Piero Angela e Super quark", ma ho evitato :-D

@Nicola
Ho riletto il post di Paolo....poteva essere ben più pesante senza rischiare denunce. Tra dire "hai fatto un pessimo lavoro" e "lavorate da schifo" ci sono vari livelli e Paolo è stato fin troppo cortese

@souffle
Ero tentato di iniziare la mail con la formula da te suggerita, ma ho preferito cambiare :-D
"Se qualcuno mi vuole denunciare perché ritiene che esporre i fatti sia un reato, si accomodi"
Standing ovation!
Ho appena inviato la mia personale critica alla redazione di Boyager, ho chiesto anche se sono in competizione con Mistero per la bufala più grande.
Che poi qui se davvero qualcuno ha qualcosa da denunciare è il Washington Post che agli occhi degli spettatori italiani con un po' di cervello - ma distratti - magari è diventato un giornalaccio da quattro soldi.
@Nicola
Credo che anche Giacobbo e la redazione della rai, diffondendo notizie false, possono essere passibili di denuncia. Voyager viene fatto passare come programma scientifico e i servizi di Giacobbo, come quello descritto da Paolo o quello mitico della fine del mondo nel 2012, possono provocare isteria/allarmismi di massa.
"Ieri sera sono capitato su Voyager proprio in quel momento, giuro! Per poco non mi strozzavo con l'acqua minerale!"

Chissà cosa ti sarebbe successo se avessi visto il servizio di Adam Kadmon andato in onda un paio di settimane fa, a titolo: "I Puffi sono massoni?"

Non è uno scherzo. Hanno davvero mandato in onda un servizio del genere. Sulle prime ho pensato che una banda di hacker si fosse impadronita dei server della trasmissione inserendo un pezzo satirico, invece no... il servizio era vero.

Ora direte che Voyager (con cui fra l'altro ho anche collaborato) è sulla TV di stato e Adam Kadmon è su Mediaset, ma il punto non è questo perchè la "matrice culturale" (con tutte le cautele sul termine "culturale") è la stessa, e il pubblico è più o meno il medesimo.

Il punto chiave è che il fascino vince sui contenuti, perciò un messaggio fatto di solo fascino senza contenuti produce ugualmente intesse.

Ovviamente un messaggio di soli contenuti ma senza fascino sarebbe controproducente e di una noia mortale, ma questa è un'altra storia. Qualche volta penso che un giudice dovrebbe condannare la redazione di Voyager a lavorare alle dipendenze di un vero divulgatore scientifico: sarebbe un esperimento interessante.
Non capisco cosa ci sia nell'articolo di potenzialmente passibile di denuncia.
Boyager trasmette cazzate, la redazione campa dando credito alle piu' fantasiose bufale. E' un dato di fatto. Ho capito che i redattori vorrebbero lavorare alla BBC e invece di trovano Giacobbo, ma in quello che scrive Paolo non c'e' niente di offensivo ne' di diffamatorio. IMHO.
Caro Nicola
In un'azienda normale se io venissi beccato a dare l'avallo per dei pezzi difettosi verrei come minimo ammonito tramite lettera.
Ora visto che Voyager è un programma a cui sono state diverse volte fatte le pulci io, ed altri ovviamente, mi chiedo come possa essere possibile che l'azienda in questione non abbia preso provvedimenti verso la redazione, che fa delle "ricerche" per "scrivere" certi pezzi, e verso il conduttore, che è anche per nostra sfortuna vicedirettore di rai2; ora spiegaci perchè la Rai dovrebbe querelare Paolo, che ha solo riportato i fatto così come sono senza aggiungerci nemmeno ironia e sarcasmo e non Crozza che, molto spesso, lo prende platealmente in giro con la sua satira?
Io personalmente, fossi nel DG e nel presidente, avrei già chiesto che la redazione e giacobbo chiedessero scusa per tutte le stupidaggini che hanno detto e che si sarebbero occupati di altro ma non di programmazione culturale, scientifica o di tipo religioso.
Purtroppo molti pensano che sia una trasmissione autorevole.
Attenzione però, secondo me c'è una GROSSA differenza tra Mistero e Voyager, a favore della prima. Mistero trasmette boiate e la maggior parte degli spettatori ne sono consci, anzi lo guardano PROPRIO per vedere quale sarà la prossima boiata che spara.
Voyager invece si ammanta di autorevolezza (pensate alla versione mattutina per ragazzi) e al fatto che ha ricevuto contributi statali per la divulgazione e trasmette ugualmente servizi pieni di boiate.

Che dire..
Andatela a visitare... Sansouci... è bellissima! Magari, nascosto in un cespuglio, vi imbattete anche in un rettiliano! (-:
Andatela a visitare... Sansouci... è bellissima! Magari, nascosto in un cespuglio, vi imbattete anche in un rettiliano! (-:
Visto che ci siamo, su un asteroide hanno invece trovato una piramide: http://phobosproject.blogspot.com/2014/08/piramide-asteroide-1999rq36.html
Qualche tempo fa, ho visto Robert Jacob ospite a Tv Talk. Per chi non la conoscesse è una trasmissione in cui si discute della settimana televisiva attraverso l'analisi di giornalisti, sociologi, semiologi ecc...oltre che addetti ai lavori. Apparentemente potrebbe sembrare un salotto di "pippologi", ma invece la trovo molto interessante.
Ebbene, quando è comparso in studio Giacobbo, ho notato che alcuni dei presenti hanno cercato di introdurre il tema della credibilità di Boyager (TvTalk tiene molto in considerazione il mondo del web, cosa alquanto rara in Rai) eppure tutti hanno dovuto usare dei giri di parole per tentare di introdurre l'argomento. Giacobbo, chiaramente, fingeva di non cogliere. Insomma, in una trasmissione che solitamente non si fa problemi a interloquire coi propri ospiti, sembrava ci fosse, nei suoi confronti, un timore quasi reverenziale.
Un po' come quando vorresti dire al tuo capo che sta girando con la patta aperta, ma hai paura che si possa incazzare con te, come se fosse colpa tua.

Ad un certo punto, uno dei presentatori ha esplicitamente citato un suo servizio pieno di bufale ed errori. Giacobbo, anzichè entrare nel merito, ha subito precisato che era un servizio di tanti anni fa...come se la cosa potesse farlo andare in prescrizione. Dopo averlo ribadito due o tre volte, è riuscito a far desistere il giornalista dall'andare oltre: era chiaro che sarebbe stata l'unica risposta che avrebbe ottenuto da lui.
La cosa che però mi ha inquietato è che in quel momento, il faccione rubicondo e un po' ebete di Giacobbo è diventato una specie di maschera: sempre la solita bocca aperta, sempre gli occhi spalancati e le mani aperte verso l'alto...ma stavolta la sua era un espressione vagamente minacciosa. Sembrava voler dire "se vuoi ne continuiamo a parlare fuori...hai visto quanto sono alto?".
Subito dopo, ecco che parte l'operazione simpatia: viene mostrato un video di Jacob che, in una puntata, imita il gesto con cui Crozza lo sfotte da diversi anni. Risate a profusione....che simpatico questo Giacobbo! ^_^

A me, invece, fa un po' paura. Secondo me quello è un furbacchione molto più infido di quello che può sembrare, al punto di essere più "intoccabile" di quanto non lo sia Antonio Ricci per Mediaset.
vediamo di capirci:

artt. 595-596-597-598-599 del Codice Penale. L’ingiuria è l´offesa all’onore e al decoro di una persona
presente (ad esempio ad un partecipante di una lista di discussione) e comporta la reclusione da 2 a
6 anni. Se la persona offesa è assente allora scatta il reato di “diffamazione” (art 595 c.p.
comunicazione con più persone in assenza del soggetto passivo, reclusione fino ad un anno oppure
multa fino a 2 milioni di lire) su querela della persona offesa, che diviene “aggravata” se il fatto è
commesso a mezzo stampa o con altro mezzo di pubblicità. A ciò si può aggiungere una citazione in
giudizio “per danno”, che può comportare una richiesta di risarcimento per cifre molto alte (ad
esempio 50 mila euro, ma vi sono richieste di risarcimento per 500 mila euro e oltre!). E’ utile
sapere che è considerata offesa anche quella recata all’onore o al prestigio di organi pubblici (corpo
politico, amministrativo o giudiziario) o di pubblici ufficiali e impiegati.

io ravviso la violazione dell'art 595 in quanto lei Paolo ha leso il decoro di Giacobbo in particolare qui:

"Non chiedetemi come è possibile che una redazione della RAI arrivi a mandare in onda una bufala così palese. Chiedetelo a Giacobbo. Educatamente, ma chiedetelo. I soldi del canone che gli pagano lo stipendio (e lo pagano alla sua redazione) sono i vostri. "

sarebbe a dire che i soldi del canone vengono buttati via pagando immeritatamente una trasmissione di cui è responsabile Giacobbo che fa pubblicare notizie senza verificarle ma scrivere così fa sorgere il dubbio che Giacobbo lo faccia in cattiva fede, che non abbia quindi un codice etico, che lo violi e che quindi sia in malafede.
scatta quindi il reato di diffamazione a mezzo stampa, reato che scatta a prescindere da ciò che si scrive ma da cosa ne può dedurre chi vi ravvisa un reato.

se per esempio tu scrivi che la Vanna Marchi ha truffato delle persone ledi il suo onore pure se il fatto è accertato e quindi scatta il reato.

in Italia la diffamazione è un reato che va considerato in maniera particolare. non siamo negli Usa qui.
nicola,

sarebbe a dire che i soldi del canone vengono buttati via

"Sarebbe a dire" secondo una tua arbitraria interpretazione personale. Io ho scritto semplicemente quello che ho scritto.

Ma se adesso anche chiedersi pubblicamente se una persona si merita i soldi dei contribuenti è reato, abbiamo un grosso problema.


in Italia la diffamazione è un reato che va considerato in maniera particolare. non siamo negli Usa qui.

Non siamo neanche in Italia. Io vivo in Svizzera, dove la libertà d'opinione di un giornalista è un tantinello meglio tutelata.

Comunque ripeto: se qualcuno vuole denunciarmi perché ho scritto i fatti, si accomodi e vediamo chi ci fa bella figura.
@nicolaferrani

La diffamanzione e' secondo il dizionario "Discredito gettato su qlcu. mediante discorsi o scritti calunniosi sul suo conto"

Paolo non ha scritto niente di calunnioso.

"I soldi del canone che gli pagano lo stipendio (e lo pagano alla sua redazione) sono i vostri. "
E' verissimo.


sarebbe a dire che i soldi del canone vengono buttati via pagando immeritatamente una trasmissione di cui è responsabile Giacobbo e questo e' vero
che fa pubblicare notizie senza verificarle vero
ma scrivere così fa sorgere il dubbio che Giacobbo lo faccia in cattiva fede, che non abbia quindi un codice etico, che lo violi e che quindi sia in malafede. qui i casi sono due: o e' in malafede o e' ignorante come una capra
scatta quindi il reato di diffamazione a mezzo stampa, reato che scatta a prescindere da ciò che si scrive ma da cosa ne può dedurre chi vi ravvisa un reato. sarebbe reato solo se le affermazioni fossero calunniose


Caro Nicola,
rispondi a questa domanda:

Ora visto che Voyager è un programma a cui sono state diverse volte fatte le pulci io, ed altri ovviamente, mi chiedo come possa essere possibile che l'azienda in questione non abbia preso provvedimenti verso la redazione, che fa delle "ricerche" per "scrivere" certi pezzi, e verso il conduttore, che è anche per nostra sfortuna vicedirettore di rai2; ora spiegaci perchè la Rai dovrebbe querelare Paolo, che ha solo riportato i fatto così come sono senza aggiungerci nemmeno ironia e sarcasmo e non Crozza che, molto spesso, lo prende platealmente in giro con la sua satira?

E aggiungo questa:

Perchè la Rai invece non avverte Giacobbo e la sua redazione di fare più attenzione con le cose che trasmette, in quanto se trasmettono stupidaggini provocano danni di immagine all'azienda e la gente si chiede: "Perchè devo pagare il canone per vedere queste cose"?

Mi spiace ma se la Rai provasse a fare un azione legale contro Paolo in un qualsiasi tribunale, anche italiano, i giudici si farebbero grosse e grasse risate.
Perché? Scusa proprio te che lavori in Rai non sai che Report ed altre trasmissioni simili hanno vinto causa milionarie che aziende, politici ed enti vari avevano intentato contro di loro per accuse simili a quelle che te fai a Paolo?

Se non ricordo male, anche in Italia la diffamazione scatta solo in caso si dicano cose non vere. L'esempio di Vanna Marchi è sbagliato. Se dici o scrivi che ha truffato non è diffamazione perché lo ha fatto davvero. Invece, affermare che Vanna Marchi truffa ancora è diffamazione.
Mah... gli improvvisati giuristi, che ignorano il diritto di critica con stile continente, diritto esercitabile persino in Italia.
Luca ti posso fare un paio di esempi di gente e programmi che è sono stati denunciati per aver fatto satira. Il primo nome che mi viene in mente è Daniele Luttazzi che è stato pure allontanato dalla Rai; il secondo nome è il signor Ricci di Striscia la Notizia che è ha subìto diversi processi, alcuni dei quali ha vinto altri no (http://www.giornalettismo.com/archives/1020581/antonio-ricci-perde-la-sua-battaglia-legale-contro-giovanni-panunzio/). Conteziosi legali hanno riguardato pure Le iene.

il caso più clamoroso rimane però quello di Daniele Luttazzi che, pur facendo satira, è stato denunciato (vedi editto bulgaro e denunce di diffamazione da parte di Forza Italia, Berlusconi e Mediaset).

insomma volendo essere fiscali se dovesse passare qui Vanna Marchi potrebbe querelare Paolo per aver leso il suo onore in diversi articoli e lo stesso potrebbe fare pure un mafioso condannato all'ergastolo se venisse citato. Capisco che sono leggi assurdi ma in Italia funziona così. Il fatto che stia in Svizzera è poco rilevante, si può sempre chiedere l'estradizione o far oscurare il sito che è visibile in Italia.
Nel nostro Paese è considerato peggio dell'omicidio la diffamazione e la critica ad esponenti politici (per esempio contro il cavalier Berlusconi o contro il Senatore cavalier, Presidente del Consiglio Matteo Renzi ecc ecc.) non è questo il caso ovviamente.
"L'esempio di Vanna Marchi è sbagliato. Se dici o scrivi che ha truffato non è diffamazione perché lo ha fatto davvero. Invece, affermare che Vanna Marchi truffa ancora è diffamazione. "

Esatto. Più precisamente: non si può dire "Vanna Marchi è una truffatrice", ma solo "è stata condannata per truffa".

Attenzione, però: questo solo per quanto riguarda la diffamazione come reato, cioè il codice penale. In teoria, chi si sente diffamato potrebbe anche ricorrere ad una causa civile, chiedendo danni stratosferici a rimborso del danno di immagine subito. La cosa "interessante" è che in questo caso, l'onere della prova si ribalta: il danno subito dal querelante si ritiene cioè già dimostrato dal fatto stesso che abbia sporto querela.

Questa particolare procedura è stata usata con successo in passato per mettere a tacere giornalisti, che scrivevano cose spiacevoli a proposito di magistrati o ex-magistrati, e che non potevano essere condannati per diffamazione perchè quelle cose erano vere o rientravano nella libertà di esprimere opinioni e giudizi a mezzo stampa. In pura teoria, Giacobbo potrebbe quindi citare Paolo in giudizio, chiedendogli i danni. Tendo però a escludere che la magistratura sarebbe disposta a permettere che questo sistema venga usato da altri, e per scopi diversi dalla tutela dei suoi interessi corporativi.
sono stati denunciati per aver fatto satira.

La satira comporta una esagerazione dei fatti o un loro accostamento non presente in natura per far ridere.
Qui invece c'è una pura e semplice esposizione dei fatti.
Nicola,

si può sempre chiedere l'estradizione

Già vedo gli sbellicamenti al Consiglio Federale :-)


o far oscurare il sito che è visibile in Italia

Far oscurare Blogger.com? Che ci provino :-)

E avrai sentito parlare dell'Effetto Streisand.

Te le immagini le risate all'idea che Giacobbo chieda l'estradizione di un giornalista che lo ha criticato?

E superate le risate, immaginati la gente che si chiede "Ma perché? Che mai ha scritto Paolo per meritarsi l'estradizione? Fammi leggere...".
Caro Nicola
Luttazzi ha vinto questi processi sai?
Bene allora visto che sai queste cose saprai che la RAI avrebbe 0 possibilità di vincere.
Ti faccio un'altra domanda: Perchè io RAI dovrei denunciare Paolo Attivissimo per una presunta diffamazione e invece non prendo provvedimenti nei confronti di una redazione e di un presentatore che hanno, più volte per giunta, spacciato per vere bufale?
E come se un'azienda invece di prendersela con l'operaio che ha dato l'ok a dei pezzi fallati se la prendesse con i rivenditori o gli acquirenti che hanno fatto notare il problema minacciando querele nei loro confronti.
Per essere precisi.
BTW, le pene in lire e la confusione denuncia/querela sono indizi di come si lavora in Rai?

Per il resto, yawn... yawn bis... yawn ter...
rispondo alla tua domanda. La Rai non deve rendere conto dell'operato di chi ci lavora ma deve difendere tale operato dagli attacchi e dalle diffamazioni altrui. Va bene criticare una trasmissione ma diffamarla è inaccettabile.
Lo è allo stesso modo in cui non trovereste nulla da dire nel criticare la politica il Presidente del Consiglio, della Repubblica ecc.
come non si fa in questo caso, non si fa neanche nel caso della Rai.
Altrimenti bisogna prendersene la responsabilità.
Con riferimento al comento #48 prevedo che ci sara' da divertirsi.
Se la RAI fara' veramente causa a Paolo ci sara' da ridere per mesi.
Io ho sempre sostenuto che i tedeschi in realtà sono alieni ... quando parlano non si capisce una mazza e a tavola mangiano prima l' insalata !!!! COINCIDENZA ?!
E poi parliamoci chiaro gente che da ad una palazzo il nome di una birra è chiaro che ha qualcosa di sospetto ...
Ringraziamo Giacobbo che ci svela questa scomode verità !!!
Nicola, posso chiederti se per caso il tuo lavoro in RAI ha qualcosa a che fare con Voyager?
Grazie.
La Rai non deve rendere conto dell'operato di chi ci lavora

Ah no? Da quando in qua un'azienda non è responsabile di chi lavora al suo interno?

ma deve difendere tale operato dagli attacchi e dalle diffamazioni altrui.
Va bene criticare una trasmissione ma diffamarla è inaccettabile.

Comunque tu continui a sostenere che la critica di Paolo è, automaticamente, una diffamazione.
Bene, ti spiego una cosa: la diffamazione (così come qualsiasi reato) è tale solo quando un giudice lo stabilisce. Tu hai già stabilito che la critica di Paolo è una diffamazione, partendo da dei presupposti che, come stanno cercando di spiegarti tutti, sono fallaci.

Per il resto, continui a confondere il diritto di citare in giudizio qualcuno con la possibilità di vincere tali cause. Non a caso, citi Luttazzi e Ricci, i quali hanno vinto praticamente tutte le cause per diffamazione intentate nei loro confronti (e tu, col lanternino, sei andati a beccare una di quelle che invece hanno perso). Quindi ok...forse la redazione di Boyager potrebbe prendersela con Paolo e col suo post....perderebbero miseramente e si farebbero una figura da cioccolatai enorme.
Peraltro non ti rendi conto che la redazione di Voyager può essere realmente accusata di diffamazione da parte del Washington Post (in quanto ha diffuso informazioni false attribuite alla testata giornalistica) e della NASA (accusata di aver nascosto la verità al popolo terrestre). E in quei casi rischierebbe molto di più di una multa...quindi si guarderebbero bene dal denunciare un giornalista che ha messo alla luce la loro incompetenza, quando loro sono i primi che rischiano grosso.
NB: "incompetenza" non è un termine offensivo, in quanto tra le competenze di un giornalista rientra anche il controllo delle fonti. E loro non ce l'hanno.

Lo è allo stesso modo in cui non trovereste nulla da dire nel criticare la politica il Presidente del Consiglio, della Repubblica ecc.

E infatti un conto è la critica, un conto è un insulto o un'accusa formale (tipo "ladro" o "mafioso"). A quel punto scatta l'accusa di vilipendio.
Non a caso, in questi tempi, qualcuno ha rischiato grosso per i suoi continui attacchi al PdR, proprio perchè non rientravano più nè nel diritto di critica, nè in quello di satira. Se vuoi dimostrare che un politico è un ladro o un mafioso, lo devi dimostrare; urlarlo non serve a niente.
@nicolaferrari
La Rai non deve rendere conto dell'operato di chi ci lavora ma deve difendere tale operato dagli attacchi e dalle diffamazioni altrui.

CheeeeeEEEE????
Ogni azienda DEVE rendere conto dell'operato dei suoi dipendenti e ne risponde legalmente se commettono errori nel loro lavoro.

Poi l'azienda ha il diritto di rivalersi sul dipendente se il danno è derivato da dolo o colpa.
Dove è l'insulto?
C'è una domanda senza risposta ma è più che lecita.
C'è una richiesta più che lecita.
C'è un dato di fatto.

"Non chiedetemi come è possibile che una redazione della RAI arrivi a mandare in onda una bufala così palese. Chiedetelo a Giacobbo. Educatamente, ma chiedetelo. I soldi del canone che gli pagano lo stipendio (e lo pagano alla sua redazione) sono i vostri."

Per me... don't feed the troll
Nicola,

Va bene criticare una trasmissione ma diffamarla è inaccettabile.

Di fronte a quello che è successo oggi a Charlie Hebdo, le tue parole suonano pateticamente irrilevanti. Non ho nulla da aggiungere a questa discussione e nessun desiderio di proseguirla. Ti lascio alle tue convinzioni.

E nonostante da anni Voyager propali bufale acclarate miste a pseudo-divulgazione di infima qualità, continua a vantare il patrocinio del Ministero dei Beni Culturali, dal 2009.
Dal 2009 sono state fatte raccolte firme on-line e cartacee (nelle Università, almeno alla Sapienza) per chiedere di rimuovere il patrocinio, si sono avvicendati diversi governi e diversi ministri, ma nonostante tutto continua a farne sfoggio.
Perché?
Mi accodo alle parole di Paolo sia perché qualcuno mi ha "rubato" le parole di bocca, o meglio dalla testiera, e sia per i fatti accaduti oggi a Parigi.
Questa discussione è ormai stridente di fronte a tanta violenza, sopraffazione e malvagità che personaggi di bassa risma hanno scatenato contro persone che, nel bene o nel male, facevano solo il loro lavoro.
Cosa che ha fatto anche Paolo nel suo articolo
Striscia la notizia ti ha appena imitato: "Con le bufale Giacobbo ci fa i programmi!" :-)
Incredibile, la redazione di Voyager ha risposto ad un utente che ha linkato questo articolo sulla loro pagina facebook e, cosa ancora più incredibile, HANNO CHIESTO SCUSA! https://www.facebook.com/permalink.php?story_fbid=880563098650104&id=206775842754200
Avevo pubblicato un post sulla pagina FB di Voyager questo era il testo (riprendendo il post di Paolo): "Segnalo alla redazione che nella puntata del 2 gennaio durante un servizio andato in onda viene testualmente detto "Il 25 novembre 2014 è stata diffusa dal Washington Post una strana fotografia. Il fotografo in questione è la sonda Rosetta, in una missione spaziale sviluppata dall'Agenzia Spaziale Europea, l'ESA. A dieci anni dalla sua partenza dal nostro pianeta, Rosetta avrebbe fotografato sulla cometa 67P Churyumov-Gerasimenko i resti di una base aliena. La notizia sarebbe stata rubata alla NASA da un hacker, che l'avrebbe poi diffusa.”
Voyager attribuisce inequivocabilmente la notizia a una fonte seria e autorevole come il Washington Post, dandole quindi un'autenticità al di sopra di ogni dubbio.
Ma si tratta di una BUFALA: il Washington Post non ha affatto pubblicato quell'immagine, che è un fotomontaggio proveniente non dal Post, ma da una pagina Facebook che si spaccia per il Post e si chiama in realtà Breakingnews99. Inoltre la “base aliena” è in realtà semplicemente la pianta del parco del palazzo di Sanssouci, in Germania.
Devo ricordarvi che come abbonato RAI credo di aver il diritto ad un'informazione seria, verificata e circostanziata e non alla riproposizione delle tante bufale che girano in rete. Non è per questo che paghiamo il canone.
Grazie"
Dopo 4 giorni e una valanga di proteste, ecco la risposta ( che secondo me è una toppa peggiore del buco):
"Caro Carlo, mi accingo a spiegarLe la motivazione della foto da Lei
segnalata, che rappresenterebbe la presunta base aliena sulla cometa.
Quando si montano delle immagini su un testo, si cerca di corredare la
voce fuori campo con qualcosa che, visivamente, abbia relazione con ciò
che viene detto. Per fare ciò si cerca aiuto anche su internet dove,
come lei saprà bene, digitando un argomento, vengono associate delle
immagini. A volte si ha la fortuna di trovare qualcosa di realmente
interessante, altre no. Nel caso specifico, siamo stati sfortunati e
abbiamo trovato solo un "fake". Ora, fermo restante che nessuno ha mai
detto "Ecco, vedete! Questaè la base aliena!", ma ci siamo solo limitati
a dare una notizia riportata da tutti i media, ci scusiamo se qualcuno
si fosse sentito offeso da una foto e la prossima volta faremo più
attenzione. Cordiali saluti."
E' una risposta standard, l'hanno data a tutti quelli che si sono lamentati: http://it.tinypic.com/view.php?pic=x3if4g&s=8 cambia solamente il nome.


Ora, fermo restante che nessuno ha mai
detto "Ecco, vedete! Questaè la base aliena!"...


Forse questo non l'hanno mai detto, ma hanno ben detto questo qui: ""Il 25 novembre 2014 è stata diffusa dal Washington Post una strana fotografia. Il fotografo in questione è la sonda Rosetta, in una missione spaziale sviluppata dall'Agenzia Spaziale Europea, l'ESA. A dieci anni dalla sua partenza dal nostro pianeta, Rosetta avrebbe fotografato sulla cometa 67P Churyumov-Gerasimenko i resti di una base aliena. La notizia sarebbe stata rubata alla NASA da un hacker, che l'avrebbe poi diffusa.”"

Giacobbo e redazione di Boyager, dovreste andare a zappare la terra in Siberia.
perche stupirsi tanto...fino ad oggi quante "bufale" ci ha sparato la tv pubblica nazionale, che di pubblico ha ben poco visto i soldi che si prendono.
Aggiorno con una curiosità mia. Sono andato a controllare il sito attuale di Voyager sul portale della Rai. Fino a un paio di anni fa si vantavano del patrocinio del Ministero dei Beni Culturali (che varie raccolte firme e petizioni non erano riusciti a togliere).
Ora non vedo più riportato il patrocinio da nessuna parte. Qualcuno che ha tempo da dedicare a Voyager ha notato se nei titoli di testa o di coda il patrocinio compare ancora?
Oppure il ministero ha finalmente tolto il patrocinio a una trasmissione che non lo meritava affatto? E quando lo avrebbe fatto?
Paolo: sarebbe interessante indagare, se ti avanzasse tempo.
Sarebbe comunque una piccola vittoria: all'esistenza e alla perseveranza di Voyager mi sono rassegnato, ma che avesse anche il patrocinio un po' mi disturbava.
nicolaferrani wrote: " Il fatto che stia in Svizzera è poco rilevante, si può sempre chiedere l'estradizione o far oscurare il sito che è visibile in Italia."

Fammi capire... uno Svizzero che commette un presunto e sottolineo presunto reato in Svizzera dobrebbe essere estradato in Italia per essere processato?
La cosa mi preoccupa non poco: talvolta mi capita facendo sesso di essere io sotto e lei sopra.
Dici che rischiamo l' estradizione negli USA se qualche giudice del Massachusetts lo viene a scoprire?

Ciao

Carson
L'hanno riciclata quei mentecatti de "il Giomale" (non a caso scambiato per "il Giornale" probabilmente a causa dell'affinità mentecatto-culturale con Belpietro e i suoi agghiaccianti lettori) associandola a New Horizon e Plutone,che fa rima con...?

http://www.ilgiomale.it/wordpress/sonda-new-horizon-fotografa-base-aliena-su-plutone-le-foto-shock/
Voyager è un programma da "censurare" fa disinformazione ed è uno scandalo che sia su una TV pubblica! Vergognoso ed inaccettabile! Per esempio: ieri sera 25 luglio 2016 è la trasmissione parlava della grotta del Ligure. Hanno mostrato un teschio di elefante facendolo passare per un teschio umano di un "gigante"! mostrando anche delle impronte di piedi! Un programma di disinformazione e divulgazione di stupidità assolute. Che cosa possono capire del mondo i giovani che lo guardano? Di quali teorie assurde, volgari bufale, si nutrono e quale sarà la conseguenza nello loro processo di sviluppo mentale, quanti danni sta creando questa ignobile trasmissione? CHIUDERE SUBITO E CHIEDERE I DANNI !